Carolina

words and music and stories

scarpe.jpg

CAROLINA

Scese fino al fiume sotto un cielo plumbeo.
Non prese la via principale, ma il sentiero che iniziava con un acciottolato vicino alla chiesa.
Era quello che percorreva da ragazza, quando nei caldi pomeriggi d’estate scendeva al fiume per fare il bagno nelle acque allora limpide. Lo frequentava anche con il fidanzato, quando voleva scambiare gesti d’amore senza essere esaminata severamente dalla gente del paese. E poi coi i figli, quando li portava a vedere le paperelle, e si soffermava a insegnare loro i nomi dei fiori e delle piante.

Quel giorno, le foglie pesanti di pioggia lasciavano cadere grosse gocce sul suo viso e sul capo, coperto da un foulard bordeaux annodato sotto al mento. Non se ne accorgeva neppure: il suo volto era già solcato dalle lacrime. I tronchi scuri levavano i loro rami fradici verso il cielo, in una tetra implorazione silenziosa.
A una svolta quasi…

View original post 300 altre parole

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...