Un futuro per tutti.

I colori del sud

Basta un sorriso,una parola gentile,una pacca sulla spalla.Per dare un po di speranza a chi non ne ha mai avuta,a chi ha perso tutto a chi non ha futuro.Diamo il sorriso a chi si e rassegnato e non vuole più lottare perché pensa che le persone sono tutte cattive.Facciamo capire a tutte queste persone in difficoltà che non sono sole,ma dobbiamo farlo adesso o sarà troppo tardi.Inizia tu si proprio tu che stai leggendo👇

View original post

Il Principe bestia al Teatro Giacometti di Novi Ligure, di Lia Tommi

IL PRINCIPE BESTIA AL GIACOMETTI
Teatro ragazzi 2018/2019 “Il sasso nello stagno”

Novi Ligure: Si concluderanno domenica 3 marzo 2019 gli spettacoli della Stagione Teatro Ragazzi “Il sasso nello stagno” rivolti a bambini e ragazzi di tutte le scuole della città (dall’infanzia alle superiori).
Il teatro è un linguaggio artistico antichissimo, una forma di conoscenza ed espressione di grande vitalità, che ha un compito insostituibile nella formazione di spettatori preparati e consapevoli. In quest’ottica, la rassegna novese ha previsto diverse opportunità, offrendo spettacoli gratuiti e a pagamento, con rappresentazioni mattutine o pomeridiane.

L’ultimo spettacolo della rassegna teatrale dedicata ai bambini è “Il Principe bestia” e si svolgerà domenica 3 marzo 2019 alle ore 16,00.
Uno spettacolo di e con Beppe Rizzo, Progetto Fiaba Popolare Italiana, a cura della Compagnia “Oltreilponte Teatro”, in collaborazione con Valentina Diana e Cristiana Daneo. Da una novella popolare italiana del 1500, la storia di un principe che per un incantesimo pronunciato da tre fate viene al mondo sotto forma di porcello; tornerà umano solo dopo che avrà ricevuto il bacio di una sposa. In scena un narratore che, circondato da pupazzi e figure, restituisce vita a un racconto antico che ruota attorno a un tema sempre attuale: l’essere se stessi nonostante le apparenze.
Ingresso euro 5, consigliato ai bambini dai 5 anni in su, inizio spettacolo ore 16,00.

Inoltre, proprio durante questa settimana di febbraio, si stanno svolgendo al Teatro Giacometti anche i quattro spettacoli, ad ingresso gratuito, vincitori del concorso riservato agli artisti e alle compagnie teatrali del territorio nazionale, inseriti in rassegna. Le proposte sono state selezionate da una commissione costituita da insegnanti e studenti di tutte le scuole novesi, con il coordinamento di Davide Sannia per l’Associazione Culturale Karkade.

Per informazioni: Biblioteca Civica, via Marconi 66, Novi Ligure
Tel. 014376246
http://www.comunenoviligure.al.it

Quelli che fanno poesie, di Lia Tommi

QUELLI CHE FANNO POESIE

Noi siamo quelli
che non passano mai oltre.
Ogni luce,
ogni oggetto,
ogni forma,
ogni suono,
noi ci fermiamo ad osservare
e tutto si trasforma
in emozione
e poi in parola.
Siamo quelli
col naso all’insù
e la testa tra le nuvole
con gli occhi incantati
e la bocca spalancata.
Siamo quelli
sempre immersi
nello stupore
o nella tristezza
senza mezze misure.
Viviamo un po’
al di fuori,
al di sopra,
crogiolandoci
in sogni e pensieri
Noi siamo quelli
che fanno poesie.

