Reggae africano sabato al DI Noi Tre, di Lia Tommi

Sun Sooley Live @DI Noi Tre

sabato 23 febbraio dalle ore 22:30

Di Noi Tre
Via Plana 15, Alessandria

Sun Sooley è senza dubbio tra i maggiori artisti reggae
africani della diaspora europea. La sua carriera inizia in
Senegal, suo paese d’origine, nel 1995 dove raggiunge ben
presto la popolarità con il gruppo Jant Bi, leader in vendite
di dischi di tutta la storia del movimento hip-hop
senegalese.
Incide nel 2003 il suo primo album solista reggae Siratikal
Moustaqim che gli permette di farsi conoscere anche in
Europa. Ma è nel 2010 che raggiunge la popolarità
internazionale con l’album reggae One day inna babylon
prodotto in Italia.
Il suo talento e i suoi spettacoli dal vivo, sia con band che
in showcase, lasciano sempre un bel ricordo a tutti coloro
che hanno l’opportunità di vederlo sul palco.
Nel corso della sua carriera si esibisce su numerosi palchi
internazionali, passando dal Rototom Sunsplash in Spagna
con Alpha Blondy, al Garance Off in Francia, all’Overjam in
Slovenia, a numerosi festival in Italia (Positive River, Fara
Rock, Somenfest …) ma anche in Germania, Belgio, Olanda,
Francia, Austria e in Africa al Fesman in Senegal, Gambia e
Gibuti.
Torna nel 2018 con il singolo Only Good Vibes che anticipa
l’album Rise And Shine pubblicato a dicembre.
Poliglotta, si pone come vero ambasciatore del reggae
senegalese in tutto il mondo con le sue canzoni scritte in
inglese, francese e wolof, la sua lingua madre. Sun Sooley
porta in sé la sua cultura, il calore, la positività attraverso la
sua musica, mantenendo la sua principale filosofia
umanista e universalista.

L’ULTIMO DONO, di Miriam Maria Santucci

a05 L'ultimo dono

L’ULTIMO DONO
di Miriam Maria Santucci

Dolce bambina in mezzo al grano d’oro,
il vento soffia lieve sul tuo viso.
Guardi pensosa quel frutto del lavoro
e sulle labbra hai un timido sorriso.
Tuo nonno coltivava quel frumento,
con le sue mani e con la sua costanza.
Scrutava ogni sera il firmamento
e in Dio riponeva ogni speranza.
Ti sovvengono i racconti dell’anziano
su allegri folletti attaccabrighe…
Abbracci con lo sguardo l’ultimo dono:
una dorata distesa di spighe.

Poesia tratta dalla raccolta “Oltre l’Orizzonte”
© Copyright 2018 – Miriam Maria Santucci

Parlando di fotografia, di Fioralba Focardi

Oggi vi porto a osservare tre fotografie, vorrei anzi spero che la mia amica Lucia Palmiotto, continuasse a donarci delle sue Fotografie, Lucia in arte Luz, ha un dono sa parlare attraverso le fotografie.

Io scriverò su ogni suo scatto l’emozioni dello sguardo, l’emozione che Luz sa trasmettermi. Spero anche a voi.


In questo scatto, tutta la forza potente del mare nel suo infrangersi sugli scogli, mentre il sole infiamma l’orizzonte, come se l’onda si mettesse in posa. La magnificenza dei colori, rapiti e immortalati in un attimo.
 

In questa fotografia tutto l’oro del tramonto sul placido tremore del mare, brevi brividi di piacere al calar del sole. L’effetto del riverbero come a indicare l’approdo all’imbarcazione, quasi un’ ombra cinese.


La poetica del momento: colori tenui a sfiorare l’orizzonte, mentre gabbiani volano liberi. Il molo nel suo chiaro scuro s’agghinda a incontrare la lanterna che illuminerà la notte.

Le immagini sono di Lucia Palmiotto, LUZ, scorci di Giovinazzo in provincia di Bari.

Fioralba Focardi

Resisto di Cristina Saracano

Resisto,

ho una resistenza da non credere,

resisto alla fatica, sono piccola e forte,

resisto al dolore, piango al buio e in silenzio,

ma poi passa, perchè sono molto resistente.

Restisto perchè lotto,

per i deisideri, per le cose giuste,

per gli amori possibili, e anche per quelli impossibili.

Resisto perchè ho il cielo a portata di mano,

in mezzo alle rocce spuntano anche i fiori,

ogni giorno è un bel giorno,

e se non resisto, non lo posso trascorrere.

heart-3147976_1920-2

 

Momenti di poesia. MANCIATE DI SILENZIO, di Silvia De Angelis

Momenti di poesia. MANCIATE DI SILENZIO, di Silvia De Angelis

51820005_10213721053083536_4766396770563391488_n.jpg

MANCIATE DI SILENZIO
Nell’indagine odierna
inseguo
un indennizzo di felicità
sfumato
nella parodia d’un vento subdolo
Accantono lemmi di malinconia
ancorati al calpestio muto
di passi antagonisti
E nel precoce eco soffuso
si levigano
ruvidi sassi del di dentro
precipitati dalla schiena
dentro un pozzo
per dar vita a fioriture di talia
antitodo soffice
d’un letargo appeso
a manciate dense di silenzio
@Silvia De Angelis

“SPACCATA PRESSO IL  PANIFICIO IN VIA MILANO: ARRESTATO IL RESPONSABILE” 

“SPACCATA PRESSO IL  PANIFICIO IN VIA MILANO: ARRESTATO IL RESPONSABILE” 

Alessandria: Il 17 Febbraio il personale della Squadra Volante della Questura di Alessandria traeva in arresto ZIBAT Auyob, cittadino italiano di 18 anni, residente in Alessandria,  resosi responsabile del reato di Furto aggravato in concorso.

questura-polizia copia

Alle ore 02.40 circa, due equipaggi della Squadra Volante venivano inviati da questa Sala Operativa presso l’esercizio commerciale “Panificio Torinese” sito in via Milano 78, per la segnalazione di un furto in corso.

Mentre le volanti venivano inviate sul posto e lungo le possibili vie di fuga, il richiedente non perdendoli mai di vista,  forniva una compiuta descrizione dei responsabili,  tre giovani vestiti di scuro, i quali, dopo aver  sollevato la serranda e aver sfondato a calci la porta a vetri d’ingresso, si introducevano all’interno dell’esercizio commerciale impossessandosi di quanto contenuto nel registratore di cassa per poi darsi  alla fuga in direzione via dei Martiri.

Gli equipaggi delle due Volanti intervenute tempestivamente sul posto riuscivano a bloccare presso Piazza della Libertà i tre responsabili identificandoli per  ZIBAT Auyob e due cittadini marocchini L.I e A.A, entrambi di anni 17,  residenti in questo capoluogo Continua a leggere ““SPACCATA PRESSO IL  PANIFICIO IN VIA MILANO: ARRESTATO IL RESPONSABILE” “

Come pulire la lavatrice e la lavastoviglie

Creando Idee

Per pulire il cestello della lavatrice ed eliminare i residui di calcare possiamo utilizzare l’aceto versandone un bicchiere nel cestello e un altro nella vaschetta del detersivo. Avviate la lavatrice e fate un ciclo di lavaggio a vuoto. Potete utilizzare l’aceto anche per pulire la vaschetta e, in caso di muffa sulle guarnizioni, preparate una miscela di acqua e aceto che eliminerà anche il cattivo odore.L’aceto è un’ottimo rimedio per pulire e donare nuova freschezza anche alla nostra lavastoviglie. Versate una tazza di aceto sul fondo di essa che dovrà essere vuota. Fate fare un ciclo completo di lavaggio ad alta temperatura. Una volta terminato potrete riempire la lavastoviglie e utilizzarla come d’abitudine. Un altro modo per pulire la lavastoviglie con l’aceto è quello di mettere, nel cestello inferiore, una ciotola con 3 bicchieri di aceto, facendo fare sempre un ciclo di lavaggio completo, con…

View original post 19 altre parole

Momenti di poesia. Un’orma nel vento, di Andrea Patrone

Momenti di poesia. Un’orma nel vento, di Andrea Patrone

Un’orma nel vento ( l’unica )

“Stanare le orme dentro al vento, è il
vero intento del poeta in ogni evento.”
È vero, c’è il caldo vento ribelle che
vien dal mare e con malizia la gonna
fa alzare, lo scalda il sole cambiando
così il nome, accarezza foglie pronte a
bruciare le parole che il poeta fa volare,
così ricordo un detto:
“All’ape regina, non importa se il fuco
muore, lei lo uccide perché conviene
all’arnia..ricca di miele, è l’unica orma
che rimane nel vento solo per un breve..
fecondo… momento!”

