The 100. Day 21 [RECENSIONE FLASH] #2

Il Lettore Curioso

Buona serata lettori! In questi giorni ho letto il secondo volume della saga The 100, della scrittrice Kass Morgan, da cui è stata tratta la serie televisiva omonima. Trovate la recensione del primo capitolo qui.

51ix8lkwtfl._sx332_bo1,204,203,200_Sono trascorsi ventuno giorni dall’arrivo dei cento sulla Terra, inviati dallo spazio per ricolonizzare il pianeta dalla guerra nucleare che lo ha devastato secoli prima. Al loro arrivo i ragazzi si accorgono di non essere soli, alcuni di loro vengono infatti attaccati dai terrestri.

Quando Octavia scompare nel nulla, una delle terrestri, Sasha, viene fatta prigioniera. La maggiorparte dei cento vorrebbe ucciderla, ma Bellamy vuole tenerla in vita e obbligarla a riverlargli dove si trova la sorella. Al tempo stesso Wells cerca di mantenere il gruppo unito e Clarke vuole cercare i coloni.

Sulla stazione spaziale, intanto, l’ossigeno sta finendo e Glass e gli altri superstiti devono lottare per la propria vita.

∼ La mia…

View original post 254 altre parole

Perché proviamo emozioni?

Creando Idee

Le emozioni di base hanno scopi di adattamento molto semplici ma importanti per la nostra sopravvivenza. Per quanto riguarda le emozioni piacevoli gioia, felicità ecc., si può affermare che la descrizione particolareggiata di un’emozione positiva ha la funzione di rafforzare i legami affettivi con le altre persone. Gli studiosi che si occupano di emozioni recentemente hanno ribadito la centralità dell’esperienza emotiva quale “canale comunicativo” privilegiato nei rapporti con gli altri.La funzione adattiva delle emozioni spiacevoli o dolorose paura, rabbia, tristezza ecc., invece, sembra essere quella di “avvisarci” e di descrivere situazioni da noi interpretabili come minacciose anche dal punto di vista psicologico oltre che fisico e quindi di comportarci di conseguenza ad esempio la reazione di paura di fronte ad un pericolo bambino piccolo si avvicina al fuoco o a una pentola di acqua permette di reagire prontamente per evitarlo.Le emozioni sono esperienze che le persone evocano con grande frequenza sia…

View original post 60 altre parole

Antiestetica muffa

Creando Idee

Cosa c’è di più brutto, noioso e antigienico delle macchie di muffa su asciugamani, tappeti o, peggio, sulle pareti? Non desidereremmo mai averci a che fare ma è un problema che capita più spesso di quanto si possa pensare. Prima di tutto in questa stagione quando il tepore della casa calda non invoglia ad aprire le finestre per arieggiare le stanze. Ma è proprio il   calore associato all’umidità e al mancato ricambio dell’aria che favorisce lo sviluppo della muffa. Pertanto, senza volerlo, talvolta siamo proprio noi a produrre la comparsa. Ma è inutile piangere sul latte versato. Una volte che le antiestetiche macchie di muffa si sono formate bisogna intervenire per liberarsene.Il bucato che fatica ad asciugarsi, cassetti e armadi che hanno preso umidità, abiti e scarpe sudate che rimangono troppo a lungo nella borsa dopo lo sport. Tutto questo può provare la formazione di macchie di muffa su abiti e biancheria per…

View original post 165 altre parole

E’ a quest’ora, di Ela Gentile

E’ a quest’ora, di Ela Gentile

e a quest'ora

E’ a quest’ora

Ed è a quest’ora che ancor più forte
sento il profumo antico che mi arriva al cuore
e mi sovviene il ricordo delle tue parole,
presenza costante e amorosa
dolce appuntamento
sollievo e carezza prima della nanna,
giocoso risveglio ad un nuovo giorno.
Stanotte sarò io che ti solleverò
discretamente aprirò il tuo cuore
e ruberò un poco di dolcezza
che tu gelosamente custodisci,
ne gusterò per togliere l’amaro
nel tempo accumulato un po’ alla volta,
ti lascerò carezze in quantità
e prima di dormire ti terrò stretto al petto
per ascoltare i battiti
del mio e del tuo cuore
in un concerto d’estasi infinita
e in un angolo del tuo cuore resterò
per non sentirmi sola.

eg

Beltmap, il Google Maps per non vedenti che permette di essere indipendenti: con riserva!

Riporto una notizia di questa cintura che aiuterebbe i non vedenti a districarsi nel traffico della città. Naturalmente sarebbe tutta da sperimentare e il tono della notizia è, credo, troppo enfatico. Una cintura che emana vibrazioni in sostituzione della guida audio: Beltmappermette di raggiungere qualsiasi meta in autonomia.
È l’equivalente di Google Maps per aiutare ipovedenti e non vedenti a camminare in città. Beltmap riesce, infatti, a risolvere i problemi che chi non vede, o vede molto poco, riscontra con l’audio-guida delle mappe di Google. Grazie a una cintura che emana vibrazioni, connessa all’app per smartphone, l’invenzione di questa startup consente di orientarsi ovunque ci si trovi, mantenendo le mani libere e permettendo di concentrare l’udito soltanto sui rumori dell’ambiente circostante.
Superati i limiti di Google Maps
Se le mappe di Google danno indicazioni poco precise sulla direzione, ma riferiscono soltanto se svoltare a sinistra o a desta, Beltmap fornisce informazioni esatte proprio nel momento in cui si deve cambiare direzione.
“Altro problema sostanziale per un ipovedente o non vedente è rappresentato dal fatto che, seguendo l’audio-guida di Google, l’utente si debba concentrare sulle informazioni fornite dal motore di ricerca, prestando meno attenzione, invece, ai rumori provenienti dall’esterno, per lui essenziali.
Beltmap, avvalendosi di vibrazioni, non implica la necessità di udire messaggi, permettendo di potersi concentrare sui rumori esterni”, rivela a StartupItalia il founder di Beltmap, Francesco Volpi.
Se il cane guida, infine, rappresenta un compagno affidabile e fedele per chi soffre di queste patologie, non è, comunque, in grado di condurre la persona verso mete a lui sconosciute. Beltmap consente, invece, a queste persone di spostarsi in maniera indipendente, in sicurezza.
Come funziona Beltmap
“L’utente, dopo aver impostato la propria destinazione sull’app tramite comando vocale, può riporre in tasca il proprio smartphone. Sarà esclusivamente la cintura, infatti, tramite vibrazione, a guidarlo verso la meta impostata”, spiega il fondatore Volpi. Nello specifico, questa vibrerà, ad esempio, sul fianco sinistro nel momento in cui debba girare in quella direzione (e viceversa), mentre emetterà vibrazioni centrali per proseguire
a diritto. Continua a leggere “Beltmap, il Google Maps per non vedenti che permette di essere indipendenti: con riserva!”

