Le recensioni di Gianluigi Repetto: Il pipistrello

Luca Cozzi

Un altro thriller di Jo Nesbø recensito dal collega Gianluigi Repetto. Con questo romanzo l’autore si è aggiudicato il Glass Key Award nel 1998, come miglior romanzo giallo norvegese.

il pipistrello

IL PIPISTRELLO

Titolo originale: Flaggermusmannen (1997)

Di Jo Nesbø

Editore: Mondadori 

Pag. 412

Un norvegese tra gli aussies. Questo è il primo libro della serie con Harry Hole e si sente. Lo stile è ancora da definire e il protagonista non va e viene dal suo inferno personale come nei due libri che ho già recensito. Voglio andare avanti a leggere Nesbo seguendo la cronologia dei libri per comprendere quando ha cominciato a esagerare. In questo libro si riconosce già la mano del grande narratore e giallista norvegese. La storia si dipana lineare, chiara e avvincente. Il finale non è scontato e mi ha soddisfatto.

Mi sarei aspettato un maggiore coinvolgimento nella descrizione dell’Australia, Nesbo rimane sempre molto distaccato e non riesce a trasmettere…

View original post 64 altre parole

Dal profondo del cuore

Luca Cozzi

Recentemente ho avuto modo di confrontarmi spesso con la sanità pubblica (e a volte privata), incontrando non di rado medici incompetenti e/o privi del concetto più semplice di umanità. Per fortuna, ho anche conosciuto molti dottori, non solo estremamente preparati, ma soprattutto mossi da un senso di rispetto e umanità verso il paziente e i suoi familiari, medici che sanno usare il sorriso e la gentilezza al pari del bisturi. Per questo sono molto felice di portare all’attenzione dei miei lettori il libro di Ciro Campanella pubblicato da Di Renzo Editore nella collana “I dialoghi“.

DAL PROFONDO DEL CUORE – Diario ed esilio di un cardiochirurgo

Dal profondo del cuoredi: Ciro Campanella

Editore: Di Renzo Editore

ISBN:  9788883233159

Prezzo: 14,00 euro

Pagine: 166

Per acquistare il libro clicca QUI

“La sicurezza non deriva dal posto, ma da qualcosa che nasce in sé stessi: dalla consapevolezza di conoscere il proprio lavoro. Questa consapevolezza del…

View original post 193 altre parole

Festa del libro e della lettura a Ostia

Luca Cozzi

Sabato 1 e domenica 2 dicembre torna il consueto appuntamento con la  Festa del Libro e della lettura di Ostia, organizzata dall’Associazione Clemente Riva.

Da lettori a cittadini” è il tema di questa XXIV edizione che consentirà di entrare in contatto con personaggi del mondo della letteratura, grazie a un intenso programma che prevede incontri con poeti e scrittori, letture e dibattiti. La manifestazione si terrà come sempre presso il Teatro Salone S.Monica, nell’omonima piazza a Ostia Lido. L’ingresso è gratuito. Sabato mattina, alle dieci, si aprirà con la Libreria solidale: migliaia di libri per la raccolta fondi a favore di Seconda Linea Missionaria, ANT e del Taccuino di viaggio ISCIX (Ass. Spazi all’Arte). Domenica si chiuderà con il concerto del coro di bambini “Le campanelle colorate” diretto da Livia Cangialosi.

festa_del_libro_ostia

View original post

Le recensioni di Gianluigi Repetto: Il cerchio del lupo

Luca Cozzi

Il romanzo di uno dei più grandi maestri del genere è il protagonista della recensione di questo mese.

il cerchio del lupo

IL CERCHIO DEL LUPO

Titolo originale: Echo Park (2006)

Di Michael Connelly

Editore: Piemme

Pag. 358

Un grande narratore. Connelly riesce ad appassionare anche quando racconta un giallo scontato. È l’ultima volta che citerò il solito protagonista: un poliziotto con la vita distrutta e il carattere difficile. La bravura del narratore è quella di farci divertire anche se abbiamo già sentito mille volte la storia che racconta e Connelly ci riesce.