Andrea

Alessandria Sailing Team, di Cristina Saracano

Spirit of Nerina sbanca a Varazze
Si è chiuso nello scorso weekend il Campionato Invernale del Ponente Ligure, che vedeva
l’Alessandria Sailing Team in cima alle classifiche provvisorie dei regatanti; il meteo aveva
preannunciato vento debole e così è stato: l’ultima regata non è stata disputata perciò il torneo si è concluso confermando I piazzamenti provvisori al termine dell’ultima gara (otto le regate totali), assegnando perciò il titolo di vincitori sia in classifica Overall Irc che in classifica Overall Orc all’Alessandria Sailing Team su Spirit of Nerina-Rolandi Auto.
Il team inoltre si qualifica anche per le regate della Coppa dei Campioni che si disputerà a fine
marzo a Genova tra tutti i vincitori dei campionati invernali della Liguria. “E’ il primo titolo della stagione – commenta il presidente Paolo Ricadone – per cui la soddisfazione è grande, siamo sulla buona strada in vista dei numerosi appuntamenti che ci attendono, a partire dal prossimo che sarà quello delle regate della Vela d’Altura di Alassio il 15-16-17 marzo prossimi.
Grazie a tutti i velisti che si sono avvicendati in equipaggio durante questi week-end invernali.

Un ringraziamento particolare va inoltre a Rolandi Auto che anche quest’anno ci sostiene nei vari impegni e all’aziena vitivinicola Sassaia, produttrice di ottimi vini del nostro Piemonte e ideatrice della formula Sassaia WineClub”.
Buon vento! alessandria.sailingteam@gmail.comhttp://www.alessandriasailingteam.it

Momenti di poesia. OCEANO, di Mirella Ester Pennone Masi

Momenti di poesia. OCEANO, di Mirella Ester Pennone Masi

52341860_1143752699117696_6646728079748104192_n

OCEANO

Se nella notte mi doni il tuo ardore
nel giorno m’invento il coraggio.
Giungi dall’ignoto con il forte vento,
ruvido, come la sabbia dell’estate;
ancor smerigli i riflessi dell’anima
e strazi quella vetrata evanescente.

Sei l’irraggiungibile proibito frutto,
la musica sonata di un notturno
che scaccia la tristezza dal mio cuore;
e nella notte, talvolta, può fermarsi
poi, ritorna nell’albore senza ombre,
nel mio pensarti unico sigillo.

Mentre il sole raggia sulle aiuole
già vorrei intrecciare una ghirlanda
e portarla in capo con mite orgoglio,
ma lentamente rinascere iris all’alba
e fremere fra gli steli degli asfodeli
che spandono oro sulle verdi erbe.

Della natura che pare un Paradiso
nel monotono giorno che scorre
Tu sei il mare, e gemi spume d’onde
nel rosso tramonto fiammeggiante;
sorride la musa, fonte d’un giardino
che prilla un’acqua linda di sorgente.

Fra rocce lucenti smussate dal tempo
tu sei quel nocchiero un po’ bugiardo,
che naviga sulle onde blu nascenti
nel Titanico furore dei miei sentimenti;
va, dunque, su quel ponte dei sospiri
sarò l’alga strappata dal profondo:
Tu sei l’Oceano!

foto web

LIBRI

Pensieri sparsi

Vedere l’intero
Come guardate un albero? Lo vedete nella sua interezza? O lo vedete per intero o non lo vedete affatto. Passandogli accanto potete dire: “Guarda quell’albero, com’è bello!”, “È un mango”, oppure dite: “Non so che alberi siano quelli, forse sono tamarindi”. Quando vi fermate a guardare un albero, non lo vedete mai nella sua totalità; e questo significa che non lo state affatto vedendo.

Accade la stessa cosa con la consapevolezza. Se non vedete come funziona la vostra mente in tutte le sue attività, non potete dire di essere consapevoli. Un albero è fatto di radici, di un tronco, di rami grossi e sottili, di ramoscelli estremamente delicati, di foglie verdi, di foglie morte e di foglie appassite, di foglie brutte e di foglie mangiate dagli insetti, di foglie che stanno per cadere; e poi ci sono i fiori e i frutti. Tutto questo fa parte dell’interezza dell’albero…

View original post 79 altre parole

LIBRI

Pensieri sparsi

“La cosa importante è accettare se stessi. Se la condizione in cui mi trovo è causa di malessere è segno che la rifiuto.
Allora , più o meno coscientemente, tento di essere diverso da come sono . In definitiva non sono io.
Se al contrario accetto pienamente il mio stato, troverò la pace. Non mi lamento del fatto che dovrei essere più saggio, o più bello o più puro, rispetto a quello che sono ora .
Quando sono bianco , sono bianco. Quando sono nero, sono nero .
Questo atteggiamento mi impedisce che continui a lavorare su di me.
L’accettazione di sé non limita le aspirazioni, al contrario le nutre.
Perché ogni miglioramento partirà sempre da cio’ che si è realmente.”
A. Jodorowski

View original post

Le pietre raccontano: l’antica città di Abakainon, di Donatella Pezzino

L’antica città di Abakainon (indicata con diverse denominazioni fra cui Abacena, Abaceno, Abacano) sorgeva nel cuore dei Nebrodi, fra le attuali Tripi e Novara di Sicilia. Originariamente sicula, fu successivamente ellenizzata e poi romanizzata. I primissimi insediamenti risalgono al paleolitico superiore (circa 18.000 anni a.C.). L’abitato  si sviluppò sempre più nel corso dei secoli, passando progressivamente dal primo aggregato preistorico alla vera e propria città, eretta verso il 1.100 a.C.

Nell’età del ferro, la popolazione indigena era composta soprattutto da contadini e piccoli artigiani. Agli inizi della colonizzazione greca (VIII sec.a.C.), gli abacenini cercarono di mantenere buoni rapporti con i dominatori, instaurando scambi commerciali e barattando i loro prodotti con ceramiche, utensili, gioielli e altri manufatti; tale equilibrio, però, era destinato a rompersi a causa della politica dispotica dei Greci. Vessati da dazi e da ogni genere di imposizione, gli abitanti di Abakainon aderirono alla rivolta di Ducezio contro Dionigi I (V secolo a.C.). Dopo la sconfitta subita dal principe siculo, la città si alleò con Cartagine in un estremo tentativo di resistenza, ma fu inutile: il tiranno di Siracusa ebbe nuovamente la meglio, ed espropriò Abakainon di gran parte del suo territorio per fondare la cittadina di Tindari (396 a.C.).

Dal 304 a.C., con l’avvento al potere del tiranno Agatocle, si creò una situazione di distensione fra Siracusa e le altre popolazioni dell’isola: Abakainon si staccò quindi dai cartaginesi per entrare nell’orbita di influenza siracusana. Le vicende della prima guerra punica portarono la città sotto l’occupazione romana; Abakainon venne eletta municipium nel 262 a.C. cambiando il suo nome in Abacaenum o Abacaena. Questa occupazione privò presto la città di tutte le sue prerogative (fra cui quella di battere moneta, che Abakainon vantava già dal V sec.a.C.) schiacciandola sotto il peso di una insostenibile pressione fiscale. Iniziò così per l’antica città sicula un periodo di declino, che si concluse con la sua distruzione ad opera di Ottaviano (il futuro imperatore Augusto) nel 36 a.C. , durante una delle fasi del conflitto con Sesto Pompeo. Successivamente, un cataclisma ne cancellò le ultime tracce. Sotto i normanni e gli arabi, la popolazione rimasta si spostò sulla montagna, dove sorge l’odierna Tripi.

