Conferenza di Carlo Buffa ad Alessandria, di Lia Tommi

Alessandria: L’Associazione Libera Mente Laboratorio di Idee, venerdì 23 novembre alle ore 18, in Alessandria, via Tortona n. 71, presso il Salone di Rappresentanza della “ Basile”, organizza la conferenza di:
Carlo Buffa di Perrero Delegato per il Piemonte degli Ordini Dinastici di Casa Savoia, dal titolo:
“Storia e Vita dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro”, moderatore Fabrizio Priano in qualità di Presidente dell’Associazione.

Trovare più tempo per gli amici

Creando Idee

Durante l’adolescenza, tendiamo a circondarci del maggior numero possibile di amici  nella vita reale o semplicemente scambiandoci like sui social network per soddisfare il nostro costante bisogno di conferme, ma anche per sentirci popolari come i protagonisti dei nostri film preferiti: ragazzi che possono ritrovarsi con un centinaio di invitati alle loro feste, capaci di trascinare le compagnie e avere sempre tutti dalla propria parte.Crescendo, invece, tendiamo a sviluppare un approccio più consapevole alle relazioni con gli altri: tagliamo i “rami secchi” ovvero le amicizie in cui non ci sentiamo a nostro agio, e diamo maggiore importanza a coltivare quelle basate su una vera condivisione di valori e obiettivi. In altre parole, selezioniamo le persone con cui davvero ci fa piacere passare il nostro tempo e con cui abbiamo voglia di condividere le esperienze della vita adulta. Quando gli impegni della vita adulta bussano alla porta, tra compiti da sbrigare…

View original post 283 altre parole

Il silenzio che rigenera i sensi

Creando Idee

Conventi e ritiri che propongono seminario di silenzio sono sempre in prenotazione in eccesso. Un turismo spirituale che, secondo i dati di Slow Tourist, piace ai grandi, ma anche ai ragazzi. Perché nell’assenza di rumori si verifica un azzeramento dei sensi che accentua il sentire: senza ascoltare e parlare, le onde cerebrali rallentano disponendo la mente a incontrare immagini, odori, sapori. Nel silenzio carezze, profumi e tutto il materiale sensoriale viene assemblato in un ordine non logico, ma affettivo, sensibile a lavorare sulle similitudini, sulle affinità dei vari elementi. Una riedizione che dà sprint a quel che proviene dai sensi. Il frastuono, invece, altera i segnali uditivi e anche quelli visivi che, come segnalano le neuroscienze, lavorano in sintonia tanto che, a volte, l’orecchio sente quel che suggerito dalla vista. E viceversa.La distrazione provocata dal rumore di fondo che limita l’attività dell’amigdala, responsabile delle emozioni, altera le percezioni sensoriali…

View original post 123 altre parole

Parlami, di Agnese Nucci

Parlami

di Agnese Nucci Noi Artisti

Parlami

Ti ascolto ..sono sintonizzata sulle tue frequenze … non voglio interferenze… Solo la tua voce…
forte e chiara…

Mi. rendo conto di non ricordare piû Il timbro della tua voce…
troppe primavere son trascorse
senza Il suon di quella voce
che tanto ho amato…

Ma le parole… le parole pronunciate… quelle no…
mai le ho scordate…
le ninna nanna tutte in dialetto …
le preghiere.. persino in latino …
sui banchi di scuola .. ne ho svelato Il mistero …
Continua a leggere “Parlami, di Agnese Nucci”

Scordarti mai, di Savino Calabrese

Scordarti mai,

di Savino Calabrese

Scordarti mai, non chiuderò mai
gli occhi, io voglio vedere sempre
le tue mani e i tuoi occhi, non
voglio perdermi nemmeno
un attimo di te, baciarti
sempre questo voglio
fare, sai che sei la mia
stella?
Ti riconoscerei tra
milioni di stelle, vorrei
scappare con te,
condividere ogni
attimo di noi, tu
sei la mia poesia
più bella, non voglio
mancarti mai, specie
quando ti senti triste e
disorientata.

Savino calabrese..
Mancarti mai.

Inaugurazione della nuova scultura spazialista di Antonio Saporito, di Lia Tommi

Alessandria: S’inaugura mercoledì 21 novembre 2018, alle ore 10, alla presenza del Sindaco di Alessandria, Gianfranco Cuttica di Revigliasco, del Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, Pier Angelo Taverna, e delle Autorità cittadine, l’installazione dell’imponente scultura del maestro Antonio Saporito, posta a Parco Italia, presso il Ponte Meier ad Alessandria.

