Era suo padre. Nel bunker della Storia con Martin Pollack

Zonadidisagio

galizia-3PROVA-COVER-def-cs

Scrivere con tatto e intelligenza di questioni familiari, soprattutto se dolorose e nascoste, è impresa difficile. Riuscire a tenere insieme il piano privato e quello pubblico, in un magico equilibrio formale, è talento di pochi. Si contano sulle dita gli scrittori contemporanei in grado di esplorare i lati oscuri di vicende personali, intime, uscendone con un risultato di valore politico superiore. Martin Pollack, scrittore austriaco, giornalista, slavista raffinato, con la grazia della sua prosa cristallina ci dona un libro che esula da ogni categoria, attraversandone molte. È reportage ed è diario, è raccolta di memorie (al plurale, proprie e di un intero continente) ed è confessione. Il morto nel bunker, dal sottotitolo eloquente, Indagine su mio padre, rientra nel novero di quelle rare pubblicazioni che, senza retorica, devono essere appellate in un modo solo: letture necessarie.

Il padre di Martin Pollack, Gerhard Bast, muore assassinato nel 1947…

View original post 1.614 altre parole

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...