Ossa Nunziatura. Pietro Orlandi: fonte Santa Sede ha dato notizia, associando scoperta a mia sorella

Ossa Nunziatura. Pietro Orlandi: fonte Santa Sede ha dato notizia, associando scoperta a mia sorella

http://www.rainews.it/

“Questa cosa mi ha colpito molto soprattutto conoscendo il tipo di comportamento che in questi 35 anni ha avuto il Vaticano sulla vicenda, cioè un comportamento di massima riservatezza e di silenzio” ha spiegato ai microfoni di Radio Campus

310x0_1529693192044.LP_5786390

09 novembre 2018

Dallo scorso 29 ottobre, giorno della scoperta – da parte di alcuni operai – di frammenti di ossa nella Nunziatura Apostoilica di via Po, non si fa altro – a livello mediatico – che associare i poveri resti a Emanuela Orlandi, la ragazza 15enne scomparsa a Roma nel 1983, in circostanze misteriose.

Questa mattina, nel corso di un intervento a Radio Campus, è Pietro Orlandi, il fratello della giovane ‘sparita nel nulla’ a fare chiarezza sul perché -secondo lui- si parli insistentemente di Emanuela.

“È stata una fonte interna alla Santa Sede a comunicare all’Ansa la notizia del ritrovamento di quelle ossa, associando subito la scoperta a mia sorella”, ha detto Pietro Orlandi, che ha poi aggiunto: “questa cosa mi ha colpito molto soprattutto conoscendo il tipo di comportamento che in questi 35 anni ha avuto il Vaticano sulla vicenda, cioè un comportamento di massima riservatezza e di silenzio”.

“Un altro aspetto abbastanza strano – ha aggiunto il fratello di Emanuela- è che il Segretario di Stato Vaticano, monsignor Pietro Parolin, l’altro giorno ha escluso che quelle ossa possano essere di Emanuela. Come fa a dirlo se le analisi sono ancora in corso? Evidentemente, se ne ha parlato, c’è un certo interesse da parte della Chiesa. È invece difficile da digerire la frase di monsignor Parolin quando dice che in questi anni il Vaticano ha fatto il possibile per arrivare alla verità e che da parte della Santa Sede c’è sempre stata trasparenza. Mi auguro che queste parole del Segretario di Stato oggi siano veramente un segnale di cambiamento rispetto al passato, che siano una presa di coscienza da parte della Chiesa per arrivare alla verità”.

Pietro Orlandi conclude: “Una cosa è certa, Papa Francesco sa cosa è successo a Emanuela, così come lo sa il Papa Emerito Benedetto XVI, così come lo sapeva Giovanni Paolo II. Il fatto stesso che Bergoglio, a inchiesta ancora aperta, mi abbia detto ‘Emanuela sta in cielo’ vuol dire che sa che fine ha fatto Emanuela. Non a caso dopo che mi disse quella frase, il muro di omertà si è alzato ulteriormente: non ho mai più ricevuto dal Papa una risposta, una spiegazione, un incontro, un segnale, una parola, nonostante le mie tante richieste avanzate al suo segretario. Evidentemente dopo 35 anni c’è ancora qualcosa che pesa tanto sull’immagine della Chiesa”.

Famiglia Orlandi nomina il super esperto Portera, consulente tecnico di parte La famiglia Orlandi intanto ha nominato Giorgio Portera, ex ufficiale del Ris, responsabile del Laboratorio di genetica della Fondazione Filarete dell’Università di Milano, come consulente tecnico di parte. Si tratta di un super esperto, in passato alle prese con il dna di ‘Ignoto 1’ per l’omicidio di Yara. L’obiettivo è sciogliere qualsiasi dubbio dei parenti della ragazza, in merito all’identità delle ossa ritrovate nella dependance della Nunziatura Apostolica.

Prosegue esame dei frammenti ossa ritrovate in Nunziatura Secondo quanto emerso finora, le ossa sepolte sotto il pavimento della dependance della Nunziatura apostolica apparterrebbero a due persone ma non se ne conosce ancora il sesso, né l’età.

Analizzando i frammenti, una settantina circa tra cui parti di un bacino e di una vertebra, gli esperti avrebbero accertato che alcuni presentano un ‘invecchiamento’ maggiore di altri. Inoltre sarebbero state ritrovate più ossa dello stesso tipo, cioè appartenenti alla stessa ‘regione’ del corpo.

Da queste circostanze si è giunti alla “ragionevole certezza” che le persone siano due. L’esame esterno non ha invece consentito di stabilire il sesso dei corpi cui appartengono quei resti. E neppure l’età. – See more at: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/ossa-nunziatura-pietro-orlandi-fonte-vaticano-ha-dato-notizia-associando-scoperta-a-mia-sorella-a3bdb20c-51ad-44a4-8483-445df040836d.html

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

One thought on “Ossa Nunziatura. Pietro Orlandi: fonte Santa Sede ha dato notizia, associando scoperta a mia sorella”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...