Il cibo selvatico

Creando Idee

La corteccia di tiglio? «Sa di cetriolo». La linfa di frassino? «Sembra una meringa». E che ne direste di un piatto di pasta a base di farina di lichene islandico? Per il prossimo anno, non scordate, poi, di procurarvi un abete che potrete anche mangiare, insaporendo brodi con i suoi gustosi rametti ricchi di vitamina C. Benvenuti nel fiabesco mondo del foraging, che analizza le infinite possibilità del cibo selvatico, comprese radici e cortecce degli alberi. Sostenibilità alimentare radicale, che va oltre il bio e il chilometro zero. La geografia diventa il fondamento della gastronomia; l’ambiente un territorio commestibile da perlustrare; il bosco un luogo da mangiare. E le materie prime spontanee della regione un oggetto di studio delle potenzialità nutrizionali e organolettiche, mentre i sapori parlano della storia del territorio, stimolano la riscoperta di antiche tecniche gastronomiche. Se volete sperimentare un’esperienza diretta e unica, in Brianza si trova…

View original post 46 altre parole

La scrittrice Daniela Carelli si presenta ai lettori di Alessandria today

La scrittrice Daniela Carelli si presenta ai lettori di Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori la scrittrice Daniela Carelli, della quale in seguito verrà pubblicata anche un intervista in esclusiva per il blog a cura del poeta Marcello Comitini.

daniela carelli copia

Daniela Carelli è nata a Napoli e vive a Milano dal 2000.

Laureata all’Accademia di Belle Arti, ama definirsi una “donna multitasking” (polifunzionale).

Creativa a 360° è vocal coach, scrittrice, blogger e cantautrice.

Ha collaborato con artisti quali: Edoardo ed Eugenio Bennato, Peppino di Capri, Audio 2, Bocelli e tanti altri…

Ha scritto canzoni per artisti come Gigi Finizio, Alessandro Safina e Antonino.

E’ vocal coach: insegna canto moderno, tecnica vocale ed emozionale. Suo il metodo originale VoicEmotion®. Continua a leggere “La scrittrice Daniela Carelli si presenta ai lettori di Alessandria today”

Al via MALdARIA, la campagna civica di rilevazione della qualità dell’aria

Al via MALdARIA, la campagna civica di rilevazione della qualità dell’aria

Si intitola MALdARIA l’iniziativa intrapresa da dieci fra associazioni e movimenti  per campionare l’aria della città e costruire una mappa quanto più dettagliata possibile dei quartieri maggiormente soggetti all’inquinamento da traffico veicolare. Stiamo creando una rete per permettere ai cittadini di contribuire a migliorare la qualità dell’aria a livello locale.

al via maldaria

Perché MALdARIA? MALdARIA ci viene ogni volta che respiriamo l’aria di Alessandria. Ma che cosa stiamo respirando, effettivamente?

La prima iniziativa del genere è stata avviata nel 2017 dall’associazione Cittadiniperlaria di Milano. Lo scopo era quello di misurare la presenza nell’aria di biossido di azoto (la cui formula chimica è No2), gas tossico considerato un tracciante dell’inquinamento atmosferico da traffico motorizzato.

Nel 2018 si sono unite all’iniziativa le reti Bastaveleni di Brescia, Ariapesa di Bologna e Salvaiciclisti di Roma. È stata avviata una campagna mediatica su scala nazionale che nei primi giorni di marzo ha portato l’hashtag #no2nograzie ai primi posti tra quelli più utilizzati su twitter. Continua a leggere “Al via MALdARIA, la campagna civica di rilevazione della qualità dell’aria”

NODO DI GENOVA: INTERVENTI DI MANUTENZIONE. NEL FINE SETTIMANA MODIFICHE A CIRCOLAZIONE TRENI 

NODO DI GENOVA: INTERVENTI DI MANUTENZIONE. NEL FINE SETTIMANA MODIFICHE A CIRCOLAZIONE TRENI 

·     sabato 19 e domenica 20 gennaio

·     interessati i collegamenti da Genova per Arquata Scrivia, Novi Ligure, Ovada, Acqui Terme 

societagruppo_trenitalia

Genova, 18 gennaio 2019  

Interventi di manutenzione al binario e alla linea di alimentazione elettrica dei treni a “Quadrivio Torbella”, nei pressi di Genova Sampierdarena. 

Per consentire le attività, programmate da Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) per migliorare le performance dell’infrastruttura, dalle 14.00 di sabato 19 per l’intera giornata di domenica 20 gennaio, alcuni treni regionali da Genova verso Busalla-Arquata Scrivia e Novi Ligure modificheranno gli orari e non fermeranno a Genova Sampierdarena e Genova Rivarolo.

I treni regionali della linea Genova – Ovada – Acqui Terme saranno cancellati tra Genova e Ovada e sostituiti con autobus modificando gli orari tra Ovada e Acqui Terme. Continua a leggere “NODO DI GENOVA: INTERVENTI DI MANUTENZIONE. NEL FINE SETTIMANA MODIFICHE A CIRCOLAZIONE TRENI “

Sono qui, sola. VIVIMI, di Rita Piras

Sono qui, sola. VIVIMI, di Rita Piras

Sono qui, sola. VIVIMI

Sono qui,
sola a pensarti,
a tentare di dimenticare
quella dolorosa parola di nome ”distacco”,
cancellarla per sempre dalla mia mente;
so però che ciò mai accadrà.
Ascoltami quando ti cerco,
vivimi quando non ci sono.
Ti chiedo solo di parlare al mio cuore,
una sola volta e un’altra ancora.
Vivimi attraverso le tue mani,
spalanca i tuoi occhi e guardami ora;
Donami
nelle mie tormentate notti una carezza,
fa’ che io non mi senta più persa.
Soffia ancore nei miei sogni,
allontana da me la nebbia che offusca la tua immagine.
Nelle giornate brulle,
accendi il mio volto con l’immagine del tuo sorriso.
Fammi ancora percepire i tuoi abbracci,
stringimi forte,
non lasciarmi più andare.
Potrò così raccogliere quel drappo che ricopre il tuo viso,
avvolgervi le mani, per deporvi il mio respiro.
Maria Rita Piras

(Im)perfetto.

Memorabilia

Sentivo il mondo addosso

Col suo groviglio di pensieri

Le ali mi ingabbiava

E di fango m’insozzava

Al tentativo d’ogni volo.

Le stelle che bramavo

La luce che sognavo

Eran radici che giù al fondo

Nel buio immaginavo.

Poi un giorno t’ho incontrato

Che cercavi il tuo domani

E ho smesso d’inseguire

Le mie gambe nell’asfalto.

Eri l’ossigeno e il sollievo

Da quel peso sopra al cuore

Un respiro d’aria fina

Di mare e di montagna,

Ancora il tuo braccio

Sulla vetta dei tuoi occhi.

View original post

Non ho paura.

Memorabilia

Non so descrivere

il ghiaccio sulla schiena

il brivido ossimorico

del freddo che si scioglie

sulle tentazioni

seminate dai tuoi occhi

per godere della gioia

d’un incontro fra le fiamme.

Ma di te non ho paura, sai,

né temo l’onnipresenza

delle tue attente ciglia

che vegliano su sogni e perdizioni

prima d’avverare

miracoli di carne

o putredine d’inferno.

Vado a letto

e non ti cerco

mi sveglio

e ti maledico

faccio l’amore

e ti dimentico peccando.

