Diario di una Zingara

Ma voi ve le ricordate le cabine telefoniche?

I più giovani non sapranno nemmeno di cosa sto parlando.

Sta mattina ho visto degli operai che stavano smontando quella all’angolo della piazza, proprio quella che ho usato una volta io, l’unica. Era subito dopo una cena di classe, penso facessi le elementari: la pizzeria era davanti a quel parallelepipedo rosso e grigio marchiato Sip e, per concludere al meglio la serata, abbiamo pensato di fare uno scherzo ad alcuni genitori; scherzo che consistenva semplicemente in un avviso telefonico che informava che il figlio aveva rotto un gran numero di bicchieri. Al tempo mi sembrava la cosa più furba e simpatica del mondo, ora me ne vergogno un po’.

L’amore ai tempi delle cabine era scandito dal tintinnio dei gettoni.

E collezionavo le schede telefoniche! Ne avevo ereditate alcune decine da una cugina, ormai troppo grande per trovare il divertimento in quella…

View original post 40 altre parole