Abbinamenti con la ricotta: frutta secca e miele

Creando Idee

La ricotta, pur essendo comunemente considerata un formaggio, è in realtà un latticino che si ottiene attraverso un processo di riutilizzo del siero di latte residuato da precedenti lavorazioni di formaggio, che viene riscaldato seguendo precise fasi tecniche. In cucina è un ottimo alleato a infiniti sono gli abbinamenti con la ricotta, eccone alcuni : frutta secca e miele Noci, pistacchi, nocciole, semi di sesamo e ricotta sono buonissimi insieme nelle ricette salate riguardanti gli antipasti. Come decoro nelle tartine o dentro l’impasto di qualche mousse, i finger food realizzati con questi ingredienti saranno sicuramente un successo e, per i golosi di frutta secca, un assaggio tirerà l’altro. Ricotta, mortadella e granella di pistacchi impastati insieme danno vita a squisiti tartufini, a cui sarà impossibile resistere. Con questi farete figura con gli amici, presentando i tartufini anche alle feste. Per crearli, mescolate la ricotta con la mortadella tritata…

View original post 190 altre parole

Fare più cose insieme le donne battono gli uomini

Creando Idee

Lo dice un gruppo di psicologi del Regno Unito, che sul Bmc Psychology hanno pubblicato i risultati di due esperimenti dai quali arriva la prova scientifica. E senteziano: “Gli uomini sono più lenti e meno organizzati delle donne quando devono passare rapidamente da un’attività a un’altra, almeno in certi casi”.Cosa mette in crisi i maschi? Anche le tipiche attività da ufficio: inviare e-mail, rispondere a telefonate e incarichi assegnati, entrare e uscire dalle riunioni, il tutto simultaneamente o quasi. Le donne “brillano” soprattutto quando si trovano sotto pressione, per esempio quando devono cercare qualcosa: “Sono più riflessive e organizzate, mentre i gli uomini sono più impulsivi e alla fine si perdono”, spiegano i ricercatori.Forse un retaggio dell’evoluzione, ipotizzano gli psicologi. Dall’epoca in cui mentre il maschio era impegnato in “compiti lineari” come quello di uccidere una preda, la donna già si destreggiava tra la cucina, la cura della…

View original post 210 altre parole

Infinity tv: ne vale la pena? || La mia esperienza

Il Lettore Curioso

Buona domenica lettori! Dovete scusarmi per l’assenza nella community di questi giorni, ma ho lavorato tantissimo. Non temete, recupererò il prima possibile!

Oggi voglio parlarvi della mia esperienza con la piattaforma Infinity, di proprietà Mediaset. Diverso tempo fa ho ricevuto in regalo da Vodafone un anno di Infinity gratuito. L’abbonamento è quasi giunto al termine, ma ho iniziato a sfruttarlo solo qualche mese fa. Nel frattempo mi sono fatta un’idea, che voglio condividere con voi, in modo che possiate valutare se valga la pena farlo o meno.

PREZZO: 7,99€ al mese.

PAGAMENTO: Mensile

PROVA: 30 giorni prova gratuita

DOWNLOAD: Possibilità di scaricare film e serie tv e guardarli offline

DIPOSITIVI: È possibile associare fino a un massimo di 7 dispositivi contemporaneamente e attivarne fino ad un massimo di 12 all’anno. 

Il catalogo di Infinity è in continuo aggiornamento, con serie tv e film sempre nuovi. Devo dire che nell’ultimo…

View original post 334 altre parole

Semplicemente un post domenicale

☆ Pensieri Sparsi di una Psicopatica ☆

E’ il mood domenicale quello che accompagna le mie dita che battono sui tasti del mio Mac, quella specie di ozio misto a voglia di non pensare che domani inizia una nuova settimana.
A volte mi chiedo se prima o poi riuscirò a superare l’avversione per il lunedi, anche se dovreste apprezzare il fatto che da una vita ho smesso di tediarvi con i miei Post del Lunedi.

tumblr_ll5j49keyx1qcrzkko1_500

La verità è che sono giorni che mi riprometto di trovare del tempo per scrivere, ma scrivere davvero di me, poi puntualmente mi fermo ancor prima ritrovarmi di fronte al foglio bianco.