Ora dannami se vuoi

ma non lasciarmi sola

senza l’ancora d’un credo

che mi lascia senza colpa

e mi permette

di sfidare l’insuccesso

dicendo così sia.

Sia fatta la tua volontà,

della mia ricordati domani.

View original post

Come l’attività fisica riduce l’appetito

ORME SVELATE

Risultati immagini per physical exercise saatchi artA Rothko Way to Dive (Arno Bruse)

Vi siete mai chiesti perché l’intenso esercizio rallenta temporaneamente l’appetito? Nella ricerca descritta in PLOS Biology, i ricercatori del College of Medicine di Albert Einstein rivelano che la risposta è tutta nella tua testa, più specificamente il tuo nucleo arcuato. L’autore dell’articolo corre su una pista vicino a casa sua tre volte alla settimana per 30-45 minuti alla volta. Come molti atleti, ha notato due cose sugli allenamenti intensi: hanno alzato la temperatura corporea e ridotto l’appetito per diverse ore dopo. Si chiedeva se alcuni neuroni ipotalamici percepissero un aumento della temperatura e rispondessero al riscaldamento indotto dall’esercizio rilasciando un messaggio di” smettere di mangiare! “. Chiunque abbia subito ustioni o mangiato un peperoncino jalapeño sa che i neuroni sensoriali con i recettori di “rilevazione del calore” (chiamati recettori TRPV1) abbondano nel corpo. Quei neuroni reagiscono al calore fisico e alla capsaicina, l’ingrediente…

View original post 281 altre parole

Pelle

Memorabilia

Guardi lo strato

Di pelle avvizzita

Su sorrisi sinceri

E sogni riposti.

Fiore selvaggio

Seccato di sole

Aneli la pioggia

Che ravviva e ristora.

Gocce di ricordi

Tempestano l’anima,

Cullata dal valzer

Di foglie nel vento.

Danzi leggera

Sull’angoscia di ieri

Che si dissolve

Come brina dagli occhi.

Cresce il passato

Sopra le spalle,

Valigia che ingabbia

Parole già urlate.

Non cambia la pelle

Ma resta la luce

D’un cuore bambino

Che ha ali leggere.

View original post

Ormoni che aumentano la risposta cerebrale al cibo

ORME SVELATE

It’s a Wonderful Life! (lau costantini)

La stagione delle feste è dura per chiunque guardi il proprio peso. Spesso risulta difficile resistere alla vista e all’odore del cibo. Un fattore in questa risposta alla fame è un ormone trovato nello stomaco che ci rende più vulnerabili ai gustosi odori del cibo, incoraggiando l’eccesso di cibo e l’obesità. Una nuova ricerca sull’ormone grelina è stata pubblicata su Cell Reports il 4 dicembre 2018, guidata dal laboratorio del Neurological Institute e Hospital della McGill University di Montreal. Ricerche precedenti hanno dimostrato che la grelina incoraggia il consumo e la produzione di dopamina, un neurotrasmettitore che è importante per la risposta alla ricompensa. Nel presente studio, i ricercatori hanno iniettato 38 soggetti con la grelina e li hanno esposti a una varietà di odori, sia alimentari che non, mentre mostravano immagini neutre di oggetti casuali, cosicché nel tempo i soggetti associavano le immagini…

View original post 294 altre parole

I conservanti alimentari allontanano dall’esercizio fisico

ORME SVELATE

Il fosfato inorganico, un additivo alimentare e un conservante usati fino al 70 % del cibo nella dieta americana, potrebbero contribuire al comportamento ozioso. Non dovremmo consumare più di 700 milligrammi di fosfato inorganico al giorno, ma circa un terzo delle persone ne consumano da tre a quattro volte. Come ogni ingrediente nutrizionale, il fosfato è molto piccolo, ma anche troppo è dannoso.

M at the Gym (Piotrek Gromniak)

L’aggiunta al problema è la mancanza di informazioni sul fosfato inorganico. Guardare le etichette alimentari non aiuterà, infatti attualmente non ci sono mandati o regolamenti per l’industria alimentare per etichettare la quantità di fosfato inorganico nella catena alimentare. Il nuovo studio che descrive gli effetti avversi del consumo eccessivo di fosfato è pubblicato sulla rivista Circulation. Il fosfato è abbondante nella frutta e nella verdura nella sua forma organica, che non causa problemi perché non viene assorbito. Tuttavia, il corpo assorbe…

View original post 454 altre parole

Gocce feconde, i miei primi versi.

Memorabilia

Oggi ho scelto di pubblicare i miei primissimi versi, quelli che hanno segnato l’inizio di un bellissimo percorso fra le parole e dato inizio a nuove avventure, tra cui l’apertura del blog.

Quindi buona lettura a tutti voi, nuovi amici, che siete tanti, nonostante il blog sia molto giovane e poco curato nella veste grafica.

Vi ringrazio per aver scelto di accompagnarmi in questo viaggio, che da sola sarebbe stato comunque bello, ma insieme a voi è diventata una meravigliosa opportunità d’incontro, scambio e arricchimento.

“Gocce feconde”

Trama d’armoniose note

tesse la tua abile mano

sfiorando le corde del cuore,

lieve musica fra le fronde

confonde la malinconia

nel fruscio del vento.

Dolce richiamo d’amore

addensa le nuvole

in un valzer di pioggia.

Gocce come perle

sui tuoi occhi di foresta

lavano il dolore

d’una ferita ancora aperta.

Purezza d’acqua ti feconda

col seme d’esperienza

e su radici di tormenti

View original post 4 altre parole

Influencer

DIALOGHI APERTI

Risultati immagini per influencer

Il mestiere di influencer  cui  molti aspirano, pare sia ” Suggerire una nuova moda, stile di vita “. Il luogo del lavoro degli influencer è ” illimitato/ senza confini / comodamente dal divano di casa / fare la spesa ecc ecc. L’attrattiva luccicante per molti è proprio questa sconfinata libertà, che collabora con un ingente guadagno economico e pubblico. Dunque, chi fa il lavoro di influencer non si trova solo a ” lavorare ” ma anche a guadagnare molto e essere famoso. Tre elementi socialmente fondamentali, per il cittadino di oggi.

Chi fa guadagnare gli influencer?

Da un punto di vista socio educativo, sarebbe interessante  inquadrare il profilo del follower che permette all’influencer di essere chiamato tale.  Il follower è colui che  segue ” un personaggio famoso ” e mette like sul profilo di costui, incrementando guadagni e fama. Come ? Andando ogni giorno, più volte al giorno sul profilo…

View original post 460 altre parole

Riflessioni, di ‎Maria Bartolucci‎ 

Riflessioni, di Maria Bartolucci 

50069623_113687389705332_5708604658482675712_n

Riflessioni.

Desiderare un legame
esclusivo
dona col tempo,
fiducia.

Ma in gioventù
tutto si ferma
a esperienze generiche.

I legami esclusivi
influenzano la nostra
esistenza per la
nostra crescita mentale!

Però con la maturità
sei attratto dalla bellezza della
femminilità.

Con il tempo
comprendi se hai fatto
la giusta scelta.

Hai amato più l’essere
concreto ?
O l’ideale nella sua
armonia perfetta?

