“C’eravamo poi lasciati” finalista a Belli Corti

Valentina Confuorto

Ormai sta diventando un’abitudine, e di quelle piacevoli, di quelle che ti fanno fare un saltello dopo aver consultato la mail.

Il mio monologo C’eravamo poi lasciati è finalista al 3* Concorso di Nuova Drammaturgia Belli Corti, promosso dal Nuovo Teatro San Paolo di Roma. Sarà quindi messo in scena nel 2019 durante la serata della Finale.

La storia è quella di una donna che è stata mollata e non trova pace, continuando a immaginare improbabili incontri col suo ex e ad improvvisare dialoghi possibili da riciclare al prossimo incontro con lui. Alla fine, dopo uno sfiancante sforzo fisico, è costretta a sentire il suo corpo, i suoi pensieri, senza concentrarsi più sull’altro. E tutto cambia.

View original post

‘Eleutherìa’ segnalato al Premio Fersen | con audio

Valentina Confuorto

Tre cose vietate: morire, decomporsi, piangere. Il diktat: ridere, sempre, e giocare. Per quanto sgomenta, confusa e lacerata, la protagonista oserà sfidare la volontà del dittatore Sbirulì, riuscendo a far sgorgare un liquido dagli occhi. Coraggiosa, sì, ma basterà?


 Con un pregevole esempio di teatro breve, Valentina Confuorto in Eleutherìa tratta il tema dell’estremizzazione di una tecnologia moderna talmente invasiva da trasformare ‘amleticamente’ l’essere umano in non-essere, ovvero in un agglomerato di pezzi di ricambio e, quindi, proteso verso l’ immortalità. (Ombretta De Biase)


Live della serata di premiazione della XIV edizione del Premio Fersen alla regia e alla drammaturgia contemporanea presso il chiostro Nina Vinchi, Piccolo Teatro di Milano.


Voci di Angelica Cacciapaglia,  Domitilla Colombo, Karin De Ponti (G.A.M. – Gruppo Attori Milanesi).


Ascolta “Eleutherìa | corto teatrale segnalato al premio Fersen” su Spreaker.

View original post

Dall’idea all’audiolibro: le poesie di Giorgio Baffo

Valentina Confuorto

I centenari, come tutte le ricorrenze, sono poco più che pretesti per ripescare dal passato un motivo di festeggiare. O di inventarsi qualcosa, dedicando tempo, fantasia, energie per una creazione artistica.

Esattamente 250 anni fa Giorgio Baffo tirava le cuoia. È un po’ strano festeggiare qualcuno perché ha smesso di vivere, ma, facendo filosofia spiccia, un artista, un letterato smette di vivere quando più nessuno lo legge. E Giorgio Baffo ne ha scritte di cose: durante la sua vita compose più di 1200 testi poetici, per lo più sonetti, su fogli volanti, senza volontà di pubblicazione.Se a uno sguardo veloce possono sembrare monotematici (inutile girarci intorno, non ce n’è uno senza un più che esplicito riferimento erotico), in realtà i temi affrontati sono tanti: la critica dei costumi, la satira della società a lui contemporanea, un robusto anticlericalismo, un forte nazionalismo. Lo stile, poi, è impeccabile. Tutte le…

View original post 229 altre parole

GORA, romanzo autobiografico, di Miriam Maria Santucci

48406648_946534452223682_3013001274191773696_oGORA
di Miriam Maria Santucci

«1944 – 1956: uno spicchio di Storia realmente vissuta. Storia spesso relegata in secondo piano o quasi dimenticata. La voce narrante presenta la dura infanzia di Gora, con gli occhi e la mente della piccola, che nasce e vive in quel difficile periodo di transizione.

Il Paese era stato raso al suolo e il disagio regnava in ogni categoria sociale e in ogni settore produttivo, soprattutto nel mondo rurale, estremamente povero.

Ma la forza di volontà spingeva tutti verso la ricostruzione, che avrebbe risollevato il Paese e aperto le strade al progresso. La speranza di un mondo migliore illuminava ogni animo, soprattutto quello della piccola Gora.»

Piazze più belle, di Cristina Saracano

Alessandria: Per il 2019 le due più importanti piazze di Alessandria diventeranno più belle.

Giovanni Barosini, assessore ai Lavori Pubblici, ha anticipato che verranno illuminati i mosaici di Severini, sotto l’Ufficio Postale di Piazza Libertà, è pronto il progetto per il rifacimento del tetto e della facciata di Palazzo Rosso, e si pensa a un parcheggio interrato in Piazza Garibaldi.

Il cuore del centro deve ritornare a pulsare.

Buon lavoro e buon anno a tutti!