Edizione 2019 del Concorso Letterario “A proposito di donne” della Consulta alle Pari Opportunità del Comune di Alessandria, di Lia Tommi

Alessandria: Ritorna – promosso dalla Consulta Comunale Pari Opportunità e dall’Assessorato Comunale alle Pari Opportunità di Alessandria – il Concorso letterario “ A proposito di donne…”.
Per l’edizione 2019, il periodo di riferimento va dal 1° marzo all’11 maggio e l’iniziativa si conferma come una delle più intense e significative espressioni dell’azione svolta sinergicamente da Assessorato e Consulta sul tema della valorizzazione della donna e delle donne, anche dal punto di vista del riconoscimento della loro valenza artistico-letteraria.

L’universo femminile — evocato con la felice espressione “A proposito di donne…” — sarà, da parte dei concorrenti, osservato e raccontato approfonditamente con una prospettiva d’analisi peculiare: come già per gli anni scorsi, non solo le donne, ma anche gli uomini sono chiamati a cimentarsi nel Concorso.
All’art. 1 del Regolamento concorsuale si fa riferimento ai “generi letterari ammessi (ossia biografie/autobiografie e narrativa) e all’art. 2 si ammettono infatti, quali partecipanti, «donne e uomini di ogni età», «scrittrici e scrittori per passione e diletto e non per professione», escludendo solo «coloro che abbiano già pubblicato opere letterarie o saggi, giornalisti professionisti o pubblicisti».
Importante conferma per questo consolidato progetto è, nuovamente per l’edizione 2019, il Patrocinio conferito da parte dell’UPO (Università del Piemonte Orientale): un conferimento che trova ragione anche nella valenza nazionale del Concorso che invita a presentare racconti inediti, reali o fantastici, in cui ci sia una donna come figura centrale e nei quali emerga il ruolo della donna e delle donne nella società contemporanea.
La partecipazione al Concorso è gratuita e ciascun concorrente può presentare un solo elaborato (pena l’esclusione dal concorso) in sette copie. La lunghezza degli elaborati — a tema libero — non deve superare i 6 mila caratteri. Continua a leggere “Edizione 2019 del Concorso Letterario “A proposito di donne” della Consulta alle Pari Opportunità del Comune di Alessandria, di Lia Tommi”

La vita mi ha presa per mano, poesia di Lia Tommi

LA VITA MI HA PRESA PER MANO

La vita
mi ha presa per mano.
In un soffio
in un palpito d’ali
mi ha condotta
laggiù
al mistero dell’orizzonte
dove cielo e mare
si abbracciano
e si fondono
nell’immenso
eternamente.
E andando scalza di corsa
sul mare
l’ho sentita, la vita
dolce e fresca
come un’onda
E incredula
l’ho vista andare
a infrangersi sugli scogli
e poi. …
poi tornare ancora
limpida e pura
e scorrere senza tempo
laggiù
al sogno di schiuma
alla gioia di esistere.

L’era dei telefonini

Creando Idee

Chi era Francisco Tárrega? Eppure, il suo Gran Vals è il brano musicale più ascoltato nella storia della musica. Tutti lo abbiamo sentito corrisponde infatti alla suoneria per cellulari più famosa del mondo. La Nokia ne acquistò i diritti d’uso e da allora non passa giorno in cui non ci capiti di ascoltare le note del chitarrista spagnolo L’ingegnoso oggetto nato per consentirci di telefonare senza filo è ormai un fattore critico dell’evoluzione della specie Ha modificato il nostro stile di vita. Vuoi mettere la soddisfazione di gestire uno smartphone di ultima generazione come se fosse una  plancia di comando degli “infiniti mondi”?. È stato stimato che i margini di sviluppo del traffico mobile siano enormi. La dipendenza da telefonino, è destinata a diventare una forma di schiavitù. Si prevede che nel 2020 ci saranno nel mondo 50 miliardi di dispositivi connessi alla rete. Nel 2011, le quattro sorelle…

