Vivere bene le emozioni

Creando Idee

Per vivere bene con le nostre emozioni, per poterle gestire e quando necessario controllare dobbiamo prima di tutto imparare a identificarle e accettarle. Non serve a niente dirsi “non voglio essere arrabbiato” se la rabbia sta ormai serpeggiando dentro di noi, e non serve neppure chiudere gli occhi di fronte a una passione se questa ormai ha messo seme in noi e ci sta trainando dove vuole lei. E poi? E poi l’emozione va vissuta, non c’è via di scampo. Quello che può cambiare è il ritmo, il tempo e lo spazio che vogliamo dare all’esperienza. Se un’emozione è piacevole non c’è nessun problema a lasciarsi avvolgere e trasportare e durerà finché durerà. Spesso poco, perché le emozioni sono intense ma se vissute si dissolvono rapidamente. Ci sono invece emozioni che se ignorate e represse o, al contrario, espresse senza alcun freno, possono fare male, a se stessi e agli…

View original post 229 altre parole

Manifestazioni commemorative per il Giorno della Memoria ad Alessandria, di Lia Tommi

27 GENNAIO 2019
“GIORNO DELLA MEMORIA”

Programma delle manifestazioni commemorative previste per lunedì 28 gennaio
PIAZZETTA DELLA LEGA E PIAZZALE DEPORTATI EBREI
ore 9.30 – Piazzetta della Lega
Le delegazioni degli studenti delle scuole cittadine insieme alle Autorità, ai Rappresentanti delle confessioni religiose presenti in Alessandria e alle Associazioni Combattentistiche e d’Arma, si riuniranno presso Piazzetta della Lega

Saluto delle Autorità:
Antonio Apruzzese, Prefetto di Alessandria
Gianfranco Cuttica di Revigliasco, Sindaco della Città di Alessandria
Gianfranco Lorenzo Baldi, Presidente della Provincia

Deposizione della corona d’alloro in ricordo delle vittime della Shoah davanti alla Sinagoga

Lettura dei nomi dei deportati alessandrini morti nei campi di sterminio, a cura della prof.ssa Paola Vitale, Rappresentante della Comunità Ebraica di Torino – sezione di Alessandria

ore 10.15 – Corteo di trasferimento al Carro della Memoria
Il corteo seguirà il seguente percorso:Piazzetta della Lega, Via dei Martiri, Piazza della Libertà palazzo
Municipale e Palazzo della Provincia e della Prefettura, Via Mazzini, Spalto Marengo, Piazzale Deportati Ebrei (area verde compresa tra Via Scassi e Piazzale Berlinguer, zona Pacto).

ore 10.45 – Carro della Memoria
Ingresso delle Autorità e dei rappresentanti degli Istituti scolastici di Alessandria
Accensione del Braciere della Memoria
Intervento del prof. Agostino Pietrasanta, referente del progetto “La Shoah conosciuta dalle Chiese cristiane”, promosso dalla Provincia di Alessandria e rivolto agli Istituti Superiori del territorio, a. s. 2018/2019
Riflessioni sulla Shoah a cura dei rappresentanti degli studenti alessandrini

Si segnala che, a cura dell’Isral, previa prenotazione all’indirizzo didattica@isral.it, sono previste l’apertura e la visita del Carro della Memoria, ogni mercoledì del mese di febbraio, dalle ore 09.00 alle ore 12.00

PIAZZA MAFALDA DI SAVOIA
in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte – Ufficio IV – Ambito Territoriale di Alessandria Asti
ore 11.45 – Cerimonia di commemorazione delle
vittime femminili della deportazione nazifascista presso il monumento a Mafalda di Savoia

Un grande evento dedicato alle spose al Ristorante La Grattarola, di Lia Tommi

Quargnento: Leonarda Nada Nuovo di NadaNuovoHauteCouture, e Paola Muscarella, del Ristorante “La Grattarola” , il 17 febbraio, dalle 15,30, unite per un grande evento dedicato alle spose che vogliono realizzare il Grande Sogno “Matrimonio da Favola” .

“Matrimonio da Favola” e non solo…creati da un Grande Team di professionisti del settore.Un evento che condurrà i protagonisti in un vero e proprio percorso guidato all’organizzazione del “Matrimonio da Favola” come lo hanno sempre sognato.Durante l’evento sarà premiata colei che scriverà la frase d’Amore più bella.

Nada e Paola due donne molto intraprendenti le quali sposano lo stesso sogno, lo stesso obiettivo…”Rendere felici gli Sposi e non solo” poiché si occupano anche di Grandi Eventi come: battesimo, cresime, prime comunioni, diciottesimi, cene aziendali…tutti eventi creati a tema.

“Innamorarsi è raro, ma non difficile. La vera impresa è conservare quel sogno d’amore anche dopo la trasformazione in realtà. Perché se incontrarsi resta una magia, è il non perdersi la vera Favola. NadaNuovo”.

L’ evento si terrà presso il Ristorante La Grattarola, in via Quargnento 9, Alessandria

604793cc-bde0-4397-8616-1373de0337341703563207.png

Omaggio alla Callas al Teatro Civico di Gavi, di Lia Tommi

Gavi Ligure: IL TEATRO CIVICO DI GAVI CELEBRA MARIA CALLAS CON LO SPETTACOLO ‘L’ULTIMA MEDEA’ SABATO 26 GENNAIO ORE 21

Il Teatro Civico di Gavi celebra la grande Maria Callas con uno spettacolo nato dalla collaborazione di più associazioni del territorio. L’ULTIMA MEDEA è frutto del lavoro dell’associazione Commedia Community (Teatro della Juta) con L.A. School Of Arts, arricchito dalla regia di Luca Zilovich (Officine Gorilla).
Appuntamento per SABATO 26 GENNAIO alle ore 21 con le arie cantate dalla soprano ANNALISA FERRARINI e la storia della vita avventurosa dell’ultima vera diva, narrata dall’attrice SIMONA LISCO.
Insieme a loro sul palco il L.A. Chorus, che accompagna le arie, e i musicisti dell’Ensemble Cameristico dei Nuovi Archi Novesi, formati da Alessandra Molinari al violino, Luisa Corsini al pianoforte, Adriano Cancro al violoncello.
Tra le arie più famose ascolteremo Casta diva, Vissi d’arte, Brindisi e Addio del passato dalla Traviata.

La narrazione emozionante di SIMONA LISCO racconterà le vicende biografiche della goffa e grassoccia ragazza di origini greche Maria Anna Cecilia Sofia Callas, che incanta tutti con la sua splendida voce ma ha decisamente un aspetto poco adatto al palcoscenico. In pochi anni però l’anatroccolo diventerà cigno, conquistando il suo posto nell’Olimpo della Lirica.
L’attrice Simona Lisco, milanese, collabora da qualche tempo con l’Associazione Commedia Community. Ha frequentato a Milano la scuola di mimo e di recitazione presso “Quelli di Grock”. E’ specializzata nel Teatro per ragazzi, mimo e teatro di strada, ma nella sua carriera ha spaziato dalla commedia dell’arte ai classici, al cabaret.

La soprano ANNALISA FERRARINI, è nata a Reggio Emilia. Ha studiato Canto al Conservatorio di Parma, dove si è laureata con 110/110 e lode. Ha approfondito i suoi studi con vari cantanti di livello internazionale come Roberto Scandiuzzi, Fiorenza Cedolins, Renato Bruson, Chris Merritt. Ha ha vinto il 1° premio del prestigioso Concorso Lirico del Teatro Lirico Sperimentale Belli di Spoleto. In qualità di solista, esplora sia l’opera lirica che la musica vocale da camera. In questi anni ha cantato per il Teatro Comunale di Ferrara, il Teatro Sociale di Trento, il Teatro Regio di Parma, il Teatro Politeama Greco di Lecce, il Teatro Lirico Sperimentale Belli di Spoleto, l’Orchestra Sinfonica di Sanremo, il Teatro Comunale di Modena, il Ravenna Festival, il Festival dei Due Mondi, il Teatro Grande di Brescia, i Teatri di Piacenza e l’Arena Sferisterio di Macerata e con l’orchestra Toscanini di Parma

La stagione del Teatro Civico di Gavi è a cura del Comune di Gavi e dell’Associazione Culturale Commedia Community, ed è sostenuta dalla Fondazione CRT, così come quella del Teatro della Juta di Arquata.