L’opera — la scultura spazialista “Il Pianeta Marte” messa a disposizione della Città di Alessandria dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, in occasione delle celebrazioni per l’850° anniversario fondativo della Città (1168-2018) — è alta 6 metri ed è posta su un basamento di 2 metri di diametro. Le dimensioni dell’opera sono davvero notevoli e la sua collocazione è destinata a cambiare profondamente la vista d’insieme del Ponte Meier ad Alessandria. Continua a leggere “Inaugurazione della nuova scultura spazialista di Antonio Saporito, di Lia Tommi”

Retrospettiva di classici al Circolo del Cinema Adelio Ferrero, di Lia Tommi

Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria

NUOVA STAGIONE 2018-2019
RETROSPETTIVA DI CLASSICI DELLA STORIA DEL CINEMA
UN MISCONOSCIUTO GRANDE CAPOLAVORO DEGLI ANNI TRENTA

MARTEDI’ 20 novembre 2018, ore 21,15
proiezione del film:

“FREAKS”
di Tod Browning (1932)
con:
introduzione e commento al film
di Fabrizio Amerelli

Possono assistere alla proiezione anche i non iscritti
La proiezione unica avverrà come di consueto presso la
MULTISALA KRISTALLI

Nel corso della serata sarà possibile iscriversi al Circolo del Cinema
(Onde evitare code, si consiglia di presentarsi con qualche anticipo)

La tessera per la nuova stagione del Circolo del Cinema costa euro 12,00
Per gli studenti fino a 25 anni la tessera costa euro 6,00
Il costo del biglietto d’ingresso per i tesserati è di euro 5,00. La tessera della nuova stagione dà anche diritto alla riduzione (euro 6,00) per tutti i film della programmazione normale del Cinema Multisala Kristalli (sale Kubrick e Kurosawa) e del Cinema Teatro Alessandrino.
I non tesserati possono accedere alla visione del film acquistando il biglietto normale (euro 7,50).

Sante Pollastro e le storie del Borgo, di Lia Tommi

Alessandria,Domenica 25 novembre 2018 , alle ore 16:00, al Laboratorio Anarchico PerlaNera, via Tiziano Vecellio, ad Alessandria, presentazione del libro “Sante Pollastro e le storie del borgo” con l’autrice Maria Angela Damilano ed.Epoké

L’autrice ci dice che questo libro non vuole essere un libro storico su Sante Pollastro, ma il romanzo che leggerete è un personaggio che ha costruito attingendo alla gran massa di leggende fiorite su di lui e sulla sua epoca.
Prima della presentazione del libro Salvatore Corvaio farà un cenno storico sulla figura del bandito anarchico di Novi Ligure e verranno letti alcuni brani dello spettacolo teatrale “Pallottole in bicicletta” della compagni teatrale del PerlaNera e della descrizione autobiografica di Sante Pollastro sulla rivolta nel carcere di S.Stefano di Ventotene, uno scorcio del 1943 tratto dal libro “Sante Pollastro: un uomo coraggioso e carico di altruismo” a cura di Alberto Ciampi ed. Archivio Famiglia Berneri.

L’autrice Maria Angela Damilano è nata a Tortona il 6 luglio 1956. Nel 1979 si è laureata in Filosofia presso l’università di Pavia e in seguito si è specializzata presso l’Istituto di Psicologia Sociale di Torino. Ha svolto la professione di insegnante per molti anni, fino ad alcuni mesi fa ha insegnato presso la scuola media statale G. Boccardo di Novi Ligure. Sante Pollastro e le storie del Borgo è il suo quarto libro, dopo “12 luglio 1520 – Una cupa storia di Streghe” (Firenze Libri, 2006), “Tacchi dadi datteri” (Roma, Il Filo, 2008) e “1926: Attentato al Duce (Edizioni Epokè-LaTorretta, 2015).

Ha vinto il premio speciale della giuria al Concorso Codex Purpureus nel 2004 con il racconto “Parmina racconta” ed è stata finalista, sempre nel 2004, al Premio Mario Soldati, organizzato dal Circolo Pannunzio di Torino, con la trilogia “12 luglio 1520”. Nel 2010 si è classificata al terzo posto al Concorso Codex Purpureus con il racconto “Le scarpe”. Nel dicembre del 2014 ha vinto il Concorso La mia Novi indetto dal Rotary Club di Novi Ligure con il racconto “Il ponte dei sorrisi”.

Movimento e musica del ’68, di Lia Tommi

Il Sessantotto, a distanza di cinquant’anni, rimane un momento altamente simbolico, soprattutto grazie alle manifestazioni studentesche (e poi operaie) che ebbero luogo in moltissimi Paesi. Anche l’Associazione Cultura e Sviluppo ha pensato di riflettere su quello snodo fondamentale con un appuntamento dei Giovedì culturali articolato in due momenti distinti, che si terrà il 22 novembre.

Nella prima parte, a partire dalle ore 19, il professor Bruno Cartosio (Università di Bergamo) rifletterà su ciò che il movimento del ’68 ha rappresentato, e sulla sua eredità, con particolare attenzione per gli Stati Uniti. Con lui interverrà Pier Paolo Poggio (Fondazione Luigi Micheletti), con uno sguardo più orientato all’Italia e all’Europa.

Nella seconda parte della serata, si esibiranno invece due gruppi musicali, i Suoni Ribelli (Gianluca Bianchi, fisarmonica, flauto, voce; Mimma Caldirola, voce; Enzo Macrì, voce, regia; Dino Porcu, chitarra; Otello Vanni, chitarra e voce) e i Nuovi Trovieri (Gianni Ghè, Gianfranco Calorio e Giancarlo Monfredini), che insieme proporranno uno spettacolo dal titolo “Come un tram senza freni. La musica del ’68 e dintorni.”