Sembra che il primo studioso ad individuare i resti della città antica sia stato Tommaso Fazello: verso il 1550, infatti, il celebre storico di Sciacca portò alla luce nei pressi del castello di Tripi importanti reperti archeologici, fra cui monete d’argento e di bronzo con dicitura Abakain, anfore e frammenti di ceramica. Altre campagne di scavo furono portate avanti dalla Soprintendenza Archeologica di Siracusa nel 1953 e nel 1961 e affidate a Francois Villard e Madeleine Cavalier: tali opere portarono alla scoperta di sepolture, vasi, muri e soprattutto monete, sia siracusane che mamertine, attualmente custodite in vari musei del mondo ( Siracusa, Napoli, Firenze, Parigi, Monaco, Londra, Berlino, New York). Negli anni Novanta del Novecento, nuovi importanti scavi hanno condotto alla scoperta di circa 80 sepolture databili tra la fine del IV e l’inizio del II secolo a.C. , attestanti sia l’inumazione che l’incinerazione.

*

Donatella Pezzino

Dal blog: Donatella Pezzino – La donna siciliana nella storia e nella poesia

(Immagine da http://www.etnanatura.it)

Curiosity Killed The Cat ” I Doors del 21 Secolo”

Travel With The Wolf

Diciamo la verità , ci sono cose del mondo della musica talmente incredibili da non sembrare neanche vere , così leggendo un bellissimo libro sulle curiosità del mondo della musica  , per caso scopro che Ian Astbury , il front man del gruppo dei Cult , il gruppo inglese degli anni ottanta (tra i miei preferiti di sempre)  per quattro anni è stato il “sostituto” di Jim Morrison nei Doors , già detta così fa venire i brividi , in realtà i Doors del ventunesimo secolo sono nati sotto l’influenza di Manzarek e Kruger , tirando in ballo anche l’ex Police Stewart Copeland e appunto il buon Ian . Sono state talmente poche le fortune che .  nonostante con il cantante dei Cult , l’ex duo dei Doors sia andato avanti quattro anni , non ci sono quasi tracce , anzi ci sono state tantissime cause legali intentate per esempio…

View original post 118 altre parole

Gli States degli States Part 18

Travel With The Wolf

La prima volta nella mia vita che vidi il qualcosa del Colorado inteso come stato , era il 1983 , avevo appena comprato la videocassetta di “Under a Blood Red Sky” che riprendeva parti del concerto degli allora giovanissimi e già grandi U2 , proprio al Red Rock Ampitheater , un bellissimo luogo poco fuori Denver . Da allora di tempo ne è passato molto e anche troppo velocemente e nel 2012 , il Colorado lo abbiamo anche visitato .

Questo è lo stato delle montagne rocciose , qui ci sono luoghi di montagna famosissimi come Veil e Aspen , come Colorado Springs e la splendida Telluride , tutte località delle Rocky Mountains , tra i numerosi parchi nazionali vi segnalo uno dei più belli del panorama americano : Mesa Verde , pieno di cittadella Anasazi , qui i nativi tremila anni fa vivevano senza la paura dell’uomo bianco …

View original post 104 altre parole

L’esercizio del distacco, di Mary Barbara Tolusso

di Marie Morel

9788833929774_0_0_300_75

Voce narrante del libro “L’esercizio del distacco“della poetessa M.B. Tolusso è la protagonista, che, parlando in prima persona, esordisce raccontando di quando la madre la lascia, poco più che bambina, davanti ad un collegio e va via senza neppure voltarsi indietro.

Sembra essere un vero e proprio abbandono, ma è la quattordicenne a viverlo come tale, il suo primo distacco. In realtà viene mandata a studiare in una scuola esclusiva, riservata ai rampolli di famiglie molto facoltose, affinché vengano istruiti ed addestrati per diventare i nuovi potenti.

Tra lezioni di logica e galateo, i ragazzi vengono sottoposti anche ad una dieta e cure innovative, per garantire loro una salute intaccabile e una vita più lunga della media.

Parte integrante di questo modello educativo è il distacco da passioni,affetti ed emozioni, viste come potenzialmente dannose per questi pochi eletti, il cui futuro sembra già essere stato programmato.

Il collegio è un microcosmo dal quale è impossibile tenere fuori le passioni, perché pur sempre di adolescenti si tratta. Nascono amicizie, come quella che lega la protagonista a David ed Emma, antipatie, rivalità ed amori, ma che i ragazzi sono costretti ad imparare ad addomesticare e disciplinare.

Al momento del diploma, la protagonista si allontana dal collegio lasciando dietro di sé il tempo vissuto lì, grazie all’esercizio del distacco. Eppure quel mondo ovattato, nel quale la ragazza impara a lasciar andare passato e affetti, ma nel quale si concede, talvolta, momenti di abbandono, diventa per lei, negli anni successivi, uno dei ricordi più struggenti.

Scritto bene e scorrevole, è un libro che si legge in poche ore, ma di quel tempo a me non è rimasto nulla, se non un grande vuoto.

Continua su Storie di vita e amore

 

Momenti di poesia. Il Gran Coraggio, di Stefano Capasso

Momenti di poesia. Il Gran Coraggio, di Stefano Capasso

Il Gran Coraggio,,,,

Se vuoi affrontar la Vita
con una sola mano,
nell’altra
ben stretto tieni
un Gran Coraggio .

Occorre che ti dia forza
e ti sorregga a sufficienza
per poter andare avanti,
con discernimento .

Non è geniale affatto
dover rischiar la sorte
per affrontare
difficoltà inaspettate,
senza aver ben stretto
accanto ,
un Gran Coraggio .

La Vita spesso riserva
strane avventure
e quel che accade
può apparire a volte
. non privo
di sgomento e di paure.

Perciò
se vuoi affrontar la Vita
con una sola mano
nell’ altra
devi tenere ben stretto :

un Gran Coraggio

Tutti i diritti riservati
copyright @
Autore Stefano Capasso

Immagini dal Web

Mio Padre mi disse … di Giuliano Saba

Mio Padre mi disse … di Giuliano Saba

 

Mio Padre mi disse:

Chi non conosce la pace
E non la stima,non ha provato
La guerra in prima..
La pace, bisogna pagarla a caro prezzo.
Arricchisce I popoli,
Non tiene colore
Fa gioire il cuore
E’ come un fiume tranquillo
E’ la concordia che edifica tutte le citta’
E’ la muraglia dell’ equita’
E ‘ meglio una pace certa
di una vittoria sperata
Nel compimento della legge
Non ha ne vinti ne vincitori
Ma regna e fiorisce nella giustizia..
In un paese senza pace mal si vive
Percio’ e’ meglio mangiare pane in pace
Che molte pietanze in disunione..
Giuliano Saba Sculture
Maggio 2009 Castellon de la Plana ( Spagna )

Sostenersi

ORME SVELATE

Vorrei saper chiedere aiuto
invece mi ritrovo in un imbuto
ed ogni mio grido resta muto,
le paure si alimentano di solitudine
nutrite dall’incapacità di relazione,
per non sentirsi in discussione
e ripartire ancora da zero.
La rinascita parte da uno sguardo sincero
che sgretola ogni muro innalzato
e finalmente ti sembra di riavere fiato
hai imparato a dare voce ai tuoi pensieri,
i tuoi problemi ti sembrano più leggeri.

Daniele Corbo

View original post

L’INFINITO NEL PALMO DELLA MANO – G.BELLI

Pensieri sparsi

51KnYqy2U0L._SY346_.jpg
“Adamo , dove andiamo quando dormiamo? Chi sono quelli come noi che vivono nei nostri sogni? Stanotte ho visto una donna come me sulla spiaggia. Magari è ancora là. Dobbiamo cercarla.”
Anche lui sognava altri uomini come lui, disse Adamo, ma non significava che esistessero davvero: i sogni erano ciò che loro desideravano vedere.”

