Pronto parla Nina

Sono io, Nina.

Nina si perde nel cielo con i diamanti, vive emozioni intensissime e balla in silenzio davanti a una radio spenta da anni. In pochi la chiamano o l’hanno chiamata così: non è il suo vero nome, ma a lei è sempre piaciuto molto.

Le piace scrivere raccontando le cose che le succedono, e le piace farlo davanti alla finestra della sua camera, mentre fuori piove. Le piace chiudersi nel suo vecchio teatro, sdraiarsi sul palco e respirare quel profumo di legno vecchio e pieno di schegge, che porta il sapore di mille spettacoli e che le ricorda così tanto casa sua. Le piacciono i colori e i gatti, le finestre delle case alla sera quando sono illuminate.

Ama solo un paio di occhi marrone scuro, le rose gialle e selvagge e il mare al mattino: le piace guardarlo a lungo e, a piedi nudi sul bagnasciuga, aspettare…

View original post 117 altre parole