Fabio Squeo, conoscenza e libertà. Intervista a cura di Marcello Comitini

Dopo la biografia del  poeta Fabio Squeo che trovate pubblicata a questo link
https://alessandria.today/2018/11/26/il-poeta-fabio-squeo-si-presenta-ai-lettori-di-alessandria-today/
Alessandria today ha il piacere di pubblicarne l’intervista.

Benvenuto, Fabio!
Sono felice d’avere l’occasione di intervistarti e in particolare di presentarti ai lettori di Alessandria today. Loro e io avremo così la possibilità di conoscerti meglio e di conoscere meglio il pensiero di un autore giovanissimo, che dimostra di essere già pienamente inserito nel tessuto culturale italiano.
Ho notato che a ventisei anni hai pubblicato la prima raccolta di poesie. Hai iniziato a scrivere da giovanissimo? E com’è nata l’esigenza di scrivere in versi?

Si, ho pubblicato la mia prima raccolta a ventisei anni;anche se, va precisato, che ho cominciato a scrivere i primi versi all’età di tredici anni. E’ stata la rivelazione improvvisa di un mondo fatto di sensazioni meravigliose, sogni e dolori resi più sopportabili da un dialogo interiore con me stesso. I primi versi scritti erano piuttosto timidi, discreti fino a quando entrai nella convinzione dell’importanza di scrivere poesie. Eppure non mi sono mai definito “poeta”, poiché – secondo il mio modesto punto di vista – ho sempre pensato che la poesia, intesa nel significato più alto e genuino del termine come “creazione, invenzione e composizione”(dal greco poiêsis che attiene a poièô) avesse sicuramente a che fare con Dio e le sue proprietà. C’è tuttavia un dato da non tralasciare: All’età di sedici anni nella mia classe di liceo leggevo le poesie ai compagni, e le declamavo nelle ore di ricreazione: ricordo che il professore di latino fece di tutto per dedicarmi un angolo poetico all’interno del giornalino della scuola. Fui felicissimo.

Esiste un nesso culturale tra te e la città dove vivi? Un nesso che si è forse concretizzato nella fusione di due mentalità (quella della cittadina dove vivi e quella che hai respirato frequentando le Università di Bari e di Lublino) ?

Certo. Trani, la mia città, è stata un rifermento per me. Passeggiavo spesso lungo le vie del porto, della cattedrale romanica e del castello e mi ritrovavo subito con me stesso. Formulavo domande sul senso della vita e sul reale bisogno di rispondere alle domande che accadevano in me e fuori di me. La mia vita mi ha permesso di viaggiare pur restando fermo. I luoghi che visitavo erano cornici di un quadro che in me si costituiva di volta in volta. E ho riscoperto la voglia di viaggiare, di studiare in Polonia, di apprendere una nuova lingua, proprio grazie alla lettura. Perché ho sempre pensato che il miglior viaggio è proprio la lettura, o comunque la letteratura e la filosofia. La Polonia è una terra straordinari. L’ho vissuta e la sto vivendo per motivi di studio: il verde è ovunque e le viole dei campi rigenerano continuamente il mio estro, la mia meraviglia. Continua a leggere “Fabio Squeo, conoscenza e libertà. Intervista a cura di Marcello Comitini”

Alyssa

☆ Pensieri Sparsi di una Psicopatica ☆

C’è stato un tempo in cui scrivere storie per me era una cosa normalissima, adesso è un pò come se fosse un evento. Non vi sto dicendo che è arrivato il momento di festeggiare, anche se forse dovrei. Insomma per una serie di ragioni troppo lunghe da spiegare, in un noioso pomeriggio domenicale ho assecondato chi volesse sapere la storia di Alyssa. Chi è Alyssa? Luuuuunga storia che prima o poi magari vi racconterò.
Prendete il racconto per quello che è: un qualcosa senza arte ne parte di una persona a cui le serate passati a raccontare storie forse mancano un pò.

giphy-2

Fisso il nome comparso sul display del mio telefono. Non posso credere sia davvero lui. Il cuore ha iniziato a battere forte nel mio petto, non riesco a respirare; chiudo gli occhi ed inizio a contare. Perché diavolo non funziona questa volta? Perché non riesco a calmare il…

View original post 749 altre parole

Il morso della reclusa

Parole in libertà Blog di Roberto Iovacchini

index

Titolo: Il morso della reclusa

Autore: Fred Vargas

Editore: Einaudi

Traduzione: Margherita Botto

La vacanza in Islanda del commissario Jean Baptiste Adamsberg viene interrotta da un messaggio che lo richiama al suo lavoro presso il tredicesimo arrondissement parigino. Un caso di omicidio in cui una donna è rimasta uccisa in un incidente provocato dal SUV del marito. Il caso viene risolto velocemente, così il commissario Adamsberg può trovare il tempo di indagare su uno spiacevole caso che sta rovinando la vita ad una sua collaboratrice, Froissy. Il commissario risolve la questione ad insaputa di Froissy a dimostrazione della sua grande generosità. Ma c’è anche il caso di tre uomini anziani ritrovati cadaveri nel sud della Francia, tutti uccisi dal veleno della Reclusa, un tipo di ragno che è pericoloso per l’uomo ma che non può uccidere solo con un morso, ce ne vogliono decine per provocare la morte di una…

