La parola che avanza

Happy Magician

eravamo sottosopra

in un mondo a specchio

eravamo un paradosso

ridefiniti in fortuna

in uno specchio di tortura

un paradosso antico, vecchio.

eravamo caldi

di un sole il suo aspetto

compatti come solidi atomi

persi in un cuore inetto.

eravamo due, erano tutti,

eravamo uno, non erano nessuno

cosparsi di sentimento marcio

in marcia a piedi sull’asfalto

privi di rispetto, colmi di speranza,

in un inchiostro spento,

come la parola che avanza.

View original post

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...