Le pietre raccontano: il villaggio neolitico di Stentinello, di Donatella Pezzino

Il villaggio neolitico di Stentinello, nei pressi di Siracusa, è uno degli insediamenti più antichi rintracciati in Sicilia: risale infatti al V millennio a.C. Fu scoperto dall’archeologo di Rovereto Paolo Orsi, al quale è anche intitolata l’ampia sede museale siracusana che conserva attualmente il maggior numero di reperti archeologici dell’isola.

Il termine “Stentinello” viene usato non soltanto in riferimento al sito archeologico, ma anche per indicare l’intera cultura coeva sviluppatasi in altre zone della Sicilia, della Calabria e dell’arcipelago Eoliano e che presenta alcune caratteristiche ben precise.

Gli Stentinelliani abitavano un’area di 180 X 200 metri, all’interno della quale sorgevano diverse capanne rettangolari, di cui oggi rimangono tracce visibili sul terreno (le buche dove erano conficcati i pali). Sono presenti anche resti di una trincea scavata nella roccia, a recinzione e protezione dell’abitato.

800px-Stentinello,_fori_di_capanna

Il rito funebre praticato da questi antichi siciliani era l’inumazione entro tombe ovali, a forno o a grotticella, nelle quali i cadaveri erano deposti in posizione rannicchiata; tombe simili, non rinvenute a Stentinello, caratterizzano gli altri siti isolani appartenenti alla stessa cultura. Fra i reperti ritrovati sul posto: rudimentali oggetti d’osso, selce e ossidiana, come punteruoli e spatole; ossa di soli animali domestici; ceramiche impresse per mezzo di conchiglie o unghie. Le decorazioni sui vasi sono soprattutto motivi a zigzag, disegni geometrici, occhi umani stilizzati; altri oggetti dell’artigianato stentinelliano sono idoletti e figurine di animali.

I reperti rinvenuti sul posto hanno portato alla conclusione  che la comunità del villaggio fosse composta prevalentemente da pastori e agricoltori; data l’assenza di resti di animali selvatici, si esclude che queste popolazioni si dedicassero anche alla caccia. Fra gli animali allevati, molto diffuso era l’Equus hydruntinus, un equide zebrato molto simile all’asino selvatico asiatico.

Donatella Pezzino

(immagini da Wikipedia)

Dal blog: Donatella Pezzino – La donna siciliana nella storia e nella poesia 

Autore: DONATELLA PEZZINO

Catanese, classe 1970, storica e scrittrice, da sempre appassionata alla cultura della sua terra, con particolare attenzione alla storia femminile, all'archeologia e alla letteratura. Autrice di saggi, articoli, testi poetici e recensioni, ha collaborato con diverse riviste ed è membro del collettivo di scrittura "Bibbia d'Asfalto".

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...