VAMOS A BAILAR CON GLI STREGATTI! OLÈ VIVA LA CARMEN! a cura di Vicario Marina

Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava

Locandina dell’evento facebook
https://www.facebook.com/events/396514897781568/?notif_t=event_calendar_create&notif_id=1549922870504553

Domenica 24 febbraio TEATRO SAN FRANCESCO ALESSANDRIA
Compagnia Teatrale Stregatti insieme a Flamenco Gitano di Sara Stanchi
LA CARMEN spiegata ai Bambini con Stage di Flamenco alla fine dello spettacolo ore 16 (spettacolo a pagamento 5 euro)

VENITE VESTITI DA SPAGNOLA, RIEMPIAMO IL TEATRO SAN FRANCESCO DI POIS ROSSI, BIANCHI, NERI OLE’!
Vamos a bailar …………….

View original post

VAMOS A BAILAR CON GLI STREGATTI! OLÈ VIVA LA CARMEN! a cura di Vicario Marina

Locandina dell’evento facebook
https://www.facebook.com/events/396514897781568/?notif_t=event_calendar_create&notif_id=1549922870504553

Domenica 24 febbraio TEATRO SAN FRANCESCO ALESSANDRIA
Compagnia Teatrale Stregatti insieme a Flamenco Gitano di Sara Stanchi
LA CARMEN spiegata ai Bambini con Stage di Flamenco alla fine dello spettacolo ore 16 (spettacolo a pagamento 5 euro)

VENITE VESTITI DA SPAGNOLA, RIEMPIAMO IL TEATRO SAN FRANCESCO DI POIS ROSSI, BIANCHI, NERI OLE’!
Vamos a bailar …………….

Kent Haruf, Vincoli. Alle origini di Holt

Il mestiere di leggere. Blog di Pina Bertoli

Alla fine questo ebbe Edith Goodnough: sei anni di quello che si potrebbe chiamare divertimento. O bei momenti. O meglio, la semplice, intensa, magnifica bellezza del sentirsi vivi giorno dopo giorno, quando di sera vai a dormire nella calda oscurità, soddisfatto del tuo angolo di mondo, e poi ti svegli al mattino ancora soddisfatto e ne sei ben consapevole mentre resti sdraiato per un po’ ad ascoltare in pace il richiamo delle tortore dagli olmi e dai fili del telefono, finché al pensiero di un caffè nero finalmente decidi di alzarti dal letto, scendere le scale e andare in cucina, ai fornelli, per ricominciare tutto daccapo con piacere, addirittura con impazienza. Ebbene sì, questa per qualche tempo fu la situazione in cui si trovò Edith. In quel periodo glielo si leggeva in faccia. Per sei anni i suoi occhi bruni brillarono vivaci.

Vincoli, di Kent Haruf, NN Editore 2018…

View original post 1.189 altre parole

Dorfles consiglia – Terza puntata

Il mestiere di leggere. Blog di Pina Bertoli

Sabato è andata in onda la terza puntata di Per un pugno di libri, la trasmissione di Rai 3 in cui due classi di liceo si sfidano su un libro. Nella puntata di sabato, il libro in lettura era “Nudi e crudi” di Alan Bennet. Vi ricordo che, se avete perso la trasmissione, potete rivederla su Rai Play.

I libri consigliati da Dorfles durante la puntata sono stati questi:

Dexter la morte mi è vicina

La morte mi è vicina, di Colin Dexter, Sellerio 2018, traduzione di Luisa Nera

Un nuovo mistero tra le mani dell’ispettore Morse, una giovane, attraente donna è morta, uccisa con un colpo di pistola esploso attraverso la finestra del soggiorno di casa sua. Due indizi lo instradano inizialmente: un criptico messaggio che cela data, ora e luogo di un appuntamento, e una foto con uno sconosciuto dai capelli grigi.

«“Non mi ha ancora detto che cosa…

View original post 802 altre parole

Ting-Kuo Wang, Il ciliegio del mio nemico

Il mestiere di leggere. Blog di Pina Bertoli

Nella vita di un uomo possono esserci vari amori, ma io preferivo viverne uno soltanto, fino in fondo. Intendo dire che, sebbene quella fosse la prima volta che imboccavo la via dell’amore, sapevo già che sarebbe stata l’unica. (..) L’amore è difficile da afferrare come un’ispirazione ancora vaga: quando non c’è, il cervello è un mare morto; solo quando le onde cominciano ad alzarsi impetuose si capisce che la solitudine del mondo può essere rovesciata, basta cogliere l’attimo per spalancare uno spazio infinito. Terminata la tempesta, non resta che ancorarsi per bene alla riva cui si è approdati.

Il ciliegio del mio nemico, di Ting-Kuo Wang, Neri Pozza editore 2018, traduzione dal cinese di Maria Gottardo e Monica Morzenti, pagg 203

Su questo delicato romanzo – del tutto permeato dell’atmosfera orientale che ci si può aspettare da un autore cinese – aleggiano due grandi presenze: l’amore e il destino

View original post 599 altre parole

F.G. Lorca, Soneto gongorino en que el poeta manda a su amor una paloma

Il mestiere di leggere. Blog di Pina Bertoli

All’interno del progetto dei “Sonetos del amor oscuro” troviamo anche questo:

Soneto gongorino en que el poeta manda a su amor una paloma

Este pichón del Turia que te mando,

de dulces ojos y de blanca pluma,

sobre laurel de Grecia vierte y suma

llama lenta de amor do estoy parando.

