IL RAPIMENTO, di Gregorio Asero

IL RAPIMENTO, di Gregorio Asero

Il mio cuore soffre di vertigini
non è l’altezza che mi fa chinar la testa
ma la tua maestosa bellezza

Dove lo sguardo reclina al tempo passato
la mano si aggrappa all’altura

Chi mi dice della volontà del mio cuore?

Questa è la mia vita e il pericolo
è ciò che vedo arrivare

Il mio sguardo precipita in alto
ma la mia mano mi tiene legato
nel sonno del passato

La mia volontà si aggrappa all’uomo
e le catene io sciolgo

Sento che sono pronto a partire
ecco mi trascini al tuo mondo

gregorio asero
copyright legge 22 aprile 1941 n. 633

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...