Nino Formicola al Teatro Alessandrino per me.dea, di Lia Tommi

Nell’ambito delle iniziative promosse per il decennale dell’associazione, me.dea invita tutti a partecipare venerdì 14 dicembre allo spettacolo teatrale D’ASSOLO con Nino Formicola.
La proposta è frutto della collaborazione con l’agenzia alessandrina Primafila, di via Milano 174,
che da anni propone spettacoli in città, con una doppio intento: arricchire l’offerta culturale e sostenere le associazioni senza scopo di lucro.
Nino Formicola, che i più ricordano nella coppia comica Gaspare e Zuzzurro, ha raggiunto la sua popolarità con Drive In e partecipato a numerose trasmissioni televisive, dopo la morte di Zuzzurro nel 2013. Quest’anno l’abbiamo rivisto come concorrente dell’Isola dei Famosi diventando il vincitore del reality.

Per il debutto del suo nuovo spettacolo, Formicola ha scelto proprio l’agenzia Primafila, e in questo spettacolo viene dato libero sfogo all’ansia più grande di un comico: fare ridere.
In “D’ASSOLO” il protagonista affronta questa paura in modo buffo, svelando al pubblico il lato nascosto di un lavoro che in fondo, pochi conoscono.
Come fare nel 2018 a far ridere? Non c’è risposta?
L’artista ripercorre i modi e le tecniche del passato e i nuovi atteggiamenti che sono di moda oggi per stare su un palcoscenico. Si passa così da Cechov, alla stand up comedy, dallo sketch classico, alle canzoni umoristiche, dal mimo, alla satira politica. Tutto questo attraversato sempre dalla domanda che vive nell’animo di chi fa questo lavoro: “Farà ridere questo spettacolo?” Al pubblico la risposta.

Lo spettacolo si terrà alle ore 21 al Teatro Alessandrino di Alessandria.
Parte del ricavato sarà donato all’Associazione me.dea.
Operatrici e volontarie dei Centri Antiviolenza saranno presenti durante la serata, con uno stand informativo e racconteranno al pubblico i servizi e le attività dell’associazione.

“Ringraziamo tutti i cittadini che hanno acquistato i biglietti dello spettacolo e l’agenzia Primafila per il coinvolgimento – dichiara Sarah Sclauzero, presidente me.dea Onlus. La serata sarà l’occasione per portare una tematica forte e importante come la lotta alla violenza di genere, in un contesto ludico, e anche il momento giusto per scambiarci gli auguri di Natale. Aspettiamo tutte e tutti venerdì al Teatro Alessandrino”.

Per informazioni sui biglietti: 0131 224609 – info@primafilaspettacoli.it

MODA: L’abito da sposa: un amore per sempre, di Lia Tommi

I Love you forever ❤️L’abito da sposa…un amore per sempre❤

️Il vestito da sposa nel corso dei secoli ha subito, drastici cambiamenti diventando un perfetto specchio dei tempi.Dall’uso del bianco all’evoluzione di forme e silhouette.Nonostante sia strettamente collegato alla moda e alle tendenze del momento, quello dell’abito da sposa è un mondo a parte guidato da riti e e tradizioni precise.

Gli stilisti guidano le scelte stilistiche delle spose per le loro nozze, suggerendo il design, stile e decori, lunghezze e volumi, modelli e dettagli.

È qui che con Amore, passione, fatica e dedizione si confezionano i sogni delle spose.Raccontateci l’abito da sposa dei vostri sogni…

“Ti ho amato prima ancora di conoscerti, e questo si chiama grande amore. NadaNuovoHauteCouture”

Vernissage al Chiostro, di Lia Tommi

Da questa mattina sono esposte nella Sala Affreschi del Chiostro di Santa Maria di Castello le opere di alcuni laboratori artistici realizzati all’interno delle Case di Reclusione alessandrine.

Comprende:

  • Opere xilografie, stampe e matrici incise con l’artista docente Valentina Biletta.
  • La grande stampa, “Il viaggio “, rotolo su carta di riso.
  • Xilografie per l'” Inferno” di Dante
  • L’opera fotografica “43 risvegli all’ombra” , di Mara Mayer.
  • Alcuni “tarocchi reclusi” della bottega con Piero Sacchi.
  • Opere del Laboratorio di ceramica.

