Chi si somiglia si piglia….?

Creando Idee

Alcune recenti ricerche scientifiche sui rapporti di coppia hanno rivelato un modello chiaro: per una relazione felice e duratura è importante assomigliare al proprio partner. Gli scienziati hanno dimostrato che le persone non stringono amicizie o relazioni con persone che non hanno gli stessi valori, punti di vista e pregiudizi. Pertanto, i partner simili sono più felici: per molto tempo gli psicologi e altri studiosi hanno sostenuto che la somiglianza è probabilmente benefica, dato che offre più probabilità di godere degli stessi interessi, valori e prospettive di vita. Ma attenzione,  al contrario di quanto si pensa, gli opposti non si attraggono. O meglio, non reggono alla vita di coppia. A sfatare l’antico adagio lo psicologo britannico  Wilson, che ha messo a punto il cosiddetto ‘quoziente di compatibilità’ (QC) per misurare lo stato di salute di un rapporto a due. Smontando così un mito tramandato di generazione in generazione: in amore

View original post 119 altre parole

L’amore è un po’ come credere in una divinità

Creando Idee

L’amore è un po’ come credere in una divinità: rappresenta un atto assoluto di fede, perché ci sono momenti in cui non concepiresti la vita senza il tuo partner, ci sono momenti in cui si preferisce mandarlo all’inferno, ci sono altri momenti in cui vuoi isolarti dal mondo e l’unica cosa che vuoi fare è sdraiarti su un prato contando le nuvole. Se vacilla la tua volontà, sarà la tua forza interiore a spingerti ad andare avanti. Ma allora perché certe relazioni finiscono mentre altre potrebbero durare? Se si sa già amare e darsi completamente perché non si può avere un amore eterno con una qualsiasi delle persone che si hanno avuto nella propria vita?La spiegazione è semplice. Quando iniziamo un cammino, non abbiamo una mappa. Tutti noi possiamo vagamente intuire che l’obiettivo ha a che fare con un certo tipo di amore, ma raramente ci insegnano che

View original post 233 altre parole

Fotopoesia – Come leggera sfoglia – Seconda versione 

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

Come leggera va la mente mia

mentre ti guardo intenta ad inventare

che forma dare a quella pasta buona

Che è come te Sabina

che metti il cuore in moto

e l’ animo in quel che fai

e sembra quasi che non si arrivi mai

ma tu lo sai

che anche se difficile riuscirai .

Grazie per il tuo esempio

che è sempre in me

che mi hai insegnato a non lamentarmi mai

per cose frivole e motivi sciocchi

e di lottare nella vita

con dedizione

E con la stessa luce tua negli occhi miei

di chi non resta arreso a perder tempo

Marco Vasselli  per Sabina © 2016 – 2017

 

View original post

È Martedì, ovviamente

Lea e l'Inchiostro

Martedì è, da sempre, il mio giorno preferito. Avrò avuto tre anni, forse neppure compiuti, quando presi per la prima volta l’aereo. Era martedì. Avevo appena compiuto sei anni ed inizia la scuola. Era martedì. Mi trasferì, da Roma Sud a Colonia, Germania. Era martedì. Il liceo poi fu un susseguirsi di martedì. Il primo giorno di liceo. L’ultimo. Il primo scritto. L’orale. Dopo quel giorno, oltre il martedì, anche un secondo aspetto, o meglio, numero, divenne ricorrente nella mia vita. Il 9. Mi diplomai Martedì 9 Luglio 1999 con 99. Era martedì, ovviamente.

Oggi inizio l’università. È martedì, ovviamente. La fermata della metro è la numero 9. L’aula dove avrò la mia prima lezione è la numero 9. Le lezioni iniziano alle 9, ed io mi sono svegliato alle 7:09.

L’Università è finita. È martedì, ovviamente. La fermata della metro è la numero 9. L’aula dove discuterò la mia…

View original post 358 altre parole

Amarsi in Teoria

Lea e l'Inchiostro

AMARSI IN TEORIA

Può forse cambiare

La misura

Ma, lo sai,

Tu, che tanto di destra parli

La sofferenza è democratica

Abbraccia tutti

Eppure non recriminarla

Se ci ha fatto distanti

Se passano lustri

Se siamo sbagliati

Se siamo perfetti

Perfettamente sbagliati

Siamo forti, adesso

Ma assieme saremmo

deboli. Nudi e felici, forse

Ma deboli

Corpi animati da passioni sbagliate

Senza dolore e senza coscienza

Il tempo tiranno

Ci ha tirato in inganno

Almeno lo spazio

Ci è stato amico

Ci ha diviso in principio

E ci ha reso più forti

Ma di cosa mi illudo?

