Il terzo giorno, di Andrea Patrone

Il terzo giorno

Maria vide Lucifero andare via e con
lui uscí pure il freddo tutto intorno,
fuggí cosi la notte e venne il giorno.
Un’alba nel deserto….un’alba calda,
non c’era un alito di vento e nessun
rumore copriva il suono del suo cuore.

Poi dal nulla apparvero tre ombre, tre
uomini su cavalli alati dissero siamo
tre scienziati, avevan letto su di una
antica pelle la più bella delle novelle.
“Un Re senza reame sarebbe nato
in quella terra quando cadeva una
lontana stella.”

Oggi questa novella è usata senza
pudore da persone di ogni nazione,
da ricchi prelati per nulla amati, da
furbi politici, dai potenti in terra per
la guerra.
E da un”piccolo”poeta che ti vuole
ricordare come è importante amare.
È nato, poi è morto e per chi crede..
……Lui è ….risorto!

Andrea