View original post 255 altre parole

Giornata Mondiale della lentezza

Creando Idee

Ci siamo scordati cos’è. Ma la lentezza è un vero e proprio toccasana per mente e corpo. Il rimedio perfetto contro lo stress e la fatica della vita moderna. Quale miglior scusa quindi della Giornata mondiale della lentezza, che si celebra oggi il 27 febbraio, per provare a fermarsi un attimo, riflettere, e riscoprire calma e tranquillità? Per cominciare queste 24 ore con il piede giusto, provate a dedicare alla prima colazione circa 10 minuti, (è ovvio che il consiglio vale per tutti giorni non solo per oggi) Può sembrare un’utopia, pressati come siamo tra impegni familiari e impegni di lavoro, ma è un’abitudine che vale la pena riscoprire. A costo di qualche sacrificio. Affrontare con calma il primo pasto della giornata, indispensabile per la ripresa di tutte le nostre funzioni fisiche e mentali, consente infatti non solo di prepararlo in modo equilibrato, ma anche di migliorare e stimolare la…

View original post 157 altre parole

Caffè letterario femminile, di Cristina Saracano

Caffè Letterario: scrittrici protagoniste
L’assessorato alle Pari Opportunità e la Consulta delle Donne di Casale Monferrato, in
collaborazione con la Biblioteca Civica Giovanni Canna e con il Presidio Soci Nova Coop
di Casale Monferrato ripropone, sulla scia dei salotti del passato, un ciclo di incontri di autrici di romanzi, saggi e poesia. La rassegna, dal titolo Caffè Letterario, vuole valorizzare l’opera di scrittrici che a Casale Monferrato sono nate, risiedono o lavorano e avviare, nel contempo, una riflessione sulla produzione culturale contemporanea che ha le proprie radici nel nostro territorio.
Le protagoniste saranno nove in otto incontri: Laura Bertola, Luigina Groppo, Paola
Robotti, Silvia Tesio, Monica Triglia, Maura Maffei, Paola Casulli, Silvana Mossano,
Raffaella Romagnolo.
Al termine degli incontri, che si svolgeranno tutti di mercoledì dalle 17.30 alle 19.30 presso i locali della Biblioteca Civica Giovanni Canna, verrà offerto un piccolo rinfresco con caffè, biscotti e pasticcini a cura del Presidio Soci Nova Coop.
Il primo incontro, che vedrà protagoniste Laura Bertola e Luigina Groppo, introdotte e
coordinate dall’Assessore Ornella Caprioglio, si svolgerà venerdì 8 marzo alle ore 16.30.
In questa occasione verrà inaugurata la targa in ricordo delle vittime di femminicidio.
L’evento si svolgerà nel chiostro di Santa Croce per poi spostarsi nei locali della Biblioteca Civica.
La consuetudine di riunirsi in un symposium come occasione per ritrovarsi e discutere di argomenti di carattere artistico, letterario o filosofico, è una tradizione che risale all’ antica Grecia. Queste riunioni conviviali proseguirono nel mondo romano, continuando a svolgersi nel Medioevo e nel Rinascimento in ambienti privilegiati come castelli o
monasteri. Nella Francia illuminista del ‘700 gli incontri cominciarono a svolgersi anche in case private, al di fuori degli ambienti di potere laico o ecclesiastico e assunsero una
connotazione più borghese.
I salotti letterari parigini, chiamati fino al XX secolo bureaux d’esprit, primeggiarono per fama e videro la donna affermarsi nel ruolo di organizzatrice o anfitrione. In questi ambienti culturali le salonnièries (salottiere) si muovevano forgiando nuove idee in opposizione all’immobilismo di una cultura soltanto maschile refrattaria ad accogliere le loro istante rivoluzionarie di ideale egualitario e di confronto tra posizioni diverse di pensiero e esperienza.

“Il potere delle ombre” incontra i lettori: al via i tour promozionali dell’ultimo thriller di Luca Cozzi

Di Maria Luisa Pirrone

Luca Cozzi, scrittore genovese trapiantato nel Basso Piemonte, sta per iniziare i tour promozionali per il suo ultimo romanzo, “Il potere delle ombre” (Edizioni della Goccia), uscito nel novembre del 2018.