1kr9

Continuo a rimandare i buoni propositi che mi ero prefissa ad inizio anno. E va bene che Gennaio abbiamo deciso di fingere che non esista, ma siamo giunti già quasi alla metà di Febbraio e ancora non sono uscita da questo letargo in cui sono caduta.

tumblr_n0n6muiyxq1sjj8kdo1_400

Insomma riuscirò davvero:
–…

View original post 18 altre parole

Oggi lo so, di Franco Bonvini

https://bonvinifranco.wordpress.com/2019/02/10/oggi-lo-so/

Da un vecchio scritto:

https://bonvinifranco.wordpress.com/2018/05/03/il-figlio-della-jugoslava/

Oggi lo so,
quel bambino dagli occhi neri e furbissimi
quello che non sapeva stare nel banchetto
guardava sempre dalla finestra un altrove che non capivo
verso dove le rocce slavavano nel buio.

Oggi lo so,
all’uscita di scuola non erano le case di Como che vedeva,
le sue avevano gli occhi strappati
e fantasmi alle finestre,
meno una,
quella verso cui accellerava il passo.

Oggi lo so,
lo chiamavano il figlio della iugoslava,
e lei jugoslava non era,
quel bambino era tutto ciò che lei era, adesso.

Oggi lo so,
Oggi sono nato ancora
a Fiume,
In qualche altro mondo,
e guardo le case col cuore strappato.

foiba1

Gioielli Rubati 24: Maria Allo – Mimi – Chiara Marinoni – Chiara – Marco G. Maggi – Antonio Bianchetti – Felice Serino – Anna Leone.

almerighi

NON CERCATEMI, POETI

“muori allora e fallo piano/ piano e soavemente”, perché “ogni istante possiede dolci abissi
Ingeborg Bachmann

Non cercatemi, poeti.
Un fardello sventra le vertebre del mondo
le metafore a brandelli ne strozzano i suoni
giorno dopo giorno il ritmo
in fondo al buio diviene meno reale
della luce di chi vince.
E dunque il disincanto dischiude parole
di una lingua che muore
di ciò che pesa troppo
di chi baratta il dolore nel tuo nome.
Non c’è parola pari al tempo umano
là dove è sepolta la memoria.
Così lontani non saremo liberi.
Un fardello spiuma le vertebre come l’ oblio
sul rovo pungente del passato
L’aria sovverte il respiro nel suo vorticare e squarcia
nel trambusto anche questo mare.
Ma tu non abituarti mai.

©Maria Allo, qui:
https://nugae11.wordpress.com/2019/01/25/non-cercatemi-poeti/

*

Una carezza sull’ala .2

Sono piccola adesso:
caduta sulla ghiaia
le ginocchia sbucciate.

Sono piccola, non so

View original post 528 altre parole

B- Side Legends: domenica con i Beatles di Dado e Rudy Bargioni, di Lia Tommi

10 febbraio , ore 21 B-Side Legends: The Beatles con Dado e Rudy Bargioni

Trattoria Cappelverde via san pio V 26, 15121 Alessandria

B-Side Legends: un nuovo modo di vivere la musica e i suoi interpreti. In questi appuntamenti domenicali, sul palco racconteremo attraverso aneddoti, lettura dei testi e canzoni alcuni degli artisti più rilevanti della musica mondiale.
Padrini del nuovo format saranno Dado e Rudy Bargioni che ci racconteranno i Beatles, a 50 anni dal “Rooftop Concert”

Menù della serata

Eggs & Bacon “ricomposto”
Roast Beef in crosta di pepe

Risotto allo Stilton

Hamburger del mandrogno

acqua, caffè

30 euro

info e prenotazioni: 345 996 8548

Momenti di poesia. Gente, di Vittorio Zingone

Momenti di poesia. Gente, di Vittorio Zingone

Gente

Gente senza nome
e senza volto
mi raggiunge, mi sorpassa,
m’attraversa
la strada che percorro,
oltre me scompare
all’orizzonte.

Ognun con le proprie pene,
i propri affanni
ascosi in cuore,
spavaldo o sommesso
se ne va pel mondo
alla conquista
di chissa’ mai quali
ambiti premi.

E’ solo l’illusione
che ci trascina innanzi,
sempre innanzi,
nella dura arena della vita.

Momenti di poesia. Scusami, di Rosario Rosto

Momenti di poesia. Scusami, di Rosario Rosto

Scusami
se parlo solo
attraverso le mie poesie.

***
Vorresti un tempo
per pensare…
in una vita, questa,
dove il silenzio
ha il suo senso
e che ti accompagna
dopo tante parole.
Dove il tuo respiro
vibra, accanto
a quel sorriso
che ti si incolla addosso.
E tu, diventi naufrago
di quel mare,
in un viaggio
mai iniziato.

Mentre vorresti
trovarti altrove,
oltre quelle nuvole.
Dove nascondi quell’angolo
di cielo solo tuo,
per difenderti
dalle onde
che sconvolgono
Il tuo destino…
e da un cuore
che non si perde…
al rincorrere del tempo.

