Antalgica Poetica

La traiettoria insinuante di una palla da biliardo
è sorella della traccia ardita di un verso beffardo
tirato d’impudenza verso un altare venerando

la stecca è la tua penna e l’orecchio di chi legge
è la buca, se la fortuna t’assiste e ti protegge
alla fine della voce senti il tonfo, ricompensa sperata

come il tumultuoso caracollar di mandria equina
la palla bianca sprigiona traiettorie e confonde il panno,
un destriero aiutato da lassù entra già nel tondo capanno

le palle rimaste sono come i pensieri e le attese
si affrontan uno dopo l’altra seguendo il loro senso
crogiolando nel piacere d’infilarle col minimo di spese


*dedicata a Grifagna Sofistikova, entreneuse, Odessa - Angiporto

View original post