Martin Lutero (il perdono) di Andrea Patrone

Martin Lutero (il perdono) di Andrea Patrone

Martin Lutero (il perdono)

Erano mesi che lo pensava mentre
l’anziano frate con calma voce gli
ricordò perché fu messo in croce.
L’originale peccato nel Paradiso era
…già nato.
Martin Lutero era di nome, nel suo
convento ci sono le prove, un dì ha
letto nei sacri libri un brutto difetto.
Una parola, forse la sola che aiuta
la Chiesa più di una preghiera, una
parola che si divide e si risalda con
poche rime.
È il “perdono,” se lei è intera è una
emozione che dona all’uomo un
sincero….dolore.
Ma un Pietro un di con il filo d’oro
la cucì sopra all’altare, la ruppe in
due per osannare un verbo di una
vita che tutti dobbiamo… lasciare.
Una nuova Chiesa che chiede un
dono se tu chiedi il suo perdono!
Così è nato il più grande e poco
nobile mercato, non vende nulla,
non compra nulla, ma quel giorno
Gesù non fu felice di lasciare…
…la sua culla.

Andrea

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...