Rosario Rosto

Foto:
Stephanie Dupont

Cibi anti freddo

Creando Idee

Possiamo definire cibi anti-freddo gli alimenti che ci arrivano in aiuto quando il termometro scende all’impazzata, la temperatura corporea si abbassa, l’organismo perde calore più rapidamente e viene intaccata l’energia accumulata fino a quel momento. Con l’alimentazione giusta, infatti, possiamo evitare gli squilibri termici interni, conservarci “al caldo” e schivare perfino i soliti malanni di stagione. “Non è necessario aumentare dosi e porzioni: l’importante è preferire con cura cosa consumare» spiega Luca Piretta, nutrizionista. «Anche in questo caso, l’ esempio da seguire è quello mediterraneo: spaziare tra frutta, verdura, cereali, pesce, carne, uova e formaggi consente di mantenere un buono stato di salute quando siamo attaccati da diversi agenti esterni e di creare una flora batterica intestinale differenziata, in grado di far lavorare meglio il nostro sistema immunitario» Inoltre l’idratazione è importantissima anche se in inverno non percepiamo lo stimolo della sete. Se facciamo fatica a bere un litro…

View original post 58 altre parole

La polizia è arrivata anche da me…

Anna & Camilla

Per ritornare e aggiornarvi sulla scomparsa di Libby, stamattina due agenti investigativi della polizia hanno bussato alla nostra porta. Ci hanno fatto alcune domande, fatto compilare un questionario e rilasciare i nostri nomi. Sono stati gentili ed educati. Ma notizie ancora certe sull’evoluzione del caso ancora niente. Solo che un sospettato, come dicevo ieri è stato arrestato e casa sua è piena di polizia, ci sono passata davanti proprio stamattina.

Ma la domanda che mi viene spontanea è: perché hanno bussato solo a casa nostra e alle altre no? Non li avrò notati?

Speriamo bene per Libby! ❤️

View original post

Momenti di poesia. Livorno, di Dario Menicucci

Momenti di poesia. Livorno, di Dario Menicucci

Livorno 51851965_703718193357965_761561868392202240_nlivorno 52551967_703718236691294_8344168909691158528_o

Livorno

La chiesa di sale

La chiesa
dorme ancora
ai piedi del mare.

Carezze
di onde vivaci
e gocce di luce
vanno a svegliarla.

Tra poco
campane festose
saluteranno
il sole nascente

Dario Menicucci

La chiesa di San Jacopo in Acquaviva
all’alba, nascosta dalla mareggiata,..

la foto è di Andrea Dani, il quadro di Marc Sardelli

Apple prepara un’innovativa tecnologia per la lettura digitale su iPhone

Sempre incuriosito da nuove possibilità di riconoscimento e di lettura, ribloggo questo articolo.

Spazio Vitale

face-idApple ha abbandonato il Touch ID, sistema di lettore di impronte digitali, sugli iPhone 2018 per adottare il Face ID, tecnologia avanzata di riconoscimento dei volti. Tuttavia, sembra che la società americana stia lavorando ad un modo innovativo per far rivivere il lettore digitale sui propri smartphone.

View original post

Alight Creative apre le sue porte al MOJO FESTIVAL

MOJO ITALIA

Finalmente una app pensata per gli appassionati della motion graphic, oltre che del montaggio video ed effetti speciali, la Alight Creative mette a disposizione per i nostri mojers Alight Motion.

alight-motion-alight-creative

Come Feelmatic, anche Alight Motion al momento è ancora in versione beta, disponibile su Google Play Store per Android.

screenshots-minified

Sulla pagina Twitter di @AlightCreative troverete tutti gli aggiornamenti e le novità di sviluppo dell’applicazione e video esplicativi di ciò che questa novità porterà nel fantastico mondo del mobile journalism.

Anche loro saranno al MOJO FESTIVAL e tu?

View original post

Avanguardie e Spie: Bernard Fay

FiloRossoArt

Appunto!  Chi era Bernad Fay?

“…sospettato di essere un agente della Gestapo per gran parte dell’occupazione in Francia da parte della Germania, proteggeva Gertrude Stein e Alice B. Toklas “.

FayBernard108.jpg

Verrà arrestato e condannato all’ergastolo.
Funzionario del governo filo nazista di Vichy in Francia e studente di “Harward”  (nota Università ebraica americana) era conosciuto al mondo artistico come ebreo e agente della nota agenzia Freemason  (Casa delle Libertà). Come spia, fu un ottimo e sfrontato “doppiogiochista”. Chi proteggeva?
Innanzitutto le nostre due “spie eroine” e, la lunga lista di artisti francesi a capo delle “Avanguardie” impegnate nel rastrellamento finanziario a favore delle  organizzazioni eversive. Amico intimo di G. Stein e A.Toklas riusciva a muoversi indisturbato tra le fila degli artisti tutti: letterati, musici, poeti,  pittori, fotografi ecc.