Su cándida virtud, su cuello blando,

en limo doble de caliente espuma,

con un temblor de escarcha, perla y bruma

la ausencia de tu boca está marcando.

Pasa la mano sobre su blancura

y verás qué nevada melodía

esparce en copos sobre tu hermosura.

Así mi corazón de noche y día,

preso en la cárcel del amor oscura,

llora sin verte su melancolía.

Sonetto gongorino con cui il poeta invia al suo amore una colomba

La colomba del Turia che ti mando

dai dolci occhi e dalla bianca piuma

su un lauro greco effonde e addensa a…

View original post 531 altre parole

Sorj Chalandon, La professione del padre. “Riparare la bellezza”

Il mestiere di leggere. Blog di Pina Bertoli

Da sempre mi domandavo cosa non andasse nella nostra vita. A casa non veniva nessuno, mai. Mio padre lo vietava. Quando qualcuno suonava al campanello, alzava la mano per farci stare zitti. Aspettava che l’altro rinunciasse, ascoltava i suoi passi sulle scale. Poi andava alla finestra, nascosto dietro le tende, e lo guardava vittorioso allontanarsi per strada. Nessuno dei miei amici è mai stato autorizzato a varcare la soglia di casa. Nessuna delle colleghe della mamma. C’eravamo sempre e solo noi tre nel nostro appartamento. Neanche i miei nonni ci erano mai venuti.

La professione del padre, di Sorj Chalandon, Keller editore 2019, traduzione di Silvia Turato, pagg 266

Un romanzo sconvolgente: non saprei che altro termine usare. Dolorosamente bello, aggiungo.

 Sorj Chalandon scrive con le sue lacrime. Dopo quelle versate per il tradimento del suo amico irlandese (Il mio traditore), quelle del massacro di Sabra e Shatila in…

View original post 1.056 altre parole

Andrej Belyj, Il colombo d’argento.

Il mestiere di leggere. Blog di Pina Bertoli

Quanti uomini sono segretamente arsi dal sogno dei campi; o campagna russa, campagna russa! Respiri la resina, il grano, l’aurora: tra le tue distese, campagna russa, c’è da soffocare e morire. (..) Quanti figli hai nutrito, campagna russa; i pensieri su di te hanno vissuto, come fiori, nelle menti dei tuoi figli inquieti: fuggono, Russia, i tuoi figli, e dimenticano la tua vastità nei paesi stranieri; quando tornano, poi, chi li riconosce più?

Il colombo d’argento, di Andrej Belyj, Fazi editore 2018, traduzione di Carmelo Cascone, pagg 378

Oggi vi parlo di un classico della letteratura russa, un romanzo che è stato scritto nel 1909 ma che si fa leggere ancora oggi con grande interesse. Naturalmente se si è affascinati da un certo tipo di letteratura. Per leggerlo, bisogna entrare in un’altra epoca e soprattutto in una realtà – geografica e culturale – piuttosto lontana da noi. E in…

View original post 781 altre parole

Elias Khoury, La porta del sole. “Cammino, cammino, cammino”

Il mestiere di leggere. Blog di Pina Bertoli

Ma ti pare che possiamo costruire la nostra patria basandoci su queste storie enigmatiche? E perché noi dobbiamo costruirla? Gli esseri umani ereditano il loro paese così come ne ereditano la lingua. Perché soltanto noi, fra tutti i popoli della terra, per non perdere tutto e piombare in un eterno sonno, dobbiamo quotidianamente inventarci la nostra patria?

La porta del sole, di Elias Khoury, Feltrinelli universale economica 2014, edizione originale 1998, traduzione dall’arabo di Elisabetta Bartuli, pagg 537

Avevo letto questo romanzo molti anni fa; mi aveva commossa e anche fatto provare rabbia, quel sentimento che ci prende di fronte alle ingiustizie e alle sofferenze. In questi giorni mi è tornato in mente e vorrei consigliarlo perché offre un punto di vista molto umano sulla tormentata storia del popolo palestinese. Lontano da ogni retorica militante, il romanzo di Khoury racconta le vicende delle persone, degli esseri umani costretti a…

View original post 381 altre parole

Dorfles consiglia – Quarta puntata

Il mestiere di leggere. Blog di Pina Bertoli

Sabato è andata in onda la quarta puntata di Per un pugno di libri, la trasmissione di Rai 3 in cui due classi di liceo si sfidano su un libro. Nella puntata di sabato, il libro in lettura era “La giornata d’ uno scrutatore” di Italo Calvino.

I libri consigliati sabato da Piero Dorfles sono:

Turone italia occultaItalia occulta, di Giuliano Turone, Chiarelettere editore 2019, pagg 480

Prefazione di Corrado Stajano
«Una storia nera. Una storia purtroppo vera. Italia occulta è un libro importante. Documenta con nettezza un passato torbido ancora non del tutto conosciuto.» Corrado Stajano

Moro, Pecorelli, Sindona, Ambrosoli, Mattarella, Amato, la strage di Bologna, la P2, Andreotti. Una sequenza impressionante di stragi, assassinii, complotti, tentativi di colpi di Stato nella ricostruzione inedita del magistrato che ha scoperto la P2, arrestato Liggio e rinviato a giudizio Michele Sindona.
Un cumulo di fatti atroci maturati in un arco di…

View original post 763 altre parole

Alda Merini, Fiore di poesia

Il mestiere di leggere. Blog di Pina Bertoli

Il gobbo

Dalla solita sponda del mattino

io mi guadagno palmo a palmo il giorno:

il giorno dalle acque così grigie,

dall’espressione assente.