Un action-thriller molto atteso dai suoi lettori poiché si tratta della terza missione del suo ormai famoso personaggio, Luke McDowell, intrepido ex agente FBI ed ex Navy SEALs, che, dopo aver inseguito criminali per mezzo mondo, questa volta si trova ad indagare anche nelle viscere della nostrana Val Borbera.

Cozzi ha creato attorno al suo protagonista una vera e propria trilogia, dopo “Senza nome e senza gloria”(2016) e “Shaytan” (2017), anch’essi Edizioni della Goccia, già diventati bestseller su Amazon.

Continua a leggere ““Il potere delle ombre” incontra i lettori: al via i tour promozionali dell’ultimo thriller di Luca Cozzi”

Momenti di poesia. FABO, di Giuliano Saba

Momenti di poesia. FABO, di Giuliano Saba

Fabo

FABO.

Ognuno è libero
di morire come gli pare.
La vita è una sola
e va vissuta bene.
La vita è tua,
fino a quando non decidi
di mettere fine alle tue sofferenze
e a quelle altrui..
Dal momento che decidi
di chiudere le porte al dolore ,
la tua vita non è più tua.
Diventa proprietà
di uno Stato senza leggi .
Diventa proprietà
di una chiesa cattolica
e poco cristiana
davanti alle altrui sofferenze..
La vita è un patrimonio inestimabile
per quanto brutta sia
val sempre la pena di viverla…
La vita è vita,
fino a quando tutta la carne è in vita….
Quando il corpo è inerte
la vita non è vita..
Perché la vita è morta.
Ed è questa la differenza.
Giuliano Saba..

Momenti di poesia. IL DOLORE, di Anna Fiorillo-Clavelli

Momenti di poesia. IL DOLORE, di Anna Fiorillo-Clavelli

IL DOLORE

IL DOLORE

Il dolore è quando
una persona
viene a mancare per sempre.
Il dolore è anche quando
un amico a 4 zampe viene
a mancare per sempre.
Il dolore è quando
ti aspetti una parola
che non arriva,
quando qualcuno
ti tratta male,
quando ti sembra
che il mondo ti crolla addosso,
quando ti chiedi,
perché
succede tutto a me?
Il dolore è un muto insegnamento,
che fa maturare la persona,
sappiamo che il dolore ai denti è tremendo,
però quando è il cuore
a fare male
non è facile farlo capire.
Un braccio rotto si può vedere,
ma e‘ incredibile quanto il dolore nell’anima non venga capito.
Eppure il dolore dell’anima
è quello che brucia
e fa più male.
Allora dal nostro dolore
prendiamo
la parte migliore di noi
e rialziamoci più forti e vincenti ,
anche se le ferite
continueranno
a farci male.
Conosciamo
il peso delle nostre lacrime.
Dobbiamo essere fieri
delle nostre cicatrici
che abbiamo saputo curare
con la nostra sola volontà
e soprattutto
dobbiamo sempre
cercare
per poi trovare
la nostra felicità.

Anna Fiorillo
Clavelli
26/02/19.

Cioccolato gli errori da evitare

Creando Idee

Come promesso ieri ecco ancora consigli per gustare e conservare al meglio il cioccolato. Rompi il cioccolato. Altra tecnica essenziale su come capire se il cioccolato è buono: lo si spezza. Rompere la tavoletta può rivelare molto sulla percentuale e sulla qualità del burro di cacao, su come è stato temperato e se è davvero così buono come promette. Il cioccolato avvolge tutti i sensi ed è importante che anche le orecchie siano allertate per ascoltare il rumore che fa al momento della rottura. Non mangiarlo tutto in un colpo solo. Si comincia sempre con un pezzetto piccolissimo, sufficiente ad assaporare il ventaglio organolettico. Poi, eventualmente, si può prendere un secondo pezzo più grande. In questo modo la bocca si adegua alla degustazione nel modo migliore. Presente il sorso di vino strategico prima della bevuta? Bene, uguale. Perché lo mastichi? Errore che facciamo tutti, presi dal craving furente che ci…