Gli anni Sessanta non furono solo il decennio dei diritti civili e della guerra del Vietnam, delle rivolte di strada e degli assassinii politici, ma anche dei Beatles e dei Rolling Stones, di Bob Dylan e Joan Baez. La musica e il suo linguaggio universale furono gli elementi che unirono i ragazzi di tutte le nazionalità. I Rockes, I Nomadi, Guccini, L’Equipe 84, e tanti altri, inserirono nel contesto musicale italiano oltre ai capelli lunghi, ai jeans e all’abbigliamento stravagante, anche i temi della rivolta sociale. Nei testi, spesso tradotti dall’inglese, si raccontava oltre al disagio esistenziale della condizione giovanile, la speranza di un mondo nuovo e la contrarietà alla guerra. E poi c’era la canzone politica. Esclusa dai media, aveva tuttavia i suoi canali di diffusione nel “movimento”. Ogni occasione era buona per tirare fuori la chitarra e intonare “Contessa” o “Cara Moglie”. La musica del “Nuovo canzoniere italiano” con Ivan Della Mea, Giovanna Marini, Paolo Pietrangeli, Paolo Ciarchi, Rudi Assuntino, Gualtiero Bertelli costituiva la vera colonna sonora della contestazione. “Come un tram senza freni” è un viaggio nella musica che ha accompagnato la generazione dei “sognatori”, con brevi testi e inserti multimediali dell’epoca.

Influenza i rimedi della nonna per curarla

Creando Idee

E’ arrivato l’autunno e con lui, anche l’influenza purtroppo. Raffreddore, mal di gola, febbre. Che spesso vengono curati con paracetamolo e antinfiammatori. Ma se volessimo provare i vecchi rimedi della nonna? Curarci naturalmente e non coi farmaci? Ecco le cure della nonna, che funzionano davvero. Zenzero. Combatte il mal di gola e tiene sotto controllo la febbre, pulisce il muco ed allevia i sintomi di infezioni delle alte vie respiratorie. Ma non solo, crea una barriera sullo stomaco anti-nausea. Se non avete fame, fatevi una bella tisana. Utile anche contro i dolori articolari. La dieta Mangiate leggero, anche perchè la fame vi passerà sicuramente. Preferite pane tostato, succo di mela, ricotta, banane, riso bollito, budino di riso, cereali cotti e patate al forno. E ricordatevi sempre il buon brodo di pollo ricco di sali minerali ideali contro le sudate esagerate. La vitamina C con gli agrumi Si sa ormai…

View original post 175 altre parole

Il dilemma

Il suono della parola

Ogni parola scritta
incisa con rabbia
o appena accennata
impetuosa sfonda una finestra
di meraviglia, sogno
e supponenza al cielo
ma nello stesso istante
chiude come un malefico artificio
in terra un uscio spesso
sigillando sensazioni
che mai più sentirai
o nello stesso modo potrai narrare.
Questo è il dilemma grande:
se vivere stupiti come bimbi
lasciando scivolare ogni momento
oppure macerare
l’arguzia e il disincanto dell’anziano
annotando ogni respiro
su fogli di memoria immacolati
minuzie di meticoloso impegno
per smarrirlo poi nel già vissuto
nel ripetuto incedere del giorno.

(“Suoni”) di Guido Mazzolini

View original post

Una vita da aspirante scrittore: Come reagire alle critiche negative

Il Lettore Curioso

Buon pomeriggio cari lettori del blog! Oggi sarebbe dovuta uscire la recensione di un nuovo romance natalizio che ho visto, ma all’ultimo minuto ho deciso di cambiare programma. (La recensione uscirà comunque domani)  Come molti di voi già sapranno ho scritto un libro a quattro mani, il primo volume di una saga fantasy, uscito qualche mese fa. La risposta dei lettori fin’ora è stata davvero ottima, ma tra l’entusiasmo non sono mancate alcune critiche negative. (Anche se per fortuna sono una minima parte!)

Devo essere sincera: sul lavoro, così come nella scrittura o nella vita in generale ho sempre dato molto peso all’opinione delle persone. Quando ricevo delle critiche negative ho la tendenza a farmi condizionare da esse, finendo per deprimermi per giorni interi. Inizio a pensare di essere una fallita, a pensare che la scrittura, forse, non è davvero il mio destino. E poco importa che su una recensione…

View original post 406 altre parole

E leggo di orizzonti più vicini, di Steffano Lazzarotto

di Steffano Lazzarotto

E leggo di orizzonti più vicini,
impalpabile il respiro,
e nel mezzo del mio cuore
un’ansia affascinante.
Alberi accarezzati dal vento
nato all’improvviso
da una danza di pensieri
mossi dal desiderio di te
tra sogni d’amore
e terre di dolcezza.
Un bacio tra i sospiri e poi…,
mi è sembrato di volare.

