Parole

Diario di una Zingara

Sono più o meno le tre di notte e non mi sono ancora addormentata.

Sono notti quasi insonni, queste. C’è chi parte e poi ritorna, ci sono io che sono stanca, che a volte sento di non farcela ma, non so come, ce la faccio sempre. Ci sono quelle che ai più sembrano insignificanti, ma per me sono piccole, grandissime, soddisfazioni. Ci sono quei trofei da lucidare, che mi piacerebbe diventassero tre.

E c’è questo piccolo spazio tutto mio che ha da poco spento la sua prima candelina.

Guardo il soffitto e penso a quando ho conosciuto mio figlio per la prima volta. Non eravamo al massimo della nostra forma, ma lui aveva già la forza di un Leone.

Era un piccolo alieno grigiognolo, con la testa pericolosamente allungata dalla ventosa. Urlava, piangeva con tutto il fiato che aveva in corpo con la bocca spalancata e la lingua che tremava.

View original post 123 altre parole

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...