Si narra di Lui:

 Stein scrisse una lettera a favore di Faÿ quando fu processato come collaboratore.  Nel 1946 un tribunale francese lo…

View original post 624 altre parole

Arte e Libertà d’Azione.

FiloRossoArt

ARTE E LIBERTA’

bellezza greca

Forse perché l’Arte non è materia per idioti o forse perché gli idioti presero possesso delle leve di comando nell’Arte, le Avanguardie del primo Novecento si sono fatte carico da se stesse, quali responsabili della decadenza generale nell’Arte in occidente  finendo nelle brutture dei campi di battaglia marziali e Lager. (Marte).

Con le Avanguardie, le Accademie delle Belle Arti dovettero fare i conti con le Accademie delle Brutte Arti. Questo errore che stiamo trascinato ancor a nel nuovo XXI° secolo  ci costerà caro, in quanto, i nuovi artisti arrivati su questo pianeta, seguiranno le orme dei loro predecessori fino a quando capiranno che, alla Libertà di Azione  vanno tolte le catene accademiche e avanguardiste che l’hanno imprigionata nel “Mercato” di oro, gioielli e spezie varie.

Peggio ancora sono andate le cose  nell’Italia democratica decadentista che, l’Arte l’hanno incatenata da idioti  nel circo equestre (arena) dello Sport, confondendo…

View original post 415 altre parole

ARTE e ARTIGIANATO

FiloRossoArt

LA CLESSIDERA

A

Quando un tombarolo o contadino fortunato, nello scavare la terra, trova un pertugio che porta a una camera sotterranea buia, se mai dovesse trovare tra i ruderi o tombe degli oggetti di fattura antica, la prima domanda che si pongono è sulla natura dell’oggetto stesso ritrovato.
A primo acchito, osservando la scoperta preistorica, scatta la curiosità e la speculazione per quel “tesoro” che li porterà a dare un valore economico immediato alla cosa. Nel fortunato trovatore si scatena l’immaginario fino al limite dello scempio archeologico.

View original post 616 altre parole

Valorizziamo i successi che otteniamo

CapoVerso: New Leader

E’ nota la definizione di Albert Einstein della follia: “Fare sempre la stessa cosa e aspettarsi risultati diversi“. Tuttavia, c’è un altro atteggiamento altrettanto irrazionale a cui non riserviamo la necessaria attenzione, cioè “Fare una cosa che ha avuto successo e non fermarsi a valutare quello che ha funzionato per poter ripetere l’esperienza”.

View original post 354 altre parole

La poetessa del giorno: Maria Cristina Fonseca

Artivago

Biografia

La Sorte

Maria Cristina Fonseca nasce a Cutrofiano (LE) ma appena tredicenne si trasferisce a Milano. Frequenta l’Università Cattolica e trova lavoro come segretaria in uno studio legale, fino a diventare responsabile amministrativa. Dal matrimonio nascono tre figli maschi ma questo non le impedisce di dedicarsi alle sue passioni: poesia, arte e antiquariato, tanto da conseguire il relativo diploma che le consentirà di lavorare come conservatrice in un Museo e poi svolgere un’attività in proprio. Attualmente gestisce un mercatino dell’usato in viale Sarca 197 a Milano, di fronte all’Università Bicocca e a due passi dal Teatro degli Arcimboldi. Ma non dimentica la sua passione per la poesia. Il suo ultimo libro che raccoglie una silloge di suoi lavori, si intitola “La Sorte”.


Poesia

Piovuta dal cielo

Il tenebroso cammino
s’accorcia.
Un alito di vento
ulula nel vortice,
Gli anelli ancora
incatenati
si dissolvono.
Ed è Arcobaleno!


Commento

View original post 284 altre parole

“A nudo”. Le poesie di Manuela Montemezzani

Artivago

La poesia di Manuela Montemezzani ha un pregio. E’ diretta, immediata, addirittura rude in certi passaggi. Prevale la sincerità che per lei significa liberarsi da atteggiamenti ipocriti o difensivi, senza trincerarsi dietro una lingua troppo metaforica, lontana dal reale, senza abusare degli effetti di ambiguità che i traslati spesso offrono a copertura di un “io” recalcitrante a mettersi a nudo.