INIZIO SPETTACOLI ORE 21. Biglietto posto unico € 10.
Prenotazioni telefoniche al n. 345 0604219 oppure teatrodellajuta@gmail.com

VENDITA BIGLIETTI LA SERA STESSA DELLO SPETTACOLO A PARTIRE DALLE ORE 20 PRESSO IL TEATRO CIVICO DI GAVI.
(Prevendite presso il Comune di Gavi al numero 0143-642913).

Stagione realizzata con il sostegno di: In collaborazione con:

Teatro Civico di Gavi, via Garibaldi, Gavi
Info e prenotazioni: 0143-642913 – http://www.comune.gavi.al.it
Commedia Community 345.0604219 – teatrodellajuta@gmail.com
Commedia Community 345.0604219 – teatrodellajuta@gmail.comellajuta@gmail.com

Corso di teatro per bambini e ragazzi, di Cristina Saracano

Arquata Scrivia: OPEN DAY CORSI DI TEATRO PER BAMBINI E RAGAZZI
SABATO 2 FEBBRAIO LEZIONE DI PROVA GRATUITA
PRESSO LA SCUOLA DI DANZA “FIOCCO ROSSO” DI ARQUATA
Quando delle strade si incrociano succede sempre qualcosa di speciale.
Dall’incontro tra l’asd Il Fiocco Rosso, Il Teatro della Juta di Arquata e le Officine Gorilla di Alessandria, nascono i corsi di Teatro per bambini e ragazzi a partire dai 7 anni.
Sabato 2 febbraio, dalle 16 alle 17.30 presso il CENTRO DANZA IL FIOCCO ROSSO i giovani aspiranti attori potranno provare gratuitamente una lezione con i docenti Luca Zilovich e Michele Puleio – che stanno conducendo con successo anche i corsi per adulti di Arquata e Gavi -, e decidere poi se iscriversi ai corsi.
Una delle cose che si dice di un corso di recitazione è che, in molte lingue del mondo, il verbo recitare coincide con giocare. Questo perché il teatro è un gioco di squadra, basato sul dialogo e la relazione continua. Come in ogni gioco, le regole vanno scoperte pian piano, per essere rispettate o superate per arrivare alla meta finale: lo spettacolo!
Per avere maggiori informazioni si può scrivere a teatrodellajuta@gmail.com o chiamare il 3450604219.
Luca Zilovich, attore, drammaturgo e regista, è riconosciuto come uno dei più talentuosi artisti della provincia alessandrina. Ha diretto, per citare alcuni suoi lavori, Love Date, Riportami là dove mi sono perso e La Bisbetica Domata, quest’ultimo proprio per la Compagnia Teatro della Juta.

Michele Puleio, attore delle Officine Gorilla, tra le altre esperienze formative, si è recentemente diplomato presso la Scuola annuale di perfezionamento “Shakespeare School”, diretta da Jurij Ferrini. È il protagonista di spettacoli come Love Date e Riportami là dove mi sono perso e della pluri-premiata web serie Su Marte non c’è il mare.
Appuntamento sabato 2 febbraio dalle 16 alle 17.30 presso il Centro Danza Il Fiocco Rosso, in Via Roma 120 ad Arquata Scrivia.
Associazione Culturale Commedia Community
Via San Giovanni, 15 – Arquata Scrivia (AL)
http://www.teatrodellajuta.comteatrodellajuta@gmail.com – Mob.: 3450604219

Visita guidata Mostra Vidua

Casale Monferrato: Mostra Vidua: sabato 26 gennaio visita guidata
Sabato 26 gennaio alle ore 16,30 è prevista nel calendario delle attività della mostra “Carlo Vidua. Una vita in viaggio dal Monferrato all’estremo Oriente” una nuova
visita guidata.
L’iniziativa, curata dal personale del Museo Civico (gestito dalla Cooperativa Solidarietà e
lavoro) avrà il costo di 2,50 euro oltre al biglietto d’ingresso (che comprende, oltre alla mostra Vidua anche Pinacoteca e Gipsoteca Bistolfi).
Sarà una nuova occasione per ammirare i numerosi oggetti, libri e documenti che il conte Vidua raccolse durante i tre lunghi viaggi intorno al mondo all’inizio dell’Ottocento e scoprire curiosità sul suo modo di viaggiare, sulle motivazioni che lo spinsero a raggiungere l’estremo Oriente e sulla sua tragica fine.
Per partecipare alla visita guidata è necessaria la prenotazione: 0142/444.249 – 444.309
cultura@comune.casale-monferrato.al.it. Maggiori informazioni possono essere trovate al link http://www.comune.casale-
monferrato.al.it/museo-vidua. Casale Monferrato, 21 gennaio 2019

Notti che nessuno sa -Francesca Noschese

Ci sono notti passate fuori
altre vissute dentro.
La notte è mia complice
a volte la aspetto.
Quando il giorno si fa pesante
e dentro notte è già
ma soli non si può stare.
Momento davvero mio.
Il letto, il silenzio.
I miei film più fantasiosi.
Segreti confessati alle stelle
con la mente.
Dormire è quasi peccato a volte.
Altre chi lo sa…
Forse
la conversazione continua in sogno.

3308563_s

Red Note: ci vediamo giovedì 24 gennaio!

Red Note: ci vediamo giovedì 24 gennaio!

RED NOTE 2018/2019 Giovedì 24 gennaio 2019

Donatello D’Attoma Trio,

“Oneness Tour”

Donatello D’Attoma – pianoforte

Alberto Fidone – contrabbasso

Enrico Morello – batteria

red note 1a 48429614_937510529779035_5287526301006036992_ored note 1aa 10302102_298555177007910_4104575934815124184_n

ONENESS è il nuovissimo progetto del pianista e compositore Donatello D’Attoma che vede la partecipazione del batterista Enrico Morello ed del contrabbassista Alberto Fidone.

La formazione nel 2018 si è già esibita in alcuni dei migliori club italiani come il Panic Jazz di Marostica (VI) , il Centro Musica Unisono di Feltre (BL) , il Gregory’s Jazz Club di Roma e sarà nuovamente in tour per presentare in anteprima le composizioni che faranno parte del nuovo album del pianista pugliese, il quarto dopo il lavoro in piano solo – Shemà ( Alfa Music, 2016) premiato dalla rivista Jazzit tra i migliori jazz album del 2016.

Dopo il conseguimento del diploma in Organo e composizione organistica al Conservatorio di Monopoli (BA) e la laurea in Musicologia presso la Facoltà di Musicologia di Cremona, inizia un intenso percorso di formazione sul jazz dapprima a Cremona con Roberto Cipelli in seguito, a Torino, con Dado Moroni, Furio Di Castri ed Emanuele Cisi. Continua a leggere “Red Note: ci vediamo giovedì 24 gennaio!”

VANDALIZZANO UN VETRO A BORDO TRENO DENUNCIATI DALLA Polizia di stato

VANDALIZZANO UN VETRO A BORDO TRENO DENUNCIATI DALLA Polizia di stato

La Specialità è sempre in prima linea nel contrasto del fenomeno di danneggiamenti a bordo dei treni, come dimostra l’attività posta in essere anche nel primo pomeriggio del 12 gennaio u.s. , quando, pochi minuti prima dell’arrivo nella Stazione di Novi Ligure del treno Genova Brignole – Torino Porta Nuova, veniva segnalato alla Polfer, la presenza a bordo di alcuni ragazzi con un cane al seguito che, avvalendosi del martelletto “frangi vetro di emergenza”, avevano rotto un finestrino del convoglio ferroviario e creato allarme fra i passeggeri.

Digital StillCamera

Personale di Specialità, recatosi al binario in concomitanza con l’arrivo del treno, dopo aver accertato l’accaduto unitamente al Capotreno, eseguiva, anche attraverso la testimonianza di alcuni viaggiatori, una dettagliata ricostruzione del fatto delittuoso; il tutto con la massima professionalità, senza far maturare ritardi al convoglio o disagi ai viaggiatori.

Pochi giorni dopo l’evento, il personale del Posto Polfer di Novi Ligure, con l’ausilio delle immagini dei circuiti di video-sorveglianza, riusciva ad individuare i responsabili del danneggiamento che, rintracciati, venivano condotti in ufficio e di seguito segnalati all’ A.G. per danneggiamento.