La storia non è un granché, i pochi colpi di scena sono telefonati e, per un lettore del genere, troppo scontati. L’autore cerca a un certo punto di depistare ma è un tentativo fallace. Arrivati al finale si spera che non sia quello che ci si aspetta da oltre metà libro ma purtroppo è proprio quello, Connelly, cattivo cattivo, non ci regala il colpo…

View original post 16 altre parole

La vincitrice del premio Valencia Negra finalmente in Italia

Luca Cozzi

Grazie alla casa editrice Edizioni della Goccia, che ha recentemente presentato al Pisa Book Festivalil romanzo intitolato La donna in grigio, l’autrice catalana Anna Maria Villalonga, vincitrice del Premio Valencia Negra 2015 come miglior noir in lingua catalana, sbarca finalmente in Italia.

la donna in grigio

LA DONNA IN GRIGIO

ISBN 9788898916634

158 pagine

Prezzo € 12,00 in formato cartaceo, copertina flessibile e € 2,99 in formato ebook

La donna non aveva alcuna attrattiva speciale. Né alta né bassa, né giovane né vecchia. Un personaggio grigio in mezzo alla massa grigia,

View original post 229 altre parole

Rinnovo abbonamenti di sosta per residenti: le novità, di Lia Tommi

Sosta per i residenti: Lunedì 10 Dicembre via al rinnovo degli abbonamenti.
Un servizio rafforzato e nuove semplificazioni garantiranno rapidità ed efficienza per venire incontro alle esigenze degli utenti.

AMAG Mobilità comunica che il 10 dicembre 2018 si avvia il periodo di rinnovo degli abbonamenti di sosta per i residenti che sarà possibile effettuare fino al 31 dicembre p.v.
Da quest’anno sarà possibile procedere in due modi, a seconda che si tratti di rinnovo del documento 2018, in scadenza, oppure si tratti di una nuova richiesta:
A. rinnovo
Chi è già in possesso del tagliando relativo al 2018 e intende rinnovarlo in quanto non sono variate le condizioni che hanno portato al rilascio un anno fa, avrà la possibilità di avere delle semplificazioni; in questo caso, infatti, non occorre ripresentare tutta la documentazione ma semplicemente autocertificare il fatto che non vi siano state variazioni rilevanti.
B. nuova richiesta
chi invece presenterà una nuova richiesta dovrà necessariamente presentare tutta la documentazione.
“Per offrire un servizio più puntuale abbiamo temporaneamente aumentato gli addetti per l’istruttoria delle pratiche, prolungato gli orari di apertura degli uffici e pubblicato tutti i documenti sul nostro sito internet, per consentire alle persone di predisporre la documentazione prima di venire allo sportello, diminuendo ulteriormente i tempi di gestione di ciascuna pratica” dichiara il Direttore Generale di AMAG Mobilità, Franco Repossi, che evidenzia come anche in questo caso si è cercato di “andare incontro alle esigenze dei cittadini e facilitare le operazioni di rinnovo”. Continua a leggere “Rinnovo abbonamenti di sosta per residenti: le novità, di Lia Tommi”

Da lunedì la prima bottega carceraria aperta al pubblico , di Lia Tommi

“Mandateli a lavorare”, ora si può: ad Alessandria la prima bottega carceraria aperta al pubblico. Ospiterà detenuti ed ex detenuti e permetterà il recupero e inclusione sociale per adulti svantaggiati a causa di ragioni fisiche, psichiche, sensoriali o sociali.

Ad Alessandria da lunedì 10 dicembre 2018, il primo negozio solidale in un carcere italiano e aperto a tutti, questo l’obiettivo del progetto Social Wood, partito nel 2015 grazie ad un’idea dell’associazione ISES e pronto ora alla seconda fase. Dopo aver ottenuto importanti risultati nei primi mesi di attività, quali la possibilità di realizzare all’interno del carcere una vera e propria bottega dei prodotti artigianali realizzati dai detenuti oltre che di altri manufatti realizzati grazie alle sinergie attivate con altri progetti sociali del territorio, il progetto si prefigge ora anche l’obiettivo della costruzione di un vero e proprio Social Lab, un laboratorio sociale di artigianato all’esterno del carcere che permetterà di attivare percorsi formativi e occupazionali per persone che vivono in una condizione di disagio sociale (detenuti in art 21, ex detenuti, immigrati, persone con disabilità fisica o psichica). “Mandateli a lavorare” diventerà ora una realtà.

