A RICORDO DI UN BEL MOMENTO CULTURALE SUL BUIO E LA LUCE, di Valter Scarfia

Alessandria: Lo scorso 27 dicembre, praticamente lo scorso anno, ho partecipato ad un momento di festa organizzato dall’associazione Colibrì. Si è trattato di un momento di scambio di frammenti di letture che ciascuno ha proposto sul tema del buio e della luce: seguito da un ottimo rinfresco.

Ho avuto modo di leggere, nella circostanza, un minuscolo frammento tratto da un libro di uno scrittore non vedente che conosco. L’autore Roberto Turolla in questo libro “I racconti del buio”, ambienta i suoi racconti al buio appunto, dove i colori, con hanno una valenza così determinante come il resto della letteratura. Mi piace lasciare in questa circostanza alcune parole della sua postfazione.
Blocco: Citazione
Aggiungi blocco
“Gran parte delle persone vedenti forse non ha mai nemmeno immaginato che cosa voglia dire per un non vedente scrivere narrativa. Eppure credo sia davvero importante che se ne parli, affinché le disabilità escano dal recinto delle forme difettose e vengano invece percepite e trasformate in abilità precise, regolate da tecniche proprie. In questo modo i normodotati possono superare un’involontaria o pigra modalità pietistica di rapporto col disabile ed entrare in una piena e completa parità, seppure su territori diversi.
In sostanza è soltanto la conoscenza profonda del mondo dell’altro che cancella, azzera e annulla le distanze, perché se il vedente entra in profondità in relazione con il mio meccanismo compositivo e per così dire osserva la mia mente che si muove alla ricerca di parole che non posso marcare con l’etichetta visiva capirà che, semplicemente, funziono in un modo diverso dal suo, che sono una persona con caratteristiche proprie, anche se diverse dalle sue. In questo modo sparirà ogni forma di pietismo. Molte persone rispetto alla disabilità adottano comportamenti pietistici in buona fede, soltanto perché non hanno strumenti per comprendere che vi sono abilità altre dalle proprie, quindi non sanno come intercettare quel problema che il disabile segnala. Se invece le persone vengono messe al corrente del meccanismo, del motore operativo di un disabile si rendono conto che è semplicemente un altro motore, non che manca il motore”.

Aggiungi blocco
Apri il pannello di pubblicazione
Documento
Blocco (selezionato)
Chiudi impostazioni
Paragrafo
Comincia con la pietra angolare di tutta la storia.
Impostazioni del testo
Dimensione carattere
Font size: Normale

Azzera
Capolettera
Attiva per mostrare una grande lettera iniziale.
Impostazioni colore
Avanzate
Vai al blocco selezionato
Aiuto

Autore: valter scarfia

Comunicazione, cultura, tecnologia. Queste tre parole sono in stretta connessione fra di loro. Per quanto riguarda la comunicazione, abbiamo bisogno di comunicare Per vivere, per stare meglio, per interagire con gli altri. Per fare questo abbiamo bisogno della cultura: Che, specialmente nel mio caso, sono non vedente, è una chiave fondamentale di integrazione. Tecnologia: è la chiave per comunicare a tutti e per fare cultura. A questo dovrebbe servire il mio blog, il canale YouTube, la pagina Facebook, l’account Instagram.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...