Il meccanismo amoroso
è davvero misterioso!

UN’IMPREVEDIBILE CROCIERA, un intrigante racconto giallo di Silvia De Angelis

UN’IMPREVEDIBILE CROCIERA, un intrigante racconto giallo di Silvia De Angelis

UN’IMPREVEDIBILE CROCIERA

Sono amici da molto tempo, ma col passare del tempo si sono perduti di vista.

E’ una comitiva di vecchia data, che nei tempi del liceo e dell’università ha avuto una assidua frequentazione, che ha portato all’avvento di storie sentimentali, litigi, abbandoni, ritorni…insomma come succede nelle migliori famiglie.

crociera

Ora del gruppo sono rimasti loro Luciana e Pino, Paola e Franco, amorevolmente accoppiati e con tanta voglia di vivere. Decidono di incontrarsi a una cena , per ricordare i tempi andati e intrattenere insieme momenti spensierati.

Durante il ritrovo Luciana che è sempre la più intrigante, propone di intraprendere un viaggio ,visto che s’avvicina il periodo estivo ed una bella vacanza non può che riaffermare empatie di vecchia data.

E non c’è niente di meglio che una splendida crociera nel Mediterraneo, visto che la nave offre tantissime distrazioni ed anche l’opportunità di soffermarsi in località diverse.

Sono tutti d’accordo, e per le metà di giugno, salpano dal porto di Genova con una meganave attrezzatissima per l’occasione.

Luciana e Pino sono una coppia sfiziosa, che ama sempre l’originalità, abbinata ad una dose di narcisismo personale, e pensano già, di sfoggiare il loro fare estroso, indossando abiti particolarmente vistosi. Lei è una donna molto affascinante ed affabile, di carattere estroverso…il compagno invece è taciturno. Continua a leggere “UN’IMPREVEDIBILE CROCIERA, un intrigante racconto giallo di Silvia De Angelis”

Mio bene, di Giusy Del Vento

Mio bene, di Giusy Del Vento

Mio bene .jpg

Mio bene
da quando sei partito lontano
si è fermato il vento
Prive dei tuoi occhi
sono passate mille estati
di api d’oro e miele
Il tempo ha imbastito per me
pelle di elefante, nei solchi
scorrono intricati fiumi di memorie
Quando ero una conchiglia e tu
mi vestivi di bisso cardando
e tessendo i raggi del sole
Io intrecciate sul capo portavo
corone di rosmarino e viole
Eri libeccio asciutto, forte
eri profumo
Perfino la tua ombra mi dava riparo
Ora sento soltanto
il buon odore del mare, la notte
lascio la finestra socchiusa
fingo che la bruma sia la tua mano
calda, umida mi accarezza
e non avverte ruvidezze
Domani
metterò lo scialle azzurro
Alla finestra canterò per te
cercando il vento
che la voce mi è giovane ancora

Giusy Del Vento

Uomo di pianura

Il suono della parola

…..Meraviglioso Guido Mazzolini

-Uomo di pianura-

Sono nato di pianura senza chiederlo, respirando il cielo e calpestando il suolo. La mia terra è una spianata uniforme di campi distesi e mozziconi di case, paesi e città che interrompono l’orizzonte, campanili di mattoni e cascine. La nebbia mi avvolge e ogni inverno tutto diventa più incerto. Riesco a intuire il profilo delle cose, mi sento parte di un mondo di pane e cotone. Un po’ di quel grigio mi entra negli occhi e quasi non rimpiango più il sole. Vicoli e strade, braccia e andature padane che ondeggiano. Occhi e passi svelti, spalle grandi di agricoltori, unghie scure di terra e sguardi fondi, abituati a scrutare il cielo prevedendo pioggia. Volti lombardi, carichi di storia e generazioni piovute dal cuore dell’Europa, infilate in questo dito di penisola che s’insinua nel mare. Espressioni di un passato che aderisce al volto come…

View original post 124 altre parole

LEGO

Pensieri sparsi

Chi di voi non ha mai giocato con il Lego? Quando ci giocavo io non c’erano istruzioni da seguire e facevo di testa mia, creando cose strane: mostri con tre  braccia e due teste, omini con gambe lunghissime e una testa molto piccola , grattacieli altissimi che sfidavano qualsiasi legge di fisica, autovetture a tre piani ecc. Erano prodotti lontani dalla perfezione estetica ma la loro potenza stava nel loro essere frutto di un “work in progress” che non aveva una meta precisa. Quando cominciavo c’era solo un’idea che spesso cambiava durante l’esecuzione, si elaborava e cresceva nella mia mente. Del risultato finale non m’importava granchè e subito dopo tutto veniva distrutto; i mattoncini tornavano ad essere utilizzabili per una nuova idea. Eppure l’idea che l’oggetto costruito avesse una vita breve non scalfiva in nessun modo il mio entusiasmo. Forse è giusto pensare che la fase creativa raggiunga la perfezione…

View original post 39 altre parole

100 WORD SKITTLE // Leaking the Dream (Follow-up to Lurking the Dream)

unbolt me

I wasted no time, stepping into the stormwater drain to retrieve the kitten before it drowned. Wind railed at my back, and the first huge drops of icy rain began to plap on the scruff of my neck. I shivered, my foot slipped on the slick ladder, and I fell in.

I flailed momentarily before my head cracked into the sewer wall. The last thing I remember was my face in bloodied water, my scattered manuscript pages, and a title that read ‘Look What the Kitten Dragged In’.

There was a mewl from somewhere in the darkness.

by TETIANA ALEKSINA & TONY SINGLE
© All rights reserved 2018

View original post

Rivalta Bormida: annullo speciale per il restauro di Santa Rosa da Lima

In occasione della presentazione a Rivalta Bormida del restauro al dipinto di Santa Rosa da Lima, Poste Italiane sarà presente con un servizio filatelico temporaneo.

L’annullo, promosso dalla Confraternita San Sebastiano, potrà essere richiesto nella giornata di sabato 19 gennaio dalle 14 alle 19, presso lo stand allestito all’Oratorio della Confraternita, in Via Vittorio Emanuele a Rivalta Bormida (AL).

<!–more–>

Con il bollo speciale sarà timbrata tutta la corrispondenza in partenza presentata direttamente allo sportello temporaneo, dove saranno disponibili le più recenti emissioni di francobolli insieme ai tradizionali prodotti filatelici di Poste Italiane: folder, pubblicazioni filateliche, cartoline, buste primo giorno, libri e raccoglitori per collezionisti.

Il timbro figurato, dopo l’utilizzo nella giornata del 19 gennaio, resterà depositato presso lo sportello filatelico dell’ Ufficio Postale di Novi Ligure (AL), in Piazza De Negri 1, per i sessanta giorni successivi, a disposizione del pubblico marcofilo.

