A Novi Ligure riaprirà presto il Teatro Marenco, di Lia Tommi

Novi Ligure: Nei primi mesi del 2019 a Novi Ligure riaprirà il teatro Romualdo Marenco. Inaugurato nel 1839, e chiuso da 70 anni, il teatro è ormai pronto ad accogliere di nuovo gli spettatori.

I lavori di ristrutturazione iniziati nel giugno 2016 hanno subito una serie di ritardi e rallentamenti per la necessità di adeguare la struttura alle vigenti normative di sicurezza e di risparmio energetico.

Un anno fa, proprio a dicembre, era stata diffusa l’iniziativa :“Adottiamo il Marenco” grazie alla collaborazione tra Assessorato alla Cultura e Fondazione Romualdo Marenco. Il percorso di riacquisizione dello spazio sociale e culturale era iniziato con un progetto di crowdfunding civico per finanziare quella parte residuale di budget al di fuori delle possibilità degli enti coinvolti al fianco dell’Amministrazione Comunale, Mibact e Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria.

Una campagna di “adozione” simbolica di poltrone e palchi del teatro che ha avuto un riscontro estremamente positivo e che fino ad oggi ha permesso di raccogliere 41.500 euro, avviando verso l’ultimazione dei lavori.

Per tutte le persone che si dedicano al volontariato, di Lia Tommi

Noi siamo scintille

che illuminano il buio

della tristezza,

del dolore,

del vuoto,

delle ingiustizie.

Siamo chiamati

a illuminare il mondo

intorno a noi

ad accendere luci

al nostro passaggio

col nostro sorriso,

con la nostra accoglienza,

con il nostro impegno

in ogni progetto realizzato,

in ogni idea diffusa ,

in ogni opera portata a termine,

in ogni ora donata,

in ogni relazione vissuta.

La nostra

è una luminosa missione nel mondo.

Vogliamo brillare

di luce sfavillante.

Buon anno a tutti coloro che illuminano il mondo con la luce della generosità e con la difesa dei valori e delle buone cause.

Lia

L’anno che verrà

Creando Idee

Sta per aprirsi un 2019 pieno di incognite e di aspettative. Ognuno di noi sta tirando le somme dell’anno che si sta chiudendo e qualcuno avrà già pronti dei buoni propositi per quello a venire.La creatività però non conosce tempo e fortunatamente nemmeno la crisi. Immaginare,sognare, non costa niente, ma può dare grandi risultati. Ci saranno nuove cose da sperimentare e da vivere e per questo motivo auguriamo a tutti un anno migliore!Ringraziamo attraverso questo breve post tutti coloro che ci seguono da tempo, quelli che hanno iniziato a conoscerci da poco e quelli che impareranno a conoscerci dal prossimo anno! Per noi il vivere bene, vuol dire anche abitare attraverso soluzioni che soddisfino il proprio modo di essere, i propri bisogni e naturalmente il proprio gusto estetico. A volte bastano i dettagli giusti, quegli elementi che ci comunicano qualcosa e ci fanno stare a nostro agio, che ci fanno…

View original post 161 altre parole

Spunti per la festa di fine anno

Creando Idee

La tavola. Per prima cosa, iniziate dalla tavola.Candele rosse e dorate, ma anche blu o argento, decorano benissimo il tavolo per gli ospiti. Potete disporle sia come centro tavola, ma anche di fianco ai singoli bicchieri, se non sono troppo grandi.Anche un bel centro tavola, fatto sempre di candele, ma anche una ghirlanda andrà benissimo, decora a tema la tavola per la cena. Per stupire i vostri ospiti potreste creare poi dei segnaposto personalizzati, da sistemare dentro al piatto oppure di fianco al bicchiere, da regalare alla fine della cena.Addobbare anche il resto della casa, e non solo la tavola, è l’ideale per ricevere i propri ospiti in una bella atmosfera di festa, splendente e luccicante come è quasi d’obbligo per la notte di San Silvestro. Tuttavia, è bene ricordare che non è sempre indispensabile spendere una fortuna in addobbi e decorazioni, principalmente perché tante decorazioni possono essere…

View original post 141 altre parole

Ciao 2018

Diario di una Zingara

Tempo di bilanci, di buoni propositi e di quasi un anno di blog.

Di bilanci non ne faccio.

E di buoni propositi non ne voglio avere.

Succede sempre che, ogni fine dell’anno, preparo una lista mentale elencando tutto quello che voglio fare o quello in cui voglio migliorare.

I buoni propositi saranno più o meno 100, mica uno scherzo. Il problema è che poi ne realizzo forse 10.

Perché sì: sono incostante e lunatica. Quello che mi entusiasma oggi, mi annoia domani. E mi sveglio con un altro obbiettivo pronto; mentre scelgo la capsula del caffè sto già pensando a qualcos’altro.

Le mie costanti sono poche, ma ci sono. Per fortuna. E sono entrambe bionde: mio figlio e l’anello all’anulare sinistro, come mi ha fatto notare chi mi conosce fin troppo bene.