Il giorno io lo guadagno con fatica

tra le due sponde che non si risolvono,

insoluta io stessa per la vita

… e nessuno m’aiuta.

Ma viene a volte un gobbo sfaccendato,

un simbolo presago d’allegrezza

che ha il dono di una strana profezia.

E perché vada incontro alla promessa

lui mi traghetta sulle proprie spalle.

22 dicembre 1948

Fiore di poesia, di Alda Merini, a cura di Maria Corti, Einaudi editore 1998 (2014)

Alda Merini è poetessa più che nota, anzi, forse, un po’ troppo “abusata”, nel senso che è sicuramente una delle voci poetiche più citate in Italia (in tempi recenti..): il suo nome, i suoi versi e aforismi (ne ha scritti più di cinquecento), i suoi ritratti appaiono un po’ dovunque, spesso in…

View original post 265 altre parole

La forza dell’amicizia, di Sergio Pizio

La vera amicizia non ha confini. Non conosce squallide ipocrisie per ottenere dei favori, oppure perfidie mascherate da falsi sorrisetti corredate da altrettanti frasi ipocrite.

Non si pone in stupide e infantili competizioni mettendo in cattive luce altre persone. L’amicizia e la poesia di un sentimento limpido, spalmato e miscelato in ogni secondo scandito dal tempo nella sua essenza più pura e cristallina.

L’amicizia e la linfa che nutre e disseta il nostro cuore. Credo che la penna stilografica sia lo strumento più vero leale e complice per valorizzare tali concetti, imprimendo con forza e vigore ogni singola parola sopra a un foglio di carta.

Il 15 febbraio lo spazio essenziale è in scena a NOVI LIGURE – a cura di Marina Vicario

Uomo vs Uomo – Locandina dell’evento facebook

Un venerdì a teatro potrebbe essere una buona alternativa al vostro divano o al solito locale con gli amici.
Una proposta di Alessandria Today è
UOMO VS UOMO scritto e diretto da Francesco Parise. Si tratta di uno spettacolo “dinamico”, una novità nel panorama teatrale piemontese.

Venerdì 15 febbraio alle ore 21 ritorna in scena UOMO VS UOMO, uno spettacolo di Teatro da Camera progettato per essere rappresentato in uno spazio essenziale con strutture di base, piccolo e confortevole come il Salone Teatro DAI LUCEDIO a NOVI LIGURE in Via Verdi 138 (zona Scuola Elementare Zucca). E’ obbligatoria la prenotazione.

UOMO VS UOMO drammaturgicamente è costituito da 5 scene; in ognuna di esse si esplica un conflitto tra due “esseri umani maschili”, grotteschi e paradossali taluni, esistenzialisti e sarcastici gli altri. In ogni scena “i duellanti” si sfidano senza esclusione di colpi. Alla fine risulteranno un vincente ed un perdente. Nessuno dei due però potrà insignirsi della “ragione”.

Nello spettacolo recitano: Andrea Bartolo, Luca Cacciabue, Manuela Cattaneo e Chantal Corti Principe. Testi, elaborazione drammaturgica e regia di Francesco Parise.

Per prenotare: 329 11 55 457 (anche whatsapp), o con posta elettronica all’indirizzo dailucedio@hotmail.it

Evento facebook: https://www.facebook.com/events/298848010828351/

I soldi non comprano la felicità

Creando Idee

I soldi non comprano la felicità, ma una ricerca dimostra che riducono lo stress sociale e la sensibilità al dolore I soldi non comprano la felicità, ma in compenso riducono lo stress sociale e la sensibilità al dolore. È questo il risultato di una ricerca scientifica condotta dalla Sun Yat-Sen University di Guengzhou.I ricercatori hanno fatto contare dei soldi ai partecipanti ad una serie di esperimenti, e solo il gesto del contare il denaro riduceva la sensibilità al dolore testato facendo immergere al soggetto le mani in una ciotola contenente dell’acqua bollente e la sensibilità all’“esclusione sociale”. Una delle ragioni dei risultati sarebbe che gli obiettivi possono essere ottenuti grazie alle amicizie oppure grazie ai soldi. Il denaro, insomma sarebbe più o meno consciamente un sostituto dell’accettazione sociale. Secondo la ricerca, contare le monete è ancora più efficace che contare le banconote nel ridurre lo stress ed il dolore. Ma…

View original post 19 altre parole

Da Confucio alla globalizzazione, passando per Vidua, di Lia Tommi

Casale Monferrato: Da Confucio alla globalizzazione attraverso Vidua Sabato conferenza e visita guidata al Museo

