margraces's Blog

Voglio un amore che si svegli lento

La mattina nel mio letto mentre dormo

Per sentire il mio respiro che scivola sulla pelle

Che ricordi la notte e le sue mani

L’affanno di baciare ogni angolo

Il sapore e la fortuna

Che al momento di stirarsi il corpo

Per sentire il frusciare del cotone

La pelle calda, la mia gamba che si muove

Nel sonno all’interno della coscia sua

La mia mano che cerca tra gli incavi del corpo

Il tepore della curva più dolce

Aprendo gli occhi scopra che non sono lì

E una sofferenza greve sul cuore,

La mancanza, il desiderio disperato

Sul telefono una sola frase d’amore

‘sto venendo da te’

View original post