View original post 190 altre parole

Momenti di poesia. Terre, vie… di Vittorio Zingone

Momenti di poesia. Terre, vie… di Vittorio Zingone

Terre, vie

Terre, vie, greti di torrenti
Dove giocai tanto da fanciullo
Mi tornano alla mente
Nei notturni sogni.

Mi s’affollano attorno,
Come in segreto film,
Gli amici di quei tempi.

Avevo negli occhi
Ambienti variegati:
Minime valli,
Colline disseminate
Senza una ragione,
Basse catene
Ammantate di verde
Fino in cima, torrenti
Con piene travolgenti
Nell’ora degli uragani distruttivi,
Poi asciutti nelle estati ardenti…

Li sogno quei luoghi
Anche da sveglio;
Rivedo gli ulivi secolari
Su cui m’arrampicavo
A catturare nidiate in primavera,
Noiose cicale per l’intera estate;
Querce imponenti
di cui guadagnavo gli alti rami
Con sicurezza d’agile scoiattolo…

Sempre altri tempi, quelli!

Eta’ dell’oro
Che ormai posso rivivere
Nei notturni sogni.

Momenti di poesia. TEMPO IN MOVIMENTO, di Mirko Bertelli

Momenti di poesia. TEMPO IN MOVIMENTO, di Mirko Bertelli

tempo in movimento

TEMPO IN MOVIMENTO

Sguardi profondi
Una linea rotonda che non termina
Note affascinanti che toccano il mare
Il rosso che corre in un quadro
Vele che partono con il vento
Giorni frenetici che affrontano il sole
Sorrisi che illuminano neve pulita
L’amore…
L’amore che circonda la vita
Poesia che nutre una frase…
Parole bianche
Occhi di farfalla che respirano i colori di un fiore
Pioggia veloce di un tempo di luce
Di un tempo diverso
Di un tempo in movimento

M.Bertelli

Dipinto mio Tempo in movimento

Attività mentale e fisica nella mezza età legata al rischio di demenza

ORME SVELATE

Mantenersi attivi fisicamente e mentalmente nella mezza età può essere legato a un minor rischio di sviluppare demenza decenni dopo, secondo uno studio pubblicato su Neurology. Le attività mentali includevano leggere, suonare strumenti, cantare in un coro, visitare concerti, fare giardinaggio, cucire o frequentare servizi religiosi. Questi risultati indicano che queste attività nella mezza età possono avere un ruolo nella prevenzione della demenza in età avanzata e nel preservare la salute cognitiva. È eccitante poiché queste sono attività che le persone possono incorporare nella loro vita abbastanza facilmente e senza molte spese. Lo studio ha coinvolto 800 donne svedesi con un’età media di 47 anni che sono state seguite per 44 anni. All’inizio dello studio, ai partecipanti è stato chiesto delle loro attività mentali e fisiche. Le attività mentali includevano attività intellettuali, come leggere e scrivere; attività artistiche, come andare ad un concerto o cantare in un coro; attività…

View original post 553 altre parole

Racconti: LA NON VOGLIA DI LEGGERE, di Roberto Busembai

Racconti: LA NON VOGLIA DI LEGGERE, di Roberto Busembai

Rileggendo

La non voglia

LA NON VOGLIA DI LEGGERE

Capitano talvolta momenti strani e diversi, momenti che ti meravigliano pure e ti disorientano, tanto sono particolari e diversi dal tuo normale scorrere delle cose, e in quei momenti allora sorgono, se non proprio dubbi, ma almeno domande in attesa sopratutto di risposte.