Sabato 16 febbraio, alle ore 17, nella Sala delle Lunette del Museo Civico, nel Chiostro di Santa Croce, si terrà la conferenza a partecipazione gratuita “Io Cino, tu Cini, egli Cina. Da Confucio alla globalizzazione (passando per Vidua)” con relatore Fabio Lavagno (reduce da una esperienza di quattro mesi a Taiwan per perfezionare la lingua cinese, già studiata a Venezia, a Ca’ Foscari, dove si è laureato in lingue orientali, approfondite successivamente alla Sorbona di Parigi dove ha compiuto anche studi di carattere storico).
Tutti gli intervenuti alla conferenza potranno quindi, alle 18,30, prendere parte a una visita guidata gratuita alla mostra Carlo Vidua. Una vita in viaggio, dal Monferrato all’Estremo Oriente (1785-1830), recentemente aperta al Museo Civico. La mostra consente di ammirare oggetti, libri, dipinti e reperti raccolti da Carlo Vidua nel corso dei viaggi che compì, a partire dal 1818, in tutti i continenti e che costituiscono un unicum sul territorio piemontese e si pongono a livello nazionale e internazionale per rarità ed eterogeneità dei materiali. La visita sarà incentrata sugli oggetti cinesi esposti.
Il doppio appuntamento, a cura della Biblioteca Civica e “Giovanni Canna” e del Museo Civico, è organizzato nei giorni nei quali in Oriente si festeggia il capodanno: un vocabolo che ha significati, anche temporali, assai diversi tra Occidente o Oriente e diventa simbolicamente il filo conduttore di un confronto tra i modi d’essere e di pensare, di concezioni del mondo diverse se non diametralmente opposte ma ormai inestricabilmente connesse.
Globalizzazione è un concetto che da diversi anni accompagna il dibattito e l’azione culturale e politica sino a diventare parola ormai radicata nel senso comune collettivo e non di rado usata anche a sproposito. E tuttavia: sappiamo davvero affrontare i problemi connessi alla globalizzazione? Conosciamo davvero culture, tradizioni e modi d’essere anche molto distanti dai nostri, e con essi sappiamo rapportarci e confrontarci? Oppure ci affidiamo ancora e sempre a luoghi comuni profondamente radicati nel senso comune?

Regali originali…. per San Valentino

Creando Idee

A San Valentino spesso è difficoltoso essere originali: un peccato, perché per fare comprendere a chi si ama che è veramente una persona speciale, sarebbe bello che anche il regalo fosse qualcosa di speciale ed unico. Fortunatamente la tecnologia viene in aiuto: potete regalare dei cioccolatini personalizzati, che raffigurano il vostro volto. Lo scorso anno a Tokyo due società (la KS Design Lab e FabCafe) hanno collaborato per realizzare un sistema di scansione 3D che permettesse poi di riprodurre i lineamenti di una persona stampando il cioccolato con una stampante 3D Quel che ne viene fuori è certamente qualcosa di unico: secondo alcuni il risultato è un po’ inquietante, perché la forma della testa di cioccolato avrebbe un qualcosa “di strano”, e poi ad altri fa un po’ impressione mangiarsi l’amato/a specie nella versione lecca lecca che sembra loro la versione dessert dei crani impalati dai cacciatori di teste. Ma…

View original post 17 altre parole

Origini della festa di San Valentino

Creando Idee

San Valentino da Terni, III fu un vescovo romano martire; adorato come santo dalla Chiesa cattolica, da quella ortodossa e in seguito dalla Chiesa anglicana, oggi è considerato patrono degli innamorati e protettore dei malati di epilessia. Una leggenda di origine americana narra come un giorno il vescovo, gironzolando, vide due giovani che stavano litigando ed andò loro porgendo una rosa e invitandoli a tenerla unita nelle loro mani: i giovani si allontanarono rappacificati. Un’altra versione di questa storia narra che il Santo sia riuscito ad ispirare amore ai due giovani facendo volare intorno a loro numerose coppie di piccioni che si scambiavano dolci gesti d’affetto; da questo episodio si crede possa trarre anche la diffusione dell’espressione piccioncini. Secondo un altro racconto, Valentino, già vescovo di Terni, unì in matrimonio la giovane cristiana Serapia e il centurione romano Sabino: l’unione era impedita dai genitori di lei ma, vinta la resistenza…

View original post 101 altre parole

Momenti di poesia. Quante piccole anime … di Grazia Torriglia

Momenti di poesia. Quante piccole anime … di Grazia Torriglia

52115477_832350577111221_8685078300973858816_n

Quante piccole anime hanno sostato in un cuore
che già da bambina avevo loro aperto .
Un numero infinito proveniente da ogni dove.
Sempre sul mio cammino
sempre nella mia vita .
Non c’era stanchezza né saturazione
ognuno trovava posto
giovani vecchi o nati da poco,
e , se malati, di corsa dal veterinario.
Lavoro, figlio e gatti.
E lui, mio figlio piccino mi chiedeva. ..
ma vuoi più bene a me o a loro ?
Sono amori diversi , rispondevo ,
tu sei nato dal mio cuore
loro ci sono entrati .

gt@

La cioccolata più costosa….per San Valentino

Creando Idee

San Valentino sta per arrivare e proliferano nel web le idee regalo più stravaganti ed originali. Oggi vi parliamo della cioccolata più costosa del mondo! L’idea di base è unire due regali che piacciono molto alle donne: gioielli e cioccolata. Nasce così la “Chocolate Collection” da Simons Jewelers. La confezione contiene cioccolatini di primissima scelta, corredati da una serie di gioielli molto preziosi diamanti, anelli, bracciali, orecchini. Il costo? Solamente 1 milione di Euro! Un’offerta imperdibile, non credete?

View original post

Riflessioni di Me.dea sui tragici fatti di Vercelli, di Lia Tommi

Me.dea Alessandria: Basta!!!

In questi giorni abbiamo assistito, sgomente, all’ennesimo atto di efferata violenza, contro una donna, a pochi passi da casa nostra.
La storia di Simona, donna di 40 anni abitante nella vicina Vercelli, ha colpito l’opinione pubblica per la sua tragicità, suscitando sentimenti di dolore e pietà, ma ha anche acceso i riflettori, nuovamente, sull’inadeguatezza del sistema giuridico italiano, in ambito di violenza di genere, perché ancora una volta ci si ritrova a commentare qualcosa che le Istituzioni avrebbero potuto evitare.
L’uomo che lucidamente si è appostato per strada per aspettare il passaggio in auto di Simona, l’ha speronata, costringendola a fermarsi, per poi malmenarla e infine darle fuoco, poteva e doveva essere fermato.
Simona lo aveva lasciato dopo pochi mesi di relazione poi, dopo una serie di persecuzioni, lo aveva denunciato e aveva tentato di riprendere la sua vita.
A distanza di due anni non era stato preso alcun provvedimento a suo carico, permettendogli la messa in atto del suo piano finale: eliminare fisicamente la donna che lo aveva lasciato.