Continua a leggere “E leggo di orizzonti più vicini, di Steffano Lazzarotto”

L’abitudine, di Poesie Massimo Galli

L'abitudine

di Poesie Massimo Galli

Lentamente muore
chi fa dell’abitudine
il suo percorso di vita.
m.galli

L’abitudine

È già morto chi fa della vita un’abitudine,
chi nulla fa per viverla nella sua pienezza.
È già morto colui che si sottrae ad un amore,
chi resta chiuso nel proprio essere
e nulla concede a chi gli sta d’intorno.
È già morto colui che usa lo specchio
solo per vedere se stesso,
chi non rischia per rincorrere un sogno,
chi si nega ad una nuova amicizia,
chi guarda il cielo solo per fare un grosso respiro,
chi non sa rispecchiarsi negli occhi altrui,
chi teme la morte.

Continua a leggere “L’abitudine, di Poesie Massimo Galli”

MILITE INGLESE, di Miriam Maria Santucci

06 Milite inglese - Cover [R1] 1080p
MILITE INGLESE
di Miriam Maria Santucci
                                                           
                                              
                                            
Capelli color grano, occhi di mare,
petto scheggiato e sangue sul tuo viso.
Braccato come bestia dal nemico
giungesti nella notte al casolare.
Fissasti l’uomo apparso nel cortile:
come un padre lavò le tue ferite,
ti posò una coperta sulle spalle
e ti nascose in fretta nel fienile.
Passarono i mesi e una mattina
udisti il pianto forte di un neonato.
Ti rallegrasti per la nuova vita
e saltasti dal fienile sul selciato.
Dicesti addio col cuore a chi ti accolse,
temendo che arrivassero le squadre…
Quel neonato ero io, milite inglese;
colui che ti nascose era mio padre!
                                                             
Poesia tratta dalla raccolta “Il Sentiero del Destino”.
© Copyright 2016 – Miriam Maria Santucci

Amami, di Giuseppe Aiello

Amami

di Giuseppe Aiello  Noi Artisti

Amami
ma non fermare le mie
Emozioni se vorrò volare,
nelle tue infinite passioni.

Non chiudermi in una
Stanza del futuro….per
paura di perdermi,nella
tua ANIMA Eterna.

Con l’umile certezza
che il tuo Amore sia Vero
ed io non andrò
mai più via e se sarò in un
lontano passato ritroverò la
strada del tuo pensiero.
Continua a leggere “Amami, di Giuseppe Aiello”

I am death’s opus

Lance Sheridan

I think I am going up,
The hand sweat trickles
And stiffens a gun;
Do I terrify
The eye pits, the heart.

The beads of hot lead fly
And I, love, and I
Am pure adrenaline;
A new death a virgin
Attended by a black rose.

Oh, and I cry out against it,
I am powerful, but to what extent?
The victim thought he was god,
Never, never will I reach his perfection
Even in a fragment of a prayer.

The holy water fountains are dry
And the sermon is over;
The prison guards are fat like little pigs,
A dark mist has entered my soul,
I enter into an hour of blankness.

Some hard meal,
How yellow are the heavens?
I have eaten a bag of lies;
My little head bulges in a shock,
I smile like a fish.

It would be better if it were alive,
But it’s…

View original post 45 altre parole

Spaghetti quadrati con zucchine al profumo di menta e limone

InTheNameOfSeitan

Le zucchine contengono molto potassio, hanno zero colesterolo e la peculiarità di poter esser servite fritte, grigliate, cotte al vapore, lessate ma anche crude.

E la menta? Dalle proprietà antinfiammatorie ed energizzanti? …svolge inoltre un’azione carminativa, diminuendo quindi il volume dei gas nel colon e ha proprietà digestive! Meravigliosa!

Siete pronti per la realizzazione di un piatto squisito ma soprattutto super veloce dal fresco profumo che potrete includere nel vostro menù settimanale (ovviamente cruety-free)?

Ingredienti (per 2 persone):

180 g di spaghetti quadratiAvat_pag

3 Zucchine medie

1 Spicchio d’aglio

1 Limone (preferibilmente bio)

Sale

Pepe

Olio evo

Menta

Mondate le zucchine e una volta divise in due nel senso della lunghezza riducetele in tanti semicerchi dello spessore di circa mezzo centimetro.IMG_7074

Intanto in una padella mettete un filo d’olio evo e fatelo scaldare.

Aggiungete quindi le zucchine tagliate con una leggera…

View original post 253 altre parole

Baja de tus manos

Poesía de Lucio Data

Baja de tus manos           x+
la vaina enroscada
del más lúcido proceder,
salvando escollos ambiguos,
sobre nenúfares en pie...

Vespertino eje de gemas/
chapoteo oblicuo del ser.
Tu quijada de pulcra cuna...
trenzada en batallas de mil infantes,
te hunde en su colchón mullido
alejado del patán desastre.


P.D.
La fortuna de la prudencia
es la virtud bien trabajada
y no la suerte del novato.
Nuestras acciones nos favorecen y
dan valor al negocio de la vida.

El juego de la paciencia y la cordura
son el patíbulo y la soga del reo condenado
esperando hasta el último momento 
un disparo certero que le atraviese el corazón 
antes de verse colgando/meado y/empalmado.

-Al final sólo el cuerpo responde/
a las expectativas...
Vivir cuesta morir
como el despertar de un zombi sonámbulo.