Uno di questi, per me ovviamente, ma penso che sia un poco capitato a tutti, è la non voglia improvvisa del leggere, ovvero trovarsi di fronte a una libreria e chiedere a se stesso, ma quale libro prendo se i classici li ho letti tutti, del nuovo mi stanco presto, romanzi gialli ora non è il momento, saggistica non ne vedo il caso, storia mi ha stufato,ecc. ecc… per me questo momento è assolutamente TRAGICO. 

Io sono abituato, direi da sempre, e comunque assiduamente da quando sono entrato nelle scuole medie superiori, ad avere in mano o in tasca, qualsiasi cosa abbia fatto e qualsiasi posto sia andato, un libro e spesso anche due o tre, sono abituato a leggere in qualsiasi momento e luogo, per la strada, sopra i tram o treni, nell’attesa di una qualche visita o altro, sulla spiaggia, sui prati, sui monti, in cielo (sull’aereo ahah), a letto (anche se ultimamente la mia senilità avanzante fa predominare il sonno invadente) ……insomma leggere sempre e ovunque. Continua a leggere “Racconti: LA NON VOGLIA DI LEGGERE, di Roberto Busembai”

L’occhio

Briciolanellatte Weblog

Non si era accorto che la sveglia, la prima volta che aveva suonato, l’aveva spenta nel sonno. Così, quando si ridestò di soprassalto, era davvero tardi.
Fece colazione rapidamente e infilandosi nel bagno cominciò a pensare a quale scusa inventarsi in ufficio. Poi, lavandosi il viso, sentì che la fedina era sgusciata dal dito e stava rotolando nel lavandino. Fece un paio di tentativi con gli occhi ancora chiusi per il sapone per intercettare l’anello, ma gli svicolò tra le dita e finì nello scarico. Si sentì perduto: se fosse uscito senza fedina al suo ritorno la moglie avrebbe avuto una ragione in più per litigare, se avesse cercato di recuperarla avrebbe accumulato un ritardo ingiustificabile. Optò per recuperare l’anello, anche perché, se fosse caduto dentro il sifone, sarebbe bastato smontarlo e avrebbe fatto presto.
Andò a prendere la pila per illuminare meglio il tubo di scarico e subito scorse luccicare…

View original post 638 altre parole

Le sigarette fanno male

Briciolanellatte Weblog

Era da un po’ che cercava un distributore di sigarette. Era notte fonda e quella parte della città non la conosceva bene. Poi il buttafuori di un locale notturno glielo indicò: si trovava annesso a una tabaccheria. Ricco di spie luminose colorate e promettenti, era anche molto fornito: c’erano persino alcuni tipi di sigarette che pensava non fossero nemmeno più in commercio. E poi c’erano le sue: in versione light, strong, de luxe, doppio filtro… Gli luccicavano gli occhi.
«Aiuto, ti prego…» sentì piagnucolare. Si guardò intorno. La via era deserta. Solo qualche rara auto transitava sonnolenta una cinquantina di metri più in là sulla strada principale.
«Sono prigioniero, aiutami a liberarmi…»
«Ma chi è che parla?» disse a voce alta, spaventato.
«Sono io, Adam, sono chiuso qui dentro.»
«Dentro dove? Dentro al negozio?»
«No, dentro al distributore… mi ci hanno infilato con la forza… sono giorni ormai…»
«Oddio…» esclamò…