Vernissage al Chiostro, di Lia Tommi

Alessandria: Da questa mattina sono esposte nella Sala Affreschi del Chiostro di Santa Maria di Castello le opere di alcuni laboratori artistici realizzati all’interno delle Case di Reclusione alessandrine.

Comprende:

  • Opere xilografie, stampe e matrici incise con l’artista docente Valentina Biletta.
  • La grande stampa, “Il viaggio “, rotolo su carta di riso.
  • Xilografie per l'” Inferno” di Dante
  • L’opera fotografica “43 risvegli all’ombra” , di Mara Mayer.
  • Alcuni “tarocchi reclusi” della bottega con Piero Sacchi.
  • Opere del Laboratorio di ceramica.

Inaugurato il primo negozio solidale in un carcere italiano, di Lia Tommi

Ad Alessandria esiste da oggi, in piazza Don Soria , 21, la prima bottega carceraria aperta al pubblico. Ospiterà detenuti ed ex detenuti e permetterà il recupero e inclusione sociale per adulti svantaggiati a causa di ragioni fisiche, psichiche, sensoriali o sociali.

É ora realtà il progetto di realizzare all’interno del carcere una vera e propria bottega dei prodotti artigianali realizzati dai detenuti oltre che di altri manufatti realizzati grazie alle sinergie attivate con altri progetti sociali del territorio.Il progetto si prefigge ora anche l’obiettivo della costruzione di un vero e proprio Social Lab, un laboratorio sociale di artigianato all’esterno del carcere che permetterà di attivare percorsi formativi e occupazionali per persone che vivono in una condizione di disagio sociale (detenuti in art 21, ex detenuti, immigrati, persone con disabilità fisica o psichica).

La bottega presente e allestita negli ultimi mesi in locali inutilizzati all’interno delle mura della casa circondariale “Cantiello e Gaeta” di Alessandria rappresenterà il trait d’union tra l’interno e l’esterno del carcere in quanto sarà un locale sito nelle mura carcerarie, ma con accesso libero da chiunque (visitatori e clienti) senza richiedere alcuna autorizzazione, e permetterà ad alcuni detenuti in art. 21 di poter lavorare. Continua a leggere “Inaugurato il primo negozio solidale in un carcere italiano, di Lia Tommi”

Il caos su Brexit manda le Borse in rosso. Milano perde l’1,8% – Repubblica.it

Tokyo perde il 2,1% dopo la frenata del Pil, vendite su Wall Street. Male i dati economici da Est: la Cina delude per le esportazioni, si teme che il caso Huawei si avviti. Ocse: segnali di rallentamento anche negli Usa. Lo spread scende a 286 punti

Sorgente: Il caos su Brexit manda le Borse in rosso. Milano perde l’1,8% – Repubblica.it

Artiviamoci, di Cristina Saracano

Alessandria: Nell’ambito dell’iniziativa Artiviamoci , questa mattina al chiostro di santa Maria di Castello sono state esposte alcune opere prodotte dai detenuti delle case circondariali alessandrine di San Michele e Piazza Don Soria.

Una bella iniziativa, un modo per far capire quanto è prezioso il volontariato in un ambiente dove la noia e il disamore per la vita non devono prendere il sopravvento.

Anche chi ha sbagliato merita un’altra possibilita’.

Nelle foto, alcune opere.

Sfera Ebbasta si tatua sei stelle per le vittime

Sfera Ebbasta, il rapper per il quale tanti ragazzi si erano affollati nella discoteca di Corinaldo, secondo quanto pubblicato sulla pagina Facebook di Sfera Ebbasta Fans, documentato con una foto del cantante, si è tatuato su un lato della fronte, subito sotto l’attaccatura dei capelli, sei stelline vuote, quante le vittime della tragedia in discoteca.”Gionata si è tatuato 6 stelle. 6 come le vittime nella discoteca di Corinaldo dove quella sera si sarebbe dovuto esibire.

Possiamo solo immaginare cosa stai passando.. troppe chiacchiere, poco rispetto verso di te. Forza King, noi siamo e saremo sempre con te”, si legge sul post, dove il cantante (Gionata Boschetti) è chiamato con il suo vero nome di battesimo. Sotto il testo una foto con il tatuaggio in evidenza.

