ORME SVELATE

Migraine (Melissa Hillmer)

I ricercatori del CNRS, dell’Université Côte d’Azur e di Inserm hanno dimostrato un nuovo meccanismo correlato all’insorgenza dell’emicrania. Infatti, hanno scoperto come una mutazione, provoca disfunzione in una proteina che inibisce l’attività elettrica neuronale, induce emicranie. Questi risultati, pubblicati su Neuron il 17 dicembre 2018, aprono un nuovo percorso per lo sviluppo di farmaci antiemicranici. Anche se il 15% della popolazione adulta in tutto il mondo soffre di emicrania, nessun trattamento curativo a lungo termine, efficace, è stato commercializzato fino ad oggi. Gli episodi di emicrania sono correlati, tra gli altri fattori, all’ipereccitabilità elettrica nei neuroni sensoriali. La loro attività elettrica è controllata da proteine ​​che generano corrente chiamata canali ionici, in particolare dal canale TRESK, che inibisce l’attività elettrica. I ricercatori hanno dimostrato che una mutazione nel gene codificante per questa proteina causa una divisione tra due proteine ​​disfunzionali: una è inattiva e l’altra bersaglia altri…

View original post 157 altre parole