‘A NICISSITA’, di Carmela Fiore

‘A NICISSITA’

Lassata a stà, chella l’adda fà,
tene’o marite a spasse e quatte figli ‘a campà.
Tutte’e sere lascie ‘e criature e se ne và,
pe chella strada ch’è affullate e macchine,
addò e signure s’accattene l’amore.
Carmela s’appripara bella, bella,
se mette ‘a trezza finta, se pitta l’uocchie
e ‘ncoppa ‘a chella vocca fà spiccà ‘o russe ‘e fuoche
Le fanne ‘ e cumplimente tutte quante,
chella è overe ‘na bella femmena,
che bellu purtamente ca tene ,
e cche piette e cche cosce,
Carmela fà ‘ncantà..è ‘o desiderio e tutte l’uomene.
‘ncoppa a strada do peccato sta fermata,
ecche ca s’apprisenta ‘o prime cliente,
Quante vuò, le rice e, essa abbassanne l’uocche,
le risponne , 50 eure,
‘O signore nun se fà prià , subite accettà
e’ncoppa a stanze e n’alberghe ‘a trascine
Nun ‘è furnute, ancora n’atu cliente, e n’ate e nate
Dio mio aiuteme, suspire Carmela,
io nun ne posso cchiù
Finalmente è l’ora ro ritorno
Saglie ‘e scale affannanno, bussa ‘a porta,
e subite ‘e criature arapano e l’addimandene
“mamma si ghiute ‘adda signora a faticà?
Carmela arapa ‘a borza e caccia e sorde.
Na lacrime le sponte, inta a chille uocchie blu

LINA FIORE