Ho la scrivania incasinata come la testa, e non parlo dei capelli.

Quindi per l’anno nuovo mi auguro…

View original post 14 altre parole

Il tuo codice postale può influenzare la tua salute

ORME SVELATE

Abstract World Map XL 2 (Peter Nottrott)

Il luogo in cui vivi potrebbe avere un ruolo nel tuo rischio di malattie importanti come malattie cardiovascolari, diabete e cancro. I ricercatori della McMaster University hanno identificato tendenze che collegano fattori di salute e stile di vita come l’accesso al trasporto pubblico, la varietà di frutta e verdura fresca nei negozi di alimentari, i prezzi dei cibi popolari, la disponibilità e i prezzi delle sigarette e dell’alcol e la promozione, o la mancanza di ciò, di cibi sani nei ristoranti. I risultati dello studio, basati su dati dettagliati raccolti nelle 10 province del Canada, sono stati pubblicati oggi sulla rivista Cities and Health. È disponibile una mappa online interattiva per uso pubblico che mostra i dati per codice postale. Hanno scoperto che esistono differenze significative nei fattori ambientali che possono contribuire alla salute, e che queste differivano tra comunità urbane e…

View original post 962 altre parole

Parole.

Memorabilia

Ho deciso di parlarti, sai,

dai binari paralleli delle vite nostre,

ma il tuo treno era lontano

sulla curva d’orizzonte

dove l’occhio s’interrompe.

D’una vita in un amore

non rimane che silenzio,

la quiete della morte

del mio corpo sulla ghiaia.

Disteso a raccogliere parole

immortali come i sassi

che il vento, no, non sgretola,

tanto sono forti.

Con cura le ho scelte,

con forza le ho disposte

sulle curve dei pensieri

per assecondarli

e fare da tappeto

ai brandelli più insicuri

che di me erano rimasti.

E se domani chiederai

come mai non piango più

ti dirò che sono morta

in uno spazio di parole

che vince sugli addii

bruciando i loro vuoti

e regala a chi le ascolta

il sorriso d’un ricordo

ormai a riparo dal dolore.

View original post

Idee scintillanti per capodanno

Creando Idee

Abbiamo pensato al Natale e alle molte varianti per addobbare la casa scegliendo colori, elementi decorativi tradizionali o idee originali legati alla festa in famiglia per eccellenza. Oggi invece vogliamo offrirvi qualche spunto per decorare la casa e la tavola per la festa di Capodanno. Naturalmente regnano l’oro e l’argento, con tanta porporina scintillante. Dai bicchieri per il brindisi ai segnaposto per gli ospiti passando per festoni, ghirlande,candele e luci, tutto quello che potreste desiderare la vostra casa sarà sicuramente ricca di vari addobbi per accogliere al meglio questo nuovo anno Il pandoro e il panettone, classici dolci di questo periodo e tanti altri dolcini golosi non possono assolutamente mancare nel vostro buffet! Allestite un tavolino solo ed esclusivamente per il brindisi di mezzanotte, scegliete una tovaglia color crema o rigata, posizionate dei piccoli orologi da tavolo che vi aiuteranno a tenere d’occhio l’orarioe ovviamente abbondate con bicchieri,

View original post 170 altre parole

Il tunnel

Il Blog di Roberto Iovacchini

index 1

Titolo: Il Tunnel

Autore: Abraham B.Yehoshua

Editore: Einaudi

Traduzione: Alessandra Shomroni

Un ingegnere stradale israeliano, Zvi Luria, ha superato da poco settant’anni quando gli viene diagnosticato un principio di demenza senile. Inizialmente le malattia si presenta in forma lieve e poco preoccupante ma nel giro di poco tempo le cose precipitano e la vita di Luria cambia completamente. Sua moglie Dina, medico pedriata, è più giovane di lui ed ama suo marito in modo incondizionato, non solo con la gentilezza dei modi che deriva dalla consuetudine di una vita passata insieme ma con la tenerezza che solo una donna ancora innamorata di suo marito può dare. Dina convince il marito che per rallentare il progredire della malattia dovrebbe riprendere a lavorare per il Dipartimento dei Lavori Pubblici, dove ha trascorso tutta la sua carriera di funzionario pubblico. Luria inizua a collaborare senza alcuna retribuizione per un giovane ingegnere, Assael Maimoni…

View original post 337 altre parole

Muore, ‘non associare a caso formiche’

Muore, ‘non associare a caso formiche’

Direzione Salute Campania, è diffamatorio. Asl farà denuncia

Redazione Ansa NAPOLI

30 dicembre 2018 http://www.ansa.it/

A letto tra formiche: visita governatore De Luca in ospedale

(ANSA) – NAPOLI, 30 DIC – Secondo la Direzione Salute della Regione Campania “è inesatto e diffamatorio associare il decesso della paziente di 70 anni, originaria dello Sri Lanka” alla vicenda delle formiche” dalle quali era stata invasa mentre era era ricoverata nel reparto di medicina generale dell’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli.