View original post 359 altre parole

Curry agre de pollastre

Celler-Adocse

Ingredients:

  • 1 kilo de pollastre
  • 150 gr de ceba,
  • 3 grans d´all,
  • 3/8 de brou d´au

Barreja aromàtica:

  • 1 culleradeta de comí,
  • dues de mostassa,
  • 1 de curcuma mòlta,
  • dues de vinagre blanc,
  • 2 xilis vermell i 2 de verds,
  • 12 fulles de curry

Arròs de coco:

  • 1 coco,
  • 50 gr de ceba blanca,
  • 200 gr d´arròs basmati,
  • oli,
  • sal

Preparació:

Fer aquest arròs de coco és una moguda bestial. Jo us ho explico, però podeu optar per coure l´arròs amb llet de coco (no la que s´usa per cuinar, sinó la que ara ha aparegut pels supers) o potser amb aigua de coco. Aquí et fan batre la polpa del coco (pelat, eh) amb l´aigua que n´ha sortir de dins i amb 400 ml d´aigua calenta. Després et poses a sofregir la ceba, afegeixes l´arròs, l´anacares i ho mulles primer amb 175 ml d´aigua freda i quan bulli amb…

View original post 150 altre parole

Vegan Double Chocolate Chip Cookies

Bibliophiles Café

I was gathering the ingredients for double chocolate chip cookies, when I realised that we were out of eggs. Now, I really wasn’t in the mood to go out and buy them. And as I stood holding the door of the refrigerator, annoyed that I didn’t check if we were out of eggs beforehand, I saw that we had some leftover soy milk. I checked if it was alright, and yes, it was.

I didn’t really plan to make them vegan, but I had all the ingredients and I decided, why not? These cookies are hard on the outside, soft on the inside, and amazingly chocolatey. And one won’t be able to tell if it’s vegan or not. These simple and really easy cookies can be whipped up in about 30 minutes. So roll up your sleeves and get ready to make some Vegan Double Chocolate Chip Cookies with me.

View original post 142 altre parole

Dorul de mama……

News online

M-a sunat aseară mama și mi-a zis că totu-i bine. Are bani, are de toate, doar că-i este dor de mine…
M-a-ntrebat dacă-n străini viața este mai frumoasă, dacă nu mi-e dor de țară, dacă nu mai vin pe-acasă…❤️

Nu, zic, mamă, nu mi-e dor, poate-un pic mi-e dor de tine… dar în rest, la ce să vin? Cine mă așteaptã, cine?
Așa e… a răspuns mama, pe la noi a nins prin sat. Ce frumos… astăzi zăpada peste case s-a-nșirat…❤️

Și am plâns, căci de zăpadă și de iarnă-mi este dor, dar oricum, chiar și așa, amintirile mă dor.
– Nu vin, mamă, pe la voi, stă gunoiul după ușă, iar când vreți să faceți focul, vă mânjiți toți de cenușă.❤️

Apă nu aveți prin case și fântânele-s secate, altfel lumea azi trăiește și așa nu se mai poate…
Mama, tristă, a șoptit: Fă cum știi…

View original post 195 altre parole

Când se transformă consumul de alcool în dependență. „Mă păcăleam că aș mai putea să beau un pahar, două”

News online

Dependenţa de alcool este o boală extrem de greu de tratat în România. Nu există centre gratuite ori programe speciale pentru dependenţii de alcool, susţinute de stat. Astfel, cei cu probmele trebuie să-şi caute singuri sănătatea, la centre private, şi, evident, să plătească pentru ajutor. Doar că 80% dintre pacienţi nu au bani să ducă la capăt tratamentul. Ministerul Sănătăţii recunoaşte că România are o problemă în lipsa centrelor specializate susţinute de stat, dar nu are momentan niciun plan pentru înfiinţarea acestora. Conform Organizației Mondiale a Sănătății, alcoolul este al treilea factor de risc pentru boală și moarte prematură pentru populația generală din Uniunea Europeană.

whiskey bautura alcool
FOTO: Shutterstock

Ionuț are 43 ani. A început să consume alcool în exces când avea 18 ani. Din cauza dependenţei s-a izolat de prieteni şi familie.

Am început să beau foarte mult, cam 5-6 zile pe săptămână, în care consumam alcool în fiecare seară…

View original post 494 altre parole

Bacteriile care ne apără de gripă

News online

Suntem în plin sezon gripal, ba chiar aproape de o epidemie. De ce unii oameni sunt mai vulnerabili în fața gripei și alții mai rezistenți? Ei bine, explicațiilor care se dau de obicei li s-a mai adăugat una: se pare că avem bacterii în nas și în gât care ne pot ajuta să nu luăm gripă. Și mai mult decât atât, ne protejează și de infecții periculoase, cum ar fi pneumonia.