View original post

Ho sconfitto la Mafia Io sono Vivo

Revolution Post

  A 25 anni

 

Dal giorno del sequestro del piccolo Di Matteo 

 

23 Novembre 2018 ore 18:00 

Cinema Politeama Multisala di Palermo

 

 

HO SCONFITTO la mafia. IO SONO VIVO!

 

Un libro di  

Marina Paterna

 

Prefazione di Giommaria Monti Autore Antimafia Rai

 

 

L’autrice presenta alla sua città il racconto intenso dei 779 giorni di prigionia. Scritto con la partecipazione del padre di Giuseppe, Santino Di Matteo. 

Uno dei primi Collaboratori di Giustizia dello Stato. 

 

Dal pentimento, al sequestro. Da un covo all’altro, allo scioglimento nell’acido. Sino al racconto del travaglio vissuto da un giornalista, nel riportare alla luce gli orrori di un passato incancellabile. 

 

Dedicato al Giornalista Marco Sacchi 

e all’intero Ordine dei Giornalisti.

 

 

 

Il libro liberamente ispirato alla storia di Giuseppe Di Matteo, figlio           di Santino ex mafioso e collaboratore…

View original post 288 altre parole

Under The Lunacy Moon – a poem by Paul Vincent Cannon

parallax

Lunacy – Word of the Day

pexels-photo-957626.jpeg

Photo: pexels.com

My mother, and many others, often used that phrase, “It must be a full moon tonight” to explain various odd behaviours which seemed to occur around a full moon. There are lots of urban myths and tall tales, along with superstition, associated with a full moon. In Europe in the Middle Ages the belief persisted in the “lunar lunacy effect” or “Transylvania effect” where at a full moon humans could change/transmogrify into werewolves or vampires. Luna was the the Roman goddess of the moon, and Luna forms the prefix for the word lunatic.

Shakespeare wrote: “It is the very error of the moon. She comes more near the earth than she was wont. And makes men mad.” Othello

Under The Lunacy Moon

Just a little transmogrify,
I’m feeling pleasantly odd,
a little unhinged,
it’s electric,
I’m wild,
please, let me bite you,

View original post 40 altre parole

Sono nata nell’orto, di Elena Milani

sono nata

di Elena Milani

Sono nata nell’orto
fra le cipolle e i cavoli
non ho visto cicogne
o cigni con le ali.
Spuntai fra zolle fredde
al ciglio dell’inverno
ero al piano di sopra
di dove sta l’inferno.
Le mani di mia nonna
la zappa di mio nonno
dal solco della terra
svegliarono il mio sonno.
Mia Mamma tanto giovane
pati’ mille dolori
col mio venire al mondo
e il freddo ch’ era fuori.

Continua a leggere “Sono nata nell’orto, di Elena Milani”

CERCO, di Roberto Perin

cerco

di Roberto Perin

dalla paghina facebook di Marianna Gorreri Vinciguerra

buon pomeriggio al mondo dell’amore

CERCO
Roberto Perin
Si, cerco.
Solamente emozioni pure,
solamente dei sospiri veri,
cerco il frutto
di un’alchimia di sentimenti.
Vorrei veder nascere i baci,
coccolare i piccoli
pargoletti di carezze,
vorrei far crescere
tra le mie braccia,
il dolce bambino
che si chiama amore,
in compagnia di un battito
che scandisce il tempo.
Narrargli emozioni
scavate nel passato,
perse nel tempo,
cercate nei ricordi.
Saprei dove trovare
la fonte di queste carezze,
saprei dove rubare
queste emozioni,
dove far nascere
questa famiglia di sentimenti.
Ma…
Forse se non lo sapessi
sarebbe meglio?

E… sta arrivanne, di Laura Neri poesie

E sta.jpg

di Laura Neri poesie

E….sta arrivanne
fa fridde ?
Io nun ‘o sente
brucia gia’ o’ ncienzo
tante anne so’ passate
‘ O tiempo?
Ma s’è fermato
a chella sera ca’ me diciste
te voglio
tantu bbene
E ‘ nce credette
e nun me so’ stancata
E allora …
sienteme….
mo nasce ‘ o Bambeniello
‘ o sto guardanne…rire
damme ‘ sta mano
e rire pure tu
Natale è ammore
Natale è fiamma
Natale è doce
è tenerezza
Natale mie si’ ttu
@Laura

La porta, d fabrizio centofanti

di fabrizio centofanti

La poesia è bella, ma non piace a tutti. Ogni tanto mi scappa di leggerne a mia madre, ma è un fallimento certo. Magari, per farmi piacere, fa una smorfia, protende il volto, ma niente: neanche per sbaglio le esce un “bello”, “che forza”, “mi ha commosso”.
Questo per dire che esistono realtà straordinarie in assoluto, ma non basta perché siano apprezzate.
Così è per Cristo: è bello senza discussione, buono e vero come nessun altro, ma non tutti lo vogliono. Quando parlo di Lui, mi accorgo subito dei bendisposti e di chi invece pensa ad altro: si distrae, controlla l’ora, ha lo sguardo fisso nel vuoto.
È spiacevole, visto da noi; ma per Gesù è fonte di tristezza.
Turoldo scrisse un libro intitolato “Anche Dio è infelice”, e tutti a dire: ma che roba, come si permette, il Signore è l’eterna beatitudine. E invece ci aveva indovinatō: Gesù si rattrista, se qualcuno non lo vuole. A saperlo, ci si penserebbe, prima di metterlo alla porta.