Forse anche noi siamo un sogno di Dio.
Forse, questa rivisitazione della storia della Creazione è più vicina alla realtà di quanto possiamo immaginare.
Certo è che è colma di passione, amore, dubbi e solitudine.
E’ un inno al libero arbitrio.
Alla causalità di ognuno di noi.
La belli narra una storia dove non c’è colpa.
Eva è pienamente responsabile della scelta che ha compiuto, ed anche se molte cose la spaventano, va loro incontro desiderosa di conoscenza.
Eva ha scelto la vita, piuttosto che un ‘immortalità ubbidiente, intuendo, forse, che al termine del suo percorso…

View original post 156 altre parole

L’ODORE DELLA PIOGGIA

Pensieri sparsi

Quando piove, spesso avvertiamo un odore piacevole e vagamente terroso (ovviamente più in alcuni ambienti che in altri).
Questo odore, il profumo della pioggia, è detto PETRICORE e deriva da diversi fattori.
Il primo è l’ozono, l’odore di “pulito” che sentiamo dopo un forte temporale. L’ozono è anche il motivo per cui alcune persone riescono a sentire l’odore di un temporale prima che arrivi. Viene prodotto come conseguenza dei fulmini.
Il secondo fattore è la geosmina, che conferisce l’odore terroso al petricore. Dopo una lunga siccità, i batteri nel suolo producono spore, rilasciando la geosmina.
L’ultimo fattore sono gli oli delle piante, che vengono diffusi nell’atmosfera con la pioggia.

View original post

Momenti di poesia. Il tempo di noi, di Rossana Angeli

Momenti di poesia. Il tempo di noi, di Rossana Angeli

Il tempo di noi
©di Rossana Angeli

Amore, il tempo di noi.
é come una bolla
che vola nell’aria.
Siamo fatti d’eternitá.
Ci possono essere mille
individui a provarci,
ma non hanno capito
che non voglio togliere
le mie braccia dalle tue
e che abito dentro il tuo cuore,
tu sei radicato nelle mie vene.
Esisto perché tu sei il mio
stesso respiro.
siamo fatti d’anima
e l’amore ci avvolge d’infinito.
Noi sappiamo il nostro vissuto,
dentro il ticchettio di un orologio,
e le lancette del tempo sono gli attimi
che definisco oro.
Si oro che fa risplendere
tutta la tua luce in me.
Tu, dolce amore mio,
hai fatto di me
la tua benedizione
ed io vivo ogni ora pensando a te .
L’amore esiste dentro di noi
e al di fuori del nostro nido
non esiste amore piú grande di te.
Non permetteró mai a nessuno di violare
il noi di sempre, perché noi siamo lotta
e ci teniamo stretti contro le avversitá.
Io e te un unica grande anima, t’ amo
e tu lo sai…

Paolo Viarenghi. Rinnovo contratto lavoro agricoltura: soddisfazione Cia

Rinnovo contratto lavoro agricoltura: soddisfazione Cia

E’ stato rinnovato a Torino, nella giornata di ieri, l’accordo per il Contratto collettivo regionale di lavoro per i quadri e gli impiegati agricoli del Piemonte, con validità fino al 31 dicembre 2021.

paolo_viarenghi (1)

L’accordo, che riguarda circa 2.100 addetti in Piemonte (20.000 in Italia) è stato sottoscritto da Cia, Confagricoltura e Coldiretti per i datori di lavoro e da Confederdia, Flai-Cgil, Fai-Cisl e Uila-Uil per i sindacati dei lavoratori. Cia era rappresentata dal responsabile Settore Lavoro Paolo Viarenghi.

Le parti hanno concordato un aumento contrattuale del 2,4% con decorrenza 1° marzo 2019; per la sesta categoria l’aumento sarà di 33 euro mensili. Inoltre si è stabilito, a partire da quest’anno, che verrà riconosciuta una giornata di permesso retribuito aggiuntiva a quelle già previste dalla contrattazione nazionale.

Commenta Viarenghi, partecipe a tutta la trattativa: “Siamo soddisfatti di questo accordo, in quanto attraverso la collaborazione tra tutte le parti si è riuscito a garantire un giusto aumento ma contenuto, che accontenta sia la parte datoriale che quella sindacale”.

Alberto Carbone. Serravalle Scrivia: Ordine del giorno del Consiglio Comunale

Serravalle Scrivia: Ordine del giorno del Consiglio Comunale

Comune di Serravalle Scrivia Provincia di Alessandria

Serravalle Scrivia Palazzo_Grillo

CONVOCAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE si riunisce in seduta STRAORDINARIA presso la Sala Consiliare della  Sede Municipale, il giorno: 19 FEBBRAIO 2019 ALLE ORE 18.30

ORDINE DEL GIORNO

  1. Comunicazioni del Sindaco (art.25 del Regolamento del Consiglio Comunale).
  2. Sistemazione della Viabilità in fregio alla linea ferroviaria nel centro storico di Serravalle Scrivia. “Raddoppio di Via Roma” – Presa d’atto del progetto di fattibilità tecnica ed economica approvato dalla Provincia di Alessandria. 
  3. Variante strutturale n. 1 al P.R.G.C. contestuale al Piano Particolareggiato di riqualificazione di parte del Centro Storico relativa alla sistemazione della viabilità in fregio alla ferrovia “raddoppio di via Roma-ex SS 35” e di adeguamento alle disposizioni del P.A.I. (D.M. 21/05/2001) e agli studi finalizzati alla prevenzione del rischio sismico. Adozione della proposta tecnica di progetto preliminare.
  4. Abrogazione regolamento sul trattamento dei dati personali adottato in applicazione del decreto legislativo 30 giugno 2003 n. 196 (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 1 del 28/02/2007) e linee d’indirizzo per redazione modello organizzativo a tutela dei dati personali ai sensi del nuovo Regolamento generale UE 2016/279.

    La cittadinanza è invitata a partecipare

IL SINDACO

Alberto Carbone

Museo Gambarina, presentazione del libro “Musei e luoghi d’arte nel Monferrato”, di Valentina Bonanno

Museo Gambarina, presentazione del libro “Musei e luoghi d’arte nel Monferrato”

Alessandria: Giovedì 21 Febbraio, alle ore 21 presso il Museo della Gambarina, si terrà la presentazione del libro “Musei e luoghi d’arte nel Monferrato”, seconda pubblicazione di Valentina Bonanno relativa al nostro territorio.

Schermata 2019-02-18 a 15.36.29

Il testo espone una panoramica dei principali luoghi di interesse storico, artistico e culturale della provincia di Alessandria e della città di Asti; maggiore attenzione è stata prestata alle realtà museali al fine di fornire notizie sulle collezioni artistiche e di promuoverne la fruizione.

Nel libro sono state prese in esame tutte le epoche, ma in particolare, durante la serata, sarà segnalato un itinerario alla scoperta degli artisti locali a cavallo tra il XIX e il XX secolo.

Il libro è un approfondimento per chi volesse conoscere in maniera sintetica le principali raccolte d’arte: partendo dal Museo Civico di Casale Monferrato con la Gipsoteca dedicata a Leonardo Bistolfi, si passa per le collezioni civiche di Asti col ritrattista Michelangelo Pittatore, si attraversa Bistagno per conoscere le opere dello scultore Giulio Monteverde, si giunge a Tortona alla scoperta del Divisionismo e si conclude ad Alessandria con Pietro Morando e Carlo Carrà. Interverranno Teseo Sassi, David Turri e Maria Luisa Pirrone.

La 29a Edizione della rassegna “Teatro-Ragazzi” a Casale Monferrato

La 29a Edizione della rassegna “Teatro-Ragazzi” a Casale Monferrato

Casale Monferrato: Giovedì 7 febbraio ha preso il via la 29a Edizione della rassegna Teatro-Ragazzi. L’iniziativa, curata dall’Assessorato alla Pubblica Istruzione in collaborazione con la Fondazione Teatro-Ragazzi e Giovani Onlus di Torino, si pone l’obiettivo di avvicinare i più giovani al mondo del teatro attraverso spettacoli loro dedicati.

Casale_Monferrato-palazzo_del_Credito_Italiano1

Dopo il primo evento “Era il tempo dei fanti contadini” a cura del Collettivo Teatrale CET, sono in programma sei ulteriori appuntamenti.

Il ciclo, di sette date in totale, vede la partecipazione di cinque compagnie cittadine e 2 coinvolte dalla Fondazione Teatro-Ragazzi e Giovani Onlus.

La proposta si rivolge agli alunni delle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado della città di Casale Monferrato e del comprensorio casalese.

