Momenti di poesia. Cenar da te, di Vittorio Zingone

Momenti di poesia. Cenar da te, di Vittorio Zingone

Cenar da te

Cenar da te stasera,
Nell’intimita’ delle tue stanze,
Un profumo che mi fa impazzire.

Vino bianco, spaghetti carbonari,
Insalata di tenere lattughe,
La frutta, i dolci, il caffe’ espresso:
Stasera tu mi prendi per la gola.

Una cenetta al lume di candela
Per esaltar le guance tue di fuoco,
Gli occhi tuffati
nell’arcano mare dell’amore.

Il talamo gia’ disfatto per accogliere
La nostra festa degl’innamorati;
Un fascio di rose rosse sul cuscino,
Un disco dell’Albertazzi e la Proclemer,
Un grosso quadro dedicato a Venere
Che dalle spume emerge dello Ionio,
Mentre Calabria, ninfa del suo seguito,
Le porge un velo bianco, seta fina.

– Come vuoi che t’ami, mia regina?
– Prima un ballo, poi carezze e baci,
Poi parole d’amore senza tempo,
Poi l’amplesso lungo, l’ingresso negli Elisi,
Poi una scala piacevole a montarsi
Per aprodare in Eden radiosi, spensierati-
Mi sussurra innamorato perso l’amor mio.

Ed io godo di lei, di me lei gode
Nella dolce notte di San Valentino…

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...