I fiori nei piatti

Creando Idee

Si coltivano, si regalano, si annusano e… si assaggiano. Mangiare i fiori non è una pazzia da “Domenica bestiale”, ma una tendenza che presto potrebbe prendere piede in tutta Italia. È una delle branche del foraging, l’utilizzo alimentare di prodotti selvatici spontanei,  pratica studiata e sviluppata dal wooding wild ing . Valeria Mosca, chef del laboratorio di sperimentazione di Desio, spiega come viole e primule possano entrare di diritto nella nostra cucina. E non come semplici guarnizioni. Sono tanti i fiori adatti all’uso alimentare, tra i più comuni ci sono viole, primule, lavanda, rosa canina, fiori d’acacia e di sambuco. Nel menù degustazione che proponiamo a wood*ing quasi settimanalmente se ne possono assaggiare di davvero aromatici e sorprendenti. Ci sono specie vegetali che producono fiori dolcissimi come le salvie selvatiche, altri molto profumati, altri ancora che hanno un gusto fortissimo.Come per tutti gli ingredienti selvatici che ci apprestiamo a raccogliere, anche…

View original post 118 altre parole

Domenico Ravetti PD: Ancora precari i Docenti nelle nostre scuole

Domenico Ravetti PD: ANCORA PRECARI I DOCENTI NELLE NOSTRE SCUOLE

DOMENICO RAVETTI (Capogruppo PD Consiglio Regionale Piemonte): “SERVE UNA FORTE MOBILITAZIONE, IL PREZZO LO PAGANO ANCHE I NOSTRI FIGLI.”

ravetti-domenico


Fa notizia un evento solo quando è urlato? Gli insegnanti non urlano, spiegano, educano, valutano, promuovono e, in alcuni casi, bocciano. Anche i docenti della scuola statale italiana di terza fascia, come i loro colleghi, non urlano ma formano la società del domani. Però la tipologia del loro contratto é a tempo determinato, sono precari, 56 mila precari. Se consideriamo i posti relativi alle cattedre in deroga sul sostegno, quel numero supera le 115 mila unità.

E con l’attuale legge di bilancio non si fa altro che stabilizzare la precarietà nelle scuole privando di tutele e futuro il 13% dei nostri insegnanti. Nonostante le continue sollecitazioni e gli incontri al Miur il Ministro dei “compiti per le vacanze” pare non essere pronto a risolvere il problema. Eppure basterebbe poco. Continua a leggere “Domenico Ravetti PD: Ancora precari i Docenti nelle nostre scuole”

Intervista di Alessia Mocci a Silvano Negretto: quando la filosofia incontra l’editoria di qualità

Intervista di Alessia Mocci a Silvano Negretto: quando la filosofia incontra l’editoria di qualità

Il ‘so di non sapere’ socratico ‒ come premessa alla ricerca di una direzione di marcia razionale e realistica per noi sia come singoli soggetti, sia come “razza umana” ‒ si conferma come il metodo più razionale, (io direi meglio: l´unico realisticamente possibile) per la soluzione dell´eterno problema del “senso” dell´identità in rapporto alle diversità […]” Silvano Negretto

Silvano Negretto --Silvano Negretto

La celebre citazione del filosofo Socrate giunta sino a noi resta la via da seguire se si vuole procedere verso una possibile pace interna ed esterna dell’essere umano e come giustamente sostiene Silvano Negretto: “per la soluzione dell’eterno problema del senso dell’identità in rapporto alle diversità”.

Silvano Negretto è la mente ed il braccio della casa editrice mantovana Negretto Editore. Da anni nel mercato editoriale online e fisico propone le scienze dell’uomo intese in ambito filosofico, antropologico, sociale, naturalistico, passando per la psichiatria, la pedagogia e la didattica.

Le pubblicazioni sono indirizzate ai lettori che si pongono domande sul proprio tempo in continua ricerca di informazioni e riflessioni critiche sull’esistenza, lettori che coltivano il dubbio e che sono pronti a scardinare pregiudizi e luoghi comuni.

Silvano, dalla cattedra di filosofia di un Liceo di Mantova, prosegue questo lungo dialogo iniziato con i suoi studenti trasmutandolo in materia con la pubblicazione di testi ed autori fortemente selezionati che rispettano l’interesse per la ricerca della verità, autenticità e coerenza. Perché chi produce libri ha il dovere di consolidare e soddisfare questi bisogni impellenti della società. Continua a leggere “Intervista di Alessia Mocci a Silvano Negretto: quando la filosofia incontra l’editoria di qualità”

ll sindaco Cuttica: “Nel 2019 in partnership con la Fondazione CrAl una statua luminosa dedicata ad Umberto Eco, il Catalogo delle Collezioni Civiche e i Quaderni sulla storia di Alessandria. Con Vittorio Sgarbi sempre al nostro fianco”

ll sindaco Cuttica: “Nel 2019 in partnership con la Fondazione CrAl una statua luminosa dedicata ad Umberto Eco, il Catalogo delle Collezioni Civiche e i Quaderni sulla storia di Alessandria. Con Vittorio Sgarbi sempre al nostro fianco”

Cuttica

sgarbi

Vittorio Sgarbi come ‘nume culturale’ di Alessandria, e una serie di progetti targati 2019 che accenderanno sulla città i riflettori dell’opinione pubblica non solo locale. “La cultura può e deve essere, oltre che collante identitario della nostra comunità, anche una leva di attrazione e di crescita, e stiamo lavorando in questa direzione, in stretta collaborazione con la Fondazione CrAl, guidata dal Presidente Pierangelo Taverna, che ringraziamo per il prezioso e insostituibile contributo offerto nell’arco dell’intero ultimo decennio alla nostra città”, afferma il sindaco di Alessandria, Gianfranco Cuttica di Revigliasco.

