Memorabilia

Eri di nuovo mio stanotte,

ci siamo incontrati al bar

quello dove anni fa ci conoscemmo,

-come stai, vuoi un caffè- mi hai detto

e non so come un attimo dopo

avevi in mano i miei vestiti.

Sentivo ancora il tuo respiro irregolare

riprendere il suo ritmo naturale,

di nuovo mi nutrivo della vita che passava

attraverso i nostri corpi ormai riuniti.

Dopo mangiavamo patatine,

tu ridevi come quando

distesi sulla sabbia

gettammo in mare i segreti di un amore.

Non avevamo amato mai prima

ma quel che s’affida all’acqua

prima o poi ritorna a riva

e allora te l’ho detto ancora

prima di ridarti la chiave del mio corpo.

Ricordo che dormivi

ma ora sono sveglia

e non c’è il tuo spazzolino

né un capello sul cuscino.

View original post