View original post 514 altre parole

Approdi di luna

Briciolanellatte Weblog

barca«Hai fatto bene a insistere a tornare qui, Julia» disse il marito appoggiato leggermente con la schiena all’armadio. «Festeggiare il nostro decimo anniversario, venendo in questo stesso albergo dove abbiamo passato la luna di miele, è come rinnovare le nostre promesse…»
«Già» rispose lei indaffarata a svuotare le valigie e a riporre gli oggetti nei cassetti e nel bagno.
Lui tirò fuori il pacchetto delle sigarette e l’accendino.
«Se vuoi fumare, vai fuori per cortesia, lo sai che mi dà fastidio l’odore di fumo che ristagna nella stanza…»
«Sì sì, certo… Sai che ho già fame?» fece lui aprendo allegro la porta della terrazza e uscendo all’aperto.
Il blu scuro del mare gli venne incontro. La notte era senza luna e le luci chiare e regolari del pontile si stagliavano come gioielli nella prospettiva immensa distesa verso l’orizzonte. Le onde erano basse, distratte, disegnate all’acquerello e la risacca giungeva morbida…

View original post 434 altre parole

Lo scambio

Briciolanellatte Weblog

carrelli della spesaIl suo sguardo passava dallo scaffale al foglietto giallo attaccato al carrello come se dovesse avere una risposta imminente dall’uno o dall’altro. Augusto aveva già impiegato un mucchio di tempo per scegliere la frutta e ora davanti ai detersivi si sentiva perso. Ma quanti ce n’erano?
La sua bambina di un anno, a cavalcioni del seggiolino del carrello, lo scrutava incuriosita. Ogni tanto sbarrava divertita gli occhi, mugulava qualcosa e poi riprendeva a masticare il ciuccio. Era la prima volta da quanto era nata che Augusto faceva la spesa da solo con lei. Seguire annoiato la moglie che si destreggiava tra i vari reparti del supermercato non significava evidentemente saper fare anche la spesa: se ne stava accorgendo. Non trovava niente e le indicazioni sulla lista erano criptiche oltre che generiche.
Si fa presto a scrivereriso, pensò lui. Ma c’è il vialone nano, l’arborio, l’integrale, il parboiled, per…

View original post 741 altre parole

Il rito del caffè

Briciolanellatte Weblog

caffèEdo, come al solito, entrò in cucina quasi con gli occhi chiusi. L’età avanzata lo portava a svegliarsi sempre più presto al mattino ma non per questo in modo meno penoso. Anzi.
La moglie lo aveva sentito armeggiare ed era andato a fargli compagnia, come sempre. Si salutarono agitando la mano a mezz’altezza senza profferire parola. Era il loro modo di riappropriarsi degli spazi condivisi e della reciproca compagnia.
Poi lui, sempre in silenzio, si fece il caffè, versò lo zucchero di canna nella tazzina e girò con il cucchiaino.
Gli venne da sorridere.
«Che c’è? Perché sorridi?» gli chiese.
«È da un po’ di tempo che il suono del cucchiaio contro le pareti della tazzina…»
La moglie fece un’espressione del viso per incoraggiarlo a terminare la frase.
«…mi sembrano delle parole…»
«Oh Madonna Edo…» fece lei battendo per aria le mani una contro l’altra. «Lo sapevo che andando in…

View original post 493 altre parole

Deep Space 19: Le Morte d’Opportunity

Le Notti di Agarthi

Il 25 Gennaio 2004 il piccolo rover Opportunity toccava il suolo di Marte, ma il suo viaggio era iniziato col lancio dalla terra il 7 Luglio 2003. Il suo compito era quello di svolgere analisi chimiche sul pianeta, in particolare del suolo e dei minerali ivi presenti. Opportunity oltre a questo compito, svolto diligentemente, ci ha inviato negli anni tante immagini di quel pianeta che tutte le agenzie spaziali guardano per una colonizzazione futura. Ha inoltre permesso di confermare, tramite le sue analisi, la presenza di acqua su Marte. In tanti anni Opportunityha resistito alle condizioni, spesso proibitive, di Marte. Ha superato tempeste di polvere di proporzione biblica, superando anche il record di longevità delle missioni sul pianeta rosso (il 19 Maggio 2010).