Che poi spiega: “Prima di tutto con il Presidente della Fondazione Taverna, che porterà il progetto in approvazione al prossimo Consiglio di Amministrazione, si è concordato di renderemo doveroso e sentito omaggio ad un grande alessandrino, noto in tutto il mondo: il professor Umberto Eco. A lui sarà dedicato un monumento moderno e luminoso, realizzato dallo scultore Marco Lodola, artista che ha già realizzato altre opere di grande rilievo, donate ad Alessandria dalla Fondazione CrAl”. Continua a leggere “ll sindaco Cuttica: “Nel 2019 in partnership con la Fondazione CrAl una statua luminosa dedicata ad Umberto Eco, il Catalogo delle Collezioni Civiche e i Quaderni sulla storia di Alessandria. Con Vittorio Sgarbi sempre al nostro fianco””

Pubblicata la silloge di poesia LEVITA’, terzo volume dello scrittore Giovanni Scribano

Pubblicata la silloge di poesia LEVITA’, terzo volume dello scrittore Giovanni Scribano, edito da GUIDO MIANO EDITORE, novembre 2018 nella prestigiosa Collana PARALLELISMO DELLE ARTI diretta da Michele Miano.

GUIDO MIANO EDITORE – NOVITA’ EDITORIALI E’ USCITA LA RACCOLTA “LEVITA’ ” DEL POETA GIOVANNI SCRIBANO CON PREFAZIONE DI MICHELE MIANO

giovanni Scribano Giovanni 2018 Levità

L’arte come via di verità per lasciare il proprio messaggio nella caducità e precarietà del nostro vivere terreno. Arte come anelito di vita e giustificazione alla nostra breve esistenza. Arte come strumento che giustifica il significato del nostro esistere. Arte come scrittura, arte come raffigurazione pittorica, ma anche fotografica. In ciò risiede il profondo significato della collana Parallelismo delle Arti: una poesia supportata, impreziosita, incastonata, valorizzata da riproduzioni artistiche vive, palpitanti, nel segno della condivisione dei valori imperituri di tutte le arti. Poesia come pittura e pittura come poesia. Ma a cosa serve l’Arte ?

L’arte è il canto della bellezza, e abbiamo bisogno del contatto con le cose belle proprio perché siamo gravati dai problemi quotidiani che rischiano di farci cadere nella depressione o tristezza. È per questo che la bellezza è importante. È un emblema, un’àncora di speranza. L’arte ci rende meno soli. Spesso il mondo di oggi ci chiede di indossare una maschera allegra, ma sotto la superficie c’è una tristezza che non possiamo manifestare, per non sembrare strani o deboli. L’arte può ricordarci la normalità del dolore. Alcuni dei grandi capolavori mondiali hanno la capacità di rendere visibili a tutti il dolore che c’è dentro di noi. Siamo consapevoli che il dolore fa parte della condizione umana. L’arte combatte l’ottimismo forzato e finto della società dei consumi. Esiste per ricordarci con dignità che ogni vita comprende anche sofferenza, angoscia, solitudine e confusione Continua a leggere “Pubblicata la silloge di poesia LEVITA’, terzo volume dello scrittore Giovanni Scribano”

L’isola dei sogni, di Ela Gentile

L’isola dei sogni, di Ela Gentile

BUONA SERATA A TUTTI

L'isola dei sogni.jpg

L’isola dei sogni

Dolce Ischia,
isola dei miei sogni,
sempre il mio pensiero
corre a te….,
alle tue spiagge,
alle tue pinete
e a quell’azzurro mare,
dove lo sguardo si perdeva
all’infinito….
Tornare indietro,
rivivere i momenti
che ho vissuto nel tuo incanto.
Amare senza limiti
restare lì, non partire
per non aver rimpianti.
Brucia il desiderio
di rivederti ancora….
Questa nostalgia,
questa malinconia,
mi vien da te, solo da te!.
eg

” CANTO D’ AMORE “, di Rosella Lubrano

” CANTO D’ AMORE “, di Rosella Lubrano

E ammiccheranno le stelle
nell’ infinito che attende
le nostre essenze,
echi evanescenti
della nostra pelle
nell’ incanto di un abbraccio.
Dopo tutto quel cercarsi e parlarsi
siamo qui
dentro quest’ Amore
che ritaglia e ruba angoli di cielo,
canto di noi
nel sussurro di crestate onde
al respiro ansimante del vento.
Che ne sa il mare
di me, di te,
ci segue,
increspando le vele
dei nostri sogni,
allora non indugiare,
vivimi,
allo schiudersi
delle nostre labbra ,
accarezzami,
come fa l’ alba
impazzita di luce
nel toccare
le dita degli alberi,
e in questa sete mi perdo
col cuore sospeso
tra mille splendidi soli.