Gli spettacoli si svolgono in orario mattutino al Salone Tartara.

Teatro Ragazzi – i prossimi appuntamenti

  • Giovedì 28 febbraio – Cappuccetto Rosso pasticcione – Teatro della Nebbia
  • Giovedì 7 marzo – La nostra casa la Costituzione – L’Opera dei Ragazzi
  • Giovedì 21 marzo – Caravaggio: la spada e il pennello – Separè
  • Martedì 9 aprile – Giannino e la pietra nella minestra – Fondazione Teatro Ragazzi Onlus
  • Giovedì 9 maggio – Basta con queste favole! – Stardust Company
  • Giovedì 16 maggio – Terrarium – Fondazione Teatro Ragazzi Onlus

Il programma della Ludoteca Comunale per la primavera, di Lia Tommi

“È tempo di giocare!”… in Ludoteca
Alessandria: Il programma delle attività per la primavera 2019

Spettacoli, laboratori, racconti, ma sempre tutto all’insegna del gioco e dell’esplosione della creatività: è questo il programma per la primavera 2019 messo a punto dalla Ludoteca Comunale C’è Sole e Luna, Assessorato comunale alle Politiche Giovanili di Alessandria che – oltre alle attività di giochi e laboratori proposte quotidianamente dai propri animatori socio-educativi – offre ai bambini da 0 a 11 anni ulteriori occasioni di gioco ed espressione.
Il programma è realizzato anche grazie ad “Alleanze Educative”, il progetto triennale di contrasto alla povertà educative rivolto alla fascia 0-6 anni – di cui il Comune di Alessandria è capofila rispetto ad un vasto e composito partenariato – finanziato dall’Impresa Sociale “Con I Bambini”.
Il progetto è stato selezionato da “Con I Bambini” nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Il Fondo nasce da un’intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, il Forum Nazionale del Terzo Settore e il Governo. Sostiene interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori.
Per attuare i programmi del Fondo, a giugno 2016 è nata l’impresa sociale “Con i Bambini”, organizzazione senza scopo di lucro interamente partecipata dalla Fondazione “Con il Sud” ( http://www.conibambini.org )
Ecco, in sintesi, quanto è stato programmato da febbraio a maggio.

FASCIA D’ETÀ 0-4 ANNI
“Alla scoperta della musica” è il laboratorio musicale per bambini da 12 a 18 mesi a cura di Fiorella Belpassi, violoncellista: 5 incontri tutti i lunedì dall’11 marzo all’8 aprile dalle ore 17.00 alle ore 18.00.
Tutti i giovedì dal 9 al 30 maggio dalle ore 17.00 alle ore 17.45 ci sarà “Il corpo, l’emozione, la costruzione di una o mille storie”, laboratorio di animazione motoria per bambini di 3/4 anni a cura di Elisabetta Benzi, psicomotricista e animatrice.
Mambistrè è invece lo spettacolo teatrale sulla scoperta delle emozioni dedicato ai più piccoli, a cura della Compagnia Teatro Prova di Bergamo, giovedì 28 marzo alle ore 17.00.

FASCIA D’ETÀ 5-7 ANNI
I bambini da 5 a 7 anni potranno sperimentarsi pasticceri con “Artisti in cucina”, il laboratorio di pasticceria con Clara La Falce, laboratorista: 4 incontri martedì 9 e 16 aprile e 7 e 14 maggio dalle ore 17.00 alle ore 18.00.
“Storie in fiore” sono quelle dell’attrice Giulia Maino, che abbinerà alle letture un laboratorio creativo, in 4 incontri: martedì 12 aprile e 10, 24 e 31 maggio dalle ore 16.45 alle ore 18.15.
lo spettacolo per questa fascia d’età è Clown Spaventati Panettieri, di e con il Duo Meroni Zamboni di Manicomics Teatro di Piacenza, che sarà martedì 5 marzo alle ore 17.00.

FASCIA D’ETÀ 8-11 ANNI
Per i più grandi, da 8 a 11 anni, ci sarà “L’Accademia di Magia”, laboratorio ludo-magico a cura di Francesco Mantovanelli, animatore e prestigiatore: 4 incontri tutti i mercoledì dal 6 al 27 maggio dalle ore 17.00 alle ore 18.00.
Con un’incursione nel martedì – giornata dei 5-7 anni – Lorenza Novelli condurrà un laboratorio creativo di 4 incontri dedicato al cinema: “MiniMacallè Cinema Che Passione”: Il Gioco delle Luci in programma Martedì 12 Marzo, “Story Board Sceneggiatura” Martedì 19 Marzo, “Generi Cinematografici” Martedì 26 Marzo e “Raccontiamo il Cinema” Martedì 02 Aprile, sempre dalle ore 17.00 alle ore 19.00.
“Pinocchio” è invece lo spettacolo teatrale a cura di Bachalom Teatro di Alessandria che mercoledì 8 maggio alle ore 17.00 sarà rappresentato in ludoteca per i bambini da 8 a 11 anni.

Saranno due gli “Incontri per il thè”, ovvero le occasioni informali di scambio con esperti su temi educativi rivolte ai genitori: giovedì 7 marzo alle ore 17.00 sarà la volta di “Alla scoperta della Musica” a cura di Fiorella Belpassi violoncellista; mentre lunedì 6 maggio alle ore 17.00 Elisabetta Benzi, psicomotricista e animatrice parlerà del percorso di animazione motoria “Il corpo, l’emozione, la costruzione di una o mille storie”.

Un’ulteriore proposta per gli adulti è l’incontro con l’approccio autobiografico “Alleanze educative – Storie di bambine, donne e mamme” a cura di Alessandra Icardi, animatrice, e Monica Pareti, pedagogista e insegnante, lunedì 18 marzo dalle ore 14.30 alle ore 16.00.

Infine, per i bambini dai 6 agli 11 anni è in programma una gita al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano, che si terrà sabato 25 maggio con partenza da Alessandria alle ore 14.00.

Si Ricorda che per frequentare la Ludoteca C’è Sole e Luna, che abilita anche al prestito di libri e dvd, occorre l’iscrizione, e la tessera costa € 30 l’anno.

Per informazioni sulla ludoteca e su prenotazioni, costi e disponibilità si può contattare:
Ludoteca C’è Sole e Luna
Via Verona 103, Alessandria
tel. 0131 227216
e-mail ludoteca@comune.alessandria.it

Alegas: Attenzione alle offerte ingannevoli

Alegas: Attenzione alle offerte ingannevoli

Alessandria: Alegas, l’azienda del Gruppo Amag attiva nella vendita e distribuzione di luce e gas, invita tutti i cittadini a prestare attenzione alle truffe telefoniche e ai venditori a domicilio, che in questi ultimi giorni si presentano presso alcuni condomini di Alessandria, Acqui Terme e in altre città.

alegas

Dopo una serie di segnalazioni pervenute ad Alegas e al Gruppo Amag, molti utenti hanno chiesto chiarimenti su offerte di compagnie di gas e luce che affiggono comunicazioni non autorizzate sui portoni dei palazzi di Alessandria e di Acqui, che suonano alla porta di cittadini in ogni ora della giornata.

Alegas, azienda del territorio, intende tutelare la sicurezza dei cittadini, oltre che allertarli rispetto a proposte commerciali spesso ingannevoli, o quantomeno incomplete, esposte in modo frettoloso.

Gli addetti Alegas infatti sono sempre contattabili presso gli sportelli autorizzati, sia di persona che telefonicamente, nella sede centrale di Via Damiano Chiesa, presso quella di Acqui Terme (via Cassarogna e il martedì in Piazza Don Dolermo), presso la sede di Tortona e Sale. Continua a leggere “Alegas: Attenzione alle offerte ingannevoli”

Chiusura temporanea degli accessi dal cortile del Palazzo Comunale di Alessandria

Chiusura temporanea degli accessi dal cortile del Palazzo Comunale di Alessandria

Si informa la cittadinanza che, nell’ambito dei lavori di risanamento conservativo del tetto del Palazzo Comunale di Alessandria, dalle ore 12.00 di martedì 19 febbraio e per tutto il periodo di montaggio dei ponteggi all’interno del cortile (presumibilmente una settimana), non sarà possibile il parcheggio e l’accesso dal cortile alle scale lato via Verdi e lato via San Giacomo della Vittoria.