Comunicato stampa di Poste Italiane S.p.A. – Media Relations

Maria Luisa Pirrone

È da molto che ti aspetto, di Giusy Del Vento

È da molto che ti aspetto, di Giusy Del Vento

È da molto che ti aspetto.jpg

È da molto che ti aspetto
avvicinati dobbiamo contare
perché io ho solo due mani
non mi bastano le dita
per calcolare gli anni
i mesi e le ore, i respiri
che abbiamo da vivere insieme
E se non bastano le dita
conteremo gli occhi e le carezze
con riporto di tre, dopo
useremo le ali delle farfalle e poi le stelle
i sassi dei fiumi, tutti i pesci del mare
le parole delle poesie nel mondo
le olive sugli alberi e i venti d’estate
tutti i bambini con l’aquilone
i raggi delle biciclette rosse
gli intrecci di una coperta a tombolo
le sfumature d’azzurro, due volte
i cucchiaini di zucchero dentro i caffè
Quanto sarà lunga la nostra vita?
Quanto breve? So comunque che
la vivremo piena, giusta, luminosa e dolce
ci credi? Tu però mio sole
non stancarti mai di aiutarmi a contare
Giusy Del Vento

Via col vento

ORME SVELATE

La vita non è una scala e non si deve salire su ogni gradino. Posso salirne due alla volta. Posso tornare indietro e ripercorrere quelli che ho saltato. Posso stare ferma su un gradino per un po’. Ogni gradino della scala è una tappa della vita. La scuola, poi il lavoro, poi il matrimonio, poi figli… Non è detto che debba andare sempre così. Come non è mai troppo tardi per capire il proprio talento. Io lo sto ancora cercando il mio talento, chissà dove si è nascosto! nel frattempo moltiplico le esperienze che amo fare con le persone e cioè con le relazioni. Non sono mai stanca, di dialogare, di parlare e di ascoltare. Sarà forse questa la mia attitudine? Forse si. Intanto respiro profondamente, non è stato un bel periodo quello appena trascorso. E come diceva Rossella o’hara nel film Via col Vento “domani è un altro giorno…

View original post 3 altre parole

Le due zittelle – T. Landolfi

Pensieri sparsi

Montale definisce questo racconto “uno dei maggiori incubi psicologici e morali della moderna letteratura europea”.
Landolfi stesso lo ha sempre considerato il suo racconto migliore.
Lilla e Nana vivono recluse in stanze grigie di una grigia casa borghese di una grigia provincia, votate al sacrificio supremo di accudire la madre – padrona, che pur non muovendosi dal letto, decide delle vite di tutti.
Con loro vive anche una scimmia, Tombo, unico elemento di sesso maschile della casa.
Donata dal fratello defunto, le sorelle la accudiscono omaggiando la sua memoria.
Tombo si renderà responsabile di atti innominabili, sacrileghi che le sorelle faticheranno ad ammettere essere stati compiuti da una bestia tanto mite.
Tombo è l’elemento di disturbo nella vita delle due sorelle; scardina, rivolta e mette a nudo l’angustia delle loro fasulle esistenze.
Le gesta di Tombo pongono delle domande a cui le sorelle non possono sottrarsi; la loro immoralità richiederà…

View original post 199 altre parole

Recensione: Adelante Palabra

Anna & Camilla

Si dice sempre che la poesia è il nutrimento dell’anima, io credo che sia proprio così soprattutto quando ti imbatti in Adelante Palabra di Barbara Appiano, pubblicato dalla casa editrice Kimerik. Un libro nato per caso, come mi ha raccontato l’autrice nell’intervista che ho avuto il piacere di farle:

Questo libro nacque un giorno, fui fermata da un vigile urbano che voleva multarmi, ma poi non lo fece, lui parlava di cose ovvie e io cominciai a pensare alla poesia. La poesia è un vigile urbano alternativo, perché non ti multa ma ti incoraggia a viaggiare ad alta velocità attraverso l’immaginazione.

Appena ricevuto il libro, leggo la prefazione e mi rendo conto che non è un libro di poesie come tanti, ma so che mi attenderà dell’altro.

L’autrice ci conduce per mano attraverso i vicoli della comprensione e del ragionamento, nulla è come sembra se non ci si riflette…

View original post 499 altre parole

L’ARTE CONTEMPORANEA

Pensieri sparsi

68cd50df0c641af303fcb2349dc45697

Mi chiedevo il motivo per cui l’arte contemporanea , oggi ,riesca a comunicare solo con una ristretta cerchia di persone appassionate.
Ai più, rimane invisa , o indifferente

Parto dal presupposto che un ‘opera d’arte debba soddisfare un certo grado di leggibilità.
Oggi, più di quanto fosse negli anni 60’ e 70.
Forse in quegli anni c’era lo spazio nei fruitori di venir stimolati da qualcosa che non si comprendeva nell’immediato.
C’era uno spazio interpretativo da colmare e in quello spazio il fruitore diventava protagonista, anche sognando un mondo diverso .
Chi osservava un’opera , si esprimeva nel suo movimento verso la comprensione dell’opera .
Oggi, questo spazio è colmo di multiple offerte che vengono fruite , spesso , attraverso l’immediatezza del piacere visivo.
Non c’è spazio e volontà di approfondire, perché lo spazio è colmato da un ‘accessibilità illimitata a diverse forme di comunicazione immediata.
La scelta , in…

View original post 305 altre parole

I beni confiscati sono COSA NOSTRA: nuovo appuntamento di Libera Idee a Sale (AL)

Nell’ambito delle iniziative regionali di Libera Idee Piemonte (14-20 gennaio 2019) sulla percezione
del fenomeno mafioso e corruttivo, sabato 19 gennaio, alle ore 11, davanti al Municipio di Sale (AL), in via Manzoni 1, flash mob di sensibilizzazione per il riuso sociale dei beni confiscati alle mafie (Legge 109/1996).

In Piemonte le unità immobiliari confiscate sono in totale 151. Le particelle catastali complessivamente
classificate sono 483:
• 114 destinate e riutilizzate
• 44 destinate ma non riutilizzate
• 325 confiscate definitivamente e in gestione all’ANBSC (Agenzia Nazionale per
l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalita organizzata).

Il tempo che intercorre tra la confisca e l’assegnazione ha la durata media di 1925 giorni, oltre 5 anni.

Dati alla mano, si evince che il Piemonte è la settima regione per numero complessivo di particelle
catastali confiscate, la seconda nel Nord Italia dopo la Lombardia, ma nonostante l’alto numero di
confische, la percentuale di quelle destinate e riutilizzate si attesta circa al 18%, percentuale che
colloca la nostra regione all’ultimo posto in Italia per riutilizzo sociale dei beni.

Un brutto segnale che richiede subito una mobilitazione e una presa di coscienza diffusa. Continua a leggere “I beni confiscati sono COSA NOSTRA: nuovo appuntamento di Libera Idee a Sale (AL)”

INTERVISTA A GASTONE DI PAOLA: cantante lirico, baritono di fama internazionale (a cura di Izabella Teresa Kostka).

INTERVISTA A GASTONE DI PAOLA: cantante lirico, baritono di fama internazionale (a cura di Izabella Teresa Kostka).

1. I.T.K.: Benvenuto Gastone, è un immenso piacere poter parlare con Lei. Ho avuto la possibilità di ammirare la Sua possente voce a Milano, durante un recital lirico tenutosi presso Palazzo Cusani nel 2017, rimanendo affascinata dall’intensità dell’interpretazione e dalla Sua grande personalità artistica. Ormai Lei regna sui palcoscenici nazionali ed internazionali da anni, ottenendo ovunque grandi plausi, meritati successi e tanto amore del pubblico. Qual è stato il percorso che ha condotto i suoi passi verso le rive del canto lirico? Come è approdato a questo non facile ma tanto affascinante mondo? Si ricorda ancora il suo debutto?