Ecco qualche esempio: “Siamo la reincarnazione del Diavolo sulla Terra/Nati dal bene e coltivati e annaffiati come erbacce dal male”. E un’amara riflessione su se stessa: “Non posso più amare,/non sono mai stata amata/mi hanno abbellito,/allestito come una tavola apparecchiata./Hanno mangiato,/gustato i miei frutti.”

Per Montemezzani il mezzo poetico non è niente di diverso o alternativo rispetto al linguaggio comune. Al contrario, di esso si alimenta, si nutre senza compiacimenti, senza effetti speciali, ma…

View original post 311 altre parole

Duccio Demetrio: scrivere poesie fa bene all’anima

Artivago

Duccio Demetrio, filosofo dell’educazione e fondatore dell'”Accademia del silenzio” rivolge dalle pagine del suo libro “Silenzi d’amore. Scrivere i sentimenti taciuti”, Mimesis Edizioni, 2015,un appello a tutte le persone sensibili:

prendete carta e penna” e  “non esitate a scrivere di voi stessi in ogni momento della giornata, di fronte a un grande evento, all’amore, a un sogno o a un semplice dettaglio osservato nella natura

Il nostro è un paese di “santi, navigatori e poeti” e sembrerebbe non aver bisogno di questi inviti perché già in tanti scrivono poesie (sembra che siano quasi due milioni i poeti in Italia). Il problema piuttosto è che sono pochissimi coloro che leggono le poesie degli altri. La maggior parte rilegge solo le proprie, tanto che, secondo Filippo La Porta, “il loro narcisismo è insopportabile”.

Ma, a parte queste considerazioni, scrivere poesie…

View original post 354 altre parole

Janne Robinson: poetessa, ma soprattutto donna vera

Artivago

People ask me what it was like
Being raised
By two gay moms
I tell them
My wallet is a little bit lighter
On mother’s day
And a little bit heavier on father’s day

Le persone mi chiedono com’è stato
essere cresciuta
da due mamme gay
Dico loro
Il mio portafoglio è un po’ più leggero
alla festa della mamma
E un po’ più pesante a quella del papà


I am fire
If you want something salty and sweet
With no opinion
I am not the woman for you
I split flames
Often

Io sono fuoco
Se vuoi qualcosa di salaticcio e dolciastro
Senza opinione
Non sono la donna che fa per te
Spesso
Dalla mia bocca escono lingue di fuoco


Io non voglio essere la tua altra metà. Come se non tu non fossi stato un uomo intero quando mi hai incontrata. Come se tu avessi qualcosa che…

View original post 125 altre parole

Monica Portatadino: la poesia verso la significazione assoluta

Artivago

Siamo di fronte ad una poetessa che nutre una grande fiducia nella poesia e sa reinterpretarla per ridare valori di sonorità espressiva, ritmo interno, intensità emotiva e significato alle parole.

Non lo fa con strumenti algidi e impersonali. Al contrario, cerca in qualche modo di risacralizzare il reale attraverso le parole: cosa tutt’altro che semplice. E si spinge a riscoprire il piacere di fare poesia come fosse un’alchimista del verbo. Nel cui armamentario prevale il gusto, artigianale ma non meno “magico”, che la spinge a coltivare e far crescere con cura amorevole, e quasi maniacale, i suoi lavori.

La poetessa si immerge nelle acque inquiete della propria vita emozionale, sfuggendo alle consuetudini, alle frasi fatte e ai luoghi comuni poetici per ricuperare grazie a una immagine, un suono, un colore, un profumo, un paesaggio, il filo di un pensiero, di una riflessione che diventa di per se stesso atto…

View original post 635 altre parole

La poesia del giorno con Franco Buffoni

Artivago

Franco Buffoni – di cui abbiamo già parlato in un precedente post – è un autore tra i più originali e apprezzati della nostra poesia, l’ultimo suo libro è “La linea del cielo” (2018, Garzanti, € 18,00).

Da parte nostra, ripeschiamo una sua vecchia poesia che ci ha colpito per il tema trattato, ancora oggi piuttosto attuale.


Traducevo Katherine Mansfield
Tratta da “Avrei fatto la fine di Turing”, Donzelli, 2015

Stavo traducendo Katherine Mansfield
O meglio traducevo del bambino
Che morì alla Mansfield
E poi riapparve a lei tutta la vita,
Quando nella mia domenica stranita
Irruppe la cronaca
Col referendum sulla legge 40.
Sono a favore, sempre a favore
Se alla fine incontro comunque
Sorrisi e carezze a un bambino.
Sono contrario, sempre contrario
Se alla fine incontro percosse
Ipocrite patrie
Potestà e prime
Comunioni con la fila
Dei maschi
E quella delle femmine


Il…

View original post 309 altre parole

Pasolini. Questa differenza insopportabile…

Artivago

E’ uscito per le Edizioni Scripta, nell’ottobre di quest’anno, il libro “Tonuti (Antonio) Spagnol racconta Il Pasolini friulano. Ricordi di un discepolo”, € 13,00, a cura di Sergio Clarotto.