Son solo versicoli

Che raccontano ricordi

Di una sola notte

nostra. Per sempre.

Ma ormai è persa. È niente!

View original post

5.25

Diario di una Zingara

Sono le 5.25 ed ho appena attraversato Genova.

Guardo la città svegliarsi sotto la pioggia, con il cielo ancora scuro.

C’è Moby, colorata a contrasto dei palazzi che la circondano. Attende paziente i suo nuovo ospiti.

C’è una fila di yatch ormeggiati al porto ed un’insegna che dice “Mercato di Genova”.

Ci sono tanti cartelli stradali gialli, che indicano strade alternative.

Hotel, concessionarie, semafori, motorini, persone con l’ombrello.

La radio passa una delle mie canzoni preferite, Castle of Glass, e sembra scritta apposta per questo momento.

Ecco cosa mi piace delle città, sembra che si stiano svegliando e invece non dormono mai.

Vedrai una città regale, affossata ad una collina alpestre, superba per uomini e per mura, il cui solo aspetto la indica signora del mare: Genova.

F. Petrarca

View original post

Concorso Veneto del Mistero: “Pavan detto Volpe” ha vinto il primo premio

Valentina Confuorto

Saremmo stati una settantina o poco più. Giovani nonne in libera uscita, mamme coi bambini, coppie di amici e, passo svelto e cappello comprato a Parigi, io, in incognito. Siamo arrivati nel bosco di Quarto d’Altino, seguendo le torce, tra il concerto delle foglie crepitanti e un gufo in lontananza.

Lume alla mano, gli attori si stavano preparando dietro i pioppi, mentre noi bevevamo tè caldo fissando i bracieri.

Chitarra e sax, lo spettacolo inizia. Non avevo voluto rileggere il racconto scritto quest’estate e, potere del teatro, ho sorriso, rabbrividito, atteso – pur conoscendolo – il finale.

Ecco dunque il podcast della serata.

Compagnia teatraleLe 5uinte a 4quarto
Voce recitante e chitarra: Daniele Bonesso
Sax e clarinetto: Martino Pavan
Regia tecnica: Simone Scala


Ed ecco il testo

PAVAN DETTO VOLPE

C’era a Trepalade, tra il Sile e il Siloncello, un vecchio, vecchissimo mulino. Sotto le pale indefesse l’acqua, va…

View original post 650 altre parole

Quadro

Non di questo mondo

Nel quadro la dominante è il nero.
La zingara nel quadro mi accompagnava ai sogni,
col suo sorriso e il suo odore di colori a olio secchi.
Il rosso parigino, il bianco dei voulant e un poco di verde tra i fiori.
Ma non è che sorridesse sempre,
quando il buio vinceva sulla luce e restava solo un’ ombra sulla parete
più di una volta l’ho scoperta piangere,
sorpresa da un lampo blu elettrico dei filobus sotto casa.

Forse aveva un dolore
forse sentiva il mio.

Ora la parete dove stava si è fatta d’ aria
così che la mia zingara è ovunque
dissolta nella stessa aria, tra cornici di monti
nella nebbia che sale dal lago all’ imbrunire.

Sa che non la vedrò più nella sua cornice.

Ma come allora mi accompagna ai sogni sorridendo,
finchè poi il buio vince sulla luce…

View original post

#Estratto inedito: Atsa

Il Lettore Curioso

Ciao lettori! Come state? Io ho ancora l’influenza da due settimane e mezzo e ormai non ne posso più!

Ieri vi avevo anticipato che io e Gloria abbiamo scritto un racconto dal mondo di Somnium, di cui siamo davvero molto orgogliose. Abbiamo deciso di regalarlo a chiunque acquisterà Somnium in offerta a 0,99€ (qui). Per riceverlo è sufficiente inviare un email a somniumbook@gmail.com, con la prova d’acquisto. (uno screen)

Il racconto si focalizza su Atsa, il fratello di Doli, ed è ambientato prima degli eventi del libro, anche se per capirlo è meglio che abbiate letto Somnium. Ho deciso di condividerne un breve estratto, se volete quindi leggere il racconto completo non vi resta che seguire la procedura appena descritta!