Dipinse il suo azzurro cuore, di Nadia Pascucci

Dipinse il suo azzurro cuore, di Nadia Pascucci

Dipinse il suo azzurro cuore
con fiordalisi e arcobaleni
La sua anima austera e tenera
con sciami di stelle
costellati di sensazioni e drappeggi
che coloravano d’argento il suo futuro
la sua forza e tenacia con ginestre in fiore
su rupi scoscese.
Guardava con entusiasmo il suo capolavoro
sprigionava amore
trasmetteva emozioni
forme e colori
si armonizzavano perfettamente
con la delicatezza del movimento
Entrava nel profondo
e le sembrava di volteggiare
nell’immenso cielo variopinto.
Avevo riversato sulla tela i suoi sogni.
e in questo sfolgorio di riflessi si sentiì
una bimba smarrita in una fiaba.
Con un sorriso si chiuse in un abbraccio.
Nei battiti del cuore il tempo si fermò.
Si accorse d’un tratto che il dipinto
scoloriva,
perdeva qualcosa ogni giorno,
aveva pieghe anomale mai notate prima,
quasi smorfie
il cuore non più petali di gentilezza
e girandole di brio,
era diverso
non ci vedeva più la fiera
e nobile luce,
la melodia dei suoni
che lo contraddistingueva.
Ritocchi lo rendevano desolante.
Tagliò la tela in più parti
Poggiò il viso sulle ginocchia
e pianse,
pianse tutto il suo dolore…

Nadia Pascucci @ diritti 23 dic 2018
ore 17,30

Click 2018, di Daniela Cobaich Mascaretti

Click 2018, di Daniela Cobaich Mascaretti

Click 2018.jpg

Click 2018

Penso in continuazione
Sento in continuazione
Nella monotonia della vita
è andato perduto…amore…
il centro di questa voce
Ora senza emozione
la mia anima una vertigine vuota…
il sole sparito…
io piango il nulla…poteva essere
ma non è stato…
non poteva nascere da una marea morta
Osservo la fine dei miei mondi,
nel vorticoso galleggiare le onde riportano
resti e raccontano
una bambina e un mondo
che non le apparteneva…
scendo con lei gradini di sogni

Daniela Cobaich Mascaretti

@copyright by D.C.M.
SPdicembre2018

Photo di Mariantonietta Modenese

re: To Whom it May Concern

unbolt me

Truth be told, we weren’t expecting a reply, but the voice of a lone deer crying in the Arctichad been heard… so some kind of reply was perhaps inevitable. A certain Mr Klaus was the one to step up to the plate and give said reply.

Alas, all it amounted to was more bureaucratic run-around. Mr Klaus is clearly proficient in saying much while not saying anything. (He could run for President of the United States if he wanted to.) So, we have a question for you, Dear Reader: Are you still a believer in Santa? ‘Cause in the 21st century, it’s marginal, right?

In other words, we are going to need a lawyer in order to make a legal claim on behalf of Rudolph and his friends. (Could you advise us of a decent animal rights advocate?)
1265542358_ornament

From: M. Klaus/Nicholas
To: #realchristmasombudsman; topdog@realchristmasombudsman.org
Cc: Rudolph the Red-Nosed Reindeer

View original post 708 altre parole

Giorno speciale🖤

Anna & Camilla

Stamattina con il post del buongiorno, avevo accennato che sarebbe stata una giornata speciale e un po’ diversa.

Di solito i miei venerdì sono noiosi e standard, corsetta e poi chiusa in casa a fare le pulizie settimanali con annesse lavatrici.

Bene ieri sera è avvenuto un cambio di programma per oggi, io e Paola/Noir, tra le varie battute nei blog, ci siamo scambiate il numero di telefono.

Stamattina ero eccitatissima nel sentirla. E sapete una cosa? Lo sono rimasta anche dopo averla sentita. Paola ha una voce bellissima, parla a raffica e possiede un’energia mentale travolgente. Sono rimasta spiazzata, non pensavo fosse così, è stata una telefonata meravigliosa, ero curiosa da morire e lei mi ha spiegato tante cose. Nella diversità, perché io e lei siamo il giorno e la notte, si impara tantissimo. L’ammiro sempre di più, prima la stimavo ma oraaaaa…

Grazie Paola, la giornata ha…

View original post 3 altre parole

Piccole Storie d'Amore

io

tu

ferma lì

una barca con le vele spiegate in alto mare

Le lenzuola bianche ti avvolgono

E lì scrivi pagine di vita piena di poesie

Inutili, come i giorni incessanti

Come onde marine che portano via.

tu

così piena d’amore

e ancora sola

Navighi per giorni

senza mai trovar pace

perchè sai

che la pace

come l’amore

non c’è.