Trattasi di due ragazzi italiani, uno 18enne e l’altro di 15enne, residenti nell’alessandrino, con precedenti penali per reati contro il patrimonio e la persona, deferiti alla Procura di Alessandria ed alla Procura per i Minori di Torino per danneggiamento.

Dalla ricostruzione della vicenda fatta dagli agenti, parrebbe che entrambi i giovani, come da essi stessi dichiarato, abbiano agito per noia e futili motivi.

L’INFINITO, di Giacomo Leopardi, recensione di Elvio Bombonato

L’INFINITO, di Giacomo Leopardi, recensione di Elvio Bombonato

Sempre caro mi fu quest’ermo colle,
E questa siepe, che da tanta parte
Dell’ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando, interminati
Spazi di là da quella, e sovrumani
Silenzi, e profondissima quiete
Io nel pensier mi fingo; ove per poco
Il cor non si spaura. E come il vento
Odo stormir tra queste piante, io quello
Infinito silenzio a questa voce
Vo comparando: e mi sovvien l’eterno,
E le morte stagioni, e la presente
E viva, e il suon di lei. Così tra questa
Immensità s’annega il pensier mio:
E il naufragar m’è dolce in questo mare.
   

Giacomo_Leopardi_Morelli.jpg                           

Per lungo tempo  i critici credettero che l’Infinito fosse una lirica di sentimento.  Con la lettura dello “Zibaldone”  si scoprì invece che, come sempre in Leopardi, prima viene il concetto e poi il sentimento . La poesia infatti  ha una matrice sensistica (Binni): i sensi interessati sono due:  la vista e l’udito, Il correlativo oggettivo che muta la prospettiva è la siepe, la quale prima impedisce la visione dell’infinito e poi, tramite il rumore del vento, coinvolge l’udito. 

Nello” Zibaldone” (12/23 luglio 1820)Leopardi teorizza la “veduta ristretta”:  “Alle volte l’anima desidera  una veduta ristretta e confinata, così immagina ciò che non vede. . La cagione è il desiderio  dell’infinito, perché allora in luogo della vista lavora l’immaginazione e il fantastico sottentra al reale. L’anima si immagina quello che non vede e va errando in uno spazio immaginario”.    La poesia infatti è divisa esattamente i due parti, staccata dall’emistichio del v.8, spaccato a metà, preceduto dai 7 endecasillabi della vista, e seguito dai 7 endecasillabi dell’udito.                                   Continua a leggere “L’INFINITO, di Giacomo Leopardi, recensione di Elvio Bombonato”

Secondo Open Day all’Istituto di Istruzione “Vinci – Migliara”

Secondo Open Day all’Istituto di Istruzione “Vinci – Migliara”

Si è tenuto nella giornata di domenica 20 gennaio il secondo Open Day all’Istituto di Istruzione “Vinci – Migliara”, che ha aperto le proprie porte a genitori e figli delle scuole medie inferiori, in visita per conoscere i docenti e scoprire le aule dello storico istituto alessandrino.

sec napoli-peluso-forlinisec image2sec image1

Grande attesa per il laboratorio di chimica che, come preannunciato dai giornali della provincia di Alessandria, ha presentato esperimenti con gli alimenti e con le tabelle nutrizionali, guidando i ragazzi alla scoperta di un’alimentazione sana e consapevole. Un occhio alla tavola e uno al cielo, con lo studio delle costellazioni grazie agli smartphone, che diventano veri e propri strumenti didattici grazie all’app SkyMap.

Vinci-Migliara come luogo di apprendimento, certo, ma anche come possibilità di farsi strada nel mondo del lavoro: è il caso, ad esempio, di Francesca Napoli e Arianna Peluso, ex studentesse dell’Istituto che hanno spiegato ai ragazzi come la gita dello scorso anno a Budapest, realizzata dal Vinci con il gruppo Stat Viaggi di Casale Monferrato, abbia permesso loro di trovare un’opportunità lavorativa proficua ed interessante, proprio con la stessa agenzia che aveva accompagnato le classi. Continua a leggere “Secondo Open Day all’Istituto di Istruzione “Vinci – Migliara””

Autostrada Asti-Cuneo, Berutti (FI): “si completi l’opera con coerenza. Di Maio e Toninelli smettano di fare il gioco delle tre carte sulla pelle degli italiani”

Autostrada Asti-Cuneo, Berutti (FI): “si completi l’opera con coerenza. Di Maio e Toninelli smettano di fare il gioco delle tre carte sulla pelle degli italiani”

massmo berutti

Roma, 21 gennaio 2019 – “L’autostrada Asti-Cuneo va completata al più presto, con un iter coerente e in modo da massimizzare il vantaggio per il territorio”. È quanto dichiara il senatore Massimo Berutti (FI) commentando le indiscrezioni secondo cui sarebbe intenzione del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti completare l’Asti-Cuneo abbandonando il progetto già autorizzato. “Il continuo gioco delle tre carte che Toninelli e Di Maio stanno facendo con le grandi opere non è più sopportabile. Sull’Asti-Cuneo c’è un progetto al quale si è giunti anche grazie al lavoro degli eurodeputati italiani, primo fra tutti il collega e amico piemontese Alberto Cirio, che mette in capo ai privati la realizzazione di un’opera fondamentale per il territorio. Ora, Di Maio e Toninelli vogliono cambiare le carte in tavola con un percorso diverso che non spiegano come sarà finanziato e che porterà in capo ai cittadini il reperimento di risorse che avrebbero messo imprese private. Siamo di fronte a pura improvvisazione. Mancano visione, coerenza e capacità decisionale. Invece di lanciare dichiarazioni, slogan e proclami a vantaggio di un elettorato del “no”, è tempo che la componente pentastellata del Governo si metta all’opera per il bene del Paese che lavora e che crea lavoro”.

Assunzioni al Comune di Alessandria: cinque nuovi bandi di concorso per assunzioni a tempo indeterminato

Assunzioni al Comune di Alessandria: cinque nuovi bandi di concorso per assunzioni a tempo indeterminato

Il Comune di Alessandria ha attivato alcune procedure di selezione pubblica per esami per l’assunzione  a tempo indeterminato delle seguenti figure professionali:

  • 2 posti di Agente di Polizia municipale (cat. C1)
  • 1 posto di istruttore servizi informatici (cat. C1)
  • 1 posto di specialista amministrativo e di supporto (cat. D1)
  • 1 posto di specialista servizi tecnici (cat. D1).

I bandi saranno consultabili e scaricabili disponibili dal sito del Comune di Alessandria (www.comune.alessandria.it)

Alessandria_Panorama.jpg

La presentazione delle domande, previa valutazione dei requisiti previsti da ciascun bando, sarà possibile nei trenta giorni successivi dalla pubblicazione dei bandi sulla Gazzetta Ufficiale.

Partiamo con questi nuovi bandi di assunzione che consentiranno la copertura di 5 posti all’interno dell’organico dell’Amministrazione Comunale – ha commentato l’assessore al Personale, Monica Formaiano -. La ricognizione dei fabbisogni di personale per il triennio 2018-2020 ha evidenziato diverse criticità: attualmente si contano 572 dipendenti, ma il personale si sta riducendo. Sono stati molti i pensionamenti in questi anni, considerata l’età media del personale piuttosto elevata, e non è stato garantito il turn over. Avevamo iniziato già nel 2018 con l’indizione di procedure di mobilità fra Enti per la copertura dei posti vacanti che non hanno dato esito positivo; a seguito di ciò abbiamo avviato queste procedure concorsuali  che consentiranno l’assunzione di cinque nuove figure a tempo indeterminato, tre per la categoria professionale C che richiede il diploma di scuola superiore per l’accesso e 2 per la categoria professionale D che richiede il diploma di laurea per l’ammissione.

Verosimilmente i bandi saranno pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale entro questa settimana e dalla pubblicazione decorreranno trenta giorni per la presentazione della domanda di partecipazione”.

Bambini e natura: meno stress e problemi comportamentali

ORME SVELATE

Lo stile di vita della città è stato criticato per essere un motivo importante per cui i bambini vengono disconnessi dalla natura. Ciò ha portato a uno stile di vita malsano per quanto riguarda il gioco attivo e le abitudini alimentari. Ancora peggio, molti bambini piccoli non si sentono psicologicamente bene – sono spesso stressati e depressi.