Una denuncia sarà presentata dall’Asl Napoli 1 “a tutela del lavoro svolto dal personale medico sanitario e dell’immagine stessa della Sanità campana, ancora una volta oggetto di strumentali attacchi mediatici”.

La presa di posizione dopo la morte, avvenuta ieri all’ospedale del Mare di Napoli, e “a fronte delle notizie apparse sugli organi di informazione che associano il decesso alla vicenda delle formiche (sulle quali è in corso un’indagine della Procura per accertare la verità dei fatti) e addirittura alla presunta ‘mancanza di cure’ ricevute”.

Rapina a mano armata in villa a Foggia – Ultima Ora. ANSA.it

Un commando di cinque banditi incappucciati e armati con pistole ieri sera ha fatto irruzione nelcircolo privato ‘Burraco team’ a Foggia e ha rapinato i dieci soci che stavano giocando a carte: imalfattori hanno intimato ai presenti di non muoversi e ten… (ANSA)

Sorgente: Rapina a mano armata in villa a Foggia – Ultima Ora – ANSA.it

Addio cotton fioc, saranno banditi in Italia dal 2019: e c’è il divieto di gettarli nel wc. – ilmessaggero.

La plastica, con l’Italia in prima fila. Dal primo gennaio 2019 infatti, nel nostro Paese sarà vietato produrre e vendere cotton fioc non biodegradabili e compostabili, cioè con il bastoncino in plastica. L’Italia è il primo paese nell’Unione europea a bandirli: lo aveva deciso ancora il governo Gentiloni alla fine del 2017, con la sua ultima manovra. I produttori dovranno anche indicare sulle confezioni le regole per un corretto smaltimento, soprattutto il divieto di gettarli nel wc.

Pochi giorni fa la Ue ha deciso di vietare una serie di oggetti di plastica usa e getta, fra i quali i cotton fioc, ma solo dal 2021. Ancora una volta l’Italia si dimostra all’avanguardia nella lotta all’inquinamento da plastiche, dopo aver bandito nel 2011 i sacchetti per la spesa non biodegradabili e nel 2018 i sacchetti per l’ortofrutta… continua su: Addio cotton fioc, saranno banditi in Italia dal 2019: e c’è il divieto di gettarli nel wc

Una ragazzina di 12 anni muore cadendo dal balcone a Voghera. La Stampa

Al momento dell’incidente si trovava da sola in casa. I carabinieri lavorano per ricostruire la dinamica

ANDREA BALLONE VOGHERA

Una caduta, le cui origini sono ancora misteriose, ha causato la morte di una ragazzina romena di 12 anni.

La tranquillità domenicale di via Bellini, strada che si trova nel centro di Voghera, è stata interrotta dalle sirene delle ambulanze che, quando sono arrivate sul posto hanno soltanto potuto constatare il decesso della bambina, che in quel momento si trovava sola in casa e che è precipitata dal balcone.

La salma verrà tenuta a disposizione dell’autorità giudiziaria nei prossimi giorni perchè si possa effettuare l’autopsia. La caduta è avvenuta da un’altezza di dieci metri circa, trattandosi del secondo piano di una palazzina… continua su:: Una ragazzina di 12 anni muore cadendo dal balcone a Voghera – La Stampa

Stamattina a letto… di Dario Ricciardo

Stamattina a letto… di Dario Ricciardo

Stamattina a letto, al termine di una notte di sogni agitati che non hanno però prodotto in me alcuna modificazione che possa interessare un entomologo, rifletto sull’annosa questione tra apparire ed essere e giungo alla parziale conclusione che è una falsa questione o perlomeno relativa.

12243236_10153790918458140_808142549678848740_n

Riprendendo il pensiero di due geni, Martin Heidegger e Hannah Arendt (bella copia, nulla da dire, loro sì che si sono saputi scegliere), noi siamo “gettati” nel mondo – che esiste al di fuori di noi, e non c’è solipsismo o idealismo che tengano – impariamo a conoscerlo sulla base alla rappresentazione che ne facciamo – sulla base delle nostre capacità rappresentative, più correttamente – e nel conoscerlo scopriamo prima di ogni altra cosa la nostra esistenza, perchè per avere consapevolezza di sè è necessario averla di qualcos’altro altrimenti si è un uno indistinguibile, e nello scoprire il mondo come rappresentazione, cioè nel suo apparirci, riconosciamo apparenze che identifichiamo simili a noi, “altri” che si muovono come noi, che vediamo come noi e che quindi immaginiamo provare le nostre stesse sensazioni e avere le medesime rappresentazioni.

Ma anche i loro sentimenti e sensazioni ci arrivano tramite l’apparenza del loro corpo, per mezzo del cambiare delle espressione del viso o gestualità o incedere eccetera. Continua a leggere “Stamattina a letto… di Dario Ricciardo”