https://lapoesiaelospirito.wordpress.com

Mozione Provita (Antiaborto): Fiaccolata di protesta in Alessandria

Mozione Provita (Antiaborto): Fiaccolata di protesta in Alessandria

Piazza della Lega

da: redazione

Alessandria, la mozione provita di Locci e Trifoglio, sul tipo di quella presentata al Comune di Verona continua a determinare reazioni.

Oggi pomeriggio alle ore 18.00 in piazzetta della Lega fiaccolata di protesta di “Non una di meno”. Secondo le responsabili dell’Associazione mette in discussione la legge 194 che consente alle donne di praticare l’aborto.

La mozione provita secondo Emanuele Locci presidente del Consiglio comunale di Alessandria, oltre che con la Trifoglio è stata presentata anche con Carmine Passalacqua, Giuseppe Bianchini e il Capo Gruppo della Lega Evaldo Pavanello, tutti componenti della maggioranza di Centro destra al Governo della città.

” La Solitudine “, di Rina Sarcone

La solitudine

di Rina Sarcone

” La Solitudine “

La solitudine ti circonda
come un lupo affamato.
che attende la sua preda
e le divora il cuore.
La mia eterna solitudine
è il silenzio della notte,
il grido di un gabbiano,
il vento che trafigge l’anima
quell’oasi nel deserto
l’amore che annega
negli abissi profondi
la morte che cancella
totalmente il sorriso
nel buio di un istante…

Rina Sarcone

Coperto da Copyright ©️

Parlare d’amore, di Guido Mazzolini

di Guido Mazzolini

Sarai libero, inutilmente libero. Vanamente solo.
Non soffrirai particolarmente. All’inizio avrai solo un leggero malessere come un ronzio nelle orecchie, una botta sorda di tristezza bastarda nel cuore. Dovrai lavorarci un po’ perché non sarà facile eliminare tutto e cancellare ogni cosa o forse dovrai solo imparare a trattenere gelosamente i ricordi, a diventarne il custode per poterli tirare fuori nei momenti peggiori di tristezza. Dovrai lesinare gli istanti più dolci, quelli che ti aiuteranno a tirare avanti quando tutto diventerà più duro, quando sarà difficile andare a dormire in un letto vuoto.
Non provasti nemmeno a chiederglielo. Neanche un tentativo, un piccolo gesto di resa. Dentro avevi l’inferno, una melma di tristezza che sentivi salire ogni secondo di più. Avresti potuto invocare clemenza e invece sei rimasto così, con l’espressione attonita del condannato a morte che guardandosi dentro non riesce a sentirsi completamente innocente.

Continua a leggere “Parlare d’amore, di Guido Mazzolini”

ALTERAZIONI IMMUNOLOGICHE IN PATOLOGIA: INFLUENZE GENETICHE E AMBIENTALI

ALTERAZIONI IMMUNOLOGICHE IN PATOLOGIA: INFLUENZE GENETICHE E AMBIENTALI

Il 19 novembre, a Novara, il convegno scientifico che inaugura le attività del CAAD.

convegno 1a CAAD 19 novconvegno 1aa CAAD 19 nov

Il 19 novembre 2018, dalle ore 14.00 presso l’aula magna del Dipartimento di Scienze del Farmaco dell’Università del Piemonte Orientale in Largo Donegani 2, a Novara, si terrà il convegno “Alterazioni immunologiche in patologia: influenze genetiche e ambientali”, organizzato nell’ambito degli eventi per le celebrazioni del Ventennale dell’Università del Piemonte Orientale dal Centro di eccellenza per la ricerca traslazionale sulle malattie autoimmuni e allergiche CAAD.

Il convegno è coordinato per i Dipartimenti UPO di area sanitaria dalla professoressa Marisa Gariglio, professoressa ordinaria di Microbiologia clinica, e dal presidente del comitato tecnico scientifico del CAAD, il professor Claudio Santoro. Continua a leggere “ALTERAZIONI IMMUNOLOGICHE IN PATOLOGIA: INFLUENZE GENETICHE E AMBIENTALI”

La crisi del comparto risicolo tra nuova Pac e politiche europee

La crisi del comparto risicolo tra nuova Pac e politiche europee

Coldiretti: Anche dalla provincia di Alessandria a Vercelli per “Riso, futuro e verità” Appuntamento domenica 18 novembre alle 10 davanti al Teatro Civico

convegno CD-PIEMONTE-Locandina-Vercelli-18_11

Ci sarà anche una numerosa delegazione alessandrina, proveniente dalle zone di Casale Monferrato e dalla Valcerrina in particolare, all’appuntamento organizzato domenica 18 novembre 2018 per “Riso, futuro, verità” dalle ore 10, a Vercelli, davanti al Teatro Civico in via Monte di Pietà 15.

