massimobotturi

Faccio l’amore se ti saluto bene
se mi interesso ai tuoi turbamenti
forse ai guai.
Se compro fiori per il salotto
se sparecchio
se scrivo la mattina che fuori è ancora buio,
e salgo col caffè bene attento a non fermare
la nave tra le nuvole del tuo respiro lungo.
Faccio l’amore quando mi siedo
e dico – bene
rimane qualche cosa da fare, ma c’è tempo.
Quando mi lavo il viso
e mi chiedo se l’odore
del tanto lavorare non ti allontani, e ancora
faccio l’amore quando telefono
o se rido, se mi commuovo senza bagnare la poltrona
senza macchiare maniche e collo di camicia.
Quando mi scuote il corpo
e mi benedice il sesso, la musica ascoltata
nel fondo dell’orecchio.
Quando mi fermo un poco sui vetri della casa
e osservo la vicina che stende, quella mano
che tiene il lembo della vestaglia come un figlio.
Faccio l’amore…

View original post 125 altre parole