Non possiamo più tollerare ritardi e sottovalutazioni del rischio da parte di chi è chiamato a tutelare i cittadini; non possiamo più accettare che le donne, dopo l’enorme fatica di uscire da una relazione violenta, stravolgendo la loro vita e quella dei loro figli, siano abbandonate dalle Istituzioni nel momento più pericoloso del loro percorso.
Da tempo lo diciamo e oggi lo ribadiamo per Simona e per tutte le altre: occorrono corsie privilegiate nella presa in carico dei reati di violenza di genere, per velocizzare iter e procedure, perché la tempestività in questi casi è davvero una questione di vita o di morte.
Su questo labile confine, sta lottando Simona, simbolo, suo malgrado, di un sistema di protezione che non ha funzionato, ma anche della grande forza che è insita nelle donne.
Ci stringiamo attorno a lei e alle persone che le vogliono bene, ricordando che il Centro Antiviolenza me.dea e L’Albero di Valentina operano ogni giorno per contrastare la violenza di genere e sono a disposizione per accogliere e sostenere le donne.

La storia industriale, mostra fotografica a Tortona

Tortona: La storia industriale della zona “Alfa” di Tortona torna a rivivere grazie ad una nuova interessante mostra documentale che si terrà a Palazzo Guidobono dal 22 febbraio al 31 marzo 2019.
“Alfa”: per Tortona è l’acronimo della azienda Anonima Ligure Forniture Acciaio che, insieme al cotonificio Dellepiane, è stata la prima “industria” insediatasi a Tortona agli inizi del ‘900, dando il via alla trasformazione urbana aldilà della rete ferroviaria.
Nonostante l’attività dell’originaria ditta genovese sia durata solo una decina d’anni, da oltre un secolo, la sua sigla societaria è riconosciuta nella toponomastica locale come l’appellativo della zona che sta tra la stazione ferroviaria e la circonvallazione, in direzione Castelnuovo Scrivia.
Nei locali della mostra verranno sviluppate le diverse fasi storiche dell’area industriale, in relazione ai principali prodotti trattati dalle aziende che si sono alternate nel corso di un secolo sul sito: acciao, sale e tabacchi.
Dall’acciaio del primo periodo caratterizzato dalla meccanica pesante, passando per lo sconvolgente bombardamento del 1944, fino all’ampliamento coi depositi di tabacchi ed i fabbricati per la lavorazione del sale, voluto dai Monopoli di Stato. Continua a leggere “La storia industriale, mostra fotografica a Tortona”

Medea non si arrende, di Cristina Saracano,

Me.dea. Alessandria: Basta!!!
In questi giorni abbiamo assistito, sgomente, all’ennesimo atto di efferata violenza, contro una donna, a pochi passi da casa nostra.
La storia di Simona, donna di 40 anni abitante nella vicina Vercelli, ha colpito l’opinione pubblica per la sua tragicità, suscitando sentimenti di dolore e pietà, ma ha anche acceso i riflettori,nuovamente, sull’inadeguatezza del sistema giuridico italiano, in ambito di violenza di genere, perché ancora una volta ci si ritrova a commentare qualcosa che le Istituzioni avrebbero potuto evitare.

L’uomo che lucidamente si è appostato per strada per aspettare il passaggio in auto di Simona, l’ha speronata, costringendola a fermarsi, per poi malmenarla e infine darle fuoco, poteva e doveva essere fermato.
Simona lo aveva lasciato dopo pochi mesi di relazione poi, dopo una serie di persecuzioni, lo aveva denunciato e aveva tentato di riprendere la sua vita.
A distanza di due anni non era stato preso alcun provvedimento a suo carico, permettendogli la messa in atto del suo piano finale: eliminare fisicamente la donna che lo aveva lasciato. Continua a leggere “Medea non si arrende, di Cristina Saracano,”

Momenti di poesia Scusami … di Rosario Rosto

Momenti di poesia Scusami … di Rosario Rosto

52387504_10214815034118417_2922610311603159040_o.jpg

Scusami
se parlo solo
attraverso le mie poesie.

***
Vorresti un tempo
per pensare…
in una vita, questa,
dove il silenzio
ha il suo senso
e che ti accompagna
dopo tante parole.
Dove il tuo respiro
vibra, accanto
a quel sorriso
che ti si incolla addosso.
E tu, diventi naufrago
di quel mare,
in un viaggio
mai iniziato.

Mentre vorresti
trovarti altrove,
oltre quelle nuvole.
Dove nascondi quell’angolo
di cielo solo tuo,
per difenderti
dalle onde
che sconvolgono
Il tuo destino…
e da un cuore
che non si perde…
al rincorrere del tempo.

Rosario Rosto

Foto:
Stephanie Dupont

Alessandria in Cartolina di Tony Frisina al Museo della Gambarina; di Lia Tommi

Venerdì 15 febbraio , alle 17, si inaugura “Alessandria in Cartolina ” , presentazione di Tony Frisina, un evento di Museo Etnografico della Gambarina, ad Alessandria.