“L’idea è quella di creare una vera e propria bottega in cui le persone possono acquistare i prodotti fatti a mano dai ragazzi – ha raccontato Andrea Ferrari, operatore ISES – Queste persone, quando escono dal carcere, difficilmente riescono a trovare una nuova occupazione, quindi aumentano le percentuali di recidiva e tutto diventa più complicato. Insegnare loro un mestiere, dare veramente valore a ciò che creano e garantire loro un lavoro una volta usciti è davvero importantissimo”.

La bottega presente e allestita negli ultimi mesi in locali inutilizzati all’interno delle mura della casa circondariale “Cantiello e Gaeta” di Alessandria rappresenterà il trait d’union tra l’interno e l’esterno del carcere in quanto sarà un locale sito nelle mura carcerarie, ma con accesso libero da chiunque (visitatori e clienti) senza richiedere alcuna autorizzazione, e permetterà ad alcuni detenuti in art. 21 di poter lavorare. La progettazione della bottega ha permesso di creare nuove importanti collaborazioni con altre realtà ed enti presenti sul territorio, quali la Cooperativa sociale KEPOS, l’Associazione Centro Down di Alessandria, nonché l’Asl di Alessandria che hanno creduto fortemente nel progetto ed hanno deciso di investirci risorse umane, materiali ed immateriali. Le nuove collaborazioni permetteranno di coinvolgere nelle attività anche altri soggetti che vivono in situazione di disagio di diversa natura: sociale, economico, fisico e/o psichico.
La seconda parte del progetto, però, sposterà l’attenzione anche fuori dal carcere stesso: l’attività del Social Lab metterà in secondo piano le necessità produttive vincolando invece il percorso ad una funzione di recupero sociale per persone la cui partecipazione ad un’attività occupazionale rappresenta uno strumento socializzante con valenza pedagogica e terapeutica, atta ad integrare un programma riabilitativo e formativo più ampio e a verificare l’eventuale grado d’idoneità al lavoro con l’obiettivo finale di accompagnamento all’autonomia.

“Il progetto permette di creare nel contempo un’attività lavorativa e un percorso di recupero sociale per persone la cui partecipazione ad un’attività occupazionale rappresenta uno strumento socializzante con valenza pedagogica e terapeutica, atta ad integrare un programma riabilitativo e formativo più ampio e a verificare l’eventuale grado d’idoneità al lavoro”, ha detto Mauro Pusterla, amministratore di Kepos.

Attraverso il laboratorio le persone svantaggiate avranno la possibilità di essere inserite o reinserite nel mercato del lavoro, o anche di restare presso il servizio stesso, inseriti in un sistema che rispecchia, seppure in ambiente protetto, le caratteristiche, i tempi, i ritmi e le regole dell’ambiente lavoro.
È provato da numerose ricerche socio-economiche, infatti, che la condizione lavorativa influenzi in maniera pregnante la vita di ognuno e questo avviene in maniera uguale anche per i soggetti con uno svantaggio fisico, psichico, sensoriale e/o sociale. Il lavoro è a tutti gli effetti una “misura preventiva” all’istituzionalizzazione della persona e costituisce un forte strumento di sostegno ai percorsi di inclusione sociale nella propria comunità di riferimento.
Il laboratorio sarà suddiviso al suo interno per creare differenti aree di lavoro e nelle quali organizzare ciascuna attività indipendentemente dalle altre. Ogni area di lavoro sarà dotata di macchinari ed attrezzature necessarie per poter svolgere all’interno tutte le fasi di produzione necessarie alla creazione di un manufatto.
La falegnameria permetterà di continuare l’attività iniziata con il progetto Social Wood all’interno della casa circondariale Don Soria. Nel laboratorio si potranno assemblare parti realizzate all’interno del carcere per produrre arredi voluminosi, oltre che produrre nuove commesse. La falegnameria sarà attrezzata con i macchinari donati dall’ASL di Alessandria, i quali necessitano solo di un piccolo intervento di recupero per adeguarli alle norme vigenti in materia di sicurezza. Per poter raggiugere il massimo dell’efficienza e permettere alle persone impiegate di essere molto motivate saranno svolte delle pre-selezione di verifica delle capacità individuali che permettano di indirizzare l’utente verso l’attività più consona alle sue attitudini ed ai suoi desideri. Le persone selezionate parteciperanno ad un corso di formazione specifico per l’attività che dovranno svolgere al fine di trasmettere tutte le informazioni pratiche circa il corretto svolgimento dell’attività. Sulla piattaforma “Eppela” è stata aperta una sezione di crowdfunding per il progetto: l’obiettivo di 10mila euro è stato già raggiunto e superato a due settimane dall’inizio dei lavori, confermando la grande partecipazione e l’appoggio ricevuto.

