Elias Khoury, La porta del sole. “Cammino, cammino, cammino”

Blog di Pina Bertoli

Ma ti pare che possiamo costruire la nostra patria basandoci su queste storie enigmatiche? E perché noi dobbiamo costruirla? Gli esseri umani ereditano il loro paese così come ne ereditano la lingua. Perché soltanto noi, fra tutti i popoli della terra, per non perdere tutto e piombare in un eterno sonno, dobbiamo quotidianamente inventarci la nostra patria?

La porta del sole, di Elias Khoury, Feltrinelli universale economica 2014, edizione originale 1998, traduzione dall’arabo di Elisabetta Bartuli, pagg 537

Avevo letto questo romanzo molti anni fa; mi aveva commossa e anche fatto provare rabbia, quel sentimento che ci prende di fronte alle ingiustizie e alle sofferenze. In questi giorni mi è tornato in mente e vorrei consigliarlo perché offre un punto di vista molto umano sulla tormentata storia del popolo palestinese. Lontano da ogni retorica militante, il romanzo di Khoury racconta le vicende delle persone, degli esseri umani costretti a…

View original post 381 altre parole

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...