Momenti di poesia. LA LUPA, di Gregorio Asero

LA LUPA, di Gregorio Asero

LA LUPA

I tuoi seni sono pieni d’ amore
e i turgidi capezzoli
come frecce nell’arco
lanciano schizzi di vita:
il tuo latte pieno di eternità

Le tue sapienti mani
come fiere affamate
afferrano il mio corpo
e la tua lingua mi sfiora impertinente

Urla di piacere squarciano il velo della notte
non c’è tregua nella lotta
Solo la falce della luna ammira tanto strazio d’amore
Le stelle cercano di unirsi all’orgasmo
mentre le tue labbra morbide e crudeli
straziano la mia carne
io sento l’odore del sangue che si mischia
all’odore del tuo sesso

Crudele sei poiché non mi dai tregua
Tu vuoi tutto il mio corpo per fartene trofeo
mentre l’ultimo spasmo mi trova piegato

Guizzano gli ultimi lampi di gioia
e come la frusta che schiocca
sul corpo del martire
così tu mi trafiggi d’amore

Lupa …
Tu sei la mia Lupa

da ” POESIE SPARSE”
Gregorio Asero
copyright legge 22 Aprile 1941 n°633

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...