Nuovi scenari per il mondo agricolo: dalla nuova Pac alla fatturazione elettronica

Nuovi scenari per il mondo agricolo: dalla nuova Pac alla fatturazione elettronica

Alessandria Coldiretti. Incontro Giovani Impresa Alessandria

Un momento formativo e informativo dedicato ai Millenial farmers per offrire nuove opportunità di crescita puntando sulla distintività e il vero made in Italy

“Nuovi scenari e opportunità per il mondo agricolo: dalla fatturazione elettronica alla Nuova Pac 2021-2017”. E’ stato questo il filo rosso che ha unito gli interventi durante l’incontro organizzato da Giovani Impresa Coldiretti Alessandria.

Un momento formativo e informativo che ha voluto porre l’attenzione soprattutto sui cambiamenti e sulle novità legate alla nuova Politica Agricola Comune e alla fatturazione elettronica che diventerà obbligatoria dal 1° gennaio 2019.

Una priorità su tutte: le risorse assegnate al settore agricolo non subiscano riduzioni. Continua a leggere “Nuovi scenari per il mondo agricolo: dalla nuova Pac alla fatturazione elettronica”

Quei dì ormai fuggiti, di Grazia Denaro

Quei dì ormai fuggiti, di Grazia Denaro

47576247_1905183809559592_4641346740451016704_n

Quei dì ormai fuggiti

Oggi fischia il vento
e m’investe come schiaffo
in pieno viso…

ho una gran sete di sereno
e di canti nuovi
che cancellino quell’aura funesta
stampata sul mio volto.

Ma lui sbuffa di violento grigio
soffiando con veemenza
anche su tutto ciò
che ormai è incenerito.

Vorrei tanto risvegliarmi
in un mattino che elevi un canto
ad increspare in ristagni tranquilli
che riempia di speranza
e di pensieri a planare
nel giubilo dei giorni
adagiati in stagioni d’azzurri
e nel bisbiglio d’oro
di armonica luce
dì quei dì ormai fuggiti.

@Grazia Denaro@

Il puntale in cima all’albero di Natale, di Loredana Mariniello

Il puntale in cima all’albero di Natale, di Loredana Mariniello

47487091_2228020763896278_1185830188273893376_n

Il puntale in cima all’albero di Natale

Nella piazza centrale del paese ,
la folla è accorsa da ogni parte
pronta ad acclamare
l’ inizio di un evento speciale,
un grande albero di Natale
si accinge a stupire il popolo in festa
con un magistrale ingresso trionfale.
Sfilano e danzano sopra ogni suo ramo
centinaia di piccole colorate palline,
scintillano ad intermittenza mille dorate luccioline,
fili d’oro e d’argento si alternano
ad adornar il verdeggiante pino,
una neve lieve dipinge
il quadro di un bianco virginale
cadendo piano piano,
i bimbi cantano allegri ,l’incanto del momento,
c’è chi fotografa estasiato quel surreale firmamento,
l’albero è ,ormai, pronto a sfoderar la propria eleganza
ma qualcuno nota un’insulsa dimenticanza,
sulla cima di una così maestosa abbondanza
manca il tocco delicato del puntale,
non giunge stella ad incoronar il povero alberello
che, d’improvviso, si sente spoglio,
nudo e non più bello. Continua a leggere “Il puntale in cima all’albero di Natale, di Loredana Mariniello”

Una poesia di Rosario Di Modica

Una poesia di Rosario Di Modica

Il desiderio monta prepotente,
non v’è più nulla in grado di tenermi.
Rifiuti sempre ferma di vedermi,
quando ti incontro, sempre troppa gente.

Ti cerco e ti nascondi, sempre assente;
con questi tuoi silenzi mi confermi
che i sentimenti tuoi sono raffermi.
Perdonami il dolore ormai cocente.

Lo vedi amore mio quanto mi manchi,
le lacrime che verso in tua assenza;
e tu, feroce dea, sorda ai lamenti

del tuo infelice amante, ai gesti stanchi
e pene immani e dure e sofferenza,
al cuore rotto in mille e più frammenti.