I presidenti, i direttori di tutte le Federazioni provinciali con il presidente regionale di Coldiretti Piemonte, Roberto Moncalvo, e il Delegato Confederale, Bruno Rivarossa, insieme ai risicoltori, agli imprenditori agricoli e alle istituzioni da tutto il Piemonte saranno nella patria della risicoltura italiana per dare risalto al comparto su cui, sempre di più, pesano le importazioni incontrollate da Cambogia e Myanmar. Continua a leggere “La crisi del comparto risicolo tra nuova Pac e politiche europee”

Note di Gusto a Novi Ligure, il “Duo Vincenti-Koni” con Piero Vincenti al clarinetto e Marsida Koni al pianoforte.

Note di Gusto a Novi Ligure, il “Duo Vincenti-Koni” con Piero Vincenti al clarinetto e Marsida Koni al pianoforte.

NOVEMBRE 2018, TERZO CONCERTO

novi-ligure11

L’Assessorato alla Cultura del Comune di Novi Ligure organizza nel mese di novembre una Rassegna Musicale denominata “Note di Gusto” che, come lo scorso anno, vede la collaborazione con la Fondazione Piemonte dal Vivo. I concerti si terranno ogni domenica, alle ore 17.30, presso la Basilica di Santa Maria Maddalena, via G.C. Abba 28, Novi Ligure; apertura biglietteria ore 17,00. Ogni volta, al termine del concerto, sarà offerto un ricco aperitivo.

Il terzo appuntamento della rassegna sarà domenica 18 novembre 2018 alle ore 17.30: il “Duo Vincenti-Koni” con Piero Vincenti al clarinetto e Marsida Koni al pianoforte.

Piero Vincenti è Presidente/Direttore dell’Accademia Italiana del Clarinetto Art Director 40° ClarinetFest 2013 (Festival Mondiale del Clarinetto), Art Director 6° European Clarinet Festival 2016 e 9° European Clarinet Festival 2019, Art Director Camerino Music Festival-Clarinettomania Festival, nonché Direttore del Conservatorio Statale di Musica “B. Maderna” di Cesena nel 2006/2008. Continua a leggere “Note di Gusto a Novi Ligure, il “Duo Vincenti-Koni” con Piero Vincenti al clarinetto e Marsida Koni al pianoforte.”

Dimensione della testa di un neonato nato prematuro ed il suo QI

ORME SVELATE

Remembering an Infant Child (Birgitta Stege)

Secondo i ricercatori dell’Università di Warwick e dell’Università del Tennessee, a Knoxville, misurazioni regolari della circonferenza della testa di bambini nati molto pretermine fin dalla tenera età aggiungono preziose informazioni durante lo screening per il rischio neurocognitivo a lungo termine. I neonati nati molto pretermine (VP) e con peso alla nascita molto basso (VLBW) hanno una testa più piccola alla nascita, e quindi cervelli più piccoli, ma misurare la crescita della testa aiuta a monitorare i rischi per la crescita cerebrale e il QI futuro. Regolari valutazioni iniziali della circonferenza della testa aggiungono preziose informazioni durante lo screening per il rischio neurocognitivo a lungo termine – secondo una nuova ricerca condotta da una collaborazione di ricerca internazionale, tra cui l’Università di Warwick, Regno Unito e l’Università del Tennessee Knoxville, negli Stati Uniti. I ricercatori hanno scoperto che un metodo semplice ed economico quanto frequente misura la dimensione della testa aggiunge…

View original post 403 altre parole

Sospesa nel vuoto, di Flora Nucci

di Flora Nucci

Sospesa nel vuoto

Nella sala luci soffuse,
la musica in sottofondo
crea una vuota atmosfera
Un alito di vento
sfiora i miei pensieri
Sento la voce ingabbiata nella gola
Scale invisibili attraversano
la silenziosita’ del cuore
Tendo le mani avvolte dal buio
M’illudo che qualcuno me le prenda
Sono qui, ancora a cercare
un crocicchio che ci faccia incontrare
FLORA NUCCI

All’anima si deve, di Salvatore Ciaramella

All'anima si deve

di Salvatore Ciaramella

All’anima si deve,
privare il vuoto,
elencare l’armonia
dell’emozione, tirare
il vivere avanti
con il giusto umore
e affacciarsi hai giorni
con amore, all’anima
si deve porre un foglio
di confessioni, partorire,
irradiare la gioia
dei raggi solari,
abbracciare la felicità
ed espatriare il dolore,
all’anima si deve
accendere il bagliore con una breve parentesi del cuore.

Il passo del gambero, di Guido Mazzolini

di Guido Mazzolini

Non risponde, forse è distratta da chi sa muoversi abilmente meglio di te sentendo davvero un allegro festeggiare nel centro del petto, ora che avrebbe voglia di ricordare i suoi sogni puliti di bambina spensierata che rincorreva felice il rumore lontano di un treno. Puoi quasi vederla, si colora le unghie di rosso smaltato, si trucca il viso per meglio confondersi nel buio e tingere notti di tenebra scura, avvinghiata nel dubbio di essere sempre la stessa, quella che ormai ha deciso di andarsene.

