Fotografia.

Memorabilia

Sorridevi in quella foto

sprigionando primavera,

il tuo corpo in quell’istante

un’armonia di rose.

Avrei sfidato quelle spine

per annaffiare il tuo bocciolo

e coltivare la bellezza

d’un amore appena nato.

I cristalli in soggezione

non rendevano i tuoi occhi

profondi come abissi

dove cantano le sirene.

Ah, se l’inverno ti vedesse

di neve e pioggia ti abbraccerebbe

tu che soffi venti gelidi

di bellezza maledetti.

Ma se un giorno inventeranno

la fotocamera dell’anima

saranno salve le stagioni

del mio cuore impantanato,

dalla sorgente verrà l’acqua

che terge corpi e fiumi

insudiciati dai detriti

di fango e d’apparenze.

View original post

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...