G.D.P.: Intanto grazie a lei per la cordiale ospitalità e per i complimenti.
Il mio percorso artistico inizia da lontano. Già da adolescente il mio mondo fu pervaso di musica avendo fondato delle rock band di cui ero naturalmente il cantante. Durante un concerto nel pubblico era presente una corista della Scala che alla fine dell’esibizione mi disse, che la mia voce sarebbe stata eccellente per il canto lirico. Così terminati i sogni di gloria del fanciullo e incoraggiato da quella che sarebbe poi diventata mia moglie, iniziai lo studio della lirica ed eccoci qua. Naturalmente ricordo perfettamente il mio debutto. Anzi i miei debutti. Infatti ci sono stati due inizi nella mia carriera. Il primo come voce di bassobaritono, perché la mia prima insegnante pensava che fosse quella la mia tessitura e debuttai nel “Don Giovanni” mozartiano poi, dopo una serie di ruoli tipici del bassobaritono, venni sentito da un grande baritono che mi suggerì il cambio di corda. Fu così che debuttai nella “Boheme” come Marcello. Un ruolo che adoro e che mi diverte tantissimo fare.

2. I.T.K.: È considerato uno dei più incisivi e possenti baritoni verdiani di oggi, ma nel Suo ricco repertorio troviamo tutti i più bei personaggi lirici che si possa immaginare. Il suo talento e la sua voce permettono di spaziare con disinvoltura tra Madama Butterfly, Cavalleria, Boheme, Traviata, Trovatore e molti altri. Quale personaggio Le è più caro? In quale ruolo si identifica di più? E, al contrario, qual è per Lei quello più ostile e difficile da interpretare?

G.D.P.: Personalmente ho adorato tutti i personaggi che ho cantato. Nel recitar cantando ci sono due tipi di difficoltà. Quella tecnica e quella scenica. Per quanto riguarda la prima sono tutti ugualmente complessi, anche se alcuni sono certamente più stancanti, perché canti di più. Rigoletto ad esempio è più stancante di Traviata. Poi c’è la scena e qui le cose si fanno dure perché i personaggi devono essere credibili e sicuramente uno dei più complessi è Scarpia dalla Tosca. È un personaggio incredibile. Perfido ma strisciante. Lascivo ma nobile. Iracondo ma con cambi di umore repentini. Un vero caleidoscopio di stati d’animo. Quello che invece non amo moltissimo è Tonio dei Pagliacci, a parte naturalmente “il prologo” che è una romanza stupenda. Naturalmente adoro tutti i ruoli verdiani. Verdi ha scritto per il Baritono pagine di musica memorabili. Comunque il ruolo più ostico è sicuramente quello che non ho ancora cantato. Per noi cantanti lirici ogni nuovo ruolo è un debutto con tutte le insidie e le ansie che ne derivano. Continua a leggere “INTERVISTA A GASTONE DI PAOLA: cantante lirico, baritono di fama internazionale (a cura di Izabella Teresa Kostka).”

Non è così che doveva essere oggi, di Giusy Del Vento

Non è così che doveva essere oggi, di Giusy Del Vento

non è così che doveva essere oggi

Non è così che doveva essere oggi
Avrei voluto indossare
il sorriso migliore
bere lentamente il primo caffè e
alle sei del mattino, cominciare a farmi bello
Curare la barba
una goccia del tuo profumo
Indossare la camicia di lino azzurra
Avrei scambiato due parole
con Anghelos sul vento di marina
prima che corresse
a suonare le campane per noi
Un salto dal fornaio
per i panini al sesamo che ami
per la notte
Avrei stretto la mano agli amici
celando malamente la fretta e la gioia
Ricevuto pacche sulla spalla
e tutti gli auguri di lunga vita
salute e figli
E tu come tutte, dovevi arrivare in ritardo
ma poco
Perché anche tu eri impaziente
di sorridermi e dirmi sì
con gli occhi prima che con le parole
Ecco … Così doveva essere oggi
E invece niente caffè
ma ho curato la barba
indossato il tuo profumo e la camicia azzurra
ho evitato Anghelos e il fornaio
Solo sono qua, dietro la fontana di pietra
a guardare di nascosto la chiesa
e i tuoi genitori che ti piangono morta
Mio infinito …
Come possono questi miei occhi vedere
se sono morto anche io

Giusy Del Vento

UICI:Nasce una nuova struttura per studenti universitari ad Alessandria

Nasce una nuova struttura per studenti universitari ad Alessandria

L’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti (UICI) – Sezione di Alessandria, grazie al generoso contributo economico consegnato dal prof. Santo Bello in memoria della moglie scomparsa prof.ssa Franca Ricci, ha potuto ristrutturare un proprio immobile in uno stabile d’epoca sito in via Aspromonte 32.

uici img_20190117_123639uici img_20190117_115825uici img_20190117_122125

In comune accordo si è deciso di allestire una moderna residenza destinata ad ospitare fino a cinque studenti universitari, offrendo in tal modo alla città di Alessandria una nuova struttura disponibile per coloro che si recano a studiare presso la sede alessandrina dell’Università del Piemonte Orientale.

Ieri, giovedì 17 gennaio, l’UICI ha inaugurato la struttura alla presenza delle autorità cittadine, dei soci e collaboratori dell’UICI stessa, dei conoscenti ed amici del benefattore. Nell’occasione è stata scoperta una targa commemorativa, posta all’interno della residenza, a voler mantenere simbolicamente vivo l’impegno a favore dei giovani da parte della prof.ssa Franca Ricci.

La gestione della nuova struttura è stata affidata all’agenzia Nuova Marengo Immobiliare (via Gramsci 47/49 tel. 0131 44 20 95) che provvederà alla locazione della stessa.

FIT CGIL –  FIT CISL – UIL TRASPORTI SCIOPERO NAZIONALE di 4 ore il 21 Gennaio 2019

FIT CGIL –  FIT CISL – UIL TRASPORTI SCIOPERO NAZIONALE di 4 ore il 21 Gennaio 2019

Sciopero contro la modifica dei Tempi di Guida e Riposo

Il prossimo 22 gennaio il Parlamento Europeo in Commissione Trasporti Europea voterà lintesa del Consiglio dei Ministri dei Trasporti sul Mobility Package

autobus

La Nostra Sicurezza è A RISCHIO.

L’approvazione della proposta di modifica del regolamento in questione comporterebbe:

per gli AUTISTI di AUTOBUS, e MEZZI PESANTI (Camion):

1. Dovranno guidare per 3 settimane consecutive con solo 2 giorni di riposo (attualmente guidano 2 settimane con 3 giorni di riposo)

2. Gli autisti di Mezzi pesanti, Autobus su lunghe percorrenze dovranno trascorrere il fine settimana nei loro veicoli


3. Liberalizzare il trasporto di persone a lunga percorrenza senza alcuna regola, cancellando in un solo colpo il trasporto pubblico extraurbano.