Comune copia

L’accesso agli uffici lato via San Giacomo della Vittoria potrà avvenire dall’atrio degli Uffici del Sindaco tramite lo scalone principale o il relativo ascensore e dall’accesso posto al pianerottolo dello scalone.

Come richiesto dal Servizio Comunale Prevenzione e Protezione, sarà garantita l’uscita di sicurezza al piano terreno nell’androne verso via San Giacomo della Vittoria; pertanto, per tutto l’orario di apertura degli uffici comunali, il cancello verso la via sarà aperto mentre la chiusura dello stesso (munita di maniglioni antipanico) sarà chiusa nella direzione in ingesso.

L’accesso agli uffici verso via Verdi sarà garantito tramite i due ingressi verso via Verdi: quello all’Ufficio Urbanistica e Protocollo tramite il cancello come avviene già attualmente; quello di accesso alla scala e ascensore tramite apertura del cancello e sblocco delle porte munite di maniglioni antipanico anche nella direzione in entrata.

L’Ufficio Comunale competente provvederà alla predisposizione di idonea segnaletica.

Limitazioni in vigore ad Alessandria per l’allerta di 1° livello stabilita dal Protocollo per le misure antismog

Dal 19 al 21 febbraio 2019 limitazioni in vigore ad Alessandria per l’allerta di 1° livello stabilita dal Protocollo per le misure antismog

Si comunica che — in linea con quanto stabilito dal  vigente “Protocollo operativo per l’attuazione delle misure urgenti antismog” — il Comune di Alessandria si trova posizionato al livello 1 (allerta di 1° livello ARANCIO) da domani 19 a giovedì 21 febbraio 2019 compreso,  prossimo giorno di controllo da parte di ARPA Piemonte.

allerta semaforo

Il primo livello (ARANCIO) è relativo al superamento per 4 giorni consecutivi del valore di 50 μg/m 3 di PM10.

Per questo, si segnalano le limitazioni temporanee che saranno in vigore in Alessandria dal 19 al
21 febbraio compreso
:

  1. stop delle auto private di classe emissiva fino a euro4 diesel dalle ore 8.30 alle ore 18.30.
  2. stop dei veicoli commerciali diesel fino a euro4 dalle ore 8.30 alle 12.30
  3. divieto di sosta con il motore acceso
  4. divieto di utilizzo dei generatori a biomassa legnosa (in presenza di impianto di riscaldamento alternativo) con classe di prestazioni energetiche ed emissive almeno per la classe 3 stelle.
  5. divieto assoluto di combustioni all’aperto (falò, barbecue, fuochi d’artificio ecc.)
  6. introduzione del limite di 19°c (con tolleranza di 2°c) per le medie nelle abitazioni e spazi ed esercizi commerciali
  7. divieto di spandimento di liquami zootecnici

Le informazioni di dettaglio sono consultabili sul sito internet:

http://www.arpa.piemonte.it/approfondimenti/temi-ambientali/aria/aria/semaforo-qualita-dellaria-pm10

“Denunciato e Sanzionato il presidente di un circolo privato in località S. Giuliano – Alessandria.”

“Denunciato e Sanzionato il presidente di un circolo privato in località S. Giuliano – Alessandria.”

questura-polizia copia.png

Il personale della Polizia Amministrativa della Questura e della Polizia Municipale di Alessandria, ha  denunciato una 44enne, presidente di un circolo  privato,  in località San Giuliano,  per l’apertura abusiva di luoghi di pubblico spettacolo, in quanto risultava mancante la certificazione di prevenzione incendi,  l’autorizzazione al pubblico trattenimento, e  la prevista certificazione relativa all’agibilità dei locali.

Inoltre, il presidente è stato sanzionato per aver somministrato bevande ad un pubblico non tesserato (Da 2500,00 euro a 12.000,00 euro) e per aver svolto senza autorizzazione uno spettacolo aperto al pubblico (Da 258,00 euro a 1549,00 euro).

Si constatava anche l’assenza dell’apparecchio di rilevazione del tasso alcolemico (Da 300,00 euro a 1200,00 euro) la mancata esposizione delle relative tabelle alcolimetriche (Da 300,00 euro a 1200,00 euro).

MODA: Come nasce un abito da sposa d’alta moda?, di Lia Tommi

“Matrimonio da Favola” Come nasce un abito da sposa d’alta moda?NadaNuovoHauteCouture si racconta..

“L’abito da sposa nasce dall’idea che si ha del matrimonio. Si cerca di realizzare l’immagine che la sposa ha del suo matrimonio.Noi che realizziamo gli abiti per il giorno più importante dobbiamo rispondere alle aspettative della sposa.

La creazione è frutto di tanta ricerca, ma anche di tradizione.Non si guarda solo al “nuovo” e alle “tendenze”, ma anche a 5 fattori determinanti, riprendendo alcune tematiche costanti.Perché l’abito sia perfetto non deve mai mancare una rifinitura sartoriale e un buon tessuto.Dunque, è la sartorialita’ che fa la differenza tra un abito pret-a-porter e un abito di alta moda.Il segreto di un grande lavoro sartoriale è: amare il proprio lavoro e ascoltare il cliente…”

“Ama ciò che fai e non dovrai lavorare nemmeno un giorno. NadaNuovoHauteCouture”

 

“24 nuovi poliziotti assegnati alla Questura di Alessandria”

“24 nuovi poliziotti assegnati alla Questura di Alessandria”

Il 14 Febbraio sono stati assegnati alla Questura di Alessandria ben 24, tra uomini e donne, appartenenti al ruolo degli Assistenti ed Agenti della Polizia di Stato  ad implementazione dell’organico presente.

nuovo DSC_0016nuovo DSC_0017

Il nuovo personale, tra cui anche due Agenti in prova provenienti dalla Scuola di Polizia di Alessandria, sono stati accolti per l’occasione dal sig. Questore, Dott. Michele Morelli, dal Capo di Gabinetto Dott. Marco Ferraro e dalla Dott.ssa Ferrareis, Portavoce della Questura che hanno augurato il benvenuto ed un caloroso in bocca al lupo per la nuova esperienza professionale.

I nuovi colleghi saranno destinati, tutti ufficialmente dal 25 febbraio, a ricoprire diversi incarichi nell’ambito Dell’Ufficio di Gabinetto della Questura ed i relativi servizi ordinari di Istituto, Ufficio Immigrazione,  ma in gran parte per il potenziamento della Squadra Volante dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico nell’ambito del controllo del territorio.

Momenti di poesia. Raggio di luce, di Brigida Miraglia

Raggio di luce, di Brigida Miraglia

raggio-di-luce

Raggio di luce
Questa sera un raggio di luce
Illumina il cielo azzurro del mare
Per dare un senso di bagliore
Quel bagliore che fa sognare
Un cuore ho mille cuori
Che splende
Nel cielo e sulla terra
Io vedo quel mare splendido e calmo
Che fa riflesso
Di un bagliore di luce
Che non ha bisogno di una lampada accesa
Ma di un amore
Quello raro che non si può mai dimenticare
Sciogliendo una lacrima
Per poter lavare un viso
Bagnandolo con la sua acqua di sale
Brigida Miraglia

Fratello mio, di Francesca Fasani

Fratello mio, di Francesca Fasani

Fratello mio, fra una manciata di ore sarà il tuo compleanno.

Non dico quanti ne compirai, perché è bello dimenticarsene, fare finta che il tempo per noi non scorra mai e resti fermo in quel punto in cui tutto odorava di rose, di cannella e zafferano.

Eravamo noi il tempo e l’insieme, il cerchio e il quadrato, il mare e la terra.

Tu mi hai consolato piccino mio, ignaro di quel ruolo importante che ti avevo assegnato. Avevo bisogno di te, dei tuoi occhioni azzurri, del tuo pigiamino che sapeva di buono,

e ti annusavo piccino come la gatta fa con i suoi cuccioli.

Mi hai fatta sentire grande, responsabile, donnina, e non più l’ultimo pulcino piccolo della covata, rimbeccato di continuo dalle sorelle dispettose.

