Fancy, brown balloon

newtoneapblog

mango-tree-321075_960_720
I’m not; no, no, no – I’m not,
I’m not a fancy, brown balloon
Floating freely on a foreign sky,
Being lulled by fluffy clouds.

I’m still that proud, sturdy tree
Living in a land, a fertile land,
Whose soil, yet, is foreign to me,
Foreign to this proud, sturdy tree.

You watered me with your sweat,
And you fed me with your blood;
So, I know, I owe you all my fruits,
Fruits that I waste in a foreign land.

Copyright © Dec. 17, 2018, Newton Ranaweera
Image source: Pixabay

View original post

Tayari Jones, Un matrimonio americano

Blog di Pina Bertoli

Ora ho capito che nella vita contano molto tempismo e circostanze. Roy è entrato nella mia in un periodo in cui avevo bisogno di un uomo come lui. (..) Ora che sono passati tanti anni riconosco che mi sentivo sola e alla deriva e che lui si sentiva solo come capita soltanto ai dongiovanni. Mi ricordava Atlanta e io gli facevo lo stesso effetto. Per tutte queste ragioni ci sentimmo attratti l’uno dall’altra, ma mentre ero lì fuori dal Maroons insieme a lui le ragioni erano ormai superate. Le emozioni umane travalicano la comprensione, sono lisce e ininterrotte come una sfera di vetro soffiato.

Un matrimonio americano, di Tayari Jones, Neri Pozza editore 2018, traduzione di Ada Arduini, pagg 359

Nel suo ultimo romanzo la scrittrice afroamericana Tayari Jones racconta una storia emblematica, ambientata tra Atlanta, Georgia, e la Louisiana, che vede protagoniste due famiglie nere. I personaggi…

View original post 1.089 altre parole

José Ovejero, Donne che viaggiano da sole

Blog di Pina Bertoli

Tutti questi racconti sono frutto della fantasia; e tutti, a parte uno, ricreano, con maggiore o minore fedeltà, scene e situazioni da me vissute o raccontatemi da qualcuno a me vicino, successe in luoghi dove sono stato. So che basarsi su fatti reali non rende più verace né più impressionante una storia (..) giacché si può distorcere maggiormente la verità raccontando fatti reali che inventando avvenimenti immaginari.

Donne che viaggiano da sole, di José Ovejero, Voland edizioni 2006-2018, traduzione di Barbara Bertoni, pagg 198

Così commenta l’autore la sua raccolta di racconti, undici in totale, che Voland ha deciso di rimettere in circolo, a distanza di più di dieci anni dalla loro prima pubblicazione. Mi sono decisa a leggerli dopo avere molto apprezzato il romanzo “L’invenzione dell’amore”, di cui mi ha colpito, oltre all’intreccio, lo stile dell’autore. E, ora che li ho letti e che ho gustato…

View original post 425 altre parole

Noel

Il traffico del cuore

Tempo di Natale, tempo di rinascita. Ogni momento è giusto per decidere di migliorare noi stessi, per impegnarci in modo nuovo nelle cose della vita, per sfidare i nostri limiti e scegliere di essere felici qui, ora e cosí come siamo. Scoprire che il percorso interiore, il tempo spesso a trasformare noi stessi, è il dono più prezioso da scartare ci sorprenderà. Sotto l’albero, quest’anno, riconosco un regalo che non ha prezzo: la mia famiglia, i miei amici e me stessa, senza la quale non potrei mai provare tutto l’Amore e la gratitudine che sento.

Buon Natale a voi che seguo da un po’, buona rinascita a voi che mi conoscete da ieri. Domani spero che sarà un tempo nuovo da condividere 😍🙏❤🎶☀🌈🎄🎇🎉🎊🎆

View original post

Roberto Comoglio. ARTICOLO 1 MDP: Democrazia dei partiti o democrazia delle liste civiche?

Roberto Comoglio. ARTICOLO 1 MDP: Democrazia dei partiti o democrazia delle liste civiche?

Casale Monferrato: Prendo spunto dalle dichiarazioni di alcuni politici locali sulla scelta dell’ex Sindaco Giorgio Demezzi di candidarsi alle prossime elezioni amministrative costituendo una lista civica. 

roberto_comoglio

Premetto che le vicende personali di Demezzi non mi interessano particolarmente ma vorrei, se possibile, allargare l’orizzonte dell’analisi su ciò che emerge dalla dichiarazioni fatte.

Velocemente la prendo un po’ da lontano, ma vista la complessità dei temi che si affrontano non mi è possibile fare diversamente, cercando di essere il più chiaro possibile condensando gli argomenti in poco spazio.