Mentre guardava la Ute Mountain, accendersi grazie al sole che sorgeva sempre più alto, Atsa pensò che, dieci mesi prima, non si era comportato poi molto diversamente da…

View original post 124 altre parole

Cittadinanza Onoraria a Gianmaurizio Foderaro, di Lia Tommi

Venerdi 23 novembre alle ore 9
Sala Giunta di Palazzo Comunale , piazza della Libertà 1, Alessandria
Cerimonia di consegna ufficiale della Cittadinanza Onoraria a Gianmaurizio Foderaro.
(ai sensi della Deliberazione del Consiglio Comunale n. 116/276/572/18000 del 05.11.2018)
per il suo impegno a favore della comunità alessandrina e per avere contribuito negli anni, grazie al fattivo ruolo della Fondazione Uspidalet Onlus e mediante l’organizzazione di eventi di prestigio come lo “Spettacolo di Natale”, in collaborazione con RADIO RAI, a sostenere le attività benefiche degli Ospedali Alessandrini e progetti rilevanti quali quello a favore di “Casa Amica”, attivo all’interno del Centro Riabilitativo Polifunzionale T. Borsalino di Alessandria ed eccellenza alessandrina nel panorama sanitario nazionale.

Proiezione di “The Circle” al PerlaNera, di Lia Tommi

Alessandria: Venerdì 23 Novembre al Laboratorio Anarchico PerlaNera (via Tiziano Vecellio 2, AL), ore 21.00
Ingresso gratuito.

THE CIRCLE
In un futuro non molto distante, le terribili conseguenze della tecnologia si scontrano con il desiderio di essere ascoltati in un mondo in cui la presenza online è tutto e il numero di follower indica il vero potere. In tale contesto, si dipana il racconto di Mae Holland, una giovane donna affamata di successo e carriera. Unitasi alla Circle, colosso dei social media, brucia rapidamente le tappe fino a quando, spinta dal fondatore dell’azienda Eamon Bailey a stare costantemente di fronte alle telecamere, sarà costretta a lottare per mantenere la propria identità.
Regia di James Ponsoldt. Un film con Emma Watson, Tom Hanks, John Boyega, Karen Gillan, Ellar Coltrane, Patton Oswalt. Titolo originale: The Circle. Genere Thriller, Drammatico, Fantascienza – USA, Emirati Arabi Uniti, 2017

Un cast di serie A per un film che sfiora temi di grande attualità e si interroga sul valore aggiunto della tecnologia.

The Circle è un mix di alta tecnologia e social media, una sorta di Google + Facebook + Amazon + Apple, e viene raffigurato da Dave Eggers, autore del romanzo alla base del film di cui è anche sceneggiatore, e dal regista James Ponsoldt come una società al limite del distopico, perché richiede ai suoi dipendenti una “trasparenza” che è accesso indiscriminato ad ogni dettaglio della loro vita personale.

FOLLIA, di Gregorio Asero

FOLLIA, di Gregorio Asero

FOLLIA

È la mia follia che si perde fra le stelle
Lo so … la ragione è figlia della saggezza
ma ahimè la mischiai al mio stupido orgoglio

Essa fu solo di stracci vestita
e se per caso la doveste incontrare
io vi dico che veste
solo di cenci e lustrini colorati

Vi prego non ditele che la cerco
è possibile che per troppa pena
ritorni al suo nido
Continua a leggere “FOLLIA, di Gregorio Asero”

Moda: la gonna per l’Autunno/ Inverno, di Lia Tommi

Autunno/Inverno 2018/2019

La gonna sexy e delicata Passepartout come e quando decide lei…La gonna longuette, esemplare dal fascino indiscusso, e’ al centro dei pensieri di modi always and forever.

Riportiamo la mente ai bei tempi estivi, quando mettere la gonna longuette… Ora è l’inverno 2018/2019, scrigno di altrettanti outfit e look da star, ricchi di ispirazione couture.È l’outfit invernale più col del momento, la gonna a tubino e il faro nella notte che ci guiderà verso nuovi trendy sisma-lidi.Un daily look dal potenziale incredibile, la sintesi easy & classy che darà una carica di bon ton al guardaroba autunnale.

Scegliete una Pencil Skirt scura ma non nera, un sofisticato blu notte che incanta, stupisce, e abbinatela in chiave Smart creando il perfetto outfit da adottare per tutto l’inverno…scegliete l’unicita’!!!

“Essere essenziali non è mai stato così chic…NadaNuovoHauteCouture”