VISIONE ORFICA, di Gianni Regalzi

VISIONE ORFICA, di Gianni Regalzi

VISIONE ORFICA

VISIONE ORFICA

Ti ho vista nella nebbia e tu non c’eri.
Io ti parlavo, tu non rispondevi.

Il Freddo Bronzo “Occhi senza luce”
volgeva a me parole fredde e dure:
“non puoi restar quaggiù, non è il tuo tempo:
ritorna al tuo presente, lo puoi fare,
la via è ancora aperta, sei in tempo”.

Intanto dispiegavi le tue ali.

Dapprima come vele di farfalla
sfioravano il mio volto con dolcezza,
ma in men che non si dica quelle stesse,
son diventati artigli insanguinati
che straziano insaziabili il mio cuor.

Fuggo col passo cieco verso il prima,
la via s’è fatta stretta e aspra e dura.
No posso proseguire, ora c’è un muro,
un freddo muro come legno scuro.

Alessandria, 19 Novembre 2007
Gianni Regalzi
(Da “Silenzi e Pensieri” dir.ris.)
(Foto By Web)

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...