Diciamo subito che si tratta di un libro particolare. Va letto come un delicato e affettuoso tributo da parte di Tonuti Spagnol al suo maestro Pier Paolo Pasolini. Un segno di riconoscenza per aver ricevuto da un grande intellettuale come lui un’istruzione di base ricca e originale che lo ha fatto uscire da “una realtà vacua e servile” e ha favorito la sua crescita umana e culturale, consentendogli di affrontare con successo la vita.

Ma questo libro non vuole essere solo un ringraziamento da parte di Tonuti. Rappresenta il suo desiderio di condividere con il grande Poeta i tempi passati, i dolci ricordi della giovinezza, le usanze di un popolo semplice ma felice, nonostante…

View original post 932 altre parole

Poesia e psicoanalisi

Artivago

Il compito del critico letterario è assai simile a quello dello psicologo, anche se il fine non ha nulla a che vedere con la salute mentale della persona. La differenza è che mentre lo psicologo deve sondare l’inconscio del paziente attraverso una analisi attenta che prevede il ricorso a specifiche domande, il critico si trova il lavoro già fatto dal Poeta.

Il Poeta scrivendo una poesia mette a nudo la sua anima, i suoi sentimenti, le sue sensazioni più profonde. Per questo motivo, al critico si richiede la massima delicatezza, la massima discrezione, perché sta lavorando su materiali estremamente sensibili.

La poesia è in sé, quasi per definizione, una operazione di sintesi. E’ la ricerca di un equilibrio, di forma, di effetti sonori particolari, per arrivare all’essenza di un sentimento, che spesso si coagula in una parola chiave.

Il Poeta lavora come un alchimista. Distilla le sue sensazioni, e…

View original post 48 altre parole

Arte contemporanea: sforzarsi di vedere l’invisibile

Artivago

Francesca Alfano Miglietti (FAM), teorico e critico d’arte, ha scritto un libro che ci voleva. Si intitola “A perdita d’occhio. Visibilità e invisibilità nell’arte contemporanea“, ed è pubblicato da Skira.

C’è in giro parecchia diffidenza (forse troppa) nei confronti dell’arte contemporanea. La gente esprime facili giudizi, apprezzamenti generici, sull’arte classica, anche se la conosce poco, o non la conosce affatto. Sull’arte contemporanea, spesso la reazione è di pregiudiziale rifiuto. Non la si capisce e ci si rifiuta di capirla.

Ma per capire un’opera d’arte, sia classica che contemporanea, non è sufficiente guardarla. Bisogna sforzarsi di vedere l’invisibile, quello che a prima vista non appare, “un presagio, una memoria, un amore, un tempo, un disagio” scrive FAM nella controcopertina del libro. Insomma, bisogna interrogarla, scoprire cosa c’è dietro, senza dimenticarci che noi siamo portati a vedere solo ciò che sappiamo. E se ci troviamo di fronte a…

View original post 452 altre parole

Commenti e mi piace sono l’anima del blog

Commenti e mi piace sono l’anima del blog

di Pier Carlo Lava

mipiace

Alessandria today: Un post dedicato agli affezionati lettori, agli amici blogger ma anche a tutti noi della redazione. A seguito di un analisi effettuata sulle statistiche di Alessandria Today è emerso che sono stati postati commenti e messi mi piace sul 32% dei post pubblicati.

Sono quindi dell’avviso che commenti e mi piace sono la vera anima del blog, gli stessi rappresentano infatti la misura dell’interesse e dell’attenzione con cui viene letto e seguito nel tempo.

Perciò a tutti quelli che dedicano il loro tempo a postarli, siano essi di assenso o di eventuale dissenso…, credo che sarebbe opportuno, doveroso e cortese dare una risposta adeguata e possibilmente in tempo reale.

foto: www.comune.capralba.cr.it

Ti piace scrivere e vedere pubblicato quello che scrivi sul blog ?, di Pier Carlo Lava

Ti piace scrivere e vedere pubblicato quello che scrivi sul blog ?

Pier Carlo

di Pier Carlo Lava

Se ti piace scrivere e vedere pubblicato quello che scrivi, puoi inviare i tuoi articoli, di recensioni, racconti, poesie, cronaca, politica, cinema, teatro, sport, welfare, segnalazioni sui problemi della città dove vivi, ecc. anche con foto, al mio indirizzo email, verranno pubblicati gratuitamente (a insindacabile giudizio della redazione) sul blog: http://alessandria.today/ e ovviamente anche sulle varie pagine social collegate: facebook, twitter, google+, tumbir e pinterest.

