Lea e l'Inchiostro

AMARSI IN TEORIA

Può forse cambiare

La misura

Ma, lo sai,

Tu, che tanto di destra parli

La sofferenza è democratica

Abbraccia tutti

Eppure non recriminarla

Se ci ha fatto distanti

Se passano lustri

Se siamo sbagliati

Se siamo perfetti

Perfettamente sbagliati

Siamo forti, adesso

Ma assieme saremmo

deboli. Nudi e felici, forse

Ma deboli

Corpi animati da passioni sbagliate

Senza dolore e senza coscienza

Il tempo tiranno

Ci ha tirato in inganno

Almeno lo spazio

Ci è stato amico

Ci ha diviso in principio

E ci ha reso più forti

Ma di cosa mi illudo?

Son solo versicoli

Che raccontano ricordi

Di una sola notte

nostra. Per sempre.

Ma ormai è persa. È niente!

View original post