Dobbiamo fermare ogni modifica del regolamento che prevede la possibilità di distribuire in modo squilibrato i tempi di guida con i tempi di riposo, con un allungamento dei tempi di lavoro nelle prime tre settimane,

Il che significa impattare in modo diretto sulle condizioni di lavoro: meno riposo uguale più lavoro, più difficoltà nel recuperare, meno concentrazione, meno sicurezza per i lavoratori e per gli utenti.


Per queste motivazioni scioperiamo!

AMAG Mobilità
Personale Vi
aggiante e connesso
dalle 10:00 alle 14:00

Impianti Fissi ultime 4 ore del turno

Visitabile solo parzialmente la Gipsoteca di Casale Monferrato

Visitabile solo parzialmente la Gipsoteca di Casale Monferrato

Casale Monferrato: Si comunica che, in seguito a un guasto all’impianto di riscaldamento, a partire da domani, giovedì 17 gennaio, sarà solo parzialmente visitabile la Gipsoteca Bistolfi mentre si potrà visitare regolarmente la Pinacoteca.

gipsoteca1

Per il fine settimana, da giovedì a domenica, tutti gli interessati alla visita al complesso del Museo Civico (del quale fa parte la Gipsoteca), potranno farlo acquistando il biglietto di ingresso a prezzo ridotto.

Il Museo osserva i seguenti orari: giovedì dalle ore 8.30 alle ore  12.30 e dalle ore 14.30 alle ore 16.30 – venerdì, sabato, domenica e festivi: dalle ore 10.30 alle ore 13.00 e dalle ore 15.00 alle ore 18.30.

È regolarmente visitabile negli orari di apertura del Museo – con lo stesso biglietto di ingresso – l’esposizione Carlo Vidua. Una vita in viaggio, dal Monferrato all’Estremo Oriente (1785-1830). Nel contesto dell’esposizione la prossima attività in calendario è, per domenica 20 gennaio alle ore 16.30, una visita accompagnata alla mostra a cura del personale del Museo.

Per partecipare è necessaria la prenotazione: 0142/444.249 – 444.309 cultura@comune.casale-monferrato.al.it.

Luca Brondelli di Brondello: Dalla città dei Campionissimi parte il ciclo delle Assemblee di Zona di Confagricoltura Alessandria

Dalla città dei Campionissimi parte il ciclo delle Assemblee di Zona di Confagricoltura Alessandria

Nella mattinata di giovedì 17 gennaio presso l’Ufficio Zona di Novi Ligure di Via Pietro Isola, 22 si è svolta la prima Assemblea di Zona dell’anno di Confagricoltura Alessandria.

ass tavolo assemblea zona noviass muliere e brondelliass pubblico assemblea zona novi

Al tavolo dei relatori erano presenti il presidente provinciale Luca Brondelli di Brondello, il presidente della Zona di Novi Ligure Giorgio Massa, il direttore provinciale Cristina Bagnasco e il direttore di Zona di Novi Ligure Tiberio Quattordio.

Dopo l’introduzione di Massa, che ha ringraziato la struttura per l’operosità che presta quotidianamente e la base associativa per la condivisione degli argomenti e gli spunti di lavoro, vi è stato il saluto del direttore provinciale Cristina Bagnasco, alla sua prima esperienza alle assemblee zonali in questa nuova veste.

Il Direttore ha ricordato che il continuo contatto e lo scambio di idee sono necessari per far crescere l’organizzazione. Ha poi sottolineato il ruolo di Confagricoltura, che consiste nella rappresentanza e nella tutela delle imprese agricole attraverso l’azione sindacale e i servizi erogati.

In seguito il direttore di Zona Tiberio Quattordio ha dapprima presentato due nuovi assunti presso l’Ufficio Zona e poi avviato le votazioni per eleggere alcune cariche tra cui il Consiglio di Zona di Novi Ligure per il triennio 2019-2021.

Sono stati eletti i consiglieri: Marcello Ghiglione, Enrico Lovigione, Giorgio Massa, Andrea Quaglia, Ezio Vescovo, Andrea Tacchella, Angelo Zerbo. Continua a leggere “Luca Brondelli di Brondello: Dalla città dei Campionissimi parte il ciclo delle Assemblee di Zona di Confagricoltura Alessandria”

Pubblico impiego: grande affermazione della FLP che incrementa di oltre il 25% il suo dato di rappresentatività

Pubblico impiego: grande affermazione della FLP che incrementa di oltre il 25% il suo dato di rappresentatività

Roma, 17 gennaio 2019 – Pubblico impiego: grande affermazione della FLP – Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. Nel maxi comparto delle funzioni centrali (che ha accorpato ministeri, agenzie fiscali, parastato e agenzie di sicurezza e trasporti) la FLP conquista ben due posizioni diventando il quinto sindacato del comparto, lasciandosi alle spalle Usb e Confintesa.

flp_rappresentativita_aran

L’accertamento di rappresentatività pubblicato oggi dall’Aran – Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni evidenzia il costante trend di crescita della FLP nei comparti funzioni centrali e Presidenza del Consiglio dei Ministri. “Un ottimo risultato – ha dichiarato Marco Carlomagno, segretario generale della FLP – soprattutto in quanto negli enti pubblici del parastato non avevamo iscritti nel 2017 al momento dell’accorpamento nel comparto funzioni centrali, non essendo mai stata presente come FLP in quelle amministrazioni”.

Secondo Carlomagno, “stando ai numeri attuali che già oggi la FLP vanta nell’ex comparto EPNE, con più di un migliaio di nuovi iscritti, è probabile e non velleitario pensare che al prossimo accertamento di rappresentatività la FLP possa guadagnare ulteriori posizioni, tenuto conto che è di gran lunga il sindacato che ha migliorato in assoluto il proprio risultato rispetto gli altri sindacati”.

Ufficio Stampa FLP Alessandria e Asti Gallo Stefania Sede di Alessandria: Corso IV Novembre 59 15121 Alessandria (Al)

VENDITA DI 4 ALLOGGI IN VIA SACCAGGI – “CONDOMINIO ITALIA” 

VENDITA DI 4 ALLOGGI IN VIA SACCAGGI – “CONDOMINIO ITALIA” 

Tortona: E’  pubblicato sul sito istituzionale dell’Ente all’indirizzo www.comune.tortona.al.it l’avviso pubblico finalizzato all’alienazione degli ultimi 4 appartamenti di proprietà del Comune di Tortona, in Via Saccaggi – Condominio Italia.

tortona-ex-caserma-passalacqua-municipio-copia.jpg

Dopo la vendita dei primi 6 alloggi, l’Amministrazione Comunale intende  sollecitare l’interesse ad istaurare trattativa privata per l’acquisto, nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, di uno o più di questi appartamenti trasferiti, nel 2009,  dall’Agenzia del Demanio, in proprietà al Comune di Tortona e che erano stati realizzati, negli anni ’50, dallo Stato per dare ospitalità ai cittadini italiani divenuti profughi nel secondo dopoguerra.