Una poesia di Grazia Torriglia

Una poesia di Grazia Torriglia

47575508_791787457834200_6793825156243390464_n

Non ha rime
Non è una filastrocca
è il mio pensiero di auguri
per chi vuole ancora credere nel vero Natale.

Sarà di bianco di neve vestito
quest”altro Natale che arriva
dai bimbi che guardano il cielo
cercando la scia di una stella.

Sarà sempre di luci e colori
l’abete addobbato da mamma
con nastri e palline di vetro
e rosse candeline di cera

Sarà ancora presente il Presepe
inventato da mani sapienti
sotto ad un cielo stellato nel gelo
di una notte attesa dal mondo.

E sarà appoggiato quel Bimbo
nella paglia di una mangiatoia
scaldato dal fiato di un bue
nella luce di una stella cometa.

Sarà ancora il vero Natale
per chi ancora ci crede
quello dell”infanzia vissuta
nel credo di un atto d’amore.

gt@

DALLA CORTECCIA FINO AL PIU’ PICCOLO DEI MIEI RAMI, di Loredana Mariniello

DALLA CORTECCIA FINO AL PIU’ PICCOLO DEI MIEI RAMI, di Loredana Mariniello

47580029_2227339673964387_7545199031496998912_n

DALLA CORTECCIA FINO AL PIU’ PICCOLO DEI MIEI RAMI

Dall’umile radice,
fino al mio più piccolo
e frondoso ramo,
io ti amo,
dolce ninfa della ninfea,
nel bosco giunta
per portarmi all’agonia.
Non ti conosco,
non so chi tu sia,
ma l’anima mia traluce
dalla corteccia
e tutta intera t’abbraccia,
quando ti avvinghi a me,
stringendomi tra le tue nivee braccia.
Anche se dell’amor violento
che sento dentro,
tu non scorgi nessuna traccia,
che piaccia o non piaccia,
ti bramo ogni momento,
mentre tu incidi a fuoco lento
sul mio ruvido petto
le iniziali sacre di un nome maledetto.
Continua a leggere “DALLA CORTECCIA FINO AL PIU’ PICCOLO DEI MIEI RAMI, di Loredana Mariniello”

Nonna, di Rosetta Amoroso

Nonna, di Rosetta Amoroso

18527525_430729693951664_520059301986480719_n

Nonna
E una vita che osservi.
Aspetti ,dietro alla grande
Finestra, eri bimba e aspettavi
Il ritorno di tuo padre.
Eri fanciulla e poi donzella
e aspettavi il tuo amato
Col batticuore
Poi madre ossevavi
i tuoi pargoli nel cortile
Giocare gioiosi, a far baldoria ,tu felice come una chioccia ,come fa coi suo,i pulcini
Proteggendoli sotto le ali ,
Tu ora nonna, dalla chioma bianca argentea
Fissi ancora dietro i vetri appannati,
Ormai i tuoi occhi stanchi , velati aspetti
Forse che i tuoi figli trovino il tempo
Per colmare almeno un minuto dei giorni tuoi ormai troppo lunghi e solitari ,ma i ricordi.
Per te nonna sono come film ripassi e rivedi
Ogni attimo ogni gesto ogni battito dei loro cuori. I tuoi cari e passi così le tue interminabili giornate ,
Colme li riempi come ceste di frutti prelibati
Chiudi nello scrigno i ricordi più belli
Madre
Nonna Donna .
Amoroso Rosetta d..R..
15. 5. 2017.

Ne spazio, ne tempo, di Rosario Rosto

Ne spazio, ne tempo, di Rosario Rosto

47681011_10214362494005197_1338189162347495424_n

Ne spazio, ne tempo

Volevo toccare
le stelle con un dito.
Un pò come fanno tutti coloro,
che si nutrono di fantasia
e respirano realtà.

Ma restavo sospeso,
in un limbo dorato
senza né spazio, né tempo.
Ignaro, di essere dentro
a quel che non vedo
e stupirmi per quello
che dentro mi sento.

Ma la poesia
è tutto il mio mondo.

Quel mondo impalpabile
che non puoi toccare,
ma puoi sentirne il respiro.

Quello che è impalpabile
deve rimanere tale.
Un pò, come una virgola
tra le parole narrate, vissute, amate.

Rosario Rosto