Ricordo il tuo musino assonnato, quando la mamma, ti ha portato a casa nella tua cesta scozzese.

Sì, perché eravamo avanti anche allora, anticonformisti di estrazione, strani anche, dal di fuori, ma infinitamente autentici.

Stessa ala la nostra che ci conteneva entrambi, piccoli respiri, latte caldo di mamma, smorfie placide

Io e te, tu ed io.

Ti voglio bene

Swing, blues altre musiche e altre storie al CAPPELVERDE, di Lia Tommi

Around Jazz & Other Stories live @Cappelverde B-side

20 febbraio , ore 21
trattoria cappelverde
via san pio V 26, 15121 Alessandria

Swing, blues, altre musiche, altre storie.

Silvio Barisone – chitarra
Giorgio Penotti – voce, strumenti vari.
Quanti viaggi deve fare un marinaio per conoscere l’oceano?
Ci vuole una vita per saperlo, e forse non si può sapere. Eppure noi ci mettiamo lo stesso in viaggio nel grande mare del jazz e attraversiamo miriadi di arcipelaghi, facciamo approdo in ogni isola e in tutti i porti ascoltiamo narrazioni e storie diverse.
info e prenotazioni: 345 996 8548

AMLETO, di Marcello Comitini

AMLETO, di Marcello Comitini

AMLETO (Questo è uno stralcio. La poesia completa la trovate qui:http://www.terracolorata.com/ )

L’uomo si guarda intorno, cerca
una via di fuga…
Adesso ricorda. L’ha posseduta per tutta una notte.
Ecco.

Alla luce rosata dell’alba
ci siamo guardati in un grande specchio.
Il suo corpo mi stava davanti
come la luna sulle acque oscure di un fiume.
L’ho tenuta stretta al petto. Ho percepito
la castità del ghiaccio, la purezza di un’alba
tradita da nuvole
i sogni infranti dai gesti codardi di uomini
che amano solo a parole.
Dimmi mi ha chiesto
con la fronte nascosta sulla mia spalla
come posso distinguere il tuo
dall’amore ingannevole.
Il soffio di un flauto è stato il nome di Ofelia
che le ho sussurrato tra i baci.
La musica le ha trafitto il cuore, le ha ferita la bocca
una canzone che voleva cambiarle la vita.
Conosco anche io l’inganno. Ho temuto che lei
non avesse più voglia di vivere.

Le donne lasciano cadere le braccia piangono
Ofelia in silenzio e l’innocenza crudele del folle Amleto.

========
Foto: Carmelo Bene in Amleto.

Non si finisce mai di viaggiare…

Anna & Camilla

Nel mio mondo parallelo in un mese e mezzo sono stata in Australia, negli Stati Uniti a Seattle, qui da me nello Yorkshire ed infine in Italia.

I miei viaggi sono stati fatti tutti con la fantasia, grazie alla compagnia dei miei libri. Tutto è stato leggero e rilassante, non mi sono stressata, ne avevo bisogno per carburare dopo quasi due anni di Black out mentale.

Ora però mi devo cimentare in qualcosa di più impegnativo, non troppo fru fru come ho fatto ora, vedremo come la prenderà il mio cervello.

Quest’ultimo libro, Tutta colpa del mare di Chiara Parenti, mi era stato consigliato dalla libraria dove avevo acquistato un altro libro. Effettivamente non ha deluso le aspettative, divertente, mi ha fatto ridere molto, con una storia d’amore degna di essere letta per palpitare insieme ad essa.

Consigliato, se avete intenzione di non non impegnarvi troppo, oppure nei fine settimana…

View original post 19 altre parole

Voci dal passato: “Orto un tempo nido dell’incontro” di Ibn Hamdis, di Donatella Pezzino

 

 

Orto un tempo nido dell’incontro
orto chiuso dal fuoco dell’assenza
chi mi renderà il tuo odor di basilico
immortale dono del paradiso?
Quanta saliva dal sapor di miele
stillava dalla fresca grandine!
Servo d’amore
che tanta piaga affligge
e sempre in piedi mi costringe
a voi chiedo pietà, sì lontana
pur se amor lancia il dardo
è la mira dal tiro…
Chi mi salverà dall’accidia del deserto?
Chi verso il disco del sole mi aiuterà a volare?

*

Ibn Hamdis (Noto, 1056 – Maiorca, 1133)

Dal blog Donatella Pezzino – La donna siciliana nella storia e nella poesia

Fonte: Poeti arabi di Sicilia a cura di F.M. Corrao, Mesogea, 2004.

Immagine: un quadro di Michele Catti (Palermo, 1855 – Palermo, 1914) dal sito http://www.alessandrobiffanti.com

I 5 consigli di J.K Rowling sulla scrittura

Il Lettore Curioso

Buongiorno lettori e buon inizio settimana! Qualche giorno fa stavo navigando sul sito di J.K Rowling e mi sono imbattuta in alcuni consigli della scrittrice per chiunque voglia intraprendere la strada della scrittura. Ho pensato quindi di parlarvene, chissà, magari se siete aspiranti scrittori potete trovate qualche spunto interessante!

Sebbene J.K Rowling non sia un’amante delle liste “must do” in generale e – a suo dire – non conosce le regole che portano al successo, vuole comunque offrire ai lettori alcuni consigli che ha seguito nel corso degli anni.

rowling.jpg1. Leggere

“Non è possibile essere un buon scrittore senza essere prima un lettore devoto. Leggere è il miglior modo di analizzare ciò che rende un libro un buon libro.”

Secondo l’autrice, il lettore dovrebbe notare nel libro che cosa funziona e cosa invece no, che cosa ha apprezzato e perché. Dice anche che all’inizio il rischio è di finire per…

View original post 254 altre parole

Il tempo mi veste di solitudine, di Gianni Lovera

Il tempo mi veste di solitudine, di Gianni Lovera

il tempo mi veste di solitudine

Il tempo mi veste di solitudine mentre aspetto il dondolare dei pensieri che man mano va
Volano leggeri senza meta in un eterno silenzio.
Questo aspettare il rintocco della vita sa di amaro
Resta quello che ho custodito dentro l’anima
sarà forse la gemma che sfiorerà il cielo
colorando il mio domani.

Gianni Lovera

L’UOMO DI FUOCO, di Valentino Pichi

L’UOMO DI FUOCO, di Valentino Pichi

Nella stanza nera del mondo

egli si leva, uomo di fuoco,

la parola si accende e madre

di vampa i figli verbali.

Parola si infiamma e

non si consuma,

miele di luce,

dolcezza dell’alba illumina i tetti.

Ma è nella stanza nera del mondo

ove il demiurgo operoso

riscrive il canto

di un secolo spento,

mentre passa il circo

sotto la finestra coi

gai saltimbanchi del

vocabolario.

Nella stanza nera del mondo

l’uomo di fuoco riscrive

il verso, cancella e riscrive,

getta via il foglio e riprova.

Sorella puntuale è la notte

dove la storia sogna se stessa,

ma nella stanza nera del mondo

resta una luce accesa e

una parola che non si consuma,

somiglia a “futuro”,

è l’uomo di fuoco mai stanco

che cerca il suo verso.