Sorgente: Sfera Ebbasta si tatua sei stelle per le vittime

Strage discoteca, migliorano i feriti. Pm: oltre al minorenne, 7 indagati. Rai News

Quattro hanno ripreso a respirare da soli. Per altri tre ancora condizioni stabili ma critiche. Salgono a 3 i fermi per droga: oltre al 16enne che avrebbe spruzzato lo spray urticante sono stati fermati un 27enne e la fidanzata. Pm: indagati per concorso in omicidio colposo aggravato i tre gestori della discoteca e i quattro proprietari dell’immobile

Sorgente: Strage discoteca, migliorano i feriti. Pm: oltre al minorenne, 7 indagati – Rai News

Barosini. Progetto sperimentale per i nostri amici a 4 zampe: sterilizzazioni di cani e gatti di proprietà e istituzione di un servizio veterinario di base in aiuto alle persone economicamente svantaggiate

Barosini. Progetto sperimentale per i nostri amici a 4 zampe: sterilizzazioni di cani e gatti di proprietà e istituzione di un servizio veterinario di base in aiuto alle persone economicamente svantaggiate

Alessandria. Welfare Animale. Distribuzione cibo ai responsabili colonie feline sabato 15 Dicembre dalle ore 10.30 alle ore 12 presso la sede dell’Associazione Raccolta Alimentare Animali, via Magellano n. 10

barosini-copia

L’assessore al welfare animale Giovanni Barosini in collaborazione con l’Associazione Tutela Animali annuncia un progetto, che sta prendendo corpo e comincia ad essere attivo in questi ultimi giorni dell’anno che sta per finire, per poi essere perfezionato e diventare definitivo  nel 2019 e negli anni a venire: I beneficiari, ovviamente, i nostri amici a 4 zampe  ei loro proprietari che, per vari motivi, non possono provvedere ai loro bisogni.  Una risposta del Comune alla crisi economica che colpisce le famiglie su fronti diversi: compreso l’affetto verso gli amici inseparabili della nostra vita quotidiana.

Le finalità del nuovo servizio, sono almeno due. Le riassume l’Assessore al Welfare Animale Giovanni Barosini: «Sensibilizzare l’opinione pubblica sulla necessità di mantenere in buona salute il proprio animale  e fornire una sponda a chi, vivendo in condizioni disagiate, non può permettersi di pagare l’onorario di una struttura privata, nell’ottica della continua campagna di prevenzione del randagismo. Continua a leggere “Barosini. Progetto sperimentale per i nostri amici a 4 zampe: sterilizzazioni di cani e gatti di proprietà e istituzione di un servizio veterinario di base in aiuto alle persone economicamente svantaggiate”

Desiderio

Il suono della parola

Mentre nasce il desiderio
esplicito che squilla
la luce d’alba all’orizzonte
invoca un tiepido stupore
come scintilla nella notte
di vita un bisogno rinnovato
e chiama sconosciute voci
nel trafugare rapido e sottile.
Io vesto la mia nave di colorate vele
con essa sfiderò tempeste
a petto nudo invincibili marosi
finché qualcuno sarà porto
e mi ripaghi di un approdo certo
che io possa narrargli
di terre sconosciute
di gigli e sangue,
cieli ed aquiloni.
Il canto mio non è che questa
commistione di segrete passioni,
di turbini violenti che innalzano
torri sbilenche su macerie d’oro
e mi divorano gli occhi
come un ricordo vivido.
La voce stride, si contorce
contraffatta dal bisogno
è di me l’ombra allungata,
la mano che rapina l’orizzonte.
Colorati arcobaleni
implodono una sola meraviglia
e tracciano la strada del ritorno,
perciò la mia parola
è chiodo acuminato
essa trafigge una colomba morta
è cibo che…

View original post 24 altre parole

COME FOSSE PREDA, di Francesca Ancona

COME FOSSE PREDA, di Francesca Ancona

46636083_273197603399068_7373132033050017792_n

COME FOSSE PREDA
(20/5/2018)

Chi sente il dolore
di aghi pungenti
di stelle cadenti
di ragni e veleni
di liquidi osceni

Coi pugni serrati
a violare l’amore
che è polvere e sabbia
che è spreco di fiori

Chi piange col canto
e danza in silenzio
tremante di freddo
col volto rigato
e il corpo straziato

Ogni mano è preghiera
che si perde nel cielo
Continua a leggere “COME FOSSE PREDA, di Francesca Ancona”

Questa vita altro non è che un anelito, di Ninnj Di Stefano

Questa vita altro non è che un anelito, di Ninnj Di Stefano

Questa vita altro non è che un anelito

che si oppone alla morte, un piccolo diario , qualche lieve parola che doniamo al mondo ,

ma dove il mondo è già rima cancellata, pianto senza gioia, pesantezza greve che altera le cose.