Tony Frisina presenterà la sua opera editoriale: una curiosa pubblicazione di cartoline alessandrine, unite a servizi giornalistici d’epoca scelti tra i periodici locali e nazionali.
“Alessandria in Cartolina” – Operazione nostalgia n° 4 è incentrata sul mondo del collezionismo e, in particolare, su circostanze e aneddoti relativi alla raccolta di cartoline d’epoca (e non solo su queste).

Piume – Plumes – Feathers

marcellocomitini

pettirosso-canterino pic

Piume

Nuvole fuggono negli occhi vuoti della finestra.
Sopra i rami spogli dell’albero un pettirosso
terge
le piume macchiate di sangue.
Spalanca il becco in un grido e
trema
al più lieve soffio del vento.
Il mio sguardo insegue le nuvole
in quella piccola tela lucida
riquadrata nel telaio del tempo.
L’ombra dei corpi nascosti
tra le lenzuola bianche
della malinconia. Sono ricordi
che fuggono
e la finestra si colma
dell’azzurro del cielo. Un corvo in volo
lo taglia col nero delle sue ali.

Plumes

Les nuages fuient dans les yeux vides de la fenêtre.
Un robin sur les branches nues de l’arbre
nettoie
ses plumes tachées de sang .
Il ouvre son bec dans un cri et
tremble
au moindre souffle du vent.
Mes yeux suivent les nuages
sur cette petite toile luisante
encadrée dans le métier du temps.
L’ombre des corps cachés
entre les draps blancs
de la…

View original post 131 altre parole

Momenti di poesia. Un mondo a metà, di Rosario Rosto

Momenti di poesia. Un mondo a metà, di Rosario Rosto

51726536_10214823808897781_3955683116047138816_o

Un mondo a metà

La natura è la voce della donna.
L’immensita’ di saper guardare
oltre quelle montagne.

Un dono, di cui a volte
loro stesse, non hanno
padronanza.
Ma consapevoli
della loro libertà,
nel donare il cuore
per amore o per follia.

Perché la ragione non
ammette l’impossibile…
e la follia è un isola lontana.

Lontana dal quel mondo
dove i poeti, spostano
quelle montagne
con la magia delle parole
e i palpiti del cuore.

Mentre noi,
che viviamo
di un solo respiro,
spostiamo l’anima
con le sole mani,
lasciandoci alle spalle
troppe verità
in un mondo
dove tutto è a metà.

Rosario Rosto

Foto:
Don Oscarez

Tullia d’Aragona, “Fasseli gratia per poetessa”. Rime. Al Duca di Firenze.

VOCI DAI BORGHI

Se gli antichi pastor di rose e fiori
sparsero i tempii, e vaporar gli altari
d’incenso a Pan, sol perché dolci e cari
avea fatto a le Ninfe i loro amori:

quai fior degg’io Signor, quai deggio odori,
sparger al nome vostro, che sian pari
a i merti vostri, e tante, e così rari,
ch’ognor spargete in me grazie e favori?

Nessun per certo tempio, altare, o dono
Trovar si può di così gran valore,
ch’a vostra altra bontà sia pregio eguale.

Sia dunque il petto vostro, u’ tutte sono
Le virtù, tempio; altare, il saggio core;
Vittima, l’alma mia, se tanto vale.

View original post

La materia prima non conta

Twiki World

Io sono molto alla mano e poche cose mi spaventano, non tutti sono così, le donne soprattutto. Per tranquillizzare il gruppo allora prendiamo una guida del posto che parla italiano. Peccato che Isham è il classico stereotipo di marocchino. Parte in quarta a raccontare e spiegare la storia della città portandoci a vedere le tombe ebree. L’anonimato di questi loculi è un paesaggio bianco sfavillante che fa riflettere quanto siamo differenti su questo pianeta ma altrettanto uguali quando non ci siamo più. Passiamo per il Palazzo Bahia dove abbiamo il primo contatto con l’architettura marocchina. Colori, colori e ancora colori. Soffitti, muri, pavimenti tutto è colorato, dove non lo è ricchi motivi decorativi ne prendono il posto. Il legno, gli stucchi hanno forme stupende che fino ad ora avevamo visto in foto. L’alternanza di stanze, giardini e cortili interni fa compenetrare la struttura con la natura. Dalla residenza del visir…

View original post 202 altre parole

La terza neve.

IL MONDO DI ZORYANA ...dove l'amore inventa il suo infinito...

la terza neve...

Guardavamo dalle finestre, là
dove i tigli
si stagliavano neri
nella profondità del cortile
Sospirammo –
ancora, la neve non veniva,
ed era tempo, ormai,
era tempo…

E la neve venne,
venne verso sera.
Essa
giù dall’alto dei cieli
volava
a seconda del vento,
e nel volo
oscillava.

A falde sottili come lamine,
fragili,
era confusa di se stessa.
La prendevamo delicatamente con le mani,
e stupivamo:
dunque, era quella la neve?

Ma la neve ci rassicurava:
“Verrà, io lo so,
verrà la neve vera.
Non vi turbate –
mi scioglierò,
non inquietatevi –
subito…”.

Dope sette giorni
venne la neve nuova
Non venne –
precipitò.
Cadeva così fitta, da non potere
tenere aperti gli occhi,
a tutta forza
vorticava in cerchio, mugliando.

Con pervicace ostinazione
voleva inseguire il trionfo
perchè tutti dicessero concordi:
sì, è lei, la neve,
vera, che non dura un sol giorno,
o due.

