A chiacchierare un tempo si riusciva, di Rosario Di Modica

A chiacchierare un tempo si riusciva, di Rosario Di Modica

 chiacchierare un tempo si riusciva.

Allora, dammi ascolto un solo istante.
Ricordo che da giovane, volendo
donzella affascinare, una fra tante,
facevo assai fatica, era un crescendo.
Giammai però mi arrendo…

Poi ne incontravi sempre una pudica;
che frustrazione. I mezzi da impiegare?
È sempre quello il modo, una sua amica
che possa presentarvi, e a corteggiare!
È proprio un bel da fare.

Dovevi un tempo dolci tu guardare
quegli occhi suoi, profondo e tenebroso;
ed ogni sua paura allontanare
per arrivare al bene più prezioso.
Dire altro più non oso.

Ormai che manca il tempo per piacersi
é virtuale tutto e manca voglia.
Le parli per messaggi, e meglio in versi!
Se deve amore nascere, germoglia.
La cosa poi s’imbroglia.

Ti senti a lei daccanto e non lontano,
ma non vicino tanto quanto vuoi…
Non potendo tenerla per la mano
altro non pensi che agli affari suoi.
Tu credi siano i tuoi!

Perché mai non risponde, ti lamenti.
Allora: “spengo, chiudo, ora ti blocco”;
in questo turbinio di sentimenti
hai fatto la figura dell’allocco.
Lontano odi un rintocco.

Segna la fine triste del tuo amore;
quella campana a morto scuote i nervi,
la lontananza ha ucciso ogni tepore.
distrutto muta chat invano osservi!
E mesto pensi ai cervi.

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...