Il mare, di Antonietta Fragnito

donna_triste4987233856948405205.jpeg

Il mare mi strattonava
Mi travolgeva l’afa della paura
Ed io che ero solo un bambino
e conoscevo l’amore disperato di braccia scarne
sentivo l’urlo di quell’uomo al timone
e vedevo disseminati a me intorno
occhi come stelle
accecati dal buio
Si smarriva fra le onde la mia terra promessa
Di lì a poco il nulla
A riva i volontari
la Guardia di Finanza
i giornalisti
i curiosi
Di lì a poco mai più avrei giocato con la barchetta di legno
costruita da mio nonno
Sotto il sole cocente della mia terra.

3 pensieri riguardo “Il mare, di Antonietta Fragnito”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...