A oltre 40 anni dalla Legge Basaglia… “Fuori come va?”, giovedì conferenza a Cultura e Sviluppo

Sono trascorsi poco più di 40 anni da quando è stata promulgata la Legge Basaglia che, disponendo la chiusura dei manicomi, ha segnato una svolta rivoluzionaria nel mondo della cura e dell’assistenza ai pazienti psichiatrici, una cesura con il passato dalla quale non si può che andare avanti sulla strada del diritto, della libertà e della dignità.

Su questa svolta si rifletterà il 7 febbraio nel prossimo appuntamento dei Giovedì Culturali dell’Associazione Cultura e Sviluppo, analizzando i cambiamenti avvenuti e il funzionamento attuale dei servizi di salute mentale, anche a livello locale.

“Solo comprendendo che il valore della persona – sana o malata – va oltre il valore della salute e della malattia, si può capire come la malattia possa essere usata come strumento di appropriazione o di alienazione da sé, quindi come strumento di liberazione o di dominio”, scrive Franca Ongaro Basaglia.

Il processo di deistituzionalizzazione ha favorito il rafforzamento degli utenti come soggetti di diritto, dotati di contrattualità? Questo rafforzamento ha riguardato anche operatori, familiari, volontari, cittadini che hanno un rapporto diretto con il servizio? Cosa succede alle persone che vivono un’esperienza di malattia e come avviene la loro reale partecipazione? Come si svolge il processo attraverso cui la guarigione si realizza?

Questi e altri interrogativi saranno al centro della conferenza dal titolo “FUORI COME VA? GUARIRE SI PUÒ” in programma GIOVEDI 7 FEBBRAIO dalle 19 alle 22,30 (con pausa buffet alle 20,30).

Gli ospiti saranno:

PEPPE DELL’ACQUA

Psichiatra, ha lavorato con Franco Basaglia dal 1971 e ha diretto per 18 anni il Dipartimento di Salute mentale di Trieste. Con Massimo Cirri ha recentemente messo in scena uno spettacolo teatrale che racconta il fermento che portò alla legge 180

SILVA BON

Storica contemporaneista. Ha profonde conoscenze nell’ambito dei problemi della sofferenza mentale. È stata presidente dell’associazione di volontariato culturale di donne “Luna e l’altra”, che lavora con il Dsm di Trieste

CATERINA CORBASCIO

Direttore del Dipartimento Interaziendale di Salute Mentale di Asti e Alessandria

Introdurrà la conferenza e modererà il dibattito Rosmina Raiteri, psicopegagogista.

Durante la serata saranno disponibili all’acquisto diversi testi sull’argomento.

Il prossimo appuntamento con i Giovedì culturali sarà il 21 febbraio, sempre dalle 19 alle 22,30, con una serata dedicata a Fabrizio De André: ci sarà la presentazione del libro di Enzo Gentile “Amico Faber” e un concerto del gruppo Le Quattro Chitarre.

Comunicato stampa

Maria Luisa Pirrone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...