Children in Nature (Kevin Sweeney)

Il 16% dei bambini in età prescolare a Hong Kong e il 22% in Cina mostrano segni di problemi di salute mentale. Ricerche recenti dimostrano che trascorrere del tempo in natura può portare molti benefici alla salute, e molti programmi ambientali in tutto il mondo stanno cercando di ridurre il “deficit della natura” e la “disconnessione dalla natura nei bambini” al fine di migliorare la salute dei bambini. Ad esempio, l’OMS, al fine di monitorare l’attuazione dell’impegno della Dichiarazione di Parma di fornire a ogni bambino l’accesso a…

View original post 427 altre parole

Uno sfogo.

Memorabilia

Sempre mi sono chiesta che parte avessi

in quello stupido gioco di ruoli che è la vita.

Io non volevo, sai, essere qua né altrove,

io volevo solo essere libera di essere.

Stronza, stupida, intelligente,

demoscristiana, liberale, comunista,

non lo so.

Volevo permettermi il lusso di sbagliare,

non studiare, fare sega, uscire, non tornare,

essere giovane, piccola,

avere diciott’anni, poi diciannove, poi venti

e la spensieratezza.

Volevo non dover correre per essere la prima

e non sentirmi frustrata camminando con gli ultimi,

non avere pressioni, mandare tutti a fanculo

e partire da sola.

Non appartenere a niente, a nessuno,

essere Chiara senza radici se non in sé stessa.

Volevo solo quello che a trent’anni non puoi più.

Ma invece no,

perché la libertà si conquista prendendosela

e io non sono stata capace

di guadagnarmi un posto nel mondo

che non ti prevedesse,

per ritrovarmi un giorno vittima

di un gioco di ruoli che…

View original post 42 altre parole

L’ETERNO DORMIRE, di Loredana Mariniello

L’ETERNO DORMIRE, di Loredana Mariniello

l'eterno dormire

L’ETERNO DORMIRE

Condanno la folla d’occhi
che indaga intorno a me
riportando a galla remoti spettri
di un passato fragile e indifeso,
avevo rotto tutti gli specchi,
nascosto nella mia nicchia
chiusa, solo spicchi
e punture fastidiose di becchi
di picchi contorti, ho ignorato
i giudizi distorti,
ho fatto un fascio dei lividi raccolti
gelosa , li custodisco ancora
nella sacra chiesa della mia casa,
a volte sbocciano come fossero
i petali rossi di una rosa
che colgo pungendomi le dita
con le affilate spine
e un rivolo di sangue scorre lieve
e imbratta la camelia
poggiata nel bicchiere
Odio la palingenesi del dolore,
troppa sensibilità devasta la passione !
Cerco appena un lume di cielo,
ma in alto mare s’inabissa la vista,
non posso risorgere sola,
non spunta mai il sole
in mezzo alla tempesta !
E resto qui immobile
a rabberciare pensieri
raccapezzando inerzia,
non amo il silenzio dell’ozio
nello strazio di voci
che come un limio di cicale
sa solo cantare, senza mai capire,
forse è meglio giacere
in un eterno dormire,
piuttosto che parlare
a muri che non possono capire !

IL RAGNO E LA FARFALLA, di Mariangela Ottonello Matteo Vigo

IL RAGNO E LA FARFALLA, di Mariangela Ottonello Matteo Vigo

il ragno e la farfalla

IL RAGNO E LA FARFALLA

Tesse la tela
con pazienza e astuzia,
tende una trappola
per le sue prede.
Poi si ferma in un angolo
ed aspetta
che qualcuna cada
nella sua rete.
Il ragno, in fondo,
deve pur mangiare,
ne va della sua sopravvivenza.
E la farfalla,
che si affida al vento,
non sa che un soffio
la può far cadere
nell’alcova di seta
dove al sole
i fili brillano come l’argento.
È questione di un attimo
ed il ragno
l’avvolge tutta
e inietta il suo veleno.
Soddisfatto,
la tiene nel carniere
e attende senza fretta
altre farfalle:
libere, ignare, belle,
vive prede.

Mariangela Ottonello 31/12/2011 foto dal web

Eco gelosa. (Saprò scrivere?) di Valerio Villari

Eco gelosa. (Saprò scrivere?) di Valerio Villari

co

Eco gelosa. (Saprò scrivere?)
da Un meraviglioso istante
di Valerio Villari

Dalle colline del tempo
ho urlato il tuo nome
e dalla valle dei giorni
mai è tornata l’Eco.

Scioltasi nella sua gelosia,
conoscendo la tua bellezza,
decise che il tuo nome
non andava pronunciato.

perché cielo e terra,
fulmini e saette,
i bagliori delle stelle,
pioggia e neve,
luna e sole,
intimiditi
non sarebbero
più esistiti.

Meravigliosa dea lucente
vedo guardando il tuo riflesso
in ogni raggio di sole
ed urlo, urlo
questo amore
e lo scrivo, lo scrivo
anche nel cielo,
anche nella luna,
in ogni goccia di pioggia,
in ogni fiocco di neve,
ogni stella è lettera
che lo compone,
il tuo prezioso nome.

Che fare se non vivere
ché a meno di questo amore
non posso fare,
se non scrivere
la tua bellezza
copiando, plagiando,
quella dell’universo
nella sua interezza?

Ma ne sarò capace?
Saprò scrivere del
profumo del tempo
vissuto tra le tue braccia
se questo tempo
non è mai giunto?

Saprò scrivere del
sapore della vita
se queste labbra
mai sfiorarono
i tuoi occhi?

Saprò scrivere del
volo degli angeli
se le mie braccia
mai si trasformarono
in ali stringendo
i tuoi fianchi,
sollevandoti al cielo,
regalandomi la vita?

Saprò scrivere dei
colori del mare
se il mio corpo
mai poté nuotare
tra le morbide
onde del tuo?

Saprò scrivere del
calore dei giorni
se le mie mani
mai strinsero le tue?

Dalle colline del tempo
Eco, gelosa Eco,
non mi restituisce il
tuo nome,
ma io sono Mercurio
non sono Narciso
e Nemesi non potrà fermarmi;
con le mie ali ai piedi
che di cera non sono,
non fallirò come Icaro,
volerò fino ai tuoi occhi
e potrò scriverlo,
ché tutti possano leggerlo,
sulla superficie della luna
e su quella del sole!

Valerio Villari
Gennaio 2019 (3)

[Immagine: “Eco” (olio su tela, 1874) di Alexandre Cabanel.]

La formica, la cicala e l’ape ( filastrocca ) di Andrea Patrone

La formica, la cicala e l’ape ( filastrocca ) di Andrea Patrone

La formica, la cicala e l’ape ( filastrocca )

Un giorno una formica uscendo dalla
terra vide il sole e subito disse alla sorella:
oggi non è giornata per portare chicchi e
grandi foglie, noi a lavorare mentre la
regina è sempre a letto con le doglie.
Meglio stare all’ombra di un fungo rosso
o nel fresco nido di un pettirosso.
La piccola formica stupita dall’amica, alzò
le sue antenne e sorridendo disse:
“io vado dove devo, tu fai ciò che sai.”
Una risposta strana che sembrava una
formula pagana, subito pensierosa lei
si corica supina su un petalo di rosa.
La frase nella testa girava come giostra,
” io vado dove devo, tu fai ciò che sai”,
che cosa sarà mai? Lo disse ad alta voce
credendo d’esser sola, ma il petalo di rosa
aveva sullo stelo un’ospite cantante, una
cicala verde con gli occhi simili alle perle
e una forte voce fatta con solo sette note.
La cicala verde grande e prepotente urlò
nell’aria la formula pagana che come foglia
è raccolta in un momento da un forte vento.
Così, presa per la coda si lascia trasportare
su terre sconosciute, su isole lontane,
raggiunge il contadino e pure l’operaio, un
nobile decaduto e anche un macellaio, per
poi cadere stanca su una strana pianta che
aveva il fusto nero e le foglie con il pelo di
fiori mai eguali che curavano tutti i mali.
Due ali trasparenti, un corpo giallonero e
un piccolo pungiglione volavano nel cielo.
Era la Regina del popolo volante che con
fatica impollina le piante, per donare
all’uomo il nettare più fine come io dono
a te queste pazze rime:
tutto è imperfetto, ma non la fantasia con
le strane storie che son dentro alla poesia.