Ma disperò

View original post 143 altre parole

Macarrons amb salsa de carxofes i xampinyons

Celler-Adocse

Ingredients:

  • 5 carxofes
  • 1 ceba tendra
  • 1 gra d’all
  • 1/2 got de vi
  • 1/2 got de caldo de verdures
  • 10 ametlles
  • sal, julivert, pebre
  • formatge parmesà o grana padano
  • pasta al gust
  • xampinyons

Preparació:

  1. Primer de tot tallem les carxofes traient-li la part dura i les posem en un bol amb aigua freda i el suc de mitja llimona (per tal que no s’oxidi). Ho deixem mitja hora.
  2. En una paella sofregim el dent d’all, i la ceba tendra tallada a juliana.
  3. Afegim les carxofes tallades en 4 o 5 parts cada una i afegim el mig got de vi blanc.
  4. Quan s’hagi reduit, afegim el caldo de verdures. I ho deixem uns 10/15 minuts.
  5. Llavors ho triturem tot amb la batedora juntament amb les ametlles i ho tornem a abocar a la paella.
  6. Afegim una mica de julivert, pebre i sal.
  7. En un cassó a part fem bullir la…

View original post 84 altre parole

In difesa del turismo sindacal-sostenibile (ed altre amenità)!

OpinioniWeb-XYZ

atlas-62742_1920.jpg In attesa del Global-turismo!

Torno dopo due giorni, lontano da casa e senza connessione internet, per scoprire di essermi perso moooolte cose interessanti!!! In primis la finale di Sanremo! In secondis la gita a Roma organizzata dai sindacati!! In terzis l’attentato alla democrazia (vedi alla voce “trattati europei”) organizzato dai due vicepremier che vorrebbero azzerare i vertici della Consob e di Bankitalia!!!

Su Sanremo rimando al precedente post di Stefano sui Pink Floyd!

Sulla gita gratis a Roma organizzata da Landini e company, ebbene quella la trovo proprio un’ingiustizia! Da anni aspettavo un ritorno (a Roma) in grande stile dei sindacati confederati, con pullman, treni, merenda e pranzo aggratisse e ora che non potevo partecipare per altri impegni mi hanno lasciato a casa. Per fortuna pare ci saranno altri remake, spero proprio di non perdermeli. Dopo anni di crisi è geniale l’idea di rilanciare l’economia con il turismo. Così come…

View original post 701 altre parole

Le illustrazioni di Benjamin Lacombe

ArtellaMilly Digital Art

Chi conosce Edgar Allan Poe sa certamente del fascino emanato dai suoi racconti che raddoppia se associati a magnifiche illustrazioni. L’articolo di oggi parla di un libro della Rizzolilibri: Racconti Macabri del celeberrimo scrittore illustrato dall’artista francese Benjamin Lacombe.

L’ho trovato per puro caso in una cartolibreria, l’unico tra gli scaffali, subito ne sono rimasta affascinata. Da illustratrice non potevo mancare di nota a questo mini capolavoro del quale allego alcune fotografie. La prima a colpire la mia attenzione è stata la copertina finemente rilegata e decorata in rilievo oltre alla figura femminile nel centro; i disegni di Benjamin Lacombe sono riconoscibili ovunque grazie al tratto dei volti e l’espressione malinconica degli occhi. Vittoriano, gotico, misterioso è un libro che agli appassionati come me non passa inosservato.

Il libro contiene tutte le biografie, particolare il ritratto di Edgar Allan Poe; da leggere e da ammirare oltre che collezionare: buona visione…

View original post 5 altre parole

La mela del peccato

ArtellaMilly Digital Art

ILLUSTRAZIONI
La mela del peccato / The Apple of sin
Collezione 2019
Grafica Digitale, digital painting.

Forse non fu un serpente a tentare Eva, un frutto così buono non puo’ essere proibito né diventare simbolo del peccato.
Illustrazione presentata in doppia versione, la seconda è quella posterizzata.
La mia Galleria sul Blog sotto Menu/Portfolio/Illustrazioni.

ArtellaMilly

View original post

Miao nr 15 All you need is❤

ArtellaMilly Digital Art

MIAO nr 15 All you need is love

All you need is love e niente altro.

Ci avviciniamo a San Valentino, per alcuni animali è il periodo dell’amore così mi sono fatta ispirare. MIAO che guarda un cielo stellato con la sua bella micia, nel cielo un cuore si forma e una stella cadente passa per far avverare i loro desideri.

Vignetta creata con canvas digitale Wacom, prima disegnata su Sketchbook e completata con Corel Painter professional. Per il cuore e la cometa ho usato gli speciali pennelli digitali effetto “cielo stellato” in dotazione col software: effetto cometa e Aurora. Belli vero? A me fanno sognare e a voi?

A tutti auguro uno speciale venerdì con MIAO by Artellamilly

La Galleria completa di MIAO nella pagina dedicata, si trova nel menu.

View original post

Eccentric Rainbow

ArtellaMilly Digital Art

Eccentric Rainbow, 2019 by Artellamly, Digital Drawing Graphic Art

Eccentric Rainbow
Collection 2019, Digital Art, digital drawing, original creation.
Corel Painter, wacom canvas, space brushes effects, arte moderna astratta.
Il mio ultimo lavoro: quando lo guardo rimango senza fiato. Uno sfondo nero che accoglie tutti i colori ai quali sono riuscita a dare un’illuminazione particolare. È stato un tentativo quello di usare determinati pennelli sul nero totale: ho iniziato con un colore per poi sfumare e riempire la tela a caso; più andavo avanti più il risultato mi affascinata. Non sempre si parte da un’idea costruita a tavolino, a me piace sperimentare e colorare anche con un solo pennello che abbia un effetto particolare. Il risultato può essere sorprendente ed ecco Eccentric Rainbow.