Giuseppe La Mura set 2018
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

View original post

Piccole Storie d'Amore

Una vita nascosta,

Sempre di spalle,

Perchè ad affrontarmi non c’è nessuno.

Allora stanno dietro,

A cercar il momento opportuno

Per infierire

Assestare come si deve

Il colpo di grazia.

Una vita nascosta

Perchè gli altri si nascondono

Mica io.

Così tira avanti la mia vita,

Fin da piccolo il destino è stato questo.

Una vita senza copertina

Nè di prima

Nè di quarta.

Una vita nascosta,

Messa in disparte dagli altri.

Rubata

Graffiata

Distrutta

Stracciata

Da capricci di inutili donne.

Una vita inutile,

Deve per forza essere così la mia vita.

Una vita senza prezzo

Perchè senza nè prima

Nè quarta di copertina,

È li che, forse, c’era il mio prezzo.

Giuseppe La Mura lug 2018
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

View original post

#Digressione sulla #Musica Il vero X Factor – A che servono i talent?

Il mondo di PF JOY LOTUS

PREMESSA

Premetto che non sono musicista ne una espertona del settore ne tanto meno una fan del celebre talent show.

Ciò che scriverò qui sotto si basa unicamente su cose che ho sentito dire o letto a riguardo e qualche idea che mi sono fatta guardando saltuariamente spezzoni del programma e ascoltando qualcosina dei poveri cristi passati da lì.
Il tutto dal punto di vista, con un pizzico di ironia, di una appassionata di musica e di tutto ciò che di buono e puro c’è nella musica che ahimè in X Factor non riesco a scorgere con dolore.
Per me la musica è stato letteralmente e senza retorica un salvagente.

DI SEGUITO ELENCHERÒ ALCUNI PUNTI DI DISSENSO

1 – “È una vetrina”: Dunque già con questa affermazione si parte dal presupposto che la musica sia una merce da esporre e quindi da vedere, il che ci può anche stare dato…

View original post 701 altre parole

Un creativo…

Il mondo di PF JOY LOTUS

Non è un vano sognator
fatto d’aria
o di nuvole rosa.
Non vive tra unicorni.
Egli ha visto arcarcobaleni
ma prima ha conosciuto tempeste.
L’artista è il prodotto
dell’inferno sulla terra.
Non è un santo.
È un profano
che si immola
offre pezzi di se stesso
come scudo dal male
per le genti comuni.
Per tutti.
Egli non fa distinzioni.
Non gli interessano
medaglie,
ne conosce già
entrambe le facce.
Non conosce comodità.
Non gli è facile adagiarsi.
Delle proprie mani
conosce il potere,
della libertà conosce il valore,
della propria unicità
conosce la bellezza.

(PF JOYLOTUS)

View original post

Berutti. Forza Italia. Raddoppio IRES alle società no profit, Berutti: “è un attacco spregiudicato, lavorerò intensamente per evitarlo”

Berutti. Forza Italia. Raddoppio IRES alle società no profit, Berutti: “è un attacco spregiudicato, lavorerò intensamente per evitarlo”

Alessandria, 28 dicembre 2018   “Certezze negative per il presente e ipotesi di promesse per il futuro si confermano come preoccupanti direttrici dell’azione di questo Governo anche sugli enti non a scopo di lucro”.

BERUTTI MASSIMO VITTORIO

Lo afferma in una nota il senatore Massimo Berutti (Forza Italia) commentando il raddoppio dell’imposta sul reddito delle società (IRES) decisa dal Governo per gli enti che svolgono attività sociali e culturali, attività con fini solidaristici, nonché nei confronti degli istituti autonomi per le case popolari.

“L’attacco spregiudicato del Governo a realtà che sono la forza del nostro Paese è dannoso in termini di principio, perché mette a repentaglio la sussidiarietà, togliendo risorse a chi svolge attività preziose sui territori, e in termini pratici, perché si raddoppia la pressione fiscale su fondazioni, enti e  associazioni mettendone a rischio la stessa esistenza. Si tratta di realtà che anche nell’alessandrino e nell’astigiano svolgono compiti irrinunciabili per la cui tutela lavorerò intensamente”.