Andrea

“Roma, le basi del vivere civile” al Museo della Gambarina; di Lia Tommi

Alessandria: La Conferenza “Roma , le basi del vivere civile” , del professor Caputi , si terrà il 23 gennaio, ore 21,30 , al Museo Etnografico “C’era una volta” , in Piazza della Gambarina 1, 15121 Alessandria
Il Dr, Ferdinando Caputi alla sua decima conferenza al Museo del “C’era una volta” alla Gambarina di Alessandria, parlerà delle origini di Roma del suo sviluppo e della sua caduta, ma anche delle tracce della sua civiltà presente in tre continenti.

È morto Bort, storico vignettista della Settimana Enigmistica; di Lia Tommi

Lutto a La Settimana Enigmistica, è morto Bort. Per oltre 50 anni l’appuntamento con Mario Bortolato, in arte ‘ Bort’, è stato sempre nello stesso posto: in basso a destra a pagina 41 de «La settimana Enigmistica», dove compariva con «Le ultime parole famose…», le vignette esilaranti pubblicate nella celebre rivista. Il leggendario vignettista, che ha fatto sorridere generazioni di lettori, è morto ad Alessandria all’età di 92 anni.

I funerali si sono tenuti oggi, lunedì 21 gennaio, nella chiesa di San Giovanni Evangelista in piazza Ceriana, al quartiere Cristo, ad Alessandria, la città in cui ha vissuto a lungo.

‘ Bort’ ha disegna l’ultima vignetta della rubrica nel 2013, ma la redazione della «Settimana Enigmistica» aveva un tale magazzino che la pubblicazione dei suoi disegni è continuata fino al 1° gennaio del 2017. Oltre popolari alle vignette per la «Settimana Enigmistica», ha disegnato per «Grazia», «Gioia», «Candido» e «Domenica del Corriere» ed è stato autore televisivo per «Drive In» e «L’altra domenica» di Renzo Arbore.

Ha creato il personaggio di Teo, un adolescente protagonista di strisce umoristiche pubblicate negli anni Settanta su «Monello», che trattano soprattutto di piccole storie di vita quotidiana e di dinamiche familiari.

Nato a Salzano (Venezia) il 2 agosto 1926, Mario Bortolato giovanissimo si trasferisce a Voghera (Pavia) dove frequenta il liceo, iniziando a disegnare sui banchi di scuola, a partire dalle caricature dei suoi professori. Si iscrive ad Architettura a Milano e poi passa a Giurisprudenza, dove si laurea nel 1953 e poi trova lavoro come impiegato nell’ufficio parastatale di Contributi Agricoli Unificati di Alessandria. Di giorno lavora in ufficio, nel tempo libero disegna vignette anche per la rivista «Marc’Aurelio», dove fece il suo esordio giovanile.

Nel 1962 ‘ Bort’ inizia così a collaborare con i Disegnatori Riuniti e poco dopo diventa il titolare della rubrica «Le ultime parole famose», che inizialmente traduceva una serie di vignette di provenienza statunitense, per poi passare a un disegno originalissimo. Da allora ogni settimana per circa 50 anni ha creato una sua vignetta, trovando posto in basso a destra nella doppia pagina umoristica posizionata verso la fine della rivista, intitolata «Per rinfrancar lo spirito» tra un enigma e l’altro. Il suo stile è così iconico, amato dai lettori e così legato alla rubrica che, alla chiusura della Disegnatori Riuniti negli anni Duemila, la «Settimana Enigmistica» gli propose di lavorare direttamente per la rivista.

C’è qualcosa di eccezionale in ogni vignetta di ‘ Bort’. I suoi famosissimi omini, le sue donnine molto procaci, persino i suoi bambini lentigginosi riportano a un vissuto che appartiene al lettore. Succede così che l’autore colpisce sempre nel segno quando ritrae, nella leggerezza, le caratteristiche e le abitudini degli italiani in famiglia, in ufficio, in città, ovunque si riesce sempre a trovate un saggio divertente dei vizi di casa nostra.

Attaccata la matita al chiodo nel 2013, ‘ Bort’ ha disegnato le ultime vignette proprio per la sua città adottiva, Alessandria, nel 2017, partecipando con tre tavole – preparate in pochissimi giorni con mano ferma e la solita brillante ironia – alla mobilitazione artistica #saveBorsalino, per salvare la storica fabbrica di cappelli. Gliene siamo profondamente grati. Addio, Bort!

Nascita dei ricordi

ORME SVELATE

Come e quando inizia l’abilità di formare e conservare i ricordi sono argomenti di grande interesse per i neuroscienziati. Ora i ricercatori di Yale hanno identificato tre fasi distinte nello sviluppo del cervello che si verificano prima che possano formarsi ricordi episodici.

Burning Digital Memory (SEBASTIAN WHITE)

Gli scienziati di Yale hanno misurato l’attività cerebrale nell’ippocampo di ratti appena nati e trovato all’inizio della terza settimana di vita postnatale non vi era alcuna prova di attività neurale che avrebbe permesso all’animale di collegare eventi sequenziali nel tempo o nello spazio. Questi ratti sono costantemente nel presente. Questo stadio corrisponde allo stato umano dell’amnesia infantile – o all’incapacità di codificare e archiviare adeguatamente memorie episodiche di eventi nell’infanzia e nello sviluppo precoce in modo che possano essere richiamati nell’età adulta. Il team di Yale ha anche identificato i cambiamenti nell’architettura cerebrale più tardi nella terza settimana di vita dei roditori che…

View original post 103 altre parole

Il mio mondo parallelo è ritornato

Anna & Camilla

Oramai sono passati due anni da quando mi sono trasferita qui e da quel momento esatto, io divoratrice di libri, ho smesso di leggere. Da circa ottanta all’anno sono passata a zero assoluto. Il mio mondo, il mio rifugio era scomparso, per il primo anno non riuscivo neanche a comprarli, poi ho iniziato ma li accatastavo in attesa dell’ispirazione, ma lei non arrivava. Ho cercato, leggevo poche pagine e li abbandonavo, passavo dall’uno all’altro sempre con la speranza, ma niente. Immaginate che tortura è stata per me doverlo fare per lavoro.

Ma venerdì mentre rassettavo e pulivo casa mi è caduto l’occhio su di un libro che avevo adagiato da mesi sul davanzale della finestra, in camera da letto. Gli ho tolto la polvere e mi sono detta “forse questo è quello giusto, forse ora è il momento propizio”. Così è stato, per il fine settimana non sono riuscita a…

View original post 33 altre parole

Open-Source Poetry Three #1

unbolt me

Yippee ki yay, Dear Readers!

Yeah… Maybe we’re in a silly mood today. And maybe it’s got something to do with the dolphins. You know the ones. The dolphins that are rising from the oceans to get us? Mankind isn’t safe!

On the other hand, it would be unfair to think of only dolphins as the foremost threat for humanity. Naked amoebas, feral penguins and deadly spoon sharks can also take offence, and combine their efforts to wipe us out. We wouldn’t stand a chance!

So, here’s what we must do: We must save the world with the power of poetry! We must all band together and create an atomic masterpiece that will blow the dolphins’ skittles sky high! Have a look below to see what our plan entails and how you can play an active role.

1) We provide the first line of the poem.
2) You…

View original post 93 altre parole

DAL MONDO: È iniziata l’edizione polacca del programma culturale “Verseggiando sotto gli astri”

Izabella Tarasiuk Andrzejewska (a sinistra), Izabella Teresa Kostka (a destra) e Jakub Królikowski

(by I.T.Kostka)

Con grande entusiasmo e commozione è iniziata ufficialmente l’edizione polacca del molto popolare in Italia programma culturale ciclico itinerante “Verseggiando sotto gli astri – Poetując pod gwiazdami”. Venerdì, 28 dicembre 2018, ha avuto luogo il primo appuntamento poetico – musicale dal titolo “Dal Baltico al Mar Mediterraneo – Od Bałtyku do Morza Śródziemnego”, tenutosi presso l’accogliente e impregnata di magia natalizia “Galleria Kamea” a Poznań. All’evento hanno partecipato: la carismatica attrice drammatica e cantante Izabella Tarasiuk Andrzejewska, il giovane e talentuoso pianista jazzman e compositore Jakub Królikowski, Izabella Teresa Kostka (scrittrice italo – polacca, voce recitante, fondatrice e organizzatrice del programma), alcuni poeti polacchi tra cui Alicja Kuberska e Zbigniew Roth, premiato con ben tre riconoscimenti per il 50° Anniversario del lavoro artistico e il duo musicale Barbara Cieślińska Krenz (pianoforte) e Jarosław Krenz (canto).