Per un contatto preventivo puoi scrivermi in privato su messenger.

ps. qualora sussistano reciproci presupposti c’è la disponibilità a valutare anche una tua collaborazione diretta al blog

Feroce accoltellamento in un ristorante, due giovani in gravi condizioni

Feroce accoltellamento in un ristorante, due giovani in gravi condizioni

Caccia serrata dei carabinieri agli autori dei fendenti, posti di blocco in tutto il territorio

Tommaso Torri 09 febbraio 2019

Sembra esserci una discussione per banali motivi all’origine del feroce accoltellamento che, nella notte tra venerdì e sabato, ha visto due giovani venire feriti gravemente.

riccione viale torino accoltellamento la mulata 9 febbraio foto - 036-2

La lite si è scatenata verso l’1 a Riccione, davanti al ristorante “La Mulata” di viale Torino nei pressi della fermata dell’autobus, e a rimanere a terra con delle gravissime lesioni da taglio sono stati due 23enni italiani soccorsi dal personale del 118 arrivato sul posto con 2 ambulanze e l’auto medicalizzata.

I feriti sono stati trasportati col codice di massima gravità all’Infermi di Rimini mentre, sul posto, sono accorsi i carabinieri. Le indagini dei militari dell’Arma sono partite immediatamente e, al momento, sono in corso posti di blocco in tutto il territorio per individuare gli autori dei fendenti in fuga.

Si tratterebbe di persone già note ai carabinieri… continua su: http://www.riminitoday.it/cronaca/riccione-tentato-omicidio-accoltellamento-mulata-un-ristorante-due-giovani-9-febbraio-gravi-condizioni.html

Litiga con l’amico del figlio, 59enne batte la testa e muore – lanazione.it

Flaviano Nocentini è morto a seguito di una caduta al termine di una lite con un 22enne, amico del figlio. Il ragazzo è stato arrestato per omicidio preterintenzionale. Pistoia, 10 febbraio 2019 –  

Un uomo di 59 anni è morto ieri sera in seguito a una caduta al termine di una lite con un 22enne, amico del figlio, in base a quanto ricostruito dalla polizia.

La vittima, è stato spiegato, è stata raggiunta da un calcio alle spalle tirato dal giovane: finita a terra ha sbattuto violentemente la testa. Inutili i soccorsi prestati dai sanitari inviati dal 118… continua su: Litiga con l’amico del figlio, 59enne batte la testa e muore – Cronaca – lanazione.it

Latte: pastori sardi bloccano tir in scalo P.Torres – Sardegna – ANSA.it

La loro azione è stata interrotta dall’intervento dei carabinieri e degli uomini della polizia inassetto anti sommossa. (ANSA)

La protesta dei pastori sardi per il crollo del prezzo del latte arriva nello scalo di Porto Torres (Sassari). Oltre un centinaio di contestatori ha fermato i tir frigo imbarcati a Genova. Gli allevatori hanno fermato un mezzo che trasportava carni suine provenienti dalla Francia e hanno gettato gran parte del carico a terra, chiedendo l’intervento delle autorità sanitarie e denunciando “le pessime condizioni della merce destinata al mercato locale”. La loro azione è stata interrotta dall’intervento dei carabinieri e degli uomini della polizia in assetto anti sommossa… continua su: Latte: pastori sardi bloccano tir in scalo P.Torres – Sardegna – ANSA.it

Arcella horror: uomo accoltellato e corpo carbonizzato, indagini in corso. Padova oggi

Arcella horror: uomo accoltellato e corpo carbonizzato, indagini in corso
I fatti

Il cadavere di un uomo sarebbe stato trovato carbonizzato all’interno di un appartamernto di via Altichieri da Zevio. Un altro, ferito, è stato già bloccato dalle forze dell’ordine. Secondo quanto ricostruito finora nello stesso appartamento poco prima si sarebbe verificata una lite. L’uomo ferito, ricoverato in ospedale, è ora piantonato dai carabinieri.