 

Rocchino Muliere Sindaco di Novi Ligure: Ecco i principali obiettivi realizzati e quelli in agenda nel 2019

Novi Ligure: Conferenza Stampa di fine anno

L’Amministrazione comunale di Novi Ligure intende presentare i principali obiettivi in agenda per il prossimo anno e un breve bilancio dell’attività svolta nel corso del 2018. Alla stampa, come sempre, si rivolge un saluto ed un sentito ringraziamento per l’importante ruolo svolto quotidianamente.

rocchino-muliere

«Il nuovo anno si aprirà – sottolinea il Sindaco Rocchino Muliere – con quella che per noi è l’assoluta priorità, ovvero la situazione della Pernigotti. L’8 gennaio prossimo a Roma si svolgerà un incontro durante il quale la proprietà farà delle ipotesi sulla base di quanto proporrà l’advisor, che ascolteremo e valuteremo, nella speranza che possa risolversi positivamente.

Il 2019 vedrà, inoltre, tre importanti ricorrenze legate allo sport: i cento anni dalla nascita di Fausto Coppi, della prima vittoria al Giro d’Italia di Costante Girardengo e dalla fondazione della società calcistica Novese. Celebreremo questi anniversari con la dovuta rilevanza.

Nel mese di gennaio verrà firmato un protocollo d’intesa tra Rfi, Regione Piemonte e il nostro Comune, per la valorizzazione e la riqualificazione dell’area logistica di San Bovo. Questo ha una notevole importanza, dal momento che lo scalo novese potrà diventare un punto di riordino per i traffici provenienti dai vari nodi del sistema portuale ligure, in sinergia con i retroporti e gli impianti ferroviari di supporto esistenti.

Sempre a gennaio, infine, il Gruppo Acos e l’Azienda Open Fiber firmeranno un accordo per portare la fibra ottica a banda ultralarga in tutto il territorio comunale. Successivamente le due società sigleranno la convenzione con il Comune. Da quel momento cominceranno i lavori che partiranno dal centro storico per poi proseguire nel resto della città, comprese le zone periferiche».

  • Lavori pubblici

Tra gli obiettivi del nuovo anno, in previsione diversi interventi, quali rappezzi di buche e marciapiedi, in particolare di via Garibaldi ma non solo, che si realizzeranno grazie all’avanzo di assestamento e la ristrutturazione dei vespasiani, ovvero i bagni pubblici di viale Saffi, che saranno realizzati grazie ad alcuni sponsor e verranno presidiati da un custode. Continua a leggere “Rocchino Muliere Sindaco di Novi Ligure: Ecco i principali obiettivi realizzati e quelli in agenda nel 2019”

La resa dei conti

Il Blog di Roberto Iovacchini

index

Titolo: La resa dei Conti

Autore: John Grisham

Editore: Mondadori

Traduzione: Luca Fusari e Sara Prencipe

“La resa dei conti” è l’ultima fatica di John Grisham, uno dei maestri contemporanei del thriller.

La storia inizia nel 1946 ed è ambientata nello stato del Mississippi. Un agricoltore, Pete Banning, uno dei principali produttori di cotone della zona, cittadino esemplare, eroe di guerra pluridecorato, uccide a sangue freddo il reverendo Dexter Bell della locale chiesa metodista, frequentata da tutta la comunità. La mattina dell’omicidio, Pete è uscito da casa armato, con la determinazione di uccidere Dexter. Nessuno è al corrente di precedenti tra i due che potessero in qualche modo giustificare un gesto di tale portata. Banning dopo l’omicidio si lascia arrestare, è tranquillo, dice che ha fatto quello che doveva e che non ha niente da dire. Non collabora con le autorità e con il suo avvocato per spiegare il motivo…

View original post 338 altre parole

I riti scaramantici per la fine dell’anno

Creando Idee

C’è chi si veste di rosso l’ultimo dell’Anno,che si rimpinza di lenticchie, chi riempie la casa di vischio per non farsi sfuggire l’occasione di un bacio: sono le usanze portafortuna che dovrebbero aiutarci a catturare la buona sorte e convincerla a riservarci un occhio di riguardo. Molte sono usanze antiche delle quali non ricordiamo neppure l’origine, altre sono relativamente recenti e arrivano da Paesi lontani: se siete del parere che “non è vero, ma ci credo!”ecco una carrellata di consuetudini propiziatorie, da tener presenti per ingraziarci la fortuna in attesa del 2019. Perchè, in fondo, provare non costa nulla… A tavola Il cibo raccoglie una quantità infinita di simboli portafortuna e ogni regione d’Italia o Paese del mondo ha i suoi. Eccone alcune Le lenticchie .. Consumate da sole o con il classico cotechino, hanno il compito di propiziare la prosperità e i lauti guadagni. Sarà per la forma che ricorda quella di…