Galleria Kamea, Poznań

Il secondo appuntamento dell’edizione polacca si è svolto con successo il 4 gennaio 2019 presso l’incantevole PoemaCafe, via Langiewicza 2 sempre nella città universitaria di Poznań (Polonia).

PoemaCafe, Poznań

Entrambe le serate hanno riscontrato grande interesse del pubblico sempre attento e sensibile a ogni sfumatura dei versi sia poetici sia quelli musicali. L’edizione polacca “Poetując pod gwiazdami” continuerà sicuramente il suo cammino, unendo la Polonia al Bel Paese attraverso sempre più frequenti collaborazioni artistiche.

Galleria foto:

Le impressioni di lettrice di Donatella Sarchini. Contest letterario SANTANDER CI RIUSCIRÀ.

giuseppecartablog

sarch

Ed eccomi qua – come sempre – ad affrontare il mio eterno dramma di lettrice: la scelta limitata delle preferenze!

Perché le opere del contest che mi hanno davvero “presa” sono tante, e a mio parere le migliori sono almeno una decina.

Quindi prima di esprimere le mie preferenze ho riletto con attenzione tutte le opere del contest, più volte e in giorni diversi, e ad ogni rilettura ho trovato conferma alla mia prima impressione globale, ossia che il “leit motiv” proposto dal Bando – LA FELICITÀ – sia stato in realtà affrontato e sviluppato solo da pochissimi autori.

Le motivazioni di ciò mi sono del tutto ignote, ma ho trovato il fenomeno abbastanza sorprendente, e quindi meritevole di un’indagine più approfondita.

Forse si evita di parlare di felicità per scaramanzia? O magari perché si è troppo esigenti e disincantati di fronte alla vita e non si crede…

View original post 139 altre parole

Eccessivo uso dei social media è paragonabile alla tossicodipendenza

ORME SVELATE

Il cattivo processo decisionale è un tratto spesso associato a tossicodipendenti e giocatori d’azzardo patologici, ma che dire delle persone che usano eccessivamente i social media?

The Anti-Social Network (Dex Luthor)

Una nuova ricerca della Michigan State University mostra una connessione tra uso dei social media e compromissione del processo decisionale, che è comunemente carente nella dipendenza da sostanze. Circa un terzo degli esseri umani del pianeta utilizza i social media, e alcune di queste persone mostrano un uso eccessivo e disadattivo di questi siti. Speriamo che queste scoperte motivino la società a prendere sul serio l’uso eccessivo dei social media. I risultati, pubblicati nel Journal of Behavior Addictions, sono i primi a esaminare la relazione tra uso dei social media e capacità decisionali rischiose. Il processo decisionale è spesso compromesso in individui con disturbi da uso di sostanze. A volte non riescono a imparare dai loro errori e continuano…

View original post 344 altre parole

Amleto

marcellocomitini

neeraj parswalNeeraj ParswalDreams and Hopes, 2015 

Tra le immagini sospese alle pareti del museo
lo sguardo dell’uomo è catturato
da un quadro dal fondale celeste
dove avanzano lentamente allacciate tra loro
sette donne urlanti.
Sono le note del medesimo canto
combattono con sguardi fieri coloro
che colmano l’abisso tra l’essere e l’apparenza
con l’inganno delle ingiustizie.
Hanno tenere guance dipinte di giallo di oro di viola
e lampi di luce sulle labbra di fuoco.
La terza del coro come una voce stonata
nasconde il viso dietro la nuca delle compagne,
la quinta più debole confonde il suo occhio sinistro
con quello di destra della vicina.
La settima guida le altre con le palpebre chiuse
come un cielo di nuvole. Sulla sua fronte
le ali bianche dei sogni si tendono in cerchio
su un mare in tempesta
scrutano nelle onde schiumose il luccicare argenteo
di vele spiegate. Si alzano in…

View original post 210 altre parole

Le case di montagna

Creando Idee

Calde, accoglienti, silenziose: le case di montagna più tipiche, con gli interni rivestiti in legno, il caminetto, almeno una parete rivestita in pietra, gli arredi di impronta rustica sono il luogo ideale per quanti desiderano staccare la spina e concedersi alcuni giorni lontano dai ritmi della vita quotidiana. Se la Vostra proprietà non dovesse presentare rigorosamente queste caratteristiche, pur essendo ubicata in contesti alpini-appenninici, alcuni consigli, uniti al Vostro buon gusto, potranno comunque restituire lo spirito del luogo. Un aspetto sul quale si può intervenire con grandi soddisfazione è la scelta degli arredi, riservati sia agli spazi interni che ai terrazzi, verande e giardini. Per quanto attiene l’interior design, anche in appartamenti di grandezze contenute, cercate di inserire mobili in legno di abete, tra le essenze più amate nei contesti montani grazie anche al distintivo profumo; inoltre utilizzate tinte dai toni chiari per le pareti e fate un uso…

View original post 101 altre parole

#10DaysChallenge in cucina: come non far marcire frutta e verdura.

Verdelario

Se sei un appassionato di social network, avrai sicuramente notato la tendenza del momento che sta coinvolgendo migliaia di persone, tra queste anche molte celebrità che hanno preso parte alla #10YearsChallenge. La “sfida” consiste nel postare due immagini su Instagram e Twitter una accanto all’altra, mostrando come il soggetto appare adesso e com’era dieci anni fa.

View original post 380 altre parole

Wat zegt de geschiedenis over de mens?

Operation X

Geschreven door Dyami Millarson

De geschiedenis is het verhaal van de menselijke aard. Door middel van geschiedenis kunnen wij de menselijke aard tegelijkertijd bewonderen en verafschuwen. Wij kunnen door middel van de geschiedenis zien hoe groot en klein de mens is; hoe kwetsbaar en machtig; en hoe goed en slecht. De menselijke aard is een mengsel of samenkomst van tegenstellingen. De veelzijdigheid van de mens komt naarvoren in de geschiedenis.

De geaardheid van de mens is grootschalig omdat het over de mensheid gaat, maar we kunnen het ook kleinschalig bekijken door naar een enkele mens te kijken. Het verleden van een enkele mens zegt veel over diens geaardheid; wat daar in het klein gebeurt is wat er in het groot gebeurt wanneer men naar de gehele geschiedenis der mensheid kijkt. Maar is het toch niet onzinnig om dat verleden te willen weten?

Het is eigenlijk vreemd als men denkt dat…

View original post 78 altre parole

‘CARICIAS PERDIDAS’

SCRIPTEUM

Relato


Los minutos no transcurrían, parecía haber podido detener el tiempo con mis manos. El ruido de las agujas del reloj había parado por momentos, pero volvió o eso pensaba. Era invierno y lo sabía, sentía como mi corazón se congelaba hasta dejarme sin aliento. El perfume de la primavera ya estaba exhausto.

Cuando la vi por última vez, su mirada y su rostro cubiertos de lágrimas señalaban un trágico dolor. No recordaba casi nada desde el último momento junto a ella, estaba adormecido, pero solo eso. Mis únicos amigos a lo largo de todo este tiempo habían sido el alcohol y las drogas, los que no me reprochaban nada y a los que nunca perdería. Tal vez esa era la causa de encontrarme en esta situación tan incómoda que no podía soportar. Lo extraño de todo esto es que ya lo había soñado antes. Durante unos segundos…

View original post 1.670 altre parole

Swerve and Ride…

Celluloid Trances

Never an honest world, never a promised tomorrow. Well, never mind.

Effervescing white sunshine in the morning and silhouettes of trees and houses and stuff. Then the gleaming rows of city lights during the life of the night. How now. Watch till you’re tired, walk up to your place of pause. And. Roam beyond the gravity of graffiti and the stares shading irises blued and grayed. Swerve and ride to the music of the higher humor, the poetic poems of the spirit. It’s insane.

Always a life, always a voice. So, remain always.

View original post

DALLA TERRA DEI FUOCHI: A CERCARE LA FELICITA’ DENTRO IL DOLORE

NINAESPOSITION

dalla terra dei fuochi a- acercare la felicità dentro il dolore

NO!!