EHEC Outbreak Claims 11 Lives

În nas și în gât avem bacterii care pot veni de hac virusurilor gripale Foto: Guliver/Getty Images

Experţii Universității Michigan au analizat mostre de bacterii prelevate de la peste 500 de subiecți, care nu aveau virusul gripal la începutul studiului. Cu ajutorul secvențierii ADN, au descoperit cinci grupuri de bacterii. După ce au eliminat alți factori, precum vârsta, fumatul sau vaccinarea, au stabilit că participanții cu un anumit tip de microbi sunt mai predispuși să ia această boală de sezon.

Este cale…

View original post 50 altre parole

心 Kokoro!

Kataware-Doki

“Lo senti questo cuore? Beh questo cuore è un po’ isterico, parla solo di te. Lo sento che scoppia quando ti vedo, quando sento la tua voce, quando incrocio il tuo sguardo.

Persino quando sento il tuo nome lui è pronto ad esplodere.

Anche il solo pensarti, immaginarti qui con me, lo fa uscire fuori dal petto. E vorrei donartelo questo cuore, ma sarebbe assurdo, visto che ti appartiene già.”

— Citazione.

View original post

In una selva oscura…. Tra pensieri rotti e collisioni ancestrali.

La mia visione della vita

Alle volte capita che…. ti ritrovi in una selva oscura, che più oscura non si può, sei dentro, sei in trappola e non sai cosa fare…. immobile, tremante e con gli occhi sgranati che ululano terrore, cerchi disperatamente una via di fuga…. ma semplicemente non c’è…. buio pesto, aria rarefatta che non sembra reale, le orecchie sono in ascolto, ma percepiscono soltanto paura e terrore…. un odore nauseabondo risale dalla viscere del tuo essere, ed attira a sé le creature delle notte, che non aspettano altro che banchettare con il tuo corpo, sei disperato, ti metti in ginocchio, appoggi le mani per terra, sei arrivato al capolinea, senti che è la fine, ti arrendi…. lasci il tuo esamine corpo in balia delle tenebre e delle creature al suo servizio…. lacerano, mordono, si azzuffano su di te, ma incredibilmente non senti dolore, come è possibile??

Come posso essere cosciente del dolore…

View original post 236 altre parole

Una soave composizione

La mia visione della vita

Un violino che suona

Una musica che ti cattura

Ti prende per mano

E ti porta via con sé

Si libra in volo come un aquila

Veleggia in terre selvagge

Sopra un immenso cielo azzurro

Gioca con le nuvole

E poi su sempre più in alto

Sempre più musica

Sempre più libera

Una virtuosa sensazione di infinito

Senza catene

Senza l’assillo della mente

Un’emozione di note

Un caleidoscopio di colori

Un’estasi di energia

Tutto racchiuso

In un assolo di violino

Che ti prende per mano

Ti porta a viaggiare

In un tempo senza eguali

In cui puoi percepire

L’essenza senza conflitti

Della vibrazione universale

Di un violino che è la melodia

Della vita che si anima

Di un’autentica magia.

View original post

Il viaggio più bello…

La mia visione della vita

Migliaia di piccoli puntini si danno appuntamento allo spazio porto universale, banchina numero 13789, c’è un viaggio importante da fare, è mattino e il sole inizia a fare capolino, piano piano la banchina comincia ad affollarsi di piccoli entusiasti puntini di luce, fanno conoscenza tra di loro, si stringono amicizie, vengono siglati accordi verbali che da queste parti valgono come contratti vincolanti, poi quando tutti i 788.564 puntini sono arrivati ecco che inizia l’imbarco a bordo della barca celestiale che li porterà a destinazione

Sono momenti concitati, l’entusiasmo è alle stelle, c’è eccitazione tra i puntini di luce, lentamente salgono a bordo della barca, si accomodano sulle accoglienti poltrone a loro destinate e quando tutti sono seduti, cala il silenzio, in questo sacro istante la preparazione mentale è fondamentale per la perfetta riuscita della missione

Inizia il conto alla rovescia, 5, 4, 3, 2, 1, partenza!!!

Il viaggio è bellissimo…

View original post 238 altre parole

Dal buio alla luce

La mia visione della vita

Nel buio ancestrale di una notte che non vuole avere una fine, emerge dalle profondità più recondite della foresta, una forza primordiale, portata alla luce in questa lacerante oscurità dalla causa-primaria in persona, si fa strada nella selva oscura, al suo passaggio le grida disperate delle creature che vivono nella notte, diventano un sussurro quasi impercettibile, temono questa forza, la conoscono fin dall’alba dei tempi, si scansano perché non vogliono essere spazzate via…..

Questa forza ha in sé un’energia che è l’essenza della sorgente, è pura… è devastante nella sua ascesa, è guidata da una mano invisibile, che è la stessa che l’ha creata….

E mentre emerge nell’oscurità, la scia di luce che lascia al suo passaggio, si espande in lungo e in largo, come una stella cometa illumina e conquista gli occhi e i cuori delle persone…. cresce sempre più, diventa fonte inesauribile di calore e bontà…. alla fine…

View original post 82 altre parole