View original post 290 altre parole

I vini giusti per capodanno

Creando Idee

Vini capodanno 2019 Cosa c’è di più importante delle bollicine per brindare all’arrivo del nuovo anno?Un po’ per scaramanzia, un po’ per tradizione, il cenone di Capodanno non può prescindere dall’accompagnamento di un buon vino.Che sia in piazza, con gli amici o con i propri parenti, milioni di bottiglie verranno stappate alla mezzanotte in punto per festeggiare la fine del 2018 e l’inizio del 2019.Se non avete ancora deciso su cosa optare, ecco alcune opzioni da tenere in considerazione. Innanzitutto c’è da dire che la scelta del giusto vino va fatta in base al menù. Un buon accompagnamento infatti esalterà le nostre portate e i loro sapori. Per chi opterà per un menù a base di pesce, come tradizione vuole, meglio puntare su un bianco. In questo caso, per cominciare il lungo cenone, una buona scelta può essere un Prosecco.Se invece volete optare per qualcosa di più originale…

View original post 215 altre parole

Foglio e penna, di Maria Cannatella

Foglio e penna, di Maria Cannatella

Foglio e penna

Foglio e penna ( poesia)

Voglio morire mentre scrivo,
accasciarmi all’improvviso su un foglio bianco, non voglio accorgermi di nulla,
non soffrire in quel momento,
dove la mia anima,
abbandona il mio stanco corpo,
lasciandolo su un foglio.
Così quello sarà il mio ultimo capolavoro,
il più bello, il più apprezzato da voi,
perché sarà l’ultimo ricordo che avrete di me.
Voglio morire con la penna in mano,
solo così io e la penna diventeremo inseparabili, anche nell’aldilà,
ed io continuerò a scrivere solo per voi.
Sarà forse un modo per alleviare la mia morte, quando non ci sarò più,
quando non sarò più presente.
Mi troverò accasciata su un foglio bianco, magari senza aver avuto nemmeno il tempo di scrivere, io da sola con la mia penna tra le dita.
Perché la scrittura fa parte di me,
è nel mio pensiero, nella mia mano,
che scrive liberamente tutte le volte che ne ha voglia.
La scrittura è tutto per me.

Da oltre le apparenze 2017
Prima poesia presentata ad un concorso.
Il Parnaso 2016. Ricevuto attestato di merito
Maria Cannatella @ RISERVATI TUTTI I DIRITTI@.

Ravetti PD. Ora è ufficiale: 648 mila euro per l’Hospice “Zaccheo” di Casale Monferrato

Ravetti PD. Ora è ufficiale: 648 mila euro per l’Hospice “Zaccheo” di Casale Monferrato

La Giunta regionale oggi ha approvato la destinazione dell’utile di esercizio 2017 dell’Asl AL e l’intera somma, 648.000 euro, verrà utilizzata per la sistemazione della struttura casalese.

ravetti-domenico

Leggo con piacere il comunicato stampa dell’Assessore Antonio Saitta che definisce questo “intervento importante e atteso da tempo, che va a sanare una situazione ereditata dal passato Ora l’Asl di Alessandria può immediatamente dare il via alle procedure di gara e quindi di realizzazione dei lavori proseguendo, allo stesso tempo, nella causa per ottenere il risarcimento dei danni nei confronti dei responsabili dell’opera.”

Credo si possa affermare con certezza che durante le prime settimane di gennaio l’ASL potrà attivare le procedure della gara e che i lavori di messa in sicurezza, rinforzo e consolidamento delle fondazioni della struttura, oltre che il recupero igienico – sanitario dei seminterrati, termineranno entro il 2019.

Domenico Ravetti

Capogruppo PD

Consiglio Regionale del Piemonte

…”DE FINIBUS TERRAE”… di Valeria Viva

…”DE FINIBUS TERRAE”… di Valeria Viva

43300282_2092928357704214_9165840563377799168_n

http://www.valeriaviva.it/

…”Pura vermiglia

ombre e fragili figure,

sotto il maestoso noce

captavo esili paure,

floride foglie animavo

il mio vestire,

altalenanti malli

attingevo il mio sentire,

spinose ali d’india,

carpire corposo sapore,

antico progresso filati

trama e tessitura,

ordire spigati lamenti tra

lembi di inevitabile avventura,

elegante sera l’ora solcata,

il tracciare vago cammino,

emblema fiorisce ma

non il destino,

rimane incagliato desio

al vento in balia,

solo sognata

beata terrae mia.

Intervista all’artista Valeria Viva, presto in Abruzzo ospite di Abruzzo Tourism

Intervista all’artista Valeria Viva, presto in Abruzzo ospite di Abruzzo Tourism

da discoveryabruzzomagazine

VALERIAVIVA3-320x333

Valeria Viva

(DAM) Grosseto  – Per la rubrica “News dall’Italia  e dal Mondo”, abbiamo intervistato l’artista Valeria Viva che vive in Toscana nel grossetano.

Valeria Viva sarà appena possibile in Abruzzo, ospite della nostra associazione in un evento, perciò le abbiamo posto delle domande per fare meglio la sua conoscenza.

CHI E’ VALERIA VIVA?