Gli interessati possono presentare manifestazione di interesse ad istaurare trattativa privata, nelle modalità previste dall’avviso ed utilizzando l’apposita modulistica che dovrà pervenire in busta chiusa, all’Ufficio Protocollo del Comune di Tortona entro e non oltre le ore 12 di giovedì 31 gennaio 2019.

Ristrutturazione Chalet Castello – affidamento lavori.

Ristrutturazione Chalet Castello – affidamento lavori.

Tortona: A breve inizieranno i lavori di ristrutturazione dello Chalet, che insiste nell’area del Parco del Castello, identificato da tempo quale sede delle politiche giovanili  e importante punto di aggregazione intergenerazionale per la Comunità tortonese, approvati dalla Giunta Comunale ed affidati a fine anno.

13174092_477999802389210_3154102657999390703_n.jpg

La ristrutturazione interesserà la porzione originaria dell’edificio, risalente agli anni ’60, che necessita di opere edili e adeguamenti impiantistici.

In particolare, grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona, che ha destinato 95.000,00 euro a questo intervento, si procederà alla ripassatura generale degli oltre 500 mq di copertura con riparazioni localizzate del manto e anche dei cornicioni di legno, ai consolidamenti statici del locale cucina e della tensostruttura – palco, al ripristino dei controsoffitti, cartongessi e alla tinteggiatura dei locali.

E’ inoltre prevista la modifica di serramenti da fissi ad apribili, oltre che l’istallazione di nuovi impianti di climatizzazione ed elettrici.

“Grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona – dichiara l’Assessore ai Lavori Pubblici Davide Fara – riusciremo presto a recuperare la piena funzionalità dello Chalet Castello, dove sono previsti interventi non solo di manutenzione edile, ma anche progettualità attente all’efficientamento energetico”.

Clint Eastwood: Una 44 Magnum per l’Ispettore Callaghan

Clint Eastwood: Una 44 Magnum per l’Ispettore Callaghan

Una 44 Magnum per l’Ispettore Callaghan. Il mito di Clint Eastwood non tramonterà mai…

Clint.jpg

Una “44 magnum” per l’ispettore Callaghan (1973) Il poliziotto è il sospettato numero uno. Un film di Ted Post con Mitchell Ryan, David Soul, Hal Holbrook, Clint Eastwood, Tim Matheson, Kip Niven, Robert Urich, Felton Perry, Maurice Argent, Margaret Avery. Genere Poliziesco durata 124 minuti. Produzione USA 1973.

Un tenente di polizia dai metodi sbrigativi sospetta che gli autori di un assassinio, effettuato a scopi politici, si trovino tra gli agenti. Un tenente di polizia dai metodi sbrigativi sospetta che gli autori di un assassinio, effettuato a scopi politici, si trovino tra gli agenti. Ottenute le prove, con uno stratagemma risale fino al capo e lo elimina. Scritto da Milius e Cimino.

Ogni uomo deve conoscere i propri limiti.

di ultimoboyscout

Secondo capitolo della saga incentrata sul personaggio del durissimo Ispettore di Polizia: l’azione si svolge sempre a San Francisco, dove un gruppetto di uomini sta facendo piazza pulita di criminali che riescono a farla franca di fronte alla Legge. Callaghan sospetta che siano delle reclute della Polizia a ucciderli. Continua a leggere “Clint Eastwood: Una 44 Magnum per l’Ispettore Callaghan”

Nino Nemo (Augusto Foglietto) si presenta ai lettori di Alessandria today

Nino Nemo (Augusto Foglietto) si presenta ai lettori di Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori la biografia del poeta e scrittore Nino Nemo.

44311454_171274697156929_3454324037327519744_n.jpg

Nino Nemo biografia

Nino (Mottalciata 1942), nome d’arte di Augusto Foglietto, poeta e scrittore, vive a Mottalciata. Ha pubblicato diverse opere letterarie: Senza frontiere (1989), Soffio d’eco (1990), Patemi (1990), Un amico (1990), Acqua di luna (1992), Caboclo (1993), Graeca (1994), Estasi e nemesi (1995),Umiliati (1998), Una luce (2000). È incluso in diverse antologie letterarie nazionali e straniere plurilingue ed in Dizionari per le scuole superiori ed universitari. Socio fondatore dell’Associazione Culturale Biellese e promotore del Concorso letterario biennale Trofeo “Orso di Biella”. Ha conseguito numerosi premi in concorsi letterari.

Sulla produzione letteraria di N. hanno scritto, tra gli altri: R. Bailini «È poesia, ricca di naturalezza e di autenticità, è poesia di cielo, di terra e di mare, di sentimento individuale e cosmico. Nei suoi versi si nota la ricchezza dei sentimenti da cui scaturisce la sua poetica, la quale sgorga con spontanea freschezza a nobiltà di accenti, soffusi di accorata malinconia.»; G. Bava «…il poeta che vive nell’ombra il suo desiderio di luce, il poeta che dalle delusioni riesce a trarre pensieri d’amore e, dal vento che bisbiglia tra le foglie, cori d’angeli, un autore di poesia vera in un mondo di gente che scrive versi.»; Continua a leggere “Nino Nemo (Augusto Foglietto) si presenta ai lettori di Alessandria today”

ORSO DI BIELLA, di Nino Nemo

ORSO DI BIELLA di Nino Nemo

Giugn 2002

http://www.biellaclub.it

Giugno

Di quella pietra
l’occhio nel buio
scruta incontri furtivi
dietro i cespugli
sulle panchine rare;
passi affrettati
si rincorrono anonimi,
indifferenti, seri,
sparendo oltre le strisce
tra le colonne fredde.

Candide mani di bimbi
sollevano spruzzi delicati
per labbra ridenti,
incantate, innocenti.
Vocianti studenti
lanciano caldarroste,
d’acqua allegri cartocci;
tracce senza pudore,
mozziconi, aghi, cartine:
i sogni senza un’alba
di troppi imberbi allucinati
da vane speranze di morte;
volontà inconcludenti,
reietti mendicanti.

Miserie ed acciacchi
da tempo l’Orso di pietra
con un discorso limpido
racconta a dei sordi.
Due sorsi alla fontana
come bacio di sollievo;
brulica vita ancora intorno
a Biella gelida Orsa,
poche impronte restano
nel tempo sconvolgente..

NINO NEMO

– POESIE Art Café 2001-2010, Nino Nemo |

Francesca Piovesan, SARA’ L’ESTATE

Francesca Piovesan, SARA’ L’ESTATE

sarà l'estate

SARA’ L’ESTATE

Sarà l’estate
a rompere gli argini
del desiderio caldo
nelle notti insonni
fra sciami di stelle.
Saranno le tue mani
a dirmi che esisto
sulla pelle che odora
di spuma di mare.
Ancora insieme noi
nelle alterne maree
della vita.

Francesca Piovesan è nata a Venezia e si è laureata in Lettere all’Università Ca’ Foscari. Abita a Pordenone e insegna in una scuola secondaria di secondo grado. In poesia ha pubblicato “Una vita, tante vite” (Ladolfi, 2015). La poesia che abbiamo pubblicato è tratta dal suo secondo libro di versi pubblicato sempre con Ladolfi nel 2016, “La sospensione dei pensieri”.

foto  http://poesia.blog.rainews.it/