Chiedo perdono di non aver scritto i versi che dovevo.

Non è stato per mancanza d’amore: all’anima ho restituito un pò della mia innocenza . Forse il mio, ora , è un nuovo abbaglio che tenta di trovare la via più breve dal naufragio.

consapevolezza

nondefinitivo

equilibriobisSemplifichiamo : quel viaggio mi riportò indietro.

Durò anni e sembrava non finire mai.

Sembrava sempre qualcos’altro.

Un po’ quello che succede nella testa con le immagini per le illusioni ottiche, perché invece il tempo se ne andò via velocemente.

Certo, cosa normalissima, ovvia, scontata, come sempre.

Ma è il suo modo nel farlo che mi colpì.

Letteralmente, mi colpì.

Sembra incredibile ora che ricordo, ma sono sicura che si fermò un istante anche lui, insieme a me.

Ebbi la netta impressione che si aggrappasse ad ogni pezzo del mio essere.

Voleva fermarsi?

Voleva fermare me?

Impossibile, io non stavo morendo.

Bruciavo, piangevo, tremavo, ero piena di passione.

Impossibile.

Prima mi guardò in faccia come mai aveva fatto, poi, dovendo riprendere la sua corsa per recuperare in volo, mi investì, letteralmente appunto.

Il tempo.

Fu uno scontro frontale.

A quel punto ero lucida, emozionata, decisa.

Lui rimbalzò avanti.

Io venni…

View original post 87 altre parole

teorema di ‘mai-smettere-di-sognare’

nondefinitivo

dream

ad un certo punto della vita uno pensa di avere già tutto ciò che desidera e si considera fortunato….

….. e pensa che i sogni che ancora ha sono desideri che è anche bello rimangano tali perchè è il desiderare in sè che è bello……

poi, come per magia, questi sogni si avverano e da qui una consapevolezza ancora maggiore sulla fortuna che ha…..

Chi devo ringraziare per i miei cinque (sono tanti!!) sogni realizzati in questi ultimi anni non so, ma grazie lo dico spesso tra me e vada dove deve andare……

il sesto sogno ha un nome e si avvera a breve!

View original post

La strada di tutti

nondefinitivo

sadchild

Ci sono bambini la cui strada è segnata fin da quando nascono.

Molti di noi credono che la strada di tutti sia già stata disegnata prima, ma i bambini di cui parlo io arrivano da mondi sbagliati, da gente con strade a loro volta già segnate, alcune da generazioni.

E’ qui che mi chiedo se anche loro hanno una scelta così come l’abbiamo avuta noi. Perché a me non sembra, visto il tramandarsi della storia; piuttosto sono convinta che crescano con una tacca dentro, un marchio di fabbrica che li contraddistingue.

Un destino.

Loro non lo sanno.

Mi corrono incontro letteralmente felici e beati quando arrivo, mi saltano in braccio e ridono, qualcuno di loro mi bacia, mi prende per mano e mentre io mi sciolgo d’amore, mi tira nel suo spazio.

Lo spazio di un libro con le figure a loro sconosciute che mi chiedono di raccontare, lo spazio di…

View original post 391 altre parole

12^ Giornata ‘RAIL SAFE DAY’ : La polizia di stato contro i comportamenti illeciti in ambito ferroviario

12^ Giornata ‘RAIL SAFE DAY’ : La polizia di stato contro i comportamenti illeciti in ambito ferroviario

pol Immagine 059polfer alessandria

Questura di Alessandria: Proseguono a livello nazionale, disposti dal Servizio di Polizia Ferroviaria di Roma, i controlli straordinari della Polizia Ferroviaria per il contrasto agli indebiti comportamenti  in ambito ferroviario e, in particolare, al fenomeno dell’attraversamento binari, purtroppo ricorrente nelle stazioni ferroviarie o nei pressi di passaggi a livello. I recenti, tragici investimenti  avvenuti a Domodossola, Centallo e Savigliano, 3 morti e un ferito grave in meno di un mese, confermano l’attualità e l’urgenza di proseguire, in maniera instancabile, l’attività di prevenzione  e repressione,  nel rispetto delle regole basilari della sicurezza ferroviaria.