Lo adoro perché è nel mio stile. Ho in mente una lavorazione particolare, per ora ammiriamolo in formato Pic digitale. Voi immaginatelo appeso alla vostra parete.

Artellamilly

View original post

Da soli

Spazio libero di lettura

Storia a quattro voci: Marta e Andrea, Laura e Piero sono due coppie che, alle soglie dei sessant’anni si separano e affrontano il loro percorso “da soli”. La decisione di separarsi è subita da Andrea e Laura, nel romanzo portatori dei valori della famiglia e dell’amore eterno. Una situazione simmetrica, che poteva essere evitata. Un prodotto ben

View original post 195 altre parole

Fiore di Neve e il ventaglio segreto

Spazio libero di lettura

C’è, nella mia vita, una bambina che mi ha rubato il cuore e ha dato nuovo senso alla mia esistenza. Ho voluto, perciò, rileggere la storia dell’amicizia tra due bambine “letterarie”, lontane nello spazio e nel tempo: Fiore di Neve e Giglio Bianco, nascono in Cina nella prima metà del XIX secolo. Unite da un patto giurato, rimangono indivisibili laotong, per

View original post 291 altre parole

Le cause innocenti

Spazio libero di lettura

Ferma a pagina 29. Battuti tutti i miei record di intolleranza a un libro. Non pensi l’amico lettore che questa sia una recensione: ho davvero troppo poco materiale per esprimermi. Fatto sta che non so se riuscirò a proseguire nella lettura di questa lettera, lunga quanto tutto il libro. Un monologo senza dialoghi, né descrizioni, che faccio fatica a definire

View original post 69 altre parole

Non ho mai conosciuto me stesso

Il mio cuore nudo

Non ho mai conosciuto me stesso

ma solo quello

che gli altri vedevano,

attraverso la distorsione del loro egoismo.

Vestirmi di armature o ammaestrarmi

come una scimmietta da mostrare al circo,

lasciato all’angolo in silenzio senza cantare.

Irreale figura di bontà dalla facile manipolazione

era la radice dell’essere ubbidiente al padrone,

o alla figura genitoriale attribuita da qualcuno

che nemmeno mi ha chiesto un parere.

Ho dilapidato il rancore

come noccioline da sgranocchiare al circo quotidiano,

ma nel dissenso si erge il totem di regole che

la vita mi ha insegnato e tutto quello che veniva

inculcato m’attraversava senza lasciare traccia.

08/02/019

Thomas Amadei

View original post

Asian Sushi: dónde pasar la noche del año nuevo chino

Juicy Castellón

¡Hola amigos!

Hoy, como estamos a mitad del nuevo año chino (del 5 al 24 de enero de 2019) quería compartir con vosotros un restaurante asiático de Castellón muy práctico para comer y cenar, con amigos o en pareja.
Si al escuchar a alguien hablar de ensaladas de algas wakame, de nigiris, de makis fritos rebozados, de tempuras o de carne a la plancha te pones a babear, ¡vale la pena echarle un ojo al lugar!
Puedes, por un precio muy razonable, elegir entre unos 100 platos distintos… y en buffet libre! Así que por lo único que tendrás que preocuparte, será en pensar en no merendar y en llegar con hambre.
Si quieres asegurarte de tener sitio, mejor reservar para evitar volver con la barriga vacía. ¡No te quejes, estás prevenido!

Popi coup de coeur ❤

  • las ensaladas de algas
  • yaki udon y plancha de pato
  • makis rebozados…

View original post 75 altre parole

Divertiamoci in cucina con i più piccoli !

Creando Idee

Un modo intelligente per stare insieme ai vostri figli o nipoti è quello di coinvolgerli in lavori di cucina loro si sentiranno gratificati,divertiti e sicuramente impareranno qualcosa di utile e costruttivo… Prepariamo la cena? : fa’ che si sentano importanti aiutandoti a lavare le verdure con uno spazzolino, mescolando gli ingredienti, aiutandoti a servire i piatti o addirittura preparando la tavola! Insegna loro a lavare i piatti. Ai più piccoli piacciono da matti le bolle e la schiuma! Ma, prima, lasciali provare con uno spazzolino ed una pila di piatti e di bicchieri di plastica; avranno tempo per aiutarti coi piatti veri. Per i bambini con più di 5 anni Insegna loro a rompere le uova: non tutti sanno farlo a dovere! Si tratta di un’abilità di cui potranno vantarsi per tutta la vita. “Stasera per cena… Tacos !”: preparate insieme delle ciotole con guacamole, formaggio, pollo, pomodoro, lattuga…

View original post 104 altre parole

Momenti di poesia. da “ Silenzio “, di Daniela Cobaich Mascaretti

Momenti di poesia. da “ Silenzio “, di Daniela Cobaich Mascaretti

51998512_836418000023038_8004890493584408576_n

da “ Silenzio “

Prima del silenzio dei gusci vuoti
salta le pozze lucenti
prendi al volo un sorriso
e il bacio del tuo amore…
E poi corri corri avanti a calpestare
i gradini antichi e l’erba tenera verde
Striscia l’azzurro sopra i tetti
fra poiane e gatti saltanti
Occhi sdraiati…apparirà il gioco
di ombre cinesi alla parete
Il coniglietto, la bimba bella,
il Bambi addormentato!
Le palpebre arrugginite si chiudono,
restano fili danzanti sul muro…onde

Daniela Cobaich Mascaretti

SP11febbraio2019
Diritti riservati
PhotoWeb