Diario di una Mamma 2.0

architecture city cityscape clouds Photo by Pixabay on Pexels.com

Quando penso al mio futuro non riesco a visualizzare nulla. O meglio. Immagino troppi scenari possibili e vorrei poter selezionare il migliore. Non sapere quale futuro verrà “selezionato” mi mette in ansia.

La paura del futuro…

Per qualcuno non sapere ciò che verrà è positivo perché genera aspettativa e speranza.

Non per me. Non per una abituata a programmare tutto nei minimi particolari.

Il fatto di non poter influire sul futuro se non in minima parte (cercando di fare del mio meglio per costruire la miglior vita futura) mi genera angoscia. Mi sento impotente.

Lo so, è assurdo. Mio padre mi dice sempre :” Se deve succedere, accadrà che tu lo voglia o meno. Quindi vivi serena e lascia che le cose vadano come devono andare. Fai ciò che devi e vada come può”. Ha pienamente ragione. Angosciarsi per qualcosa di intangibile e incerto è…

View original post 100 altre parole