La crisi dei partiti post novecento derivata dai vertiginosi cambiamenti nella società ha drammaticamente evidenziato negli stessi l’incapacità di interpretare la società con nuovi strumenti di analisi che necessariamente non potevano essere quelli fin ora utilizzati.

Unica risposta è che inopinatamente si è passati molto velocemente, nei partiti, senza passaggi intermedi, dalla concezione organizzativa della gestione improntata sulla collegialità, a quella della leadership individuale. Questo modello, nel quale i militanti sono esautorati dal prendere qualsiasi decisione, le idee non circolano più.  Continua a leggere “Roberto Comoglio. ARTICOLO 1 MDP: Democrazia dei partiti o democrazia delle liste civiche?”

CANDELA DELLA PRIMA LUCE, di Giulia Bartolini

CANDELA DELLA PRIMA LUCE, di Giulia Bartolini

Candela

CANDELA DELLA PRIMA LUCE

Sollevarti in sogno
coperta dai tuoi respiri
mai infranti,
nelle ombre dell’ aurora,
nei colori simili a questo
lento cielo,
dove ogni croce del cuore
addobba l’anima mia.
Sollevarti in un bacio
consolare una mia carezza
per ridisegnare il tuo volto
nel profumo della notte.

Giulia Bartolini(c)2018
(Tutti i diritti riservati)

Le visite del Sindaco di Alessandria per portare gli auguri in occasione delle Festività Natalizie

Le visite del Sindaco di Alessandria per portare gli auguri in occasione delle Festività Natalizie

Alessandria: L’imminenza delle Festività Natalizie ha visto in questi giorni il Sindaco di Alessandria, Gianfranco Cuttica di Revigliasco, programmare una serie di visite ad alcuni “luoghi” speciali della Città per portare –  a nome dell’intera comunità alessandrina oltre che a titolo personale – gli auguri per un sereno Natale e un lieto Anno Nuovo.

le IMG_1418le IMG_1419le IMG_1417

Di seguito, si riporta il calendario delle visite già effettuate e di quelle ancora in programma:

  • 17 dicembre, ore 14.30: Ospedale Infantile “Cesare Arrigo”
  • 19 dicembre ore 15.00: Centro Riabilitativo Polifunzionale “Teresio Borsalino”
  • 20 dicembre ore 16.00: IPAB Soggiorno Borsalino
  • 20 dicembre ore 17.30: Istituto Maria Ausiliatrice di via Gagliaudo
  • 22 dicembre ore 15.30: Istituto Divina Provvidenza della Congregazione delle Piccole Suore fondate dalla Beata Madre Teresa Michel

«Portare un saluto e l’augurio per trascorrere lietamente l’imminente Natale guardando con speranza al Nuovo Anno — dichiara il Sindaco Gianfranco Cuttica di Revigliascoè un gesto che ciascuno di noi sta compiendo in questi giorni nei confronti dei propri famigliari, amici, conoscenti, colleghi di lavoro e quant’altro.

Il mio piccolo gesto e le visite che ho programmato si inseriscono nell’alveo di questa bella esperienza che mantiene e consolida i legami e le relazioni interpersonali che stanno a cuore a ciascuno di noi. L’aspetto che, nelle mie intenzioni, si aggiunge a questi momenti di incontro e di visita è quello di portare non tanto e non solo il mio personale saluto, bensì quello che, come Sindaco, veicolo a nome dell’intera comunità cittadina, sottolineando l’importanza che per Alessandria hanno alcuni “luoghi”. Continua a leggere “Le visite del Sindaco di Alessandria per portare gli auguri in occasione delle Festività Natalizie”

Enterrado en vida – Enoch A. Bennett

El bosque silencioso

El título es engañoso porque induce a suponer que se trata de una novela gótica o de terror, pero es solamente un rasgo de ironía, una muestra del humor inglés que se manifiesta desde antes de abrir el libro.

El tema desarrollado es el del artista secreto a quien sale el tiro por la culata. Priam Farll es un hombre tímido y sin ambiciones sociales, lo cual no quita que sea también un buen catador de los placeres terrenales. Le gusta pintar y acaba convirtiéndose en famoso.

Los compradores que desembolsan elevadas sumas de dinero por sus cuadros no están dispuestos a permitir que viva tranquilamente ejerciendo su oficio y disfrutando de la vida.

La admiración y los precios astronómicos de sus lienzos justifican que Priam Farll sea considerado una propiedad pública.