I servizi a tutela di tutti coloro che, per svariate ragioni, frequentano l’ambiente ferroviario hanno interessato  ancora una volta, nella giornata di mercoledì, 5 dicembre,  tutte le articolazioni del Compartimento Polfer Piemonte e Valle d’Aosta che ha impiegato i propri operatori di Specialità in controlli nelle aree di competenza, anche con pattuglie lungo linea. Continua a leggere “12^ Giornata ‘RAIL SAFE DAY’ : La polizia di stato contro i comportamenti illeciti in ambito ferroviario”

Questura di Alessandria: Servizi straordinari di contrasto alle stragi

Questura di Alessandria: Servizi straordinari di contrasto alle stragi

serv 27336797_2059787954271186_7842262010163036555_n

Nell’ambito della iniziative tendenti ad individuare nuove strategie per limitare il grave fenomeno degli incidenti stradali, anche con conseguenze mortali, determinati da abuso di sostanze alcoliche e stupefacenti nonché dalla contestuale violazione delle norme che regolano la velocità, elemento aggravante delle conseguenze del sinistro, che vedono coinvolti quasi esclusivamente giovani frequentatori di discoteche e altri locali pubblici, questa Direzione ha disposto mirati servizi in più zone limitrofe a discoteche e ritrovi notturni.

Premesso che detti servizi hanno l’obiettivo prevalente di segnalare la presenza del personale della Polizia Stradale per sensibilizzare i giovani al rispetto delle norme e contestualmente alla salvaguardia della vita, si comunica che durante il servizio svolto la notte di sabato, 08 dicembre 2018, nella fascia oraria 01.00/07.00, durante il quale sono state impiegate nr. 03 pattuglie della “Specialità”,  con l’ausilio specialistico di personale Medico e Infermieristico dell’Ufficio Sanitario Provinciale della Questura di Alessandria, sono stati complessivamente controllati. Continua a leggere “Questura di Alessandria: Servizi straordinari di contrasto alle stragi”

Natale Alessandrino 2018 Appuntamenti dal 10 al 16 dicembre

Natale Alessandrino 2018 Appuntamenti dal 10 al 16 dicembre

47685025_2195469474074041_2757165869258768384_n

         10. dicembre 2018

  • “Presepiamo” – Laboratorio di costruzione di Presepe a cura degli operatori del Centro Gioco “Il Bianconiglio” (CulturAle ASM Costruire Insieme) – dalle ore 17 alle 18  (per bambini dai 5 ai 7 anni)
  • Ludoteca ‘C’è Sole e Luna’- “Magie di Natale”,  Laboratorio di cucina a  cura di Nicoletta Tommasi, laboratorista – dalle  17 alle 18 (per bambini da 0 a 4 anni)
  • 11 dicembre 2018
  • Presentazione del libro di “A Pranzo da me” di Benedetta Parodi: l’autrice a colloquio con Davide Valsecchi – Palazzo del Monferrato – ore 18.30
  • Ludoteca ‘C’è Sole e Luna’ – “Fresche Frasche, laboratorio creativo con elementi naturali a cura di Alessandra Icardi, animatrice, dalle 17 alle 18  (per bambini da 5 a 7 anni e da 8 a11 anni).
  • Ludoteca ‘C’è Sole e Luna’ – “Christmas TAGS M”, Laboratorio creativo con la carta per costruire etichette e bigliettini a cura di Nunzia Castsiglione, atelierista , dalle 17 alle 18 (per bambini da 5 a 7 anni).

Continua a leggere “Natale Alessandrino 2018 Appuntamenti dal 10 al 16 dicembre”

POESIA è qualcosa d’indefinibile, di Ninnj Di Stefano

POESIA è qualcosa d’indefinibile, di Ninnj Di Stefano

POESIA è qualcosa d’indefinibile, non per niente quando si vuol motivare, gratificare qualcosa come “Grande” si ricorre al termine poetico.

E’ il sublime che riesce a penetrare il banale, in un modo così intersecante da sembrare simbiosi, ma in realtà è solo per infusione e privilegio divini che solo pochi sono grandissimi poeti e altre migliaia di milioni “sedicenti”

The mirror of life

Il traffico del cuore

Non sarà “Un giorno, forse”. Adesso è il momento. Soltanto vivendo fino in fondo in ogni istante, senza risparmiarci, potremo realizzare una vita autentica.