… No, non ci sto

delusa dai giorni percorro

il nudo solco della mia storia

ridestata linea di dolore

vialetto sparpagliato di fontane sigillate

tanta la sete, bevo

alla fonte dei sogni più segreti

domani incerti

favole

che continuo a raccontarmi

sempre lottando

anche per poter restare fragile

No, non ci sto

sasso spezzato sasso rimango

rimetto al centro le speranze liberandole

da circonferenze vuote

ribalto i colori e i livori

mi diventano turchesi, lacrime

al cielo fanno da specchiera

No, non ci sto

ostrica ferita trasformo i dolori in perle

strette dita a pugno

avide di vita strappo

veli ad orizzonti ignoti e rubo

notti azzurri e albe rosa a venire

indosso nuovi

colori, profumi, miraggi

terra gestante

ritornerò …

View original post

EVERGREEN

NINAESPOSITION

uno

EVERGREEN

Acerbo verde d’agrumeto sapido

perpetua primavera

inciampa

filo spinato di dolore lento

la Vita contorna

di scolore

ruba al tramonto il rosso d’orizzonte

forza vitale

del risorgere del giorno

ricaricarata d’energia smagliante

frantuma

la gabbia dei cattivi pensieri

svaporano barre dalla grata

diventano

gabbiani morbidi piumati

volo vellutato direzione avvenire

ben salda al collo

prezioso il puntale dei dì futuri

cirri, madrepore, perle cielo

da oggi sereno e incontaminato sarà

…- il  domani -…

View original post

La mia contraddizione

IL BLOG DI FRANSISCA

Violento è il cammino di chi ha ambizione

Tutti ti amano quando sei a terra e rimangono con le mani legate.

Quando ti fai gigante, ti rinnegano

E ti tirano sassi

Perché?

Perché non si può semplicemente gioire della grandezza altrui, senza ambire ad altro

Non sarò di certo più basso se ti farai più alto,

Rimarrò comunque della mia statura.

Dimmi cosa ti sconvolgente dentro al pensiero che potresti essere secondo,

Sei millesimo in confronto al mondo

Ci sarà sempre qualcuno più grande più alto, più bello, bastati e chiediti perdono per aver preteso troppo, dalla tua normalità.

Questo è il senso che cerco, bastarmi essere in grado di essere,

malgrado la mia piccola statura,

senza tormentarmi e annaffiarmi di nozioni per poter crescere, capire, migliorare e farmi venire dubbi.

-Come posso bastarmi, non mi basto mai

Il dubbio è mio marito la notte si dorme insieme.

Non mi…

View original post 99 altre parole

Just keep going .. just keep going ….#life#focused#society#future#path#justkeepit

joe's blog

Forcing our self to do what we never wanted to do nor is our choice or our dream … its our need…

….some times we blame our loved ones that its there fault or there choice not ours.. or we were forced to do it … these type of situation happen 90% in our lives and the acceptance of our fate or the elderly choice happen very rarely.. that would be 10 % but they really do happen..let me give you guys a reality check

That its never our choice or and order , nor an agreement that we have to obey these all the paths that every one has to walk through .. maybe the path might lead to bright future or the hallowed path way … its all about the input you give in .. with give it a second thought and not even the first thought ….its…

View original post 132 altre parole

Amazon of people

joe's blog

Some time we have no idea what we are going through and we are just going through a vivid version of our lives .. in which we are never sure that what is going to happen next or what just happened .. its just going on and on and no body can talk and only empty stares are there to keep a watch

.

.

Amazon of people
.
.
.some time its just a thought of sight …
.
.

#creativity #creativemind #creativeminds #creativelife #createeveryday #creativecommunity #creativityeveryday #seekinspirecreate #herestothecreatives #creativelifehappylife #creativityfound #calledtobecreative #calledtocreate #createcultivate #livecreatively #creativesontherise #doitfortheprocess #carveouttimeforart #artstudio #artforthehome #thenativecreative #artinprogress #dsart #dspattern #lifeofanartist #pursuepretty #art_we_inspire #artjournal #artfinder #studioscenes

View original post

Nuova residenza universitaria per Alessandria, di Cristina Saracano

Alessandria: Grazie al lascito della professoressa Franca Ricci, scomparsa nel febbraio 2018, docente per anni all’istituto Volta di Alessandria, sarà possibile avere una nuova residenza universitaria.

L’organizzazione è gestita dall’Uici, Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti,sezione di Alessandria.

In uno stabile sito in via Aspromonte, ad Alessandria potranno sistemarsi cinque studenti, con priorità alle persone con problematiche alla vista.

Per informazioni, contattare l’Agenzia Nuova Marengo Immobiliare di Alessandria, via Gramsci 47/49, 0131 442095.

Troppi suicidi in agricoltura, eurodeputato francese chiede lumi alla Commissione

Troppi suicidi in agricoltura, eurodeputato francese chiede lumi alla Commissione

suicidio.png

EMANUELE BONINI @emanuelebonini  https://www.eunews.it/

Philippe Loiseau (Rn) presenta mozione di risoluzione per la raccolta dei dati a livello europeo. Solo in francia tasso più alto del 20%-30% rispetto alla media

Bruxelles – Che succede nel mondo agricolo? Il numero dei suicidi è alto, troppo alto, segno che qualcosa non va. Almeno in Francia, dove tra gli agricoltori il tasso chi si toglie la vita è superiore del 20-30% rispetto al resto della popolazione. Così il deputato francese Philippe Loiseau, lepeniano, vuole vederci chiaro.

In una mozione di risoluzione chiede alla Commissione europea di adoperarsi per raccogliere dati “accurati e affidabili” sui tassi di suicidio in tutti gli Stati membri. Sempre all’esecutivo comunitario chiede che le statistiche sui tassi di suicidio vengano classificate in modo da individuare i settori che stanno attraversando una crisi Continua a leggere “Troppi suicidi in agricoltura, eurodeputato francese chiede lumi alla Commissione”

RITRATTI: “I POETICANTI” – quando la musica incontra la parola

(by I.T.Kostka)

Tra gli artisti Ospiti Speciali del programma “Verseggiando sotto gli astri…”, fin dalle prime puntate del 2015 tenutesi ancora presso il Centro della Ricerca e Formazione scientifica Cerifos di Milano, troviamo il duo musicale – teatrale ” I POETICANTI”: Roberta Turconi (attrice teatrale, canto) e Paolo Provasi (canto, ukulele, chitarra).

Questi due Artisti, molto amati e apprezzati dal pubblico, riescono a unire perfettamente l’arte letteraria alla sublime interpretazione teatrale e vocale di Roberta e alle originali note musicali di Paolo. Merita la nostra stima la loro grande professionalità e la carisma scenica dotata di una sensibilità veramente straordinaria. Il duo “I POETICANTI” partecipa con successo a numerosi prestigiosi eventi poetici e teatrali, alle rassegne internazionali come Bookcity di Milano, ai festival letterari e, spesso, alle performance collegate agli incontri dei Realisti Terminali.

• IDENTIKIT

I POETICANTI quando la musica incontra la parola, quando la poesia diventa canzone.

“I Poeticanti” hanno come identità espressiva la poesia in musica, recitazione e canto. Autori anche molto distanti tra loro per temperamento artistico ed epoca sono la fonte primaria di ispirazione del gruppo che ne ripercorre i versi sia in forma di canto con accompagnamento di vari strumenti musicali, sia attraverso la recitazione. La proposta viene arricchita dall’interpretazione di brani tratti da diari, lettere e vari testi in prosa; le liriche diventano quindi canzoni e le autrici e gli autori prendono vita attraverso la parola recitata dei loro scritti. La parte musicale è costituita solo da composizioni originali dei Poeticanti. Insieme ai più noti autori del passato e contemporanei, la “mission” dei Poeticanti è anche quella di far conoscere o riscoprire poetesse rimaste in ombra o mai seriamente valutate, soprattutto in epoche in cui la donna non aveva la possibilità di far sentire la propria voce.
Progetti realizzati, presentati e attualmente in repertorio:

● “Care voci di un tempo” – La poesia e gli scritti di Emilia Villoresi (1892-1979). CD allegato a: “Mi dici parole d’amore” antologia di poesie, edita da “La Vita Felice”, Milano, 2014.

