Polvere che dormi

Il mio cuore nudo

Polvere che dormi

sulla pelle gelida del corpo

violentato e nascosto da un velo,

di paura taciuta.

Vermi brulicanti

si nutrono di occhi,

troppo spesso aperti

che non sanno guardare

i riflessi di uno specchio

che non sa mentire.

Al limite del confine,

in sospeso sul nulla

sprofonda il cammino,

che termina dove inizia il buio.

Le palpebre iniziano a farsi pesanti,

il respiro inciampa nella paura,

l’ingranaggio digrigna i denti

e il gelido finale stride funereo,

vestendo d’angoscia l’ultimo giro di vita.

26/11/018

Thomas Amadei

View original post

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...