Daisaku Ikeda, Mappa della felicità

Cosa conta di più nella vita? Nasciamo e siamo già preda dei condizionamenti esterni, dei giudizi e della paura. Cresciamo e costruiamo ogni giorno un pezzetto della nostra autostima; amiamo e odiamo, lodiamo e giudichiamo per primi. Il più delle volte siamo spettatori inconsapevoli del tempo che passa. Eppure dentro c’è luce, anche quando viviamo al buio o ci muoviamo nell’ombra! Ognuno con il suo bagaglio di esperienze, con affetti vissuti, mancati o persi per strada. Lasciamo da parte ciò che pensiamo di sapere di noi stessi e degli altri per una volta, e lucidiamo lo specchio dei nostri occhi appannati. Lasciamo riflettere la trasparenza del cuore.

View original post

Tu, io, noi

Il traffico del cuore

Photo by @thomas_dodd

Un legame indissolubile che ha origini antiche. Mi hai scelto quando è stato il momento di vivere questa esistenza e il mio grazie è profondo tanto quanto lo è il mistero della vita. Ricordo il sogno che ha annunciato il tuo nome, la sorpresa e le domande sul nesso mistico di quel risveglio. I giorni nell’attesa di te e l’emozione guardandoti piccola e perfetta al di là del vetro; l’innocenza dei tuoi sorrisi, l’eloquenza che incantava e quel gesticolare tutto tuo. Il tempo passa, le sembianze cambiano e l’innocenza sfuma nella consapevolezza di chi siamo oggi: mia figlia, tua madre. Noi. Un legame indissolubile di Amore che si trasforma e che ritornerá, oltre la clessidra del tempo. Ricorda amore mio che «qualsiasi cosa accada, è importante vivere serenamente, con questa convinzione: “Io sono il sole”. Vi possono essere giornate nuvolose, ma il sole continua a splendere sopra…

View original post 14 altre parole

Quand Badja Place #2 de Undroni  Interpelle les consciences !

mabelhad

Samedi 1er Avril 2017 à 20 heures s’est tenue place Mbwapvwani (lire Mboivoini) dans le quartier de Badjanani à Moroni, une exposition -spectacle, organisée par Undroni (Oudroni), dans le cadre du programme co-initié par le CCLB et la structure Washko Ink. Cette manifestation qui s’est déroulée du 29 au 02 avril 2017, intitulée Badja Place #2, fait suite au chantier initié par Soeuf Elbadawi en étroite collaboration avec le Centre Culturel et de Loisir de Badjanani, à Moroni, en faveur de l’éveil culturel dans le quartier de Badjanani. Badja Place # 1 avait été lancé avec la participation du poète et dramaturge Suisse Jérôme Richer fin novembre 2016, où il a donné une performance à la place mythique de Baïdi toujours à Badjanani.

La chaleur ambiante de cette nuit lunaire, n’a pas empêché, au public d’occuper la place de Mbwapvwani, où la cérémonie de Badja Place # a…

View original post 579 altre parole

Les CLAC creuset de la connaissance et d’une émergence littéraire comorienne

mabelhad

Les Centres de Lectures et d’Actions Culturelles (CLAC) de l’Union des Comores, n’ont pas manqué au rendez-vous du 1er  salon du livre comorien et de l’Océan indien. C’est ainsi qu’ils ont saisi cette opportunité pour s’assumer et prouver leur raison d’être et de quoi ils sont capables.

 Composé d’un réseau de quinze (15) centres répartis sur l’ensemble des îles de la lune, les CLAC se sont impliqué en organisant différentes activités et notamment, l’accueil de différents auteurs et l’organisation d’un concours de poésie portant sur  ‘’l’amour du livre’’ entre autres. Ce fut l’occasion pour la jeunesse estudiantine comorienne de rencontrer les auteurs comoriens et ceux venant de l’extérieur d’une part, mais d’autre part à ces auteurs de découvrir notre pays et faire la connaissance de leurs homologues comoriens et nourrir les échanges.

Faite d’un programme riche et diversifié en animations, les activités menées par les CLAC au…

View original post 685 altre parole

“Tudo engoliste com a distância. Como o mar, como o tempo.”

Meu coração é um bar vazio tocando Belchior

O vento me ampara com tuas pequenas lembranças.

Teus pequenos devaneios a me torturar.

Tuas gírias, tuas manias singelas e desarmadas de demostrar afeto.

