Non di questo mondo

Nel quadro la dominante è il nero.
La zingara nel quadro mi accompagnava ai sogni,
col suo sorriso e il suo odore di colori a olio secchi.
Il rosso parigino, il bianco dei voulant e un poco di verde tra i fiori.
Ma non è che sorridesse sempre,
quando il buio vinceva sulla luce e restava solo un’ ombra sulla parete
più di una volta l’ho scoperta piangere,
sorpresa da un lampo blu elettrico dei filobus sotto casa.

Forse aveva un dolore
forse sentiva il mio.

Ora la parete dove stava si è fatta d’ aria
così che la mia zingara è ovunque
dissolta nella stessa aria, tra cornici di monti
nella nebbia che sale dal lago all’ imbrunire.

Sa che non la vedrò più nella sua cornice.

Ma come allora mi accompagna ai sogni sorridendo,
finchè poi il buio vince sulla luce…

View original post