L’esposizione passiva può migliorare l’apprendimento delle lingue straniere

ORME SVELATE

Babylon Hotel (MARCO CAROLI)

La capacità di comprendere e successivamente parlare una nuova lingua richiede la capacità di discriminare con precisione i suoni del parlato di una determinata lingua. Quando iniziamo ad apprendere una nuova lingua, le differenze tra i suoni del parlato possono essere molto difficili da percepire. Con abbastanza pratica attiva aumenta la capacità di discriminare i suoni del parlato. Questo tipo di apprendimento è chiamato apprendimento percettivo. Come conseguenza dell’apprendimento, nuove tracce di memoria si formano nel cervello. Al contrario, nella prima infanzia l’esposizione al suono passivo è sufficiente per migliorare la discriminazione uditiva durante il cosiddetto periodo sensibile. Nello studio pubblicato di recente, un gruppo di ricercatori dell’Università di Jyväskylä in collaborazione con l’Università Normale di Pechino ha verificato se l’esposizione passiva a suoni vocali sconosciuti può portare ad una maggiore capacità di discriminazione anche in età adulta. È stato scoperto che la semplice esposizione passiva…

View original post 160 altre parole

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...