Teu jeito bagunçado de amar, mimar.

Teu jeito de ser meu.

Ontem teu colega me parou na avenida principal da minha cidade me perguntando de você. Ou era o universo incansável e irônico de jogar em minha cara lavada que você está chegando…

Peço aos Deuses que em minha ilha tu não naufrague.

Teu olhar com infinita ternura, que me rompeu em correntezas.

Cativou tua ilha, e embarcou em tua caminhada sem tuas promessas noturnas de noites frias e camas quentes ao meu lado.

Em outras embarcações eu me encontrei, em mares agitados eu naveguei.

Abandonada com os cais na madrugada eu te esperei.

Teu beijo solene, teu corpo calejado de tanto desamor, teu mal humor exalado, teus cabelos esbranquiçados. Ah doce saudade de cada pedaço…

View original post 18 altre parole

Eu palhaço.

Meu coração é um bar vazio tocando Belchior

As vezes me perguntam o motivo de sempre ver o lado bom das coisas,

De sempre está rindo e fazendo piadas com minhas merdas.

A verdade é que mal sabem eles quem eu sou.  Ninguém sabe realmente ao certo cada mecanismo de defesa e sobrevivência de cada ser humano.  São tantas couraças, tantas máscaras, não para a falsidade, apenas por forma de proteção, uma defesa construída após tantas batalhas perdidas.

O problema da fragilidade é querer escondê-la. A gente até consegue, mas o rastro da poesia nos persegue. Uma hora vem através de um Gabriel García escondido na bolsa velha, outra hora um Vinicius de Moraes em meio a bagunça da faculdade.

Eles sempre estão lá. Os mal-amados sempre estão lá. Na mesa escura em um canto qualquer de um bar qualquer, como o medroso frente a um pelotão de fuzilamento, se escondendo atrás da realidade para sobreviver na vida…

View original post 134 altre parole

Vem navegar na minha vida

Meu coração é um bar vazio tocando Belchior

Vem navegar na minha vida

Faça de conta que meu corpo é um rio,

Faça de conta que os meus olhos são a correnteza,

Faça de conta que meus braços são peixes

Faça de conta que você é um barco

E que a natureza do barco é navegar.

E então navegue, sem pensar,

Sem temer as cachoeiras da minha mente,

Sem temer as correntezas, as profundidades.

Me farei água clara e leve.

Para que você me corte lenta, segura,

Até mergulharmos juntos no mar

Que é nosso porto.

View original post

L’unicorno e ME

Ibelieveinunicorns

“Bella questa foto” “Davvero?” “Sì, mi piace. Ha una luceparticolare”.Sabato 4 agosto, 8.36. Gli mando una mia foto, ho voglia di lui. Mi fa questo effetto,umido, anche a distanza. Pazzesco. L’immagine potrebbe essere volgare, ma lui notala luce. Sa vedere oltre le cose e farmi guardare da una prospettiva diversa. “Potresti pubblicarla su un sito”. Mi piace scrivere, mi piacciono gli stimoli che lui mi dà e il suo entusiasmo. Così nasce questo spazio un po’ sospeso tra il reale e la fantasia. Il nostro mix. Non so ancora come si riempirà. Intanto mi godo il viaggio.

“Mi piace il tuo mondo, è colorato” “Perché c’è Trilly”

Questa è in realtà la prima foto di un pezzo di me inviata a lui. Quella cui si riferisce il post la teniamo per noi 😉

View original post

Ora è il momento di andare avanti…

𝒮𝒾𝓃𝑔𝓁𝑒 𝑀𝒶 𝒩𝑜𝓃 𝒯𝓇𝑜𝓅𝓅𝑜

Eccomi qua,

Trentenne realizzata

Avevo ottenuto tutto ciò che desideravo dalla vita,

Avevo raggiunto ogni obbiettivo che mi fossi prefissata

E lo avevo fatto contando sempre sulle mie forze.

Madre di un’adolescente in piena crisi ormonale ma che nonostante i nostri continui battibecchi ogni giorno riesce sempre a regalarmi il suo immenso amore,

Circondata da amiche vere, quelle che ci sono sempre, quelle che sanno sempre come tirarti su, quelle che ti seguono in ogni tua pazzia e fanno le pazze con te,

Una famiglia, seppur divisa da anni, che mi ha sempre sostenuto, aiutato in tutto e difesa sempre.

