Momenti di poesia. AMLETO, di Marcello Comitini

Momenti di poesia. AMLETO, di Marcello Comitini

Mentre chiedo scusa a coloro che mi credono un redattore addetto alle interviste, chiedo anche scusa a tutti per l’arroganza di proporre qui una mia poesia, non facilmente digeribile.

AMLETO

Tra le immagini sospese alle pareti del museo
lo sguardo dell’uomo è catturato
da un quadro dove avanzano lentamente
dal fondale celeste sette donne urlanti
allacciate tra loro.
Sono le note del medesimo canto
combattono con sguardi fieri coloro
che colmano l’abisso tra l’essere e l’apparenza
con l’inganno delle ingiustizie
Hanno tenere guance dipinte di giallo di oro di viola
e lampi di luce sulle labbra di fuoco.
La terza del coro come una voce stonata
nasconde il viso dietro la nuca delle compagne,
la quinta più debole confonde il suo occhio sinistro
con quello di destra della vicina.
La settima guida le altre
con le palpebre chiuse come un cielo di nuvole.

Sulla sua fronte
le ali bianche dei sogni si tendono in cerchio
su un mare in tempesta
scrutano nel velo schiumoso il luccicare argenteo
di vele spiegate. Si alzano in coro
le loro voci che invocano e supplicano
di non dimenticare il corpo violato dall’uomo
e il fiume che le ha tolto la vita.

L’uomo si guarda intorno.
Cerca una via di fuga. La voce
si accende più aspra
le braccia sporgono fuori dal quadro
e le mani lo afferrano
con le unghia alla nuca, lo accusano
d’averla condannata a morire.

Adesso ricorda. L’ha posseduta
per tutta una notte. Ecco.

Alla luce rosata dell’alba
ci siamo guardati in un grande specchio.
Lei mi stava davanti
come la luna sulle acque oscure di un fiume.
L’ho tenuta stretta al petto. Ho percepito
la castità del ghiaccio, la purezza di un’alba
tradita da nuvole
i sogni infranti dai gesti codardi di uomini
che amano solo a parole.
Dimmi mi ha chiesto
con la fronte nascosta sulla mia spalla
come posso distinguere il tuo
dall’amore ingannevole.
Il soffio di un flauto è stato il nome di Ofelia
che le ho sussurrato tra i baci.
La musica le ha trafitto il cuore, le ha ferita la bocca
una canzone che voleva cambiarle la vita.

Conosco anche io l’inganno. Ho temuto che lei
non avesse più voglia di vivere.

Le donne lasciano cadere le braccia piangono
Ofelia in silenzio e l’innocenza crudele del folle Amleto.

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...