“Sono di origine salentina, provengo da una famiglia numerosa, mamma operaia tabacchina, papà muratore (spesso emigrava per mancanza di lavoro), secondo genita di quattro figlie: Giselda, Valeria,Vera e Lucia. Ho studiato fino alle medie superiori, ho dovuto lasciare il mio sogno sotto un albero del mio giardino,in casa c’era bisogno di lavorare, con il ricamo avevo iniziato fortunatamente con una ditta di Grosseto conosciuta tramite conoscenti, davo lavoro a ..Ruffano…mio paese e limitrofi riuscendo a vivere dignitosamente, cosi invitata a Grosseto per una ospitalità di merito, durante un evento nuziale, ho conosciuto nell’occasione l’uomo della mia vita da 40 anni or sono, passati nella mia dimora maremmana,con attimi lieti, ricordando costante le mie radici. Ho una figlia Elena che adoro”.  Continua a leggere “Intervista all’artista Valeria Viva, presto in Abruzzo ospite di Abruzzo Tourism”

Risveglio, di Roberta Calati

Risveglio, di Roberta Calati

Risveglio

Risveglio

Diversamente uguale
nell’ora di un ricordo
nel sorgere del sole scostando
le parole
issandole come vele
affinché possano ondeggiare
sui colori stropicciati, accovacciati accanto
alla soltudine
plasmando un ricordo
per lenire l’inquieta speranza ,
nell’attesa che quel canto torni

come fosse un inedito
come fosse il primo giorno
come fosse l’ultima notte
come fosse un tempo…
solo cosi saprei dirti…
a che ora?

Nell’ora del risveglio
diversamente uguale

Roberta Calati

DIMENTICAMI, di Ester Mastroianni

DIMENTICAMI, di Ester Mastroianni

dimenticami

DIMENTICAMI

Dimentica la mia imprimitura
se il mio ricordo Ti affligge.
Io non lo farò, ho acquisito il pregio;
sei tu la mia melodica canzone,
il lembo azzurro della mia storia.

Mi hai svelato il mistero accecante:
di carminio fu la vivacità dell’estate
di lacca accesa, era l’acquerello,
e la pietra rovente di terre lontane.

Il mio laico intendimento esplora
il bosco, dai canti eruditi, purificati,
non la sofferenza decantata e imposta.

Perché ascoltare la voce del peccato
se voglio volare leggiadra alla luce
dove l’amore è sempre sacro
e, solo a volte, profano?

***
Forget

Forget my primer
if my memory ails you.
I will not do, I have gained the advantage;
you are my melodic song,
the blue hem of my story.

You’ve solved the blinding mystery:
carmine was the summertime brightness
by burning lacquer, it was watercolor,
and hot stone of distant lands.

My layman understanding explores
the forest, by scholarly songs, purified,
not the vaunted suffering and tax.

Why listen to the voice of sin
if I want to fly graceful light
where love is always holy
and, only occasionally, the profane?

ester@mirella M P

foto web

INCANTO, di Antonella Ariosto

INCANTO, di Antonella Ariosto

Incanto

INCANTO

Come per magia
la fitta nebbia della notte
scompare
e il sole luminoso
il nuovo giorno illumina.

Deserta la città
ancora riposa .

Io no
io non posso riposare
e cammino
piena di pensieri
senza avere una meta
da raggiungere.

Ieri,oggi o domani
nulla cambia.
Mentre scivolo
dentro me stessa
senza trovare appigli.

Incanto
quando per un momento
ritrovo una voce.

Lo spazio di un attimo.

Antonella Ariosto

Minicorso di fotografia emozionale, di Lia Tommi

MINICORSO DI FOTOGRAFIA EMOZIONALE GRATUITO: UN SALTO ALTROVE

Ti sei mai chiesto perché le fotografie dei grandi del 900 emozionano ancora oggi?

L´atteggiamento mentale che mettevano nei loro lavori era basato su cinque principi fondamentali:

I 5 PILASTRI DELLA FOTOGRAFIA EMOZIONALE

Questo minicorso ti porterà ad apprendere gratuitamente uno dei 5 pilastri fondamentali della fotografia emozionale:

FORMA

Vieni a scoprie che cos’è e come trarne vantaggio per le tue fotografie!

UN SALTO ALTROVE: LA FOTOGRAFIA EMOZIONALE

Cosa imparerai

Come funziona la tua mente fotografica che ogni giorno scatta 60.000 immagini e ognuna di queste immagini è legata ai tuoi pensieri

Uno dei 5 pilastri della fotografia emozionale

FORMA

elemento fondamentale per diventare il fotoreporter dell’emozione

A chi è rivolto

A tutti coloro che scattano fotografie con qualsiasi strumento
A fotografi professionisti o per chi lo fa per diletto
A tutte le persone che da una fotografia vogliono emozionare ed emozionarsi

Ma soprattutto a tutti coloro che amano la fotografia

31 GENNAIO 2019

ORE 20.30

DOVE
Circolo Ricreativo Culturale Europa

Via S. Giovanni Bosco, 63, 15121

Alessandria