Potrebbe interessarti:http://www.padovaoggi.it/cronaca/omicidio-arcella-10-febbraio-2019.html
Seguici su Facebook:http://www.facebook.com/pages/PadovaOggi/199447200092925

L’episodio domenica mattina: il ferito è in ospedale piantonato dai carabinieri

Sorgente: Arcella horror: uomo accoltellato e corpo carbonizzato, indagini in corso

Gilet gialli verso la frontiera italiana, bloccati – ANSA

Autostrada chiusa per Maxime Nicolle e una trentina di manifestanti (ANSA)

Una trentina di gilet gialli guidati da Maxime Nicolle, alias Fly Rider, presente ieri anche nella manifestazione a Sanremo, sono stati bloccati dalla polizia sul percorso che avevano intrapreso per varcare la frontiera con l’Italia. I circa 30 gilet gialli si erano dati appuntamento allo stadio di Nizza, poi si erano diretti verso l’autostrada A8 per dirigersi a Mentone e verso l’Italia. Sono stati bloccati dalla polizia, compreso Nicolle che tentava di passare in auto.

Nuovi scontri a Parigi, per il 13esimo atto della protesta dei gilet gialli, nei pressi del Senato. Una molotov è stata lanciata al passaggio di una parte del corteo davanti al portone del Senato, nelle vie adiacenti ci sono stati danni alle vetrine, cariche e lancio di lacrimogeni da parte della polizia. Il corteo ha poi preso la direzione di Montparnasse, deviando in parte dal percorso autorizzato dalla prefettura. Poliziotti in assetto antisommossa sono in testa al corteo, furgoni blindati sono in coda… continua su: Gilet gialli verso la frontiera italiana, bloccati – Europa – ANSA

Mahmood vince il Festival di Sanremo, sul podio Ultimo e Il Volo – La Stampa

ALBERTO MATTIOLI INVIATO A SANREMO

Il Sanremone finisce in gloria, dando un nuovo significato alla parola «noia». Come sarebbe andata a finire, lo si era già capito dopo cinque minuti.

Nel consueto numero di apertura con il balletto (ottimo e abbondante, al solito), Claudio Baglioni in smoking bianco da gelataio canta la sua vecchia hit, «E adesso la pubblicità». Uno dei versi recita: «E adesso è un quasi un secolo di noia».

Beh, sembra proprio una profezia. «Nessuno è perfetto», dice poi Claudio magno nell’omelia iniziale, dove mette il cappello sul Sanremone che verrà e che forse farà lui o forse no, ma che dovrà continuare «nel solco della musica al centro» e nella difesa della gloriosa canzonetta italiana, e così via (anzi, così sia).

Ventiquattro canzoni e tanto spettacolo: finalmente più spazio per Virginia Raffaele. Serata eterna, la critica premia Silvestri

Sorgente: Mahmood vince il Festival di Sanremo, sul podio Ultimo e Il Volo – La Stampa

A Genova non è crollato solo il ponte

Il Blog di Roberto Iovacchini

Quando ho letto le prime notizie sul crollo del ponte Morandi lo scorso 14 agosto, la prima reazione è stata di incredulità, poi con il passare dei minuti, quando la tragedia si è manifestata in tutta la sua disastrosa portata, lo sgomento ha preso il sopravvento. Non è crollato solo il ponte di Genova. Si è sgretolata l’Italia. Un disastro così grande, indipendentemente dalle cause tecniche che lo hanno provocato, dimostra che l’Italia è un paese che non funziona, marcio nella sua stuttura portante, proprio come il ponte.

Non c’è solo un ponte da ricostruire. C’è da costruire uno stato che funzioni veramente e non solo nelle dichiarazioni propagandistiche dei politici, che sia in grado di proteggere i suoi cittadini e tutelarli, di garantire diritti e pretendere che tutti facciano il proprio dovere. Uno stato capace di spendere le proprie risorse in modo oculato e non sprecarle in modo becero…

View original post 424 altre parole

Il cacciatore di orfani

Il Blog di Roberto Iovacchini

index

Titolo: Il cacciatore di orfani

Autore: Yrsa Sigurdardottir

Editore: Mondadori

L’omicidio di una giovane donna avviene con modalità di inaudita crudeltà. Unico testimone la piccola figlia della vittima, Margrét, 7 anni, nascosta sotto il letto su cui la madre veniva barbaramente uccisa.

Ad indagare il detective Huldar con una psicologa infantile di nome Freya, amanti occasionali ed ora in pessimi rapporti. Gli omicidi proseguono ed un presunto colpevole viene arrestato. Si tratta di un ragazzo, Karl, radioamatore, che ha intercettato alcune strane trasmissioni numeriche che lo hanno coinvolto nelle indagini. E’ molto difficile far parlare la piccola Margét che in qualità di testimone di un omicidio potrebbe rivelare particolari utilissimi per le indagini.

Yrsa Sigurdardottir ha iniziato la sua carriera come ingegnere civile prima di dedicarsi alla scrittura. Questo è stato il motivo principale per cui ho acquistato il libro. Uno dei primi post di questo blog era dedicato agli…

View original post 249 altre parole