Quaderni per una responsabilità pedagogica, di Katarzyna Beata Marciszuk

di Fabio Squeo

BIOGRAFIA

Katarzyna Beata Marciszuk nasce in Polonia, a Hrubieszow nel 1971. Laureata in Pedagogia presso l’Università Cattolica di Lublino. E’ saggista, recensore, e traduttore letterario. È mamma di due maschietti: Jakub e Jozef.

Katarzyna Beata Marciszuk

Quaderni per una responsabilità pedagogica, di Katarzyna Beata Marciszuk

quaderni 47268869_646785215715895_4246970160293871616_n

Premessa

L’essere umano è la pietra miliare della sua esistenza; è altresì il fondamento morale di una realtà in cui non vi è spazio per una identità rimediata e acquisibile mediante lo schermo delle convenzioni. La ricerca pedagogica di Katarzyna Beata Marciszuk è tutta qui: si tratta di una teoresi dai toni semplici, efficaci, denunciatari, senza travestimenti, laddove il nucleo problematico è da rintracciare proprio nella costellazione delle osservazioni che ruotano intorno alla incapacità dell’uomo di cogliere i pericoli derivati dalla società del consumo, della multimedialità e del bieco formalismo.

La raccolta di saggi I quaderni per una responsabilità pedagogica intende recuperare un essere umano il quale non si riconosce più nella facoltà di gestire le proprie aspettative di vita associativa e personale. L’uomo della multidisciplinarietà, della multimedialità, ha ceduto le proprie realtà, le proprie aspirazioni: più che agente si sente agito ed incapace di cogliere in sé ciò che veramente lo salva e lo realizza.

Resta tuttavia una profonda fiducia nell’Uomo nuovo e nella sua sempre rinascente possibilità di progettare il proprio destino contro ogni sorta di condizioni e di situazioni alienanti e disabilitanti.