● “Il tesoro nascosto” – favole e filastrocche tratte da Favole d’oggi (1936) di Emilia Villoresi (1892- 1979). CD allegato a: “Il tesoro nascosto”, edizioni “La memoria del mondo”, Magenta, 2015.

● Progetti con altri autori: Saffo, Emily Brontë, Sergio Corazzini, R. Tagore, Antonia Pozzi, Vittorio Sereni, Ada Negri, Sylvia Plath, Maria Luisa Spaziani, W. Wordsworth, J.Prévert, J.L. Borges, Guido Oldani, oltre a brani tradizionali in armonia con l’identità espressiva dei Poeticanti. Il tutto sempre intrecciato con la forma espressiva attorale.
I Poeticanti sono composti da: Roberta Turconi, attrice, voce recitante, canto; Paolo Provasi, canto, ukulele, chitarra; Eleonora Rapone, organetto.

“I POETICANTI” su YouTube:

https://youtu.be/m2ecWLheNdg

https://youtu.be/mNcHrH21EH8

Eccessivo uso dei social media è paragonabile alla tossicodipendenza

ORME SVELATE

Il cattivo processo decisionale è un tratto spesso associato a tossicodipendenti e giocatori d’azzardo patologici, ma che dire delle persone che usano eccessivamente i social media?

The Anti-Social Network (Dex Luthor)

Una nuova ricerca della Michigan State University mostra una connessione tra uso dei social media e compromissione del processo decisionale, che è comunemente carente nella dipendenza da sostanze. Circa un terzo degli esseri umani del pianeta utilizza i social media, e alcune di queste persone mostrano un uso eccessivo e disadattivo di questi siti. Speriamo che queste scoperte motivino la società a prendere sul serio l’uso eccessivo dei social media. I risultati, pubblicati nel Journal of Behavior Addictions, sono i primi a esaminare la relazione tra uso dei social media e capacità decisionali rischiose. Il processo decisionale è spesso compromesso in individui con disturbi da uso di sostanze. A volte non riescono a imparare dai loro errori e continuano…

View original post 344 altre parole

Castelnuovo Scrivia: Gennaro Pessini, Sugli argini solenni. Tutte le poesie edite

Castelnuovo Scrivia: Gennaro Pessini, Sugli argini solenni. Tutte le poesie edite

pessini ok

Carissimi, abbiamo il piacere di invitarvi a una presentazione molto particolare: Gennaro Pessini, cittadino di Castelnuovo Scrivia, è stato grande personaggio culturale e poeta importante, come prova la prefazione di Franco Scataglini alla prima delle sue due raccolte edite; con il Patrocinio del Lions Club di Castelnuovo e la Prefazione di Angelo Lumelli, puntoacapo ripropone ora, a  trenta anni dalla scomparsa, un volume che raccoglie i suoi due volumi editi. È una riscoperta importante per nulla limitata all’ambito locale, considerando la grande modernità della sua scrittura. 

pessini scheda

Venerdì 25 gennaio ore 21,00

Castelnuovo Scrivia (AL), Sala Pessini

Presentazione del volume di pesie di

Gennaro Pessini, Sugli argini solenni. Tutte le poesie edite

Interventi del Prefatore Angelo Lumelli,

Gianfranco Isetta, Mauro Ferrari 

www.puntoacapo-editrice.com

Grandi novità e progetti per il Decennale

www.almanaccopunto.com

l’Almanacco online – aggiornato

 

65 PRIMI PREMI – 19  nel 2018

 

‘Silver economy’, la sfida è economica e sociale. Ma per l’Italia il nodo è fare sistema

‘Silver economy’, la sfida è economica e sociale. Ma per l’Italia il nodo è fare sistema

EMANUELE BONINI @emanuelebonini  https://www.eunews.it

L’economia legata all’invecchiamento della popolazione tra i temi di How can we govern Europe. La questione pensionistica, le scelte della politica, il ruolo della rivoluzione tecnologica. Le riflessioni sulla posta in gioco

silver-economy-768x426

Roma – E’ nota come ‘silver economy’, e rappresenta l’insieme delle opportunità e delle attività economiche legate all’invecchiamento della popolazione e ciò che ne deriva, vale a dire la domanda rappresentata dalle esigenze specifiche dei cittadini anziani. Numeri alla mano, è indubbiamente una nuova frontiera di business. Nel 2017 le aziende farmaceutiche di tutto il mondo hanno investito 170 miliardi di dollari in ricerca e sviluppo nel settore di scienze della vita, e “nel periodo 2018-2022 questa spesa dovrebbe arrivare a 1.000 miliardi, un trilioni”, rileva Ugo Di Francesco, amministratore delegato del gruppo Chiesi, tra le multinazionali di riferimento nel settore, in occasione di How can we govern Europe, la due-giorni di riflessione sull’Europa promossa da Eunews.

La silver economy passa per il settore sanità. C’è una richiesta crescente di salute e cure, e le nuove conquiste high-tech giocheranno un ruolo tutt’altro che marginale nel traino dell’economia argentata. “Con la tecnologia stiamo vivendo un nuovo rinascimento mai conosciuto prima d’ora”. Questo, sottolinea Di Francesco, implica che “nei prossimi anni vedremo farmaci nuovi, cure personalizzate, prodotti ad elevato tasso scientifico”. Un esempio? L’anno scorso, spiega alla platea di How can we govern Europe, è stato immesso sul mercato un farmaco con dentro un chip, che una volta ingerito trasmette dati e permette di condurre “monitoraggio terapeutico in remoto”. No, niente fantascienza, realtà che inizia a prendere forma e piede. Continua a leggere “‘Silver economy’, la sfida è economica e sociale. Ma per l’Italia il nodo è fare sistema”

Eclissi totale di luna, sarà spettacolo in cielo: ecco quando sarà possibile ammirarla

Eclissi totale di luna, sarà spettacolo in cielo: ecco quando sarà possibile ammirarla

Appuntamento per lunedì 21 gennaio dalle 3.30 di notte. La prossima nel dicembre 2028

La Redazione https://www.veneziatoday.it

eclissi-luna-rossa-2

Eclissi di luna

Anche nel Veneziano sarà possibile ammirare la splendida eclissi di Luna totale, prevista per la prima mattinata di lunedì 21 gennaio. Secondo quanto riferito dagli astronomi, inizierà poco dopo le 3.30 e raggiungerà il suo massimo intorno alle 6, quindi prima dell’alba e con il cielo ancora scuro per osservarla al meglio.

L’eclissi

Con la parola “eclissi” si definisce l’occultamento di un corpo celeste, totale o parziale, dovuto a un altro corpo celeste. Nelle eclissi lunari, il corpo celeste a occultare la Luna è la Terra: questa attraversa il cono d’ombra prodotto dal nostro pianeta, quando si trova tra la Luna e il Sole, dal quale proviene la luce che di solito illumina la Luna. Un’eclissi si verifica solamente quando la Luna è in opposizione rispetto al Sole (plenilunio, la cosiddetta “Luna piena”). Continua a leggere “Eclissi totale di luna, sarà spettacolo in cielo: ecco quando sarà possibile ammirarla”

Le iniziative per il Giorno della Memoria

Le iniziative per il Giorno della Memoria

Casale Monferrato: Sono diverse le iniziative organizzate sul territorio comunale per celebrare il “Giorno della Memoria”, istituito come ricorrenza nazionale dal 2000 per ricordare l’Olocausto.

giorno memoria 2018 casale.jpg

Il 27 gennaio del 1945 le Forze Alleate entrarono nel campo di sterminio di  Auschwitz. Da quel giorno tutto il mondo venne definitivamente a conoscenza di quanto era accaduto e della strage che aveva colpito ebrei, gay, partigiani e detenuti politici, rom e tutti coloro che erano stati considerati “diversi”.

Domenica 27 gennaio, a cura del Comune e in accordo con la Comunità Ebraica, si terrà la cerimonia commemorativa ufficiale aperta a tutti gli interessati e in particolare agli studenti delle scuole casalesi. Alle ore 16, nella Sala Consiliare del Palazzo Municipale, si terrà la lettura dei brevi poemi “L’Inferno” e “La Virtù” di Mauro Bonelli con Maria Paola Casorelli (voce), Erika Patrucco (violoncello) e in collaborazione con gli allievi del Laboratorio Teatrale dell’Istituto Superiore Balbo. Continua a leggere “Le iniziative per il Giorno della Memoria”