Margaret

Margaret quella mattina lasciò a casa le certezze e le incomprensioni relegandole in un’angolo della sua stanza. Lasciando sua madre borbottare da sola nel salotto mentre riordinata un armadio. Non aveva voglia di starla a sentire ne tantomeno assecondarla con ripetuti gesti del capo. Lei, Margaret sentiva il desiderio di evadere dalla solita routine quotidiana uscire da quel dannato circolo vizioso che le stava bruciando il cervello. Un copia e incolla giornaliero petulante anche nei soliti e tristi discorsi con sua madre, afflitta perennemente dalla convinzione che la casa necessitava di maggiore ordine e pulizia.
Così Margaret decise di raggiungere la piccola collinetta sedendosi successivamente in un punto preciso del prato, lasciando andare lo sguardo verso il mare. Amava quel luogo ritenendolo uno scorcio paradisiaco una finestra aperta la quale sfociava in un’altra dimensione. Il cantico del mare risalì la collinetta sospinto da un lieve venticello, il quale portava con sé un delicato profumo di salsedine misto a fiori d’arancio. Le sue certezze riguardo la vita svanirono come neve al sole, rendendosi conto che continuare a porsi delle domande assottigliava velocemente il tempo concesso su questa dimensione chiamata vita. Sospirò, seguendo il volo di un gabbiano osservandolo sfiorare con il petto le increspature della spumeggianti onde prodotte dal passaggio di una nave. Poteva essere quella una libertà assoluta librarsi e volteggiare nell’aria, oppure una proiezione irreale e distorta della nostra mente ingannando ogni nostra percezione. 
Di seguito Margaret si levò in piedi disegnando un sorriso sulle piccole e graziose labbra. Qualcosa si era fatto largo nei suoi pensieri.
” Dove ti eri cacciata? ” brontolò la madre agitando le mani a mezz’aria.
” Sulla collinetta” pronunciò Margaret illuminando il viso con largo sorriso.
” Che ti è successo, stai bene? ” si preoccupò la donna arricciando un poco la fronte facendo un passo verso di lei.
” Mamma cosa pensi della vita? ” le domandò con voce calma mostrando ancora il sorriso sul volto rotondo.
” Ma cosa…che razza di domanda mi fai ” esclamò con espressione perplessa la madre allargando le braccia.
” E una domanda come un’altra; allora cosa pensi della vita? ” insistette Margaret fissandola negli occhi, scrutando attentamente ogni millimetro del suo viso.
” Lo vuoi davvero sapere?” pronunciò carezzandole teneramente i capelli. “La vita è un insieme di coriandoli sparpagliati da un forte e impetuoso vento. Quelli più fortunati si troveranno a volare più in alto con una probabilità maggiore di percorrere elevate distanze rispetto a tutti gli altri”.
Margaret rimase a fissarla per alcuni secondi sollevando le sottili e curate sopracciglia. ” Non…non ci avevo mai pensato a questo fantasioso accostamento ” sussurrò con voce flebile.
La donna sospirò sollevando un poco le spalle addolcendo ancora di più lo sguardo.
” Sai una cosa figlia mia, qualsiasi esempio sulla vita resterà solamente uno stupido quanto inutile esempio. Io amo veramente la mia vita non la cambierei con un’altra. E lo sai perché? Perché in questa ho la certezza di quello che i miei occhi vedono e le mie mani toccano. Ho una bella e accogliente casa un marito eccezionale che amo con tutta me stessa e ho una splendida e bellissima figlia, luce dei miei occhi “.
Margaret voleva dire qualcosa ma un nodo alla gola glielo impedì, rendendosi improvvisamente conto della sua fragilità interiore. Quella cosa le sequestrò l’intero corpo, facendola vacillare lievemente sulle gambe.
La madre l’abbracciò tra le sue braccia, baciandole la fronte.
” Quindi bambina mia, perché mai non dovrei amare questa mia vita? “
( Margaret di Sergio Pizio)

Momenti di poesia. VISO DI DOMANI, di Yuleisy Cruz Lezcano

Momenti di poesia. VISO DI DOMANI, di Yuleisy Cruz Lezcano

Yuleisy Cruz Lezcano 2

Non c’è cipria sul volto di lei

ma rugiada salata di luce traversa

a coprire le rughe svelate dal tempo.

Non c’è unguento sul corpo di lei

ma resina dolce di nero vulcano

ove una fiamma sottile si consuma.

Una spada incide ombre sul suo viso,

un soffio rivalta il ventre dell’alba

costellata di antichi passaggi,

nessun dolore nel taglio più acuto

quando l’innesto di tuono feconda

la sua terra sorda ai passi.

Giù la sabbia grano a grano per l’imbuto,

il tempo passa onda dopo onda

ma l’esperienza non è motivo di rifiuto.

La carne non più soda sulle ossa affonda,

cade e rotola come un mucchio di massi

anche se ogni ruga si fa più profonda,

la vita serena attraversa le sue fasi.

  1. C. L.

SUB VERSUM (Elogio della sovversione)

Hechìzo VP

La sovversione è tale finché sfugge alla sua stessa istituzionalizzazione e resta prospettiva di capovolgimento.

Principio della sovversione è il linguaggio finché resiste al formalismo di cui lo “slogan” è l’ultima deriva: la sua istituzionalizzazione.

Quale inventore di forma, l’artista è necessariamente un sovversivo e quale inventore di linguaggio, in particolare, lo è il poeta e in tal senso ogni sovversivo è un poeta.

Valentino Picchi “Hechìzo”.

http://www.hechizovp.blogspot.com

RITRATTI: ZBIGNIEW ROTH – in viaggio con la poesia

(by I.T.Kostka)

Il 28 dicembre 2018 è iniziata l’edizione polacca del programma “Verseggiando sotto gli astri / Poetując pod gwiazdami”. Alla serata “Dal Baltico al Mar Mediterraneo”, tenutasi presso la Galleria Kamea a Poznań, abbiamo avuto piacere di ospitare un personaggio molto apprezzato dai lettori, critici e dalla Polonia statunitense: ZBIGNIEW ROTH, poeta e compositore. All’artista sono stati assegnati ben due PREMI ALLA CARRIERA: LA MEDAGLIA D’ARGENTO “LABOR OMNIA VINCIT” per l’attività artistica educativa, conferita dal Direttore Edmund Dudziński dell’Associazione Hipolit Cegielski di Poznań, “LA CHIAVE DI VIOLINO D’ARGENTO” in occasione del 50° Anniversario del lavoro artistico svolto come compositore, assegnata da Kazimierz Miler, il Presidente della Federazione dei Gruppi Folcloristici Polacchi e, a sorpresa, anche il terzo e inaspettato premio “LA NOTA D’ORO”.

● Breve nota biografica dell’autore

ZBIGNIEW ROTH (Poznań, Polonia) autore, compositore, poeta con uno stage di copyright di 61 anni a lungo termine, scrive dal 1957 e compone dal 1968, come compositore celebra il suo 50° Anniversario nel 2018.
Dal 2007 – Membro dell’Accademia Poetica Americana Polacca con sede a New York (USA), dal 2009 – Membro Onorario del Gruppo Letterario e Drammatico. K. Przerwy – Tetmajer a Chicago (USA), dal 2012 – Membro onorario del Circolo 83 Infrared a Chicago (USA), dal 2013 – Membro dell’Associazione polacca di autori, giornalisti e traduttori in Europa A.P.A.J.T.E. con sede a Parigi (Francia), da settembre 2014 membro della Società polacca di artisti, autori, animatori della cultura PTAAAK di Poznań e dal 2016 membro del ramo SAP di Kołobrzeg. Autore di numerose raccolte di poesie, le sue opere letterarie sono state pubblicate su molte prestigiose antologie e riviste del settore.

● ALCUNE POESIE DI ZBIGNIEW ROTH:

NASZ OJCZE JESTEŚ Z NAMI

Tyle minęło dni bez Ciebie
tygodni, miesięcy Ojcze Święty
byłeś nadzieją dla każdego
biednemu dałeś rękę w potrzebie
szukałeś dróg ku wolności
młodym będąc drogowskazem
nadzieją na przyszłość robotnika
dla nas Polaków wszystkich razem

Dziś pod granitem Bazyliki
hen na obczyźnie Twoje ciało
obywatelem byłeś świata
innym narodom orędowałeś
Bożej owczarni będąc pasterzem
ludziom oddałeś serce swoje
a ja dziś mogę rzec szczęśliwy
że było Polskie, wielkie i moje

PADRE NOSTRO SEI CON NOI

Sono passati tanti giorni senza di te
settimane, mesi, Santo Padre
eri speranza per tutti
hai dato una mano al povero
cercavi i viali della libertà
ai giovani indicavi la strada
donavi speranza ai lavoratori
e a noi polacchi tutti insieme

Oggi sotto il granito della Basilica
distante in esilio giace il tuo corpo
Sei stato un Cittadino del Mondo
Hai guidato le nazioni lontane
facendo da pastore nell’ovile di Dio
Hai donato il cuore alle persone
E oggi posso dire tanto felice
che era polacco, grande e mio Continua a leggere “RITRATTI: ZBIGNIEW ROTH – in viaggio con la poesia”