Mars-Exploration-Rover-Spirit-Opportunity-surface-of-Red-Planet-NASA-image-posted-on-SpaceFlight-Insider

Purtroppo però il nostro eroe non ha più dato segnali di vita verso la terra a partire dal 10 Giugno 2018. Da allora la NASA ha…

View original post 65 altre parole

Momenti di poesia. TERRA PROMESSA, di Gregorio Asero

Momenti di poesia. TERRA PROMESSA, di Gregorio Asero

10 52422259_238128227141668_1340367342126759936_n

TERRA PROMESSA

Alfine poserò il mio stanco corpo
sulle rive del mio fiume.
Nessuno avrà misure per stimare la mia grandezza.

Mi siederò nella tranquillità delle viscere
di un sogno straniero.
Salirò i pendii punteggiati dai raggi del sole.
Amerò la mia terra.

Mi poserò come uno stanco cerbiatto
fra le tue membra paterne.
Sulla mia nuova terra sentirò vibrare il silenzio.

Con navi fatte di vento cingerò il tuo cuore
e solo allora sarai mia schiava e mia padrona.
Donna faremo l’amore come fosse la prima volta.

Le mie stanche membra andrò a posare
su questa terra che piange i suoi figli.

.
da “Selena”
di Gregorio Asero
copyright legge 22 aprile 1941 n. 633

50 anni

Diario di una Zingara

Tra meno di un mese mamma compirà 50 anni. O finirà i 50 anni, come direbbero nella non più mia Toscana.

Fatto sta, la tondissima cifra di mezzo secolo andrebbe festeggiata come si deve. E’ più di un mese che con marito, fratello e cognata stiamo pensando e organizzando.

Celebrare le 50 primavere con una festa a sorpresa, per esempio. Con i palloncini ad elio che urlano 50, con le ghirgande sgargianti che augurano altri 100 giorni così, con le candeline giganti che sembrano fuochi d’artificio. E gli amici e i parenti.

Mia madre, però, è una che ci tiene ad essere indipendente e la suddetta festa se l’è organizzata da sola.

Ieri ha telefonato per comunicare data, luogo e ora dei festeggiamenti.

View original post

La Donna nella Bibbia e nel Cattolicesimo ( prima parte )

Sono partita dalla lettura del libro di Giuditta, eroina immortalata da molti pittori, cercando di comprendere cosa era che la rendeva immortale. Ma poi la lettura ha preso una sua strada, ed è diventata una ricerca sul perché della difficoltà nella crescita socio culturale delle donne nei secoli precedenti.  Giuditta santa, Giuditta traditrice, Giuditta prostituta, Giuditta omicida, Giuditta eroina…tante Donne in una sola, o una sola è tante Donne? Lo stereotipo femminile, ha subito il fascino, questa Donna sembra voglia redimere il peccato originale procurato da Eva, lei ci prova, o è solo l’ennesima manovra per far soggiacere le donne alla loro condizione? Un do ut des?

August Riedel 1840

Nella lettura del Libro di Giuditta, il grande insegnamento fondamentale che ci viene impartito è:  Dio salva il suo popolo in ogni avversità;  Dio protegge, salva, vendica; è un Dio che persegue uno scopo, la salvezza del suo popolo: popolo che come capita di sovente dubita. Attraverso Giuditta compie la liberazione del suo popolo, e non è il mezzo con cui Giuditta ottiene la vittoria: ovvero la seduzione che cela l’inganno, l’inganno che si trasforma in omicidio, ma è il raggiungimento finale lo scopo. Giuditta è una donna devota, osservante delle leggi, pratica la lode sacra, il digiuno, le orazioni, le penitenze. La sua vedovanza le permette di prepararsi con purezza e fervore al compito per cui è stata scelta da Dio. Il libro anche se non era  stato inserito  nel canone ebraico, veniva comunque spesso usato come lettura edificante.

Giuditta che decapita Oloferne
dettaglio a sinistra Autrice Artemisia Gentileschi
dettaglio a destra autore Caravaggio

La