Las desgracias de Priam se disparan cuando, para escapar a esa aterradora realidad, se hace pasar por su…

View original post 305 altre parole

El alma de los fieles (V)

El bosque silencioso

A G.H., in memoriam

V
Resonar de campanas suspendidas del cielo,
domos, torres, pináculos,
bajo un dosel de nubes de impoluta blancura.

Cortejos melancólicos de vagabundas almas
que recorren llanuras, que recorren montañas
de inaccesibles cimas donde anidan las águilas,

que en santuarios recónditos y ermitas ignoradas
ante antiguas imágenes elevan sus plegarias.

Licencia de Creative Commons
Esta obra está bajo una licencia de Creative Commons Reconocimiento-NoComercial-SinObraDerivada 3.0 Unported.

View original post

Gli uomini rapaci

Anna & Camilla

Comprendo e amo gli animali, sono rapaci perché la loro natura è così, devono sopravvivere e lo sanno fare solo in questo modo, molto rispetto per loro.

Ma quando incontro questa nuova specie di hominide poco evoluto, rimasto sulla scala dell’evoluzione un gradino sotto, mi esaspero e divento aggressiva con parole e pensieri.

Quindi, gli uomini rapaci non si palesano per quello che sono, si camuffano, li vedi affabili, gentili, amorevoli, protesi verso i buoni sentimenti e magnanimità d’affetto. È un atteggiamento che si protrae a lungo termine, tu da guardinga che sei inizi a ricrederti e fidarti. Ti apri, ti confidi, dai il meglio di te stessa con garbo e cortesia, nel frattempo loro si aprono altre strade con altre vittime.

Ma il rapace prima o poi deve mangiare e così se la strada che porta a te è dura e faticosa, approdano alla vittima più indifesa.

Il gioco…

View original post 67 altre parole

Ci sono assenze che diventano presenze invisibili

Il Tiragraffi Di Cleo

Esistono tante tipologie d’assenze ognuna a suo modo ci impone delle scelte o delle convivenze con il nostro dolore, quando perdiamo qualcuno la sua assenza ci lascia una sofferenza che con il passare del tempo affievolisce, non perde mai d’importanza ma forse per istinto o per consentirci di stare meglio riusciamo a sopportarla e a conviverci.

“Le assenze lasciano segni, solchi che nessuna aggiunta può colmare”.

(Mauro Corona)

Poi ci sono quelle assenze che derivano dalla condivisione della nostra vita con qualcuno che ci danneggia con il suo comportamento, l’assenza non si manifesta solo fisicamente può essere anche mentale.

Un amico, un familiare, possono rattristare una giornata oppure la nostra vita con i loro comportamenti, sta sempre a noi decidere di salvarci cercando un dialogo oppure allontanandoci per vivere meglio.

Dobbiamo soffermarci sul concetto di amore e chiederci che cosa significa per noi, dandogli una definizione, perché alla base di…

View original post 267 altre parole

Ti ho aspettato

Il Tiragraffi Di Cleo

Ho aspettato…
E quanto tempo è passato?
Tanto, credevo di non farcela
che non avrei resistito
e che poi avrei mollato tutto!
Ma poi una sera ho capito
che era diverso
che non era come quelli prima,
ho capito che gli interessavo davvero!
La mia vita… Tutto,
insomma tutto il pacchetto,
quando incontri qualcuno che ama tutto di te, che non si spaventa
dei tuoi lati bui…
dei tuoi musi lunghi e…
dei tuoi no che poi sono si,
insomma che non scappa per il tuo carattere di merda, ma lo ama
perché tu sei tutto e non si può amarti escludendo una parte…
E niente…
Adesso non ci sono più confini, perché quando ami una persona così vai oltre…
Anche oltre te stessa!

C. Accornero

View original post

La morte

Il mio cuore nudo

La morte

sale le scale e per ogni pietra

si raccoglie in preghiera,

se la gioca e se la ride,

sotto il profilo sfogliato di petali a corona.

Raccoglie, ogni cristallo

di sudore da incubo,

affossato tra il freddo del pavimento e la paura,

una verticale di salvezza s’innalza e trafigge

ogni promessa di beneficio.

È la notte, fu quella notte

dove da ragazzo ti svegliasti uomo

attraversando ponti di sale e dove

ogni certezza cambiava aspetto e colore

nel vortice dei peccati della carne.

Tutto si allinea e tutto si ordina,

ma tu, troppo distratto,

fin troppo vivo, metti di traverso

sulla parallela del quotidiano

l’essere io senza bellezza da candelabro

ad illuminare la devianza dei pensieri.

13/12/018

Thomas Amadei

View original post