La Polizia di Casale Monferrato deferisce all’autorità giudiziaria M.M., di anni 55

La Polizia di Casale Monferrato deferisce all’autorità giudiziaria M.M., di anni 55

Questura di Alessandria: Il 26 gennaio scorso, la Polizia di Stato di Casale Monferrato, deferiva all’autorità giudiziaria  competente M.M., di anni 55, cittadino italiano dimorante nella provincia di Vercelli, poiché ritenuto responsabile del reato di furto aggravato e tentato furto aggravato con vincolo di continuazione.

questura-polizia copia

L’attività di P.G. traeva origine dalla denuncia sporta da S.M., imprenditore casalese di anni 50, titolare di alcuni punti vendita di mescita di bevande e alimenti tramite distributori automatici, il quale riferiva di aver subito un furto, nella notte del 25 gennaio, all’interno di ben tre delle sue attività commerciali, in uno dei quali il ladro non riusciva a portare a termine l’intento criminoso, danneggiando comunque visibilmente i macchinari.

Due delle citate attività commerciali erano dotate di sistema di video-sorveglianza da cui il personale operante riusciva ad acquisire le relative video registrazioni. Dalla loro analisi si scorgeva il malfattore, che fra la mezzanotte e le sei del mattino poneva in atto i furti travisandosi parzialmente con l’utilizzo di una sciarpa ed un cappello. Nonostante ciò, gli investigatori riuscivano comunque ad estrapolare un chiaro primo piano del soggetto che divulgavano agli operatori in servizio di controllo del territorio.

Il giorno 26 gennaio, un equipaggio di Volante, durante lo svolgimento del servizio, in una zona del centro cittadino, notava un individuo che corrispondeva esattamente a quello segnalato, che indossava nell’occasione anche alcuni capi di abbigliamento identici; pertanto lo sottoponeva a controllo di Polizia accertando che si trattava di persona pluripregiudicata per reati in genere ed anche specifici, dedito a furti di punti vendita in cui sono presenti distributori automatici, fatti per cui solo due giorni prima veniva tratto in arresto dalla Questura di Vercelli.

Nel corso del controllo l’individuo veniva trovato in possesso di una quantità rilevante di monete, sicuro provento di altra azione delittuosa e da un più attento confronto della sua conformazione fisiognomica con quella dell’effigie ricavata dall’impianto video, si trovava conferma dell’esatta corrispondenza di M.M. con l’autore dei reati in esame.

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...