Non mi mancava niente. Ero Felice.

“Non mi serve un uomo”dicevo

Single convinta … ma Non Troppo

Invece eccomi qua…

a chiedermi la RAGIONE per qui lo Stronzo sia improvvisamente sparito nell’etere….

Inghiottito dalla madre terra?

Vittima di un rapimento alieno??

Risucchiato da forze oscure durante una messa satanica finita…

View original post 106 altre parole

“I Do Not Want To Be Your Weeping Woman”

words and music and stories

weeping woman The Weeping Woman – Pablo Picasso – 1937

I Do Not Want To Be Your Weeping Woman               (by Alison Boordson)

I do not want to be your weeping woman
holding you to me with a chain of grief.

I could more easily bear the flames of your anger
than the frost of your kisses empty of desire:

I do not want to be your gentle lover
dragging you to me on a rope of pity.

Sooner that you never touched me than that you ever
should touch me from a distance made of mercy:

I do not want to be your silent mother
always forgiving and smiling and never loving.

If you forget me, forget me utterly. Never
come to my arms without interest: I shall know it:

I do not want to be your weeping woman
pinning you to me with a…

View original post 253 altre parole

Lettera aperta…

Anna & Camilla

Mio caro e dolce amico,

In merito alla mail inviatami da te stamattina, ti voglio rispondere così, sul mio blog, non avertene a male, ti prego. Voglio che tu sappia che da parte mia, dal punto di vista umano ed affettivo ti comprendo, so quello che stai provando, l’ho vissuto molte volte sulla mia pelle. Ma dal punto di vista razionale non hai nessuna comprensione, sei grande, hai avuto molte storie, non ti hanno insegnato nulla? Quando si inizia con il piede sbagliato come pretendi che le cose continuano nel verso giusto? Per avere una storia in due ci vuole volontà, volontà di mettersi in discussione, volontà di smussare i propri angoli spigolosi, volontà di costruire un rapporto a due, volontà di dare e ricevere.

In questa storia, ti avevo avvertito, mancavano questi presupposti, di mezzo c’era un’enorme distanza, fatta anche di chilometri. Ti sei voluto fare del male, ora…

View original post 88 altre parole

Il profumo di vino, di Marcello Comitini

Il profumo di vino, di Marcello Comitini 

46522639_2129269963790825_279843580627910656_n

Il profumo di vino

Dopo una giornata a vagare nei boschi della Tuscia
tra alberi giallo oro del colore dell’autunno
ruderi etruschi e romani al tramonto mi siedo sfinito
a un tavolo al centro di uno spiazzo
davanti a una taverna con ulivi intorno
e accanto un campo infestato dai gialli fiorellini d’artemisia
e campanule viola d’atropa bella donna.
Una vecchia con il volto crettato di pietà e dagli anni
con un grembiule bianco legato ai fianchi
versa lentamente il vino
che sobbolle nei tozzi bicchieri da osteria.
Piego il capo sulle mani chiudo gli occhi m’inebrio
del suo profumo corposo.

La giovinezza è ancora mio appannaggio
sotto questo carico di anni e d’impalpabili macerie?
E lo struggente patimento d’amare la vita?

Il profumo del vino mi penetra nel sangue
allontana ogni opacità e timore.

Guardo le mani della vecchia ne seguo ogni gesto
le chiedo quale sorte
l’abbia condotta nei boschi della Tuscia.
Nessuna nostalgia per la terra abbandonata.
La mia casa – risponde – è ovunque ci sia
uva da vendemmiare, erba selvaggia da cogliere
e un uomo da amare. E mentre parla sorride
d’un sorriso triste pieno di ricordi, alcuni neri
come rondoni senza nido altri che gridano
lenti come aquile
nel cielo luminoso del passato.

Porto alle labbra il bicchiere, gusto il caldo
e aspro sapore del vino che mi solleva
da ogni rimpianto. E penso che in basso mi attende
la mia auto lucida e rossa e l’abitacolo
che profuma come tana d’amore
delle donne che ho amato e del calore dei loro corpi.

Per un attimo penso che persino la morte
mai riuscirà a intaccare il calore di quel profumo.

La vecchia mi guarda dritto negli occhi e senza esitare

mi toglie il bicchiere di mano.

Per me e per lei tornano all’improvviso

malinconia e rimpianto per quel tempo

quel tempo solo perché passato.