Il suo dado è tratto e lei si riveste di questa certezza come una scorza coriacea. Indossa le calze più scure come se tra le cosce non esistesse un ingresso che possa lasciare intravedere una scheggia aguzza di luce. Non ha più stelle o paradisi, solo la voglia di smarrirsi ancora.

Le immagini restano, cantano parole sottili sillabandole adagio e tu le vedi cadere appese come lacrime alla scia di uno sguardo mentre sfiorano preziose il suo seno. Possiede ancora un ombrello rosso da riempire con un fiume intero di pioggia, lo agita appena per farlo stillare d’inchiostro nero che possa tingerle la pelle del viso, bagnarle i capelli e coprirli di nebbia leggera. Porta tacchi alti e affilati per calpestare i tuoi occhi. Continua a leggere “Il passo del gambero, di Guido Mazzolini”

Diamanti di ghiaccio, di Silvana Fulcini

di Silvana Fulcini

dalla pagina facebook di Giuseppe Sanna

Diamanti di ghiaccio
Bianchi di brina stamane,
Sono i prati.
Meraviglia per gli occhi,
Gli alberi di bianco fioriti
Di mille diamanti,
Che brillano
Al primo raggio di sole!
Freddo pungente,
Di rosso colora
Il mio viso,
Mi fa gli occhi lacrimare.
Dentro al mio cappotto imbottito,
Cammino nei vialetti del giardino,
Dal sorgere dell’aurora.

Tutto è meraviglioso!
Vedere il giorno che nasce,
È nuova vita anche per me,
E
Ricordando che,
Ogni istante della vita
È un punto d’arrivo
E un punto di partenza,
Felice sono di ogni attimo
Che mi è dato,
E ogni giorno,
Ringrazio Dio,
Per la vita e il creato.
Silvana Fulcini 10/12/2016
Diritti riservati

La Giungla, di Maria Cannatella

263a80ba-6b5a-4a66-bd91-dac2ac80a39b_large.jpg

di Maria Cannatella

Viviamo in una grande Giungla.

Ammassati, intrappolati, rassegnati.

Una giungla ricca di cattiveria, invece del verde.

Dove una via d’uscita non c’è.

Abitata da malfattori,

arrampicatori sociali.

Gente stravagante, incosciente.

Strapiena la giungla,

di anime incapaci,

di vivere e lottare,

che troppo spesso si arrendono. Continua a leggere “La Giungla, di Maria Cannatella”

“L’amica geniale” di Elena Ferrante – la mia lettura

di Marina Raccanelli

51PT3FhSEML._SX318_BO1,204,203,200_

Ci sono libri che leggiamo con leggerezza disimpegnata, per semplice passatempo, e libri che leggiamo più o meno volentieri, consapevoli che possono arricchire il nostro orizzonte mentale; libri cui ci dedichiamo a fatica per puro obbligo, scolastico o di altro genere, e libri con cui riempiamo il tempo solo perchè ci sono capitati sottomano, perchè in quel momento erano di moda e vendevano molto, ma poi sono arrivati a deluderci e li abbiamo finiti svogliatamente.

Ci sono libri che tiriamo fuori da vecchie librerie, e, sorpresi di non averli mai letti, divoriamo scoprendo di esserci persi qualcosa, a suo tempo; ma non è irrimediabile, un libro non scade come lo jogurt, va sempre bene.

Ci sono libri considerarti imperdibili, ma che non riusciamo a digerire, e classici che ci sorprendono per la loro freschezza e capacità di coinvolgerci; ci sono anche libri nati come opere di dal violento intento anticonformista, ma che a distanza di tempo ci appaiono datati e privi di mordente nel loro linguaggio superato.

E poi ci sono libri, rari e appunto per questo preziosi, che non sono semplici libri, ma autentiche esperienze di vita: segnano il nostro percorso umano e spostano le nostre coordinate mentali.

Naturalmente i primi libri che abbiamo letto, e quelli che abbiamo letto in determinati momenti della nostra infanzia e soprattutto nella prima adolescenza, sono in genere fondamentali; sempre che, come chi scrive qui – e non per vantarmi perchè non è merito mio – si appartenga ad una famiglia di lettori, si viva in una casa dove esistono i libri e fanno parte non solo dell’arredamento; questo oggi non è affatto scontato. Continua a leggere ““L’amica geniale” di Elena Ferrante – la mia lettura”

AMORE A PRIMA VISTA, di Rossi Prato Grazia

amore

di Rossi Prato Grazia

AMORE A PRIMA VISTA *
————-♡

Un giorno,
In una gita,
trovammo
Un cuore a
zonzo.
Veniva giù
dal cielo.
Dove una tela,
Di oscure nub
Era perforata
Da un raggio di sole
Seguendo,
la raggiera
si era smarrito.
Noi, così soli ne
Avevamo bisogno.
Ci guardano
Negli occhi senza
Far parole.
Gettammo l’esca.
E, catturandolo,
In un brivido,
Accendemmo
La lanterna
di ogni amore.

¤Rossi Grazia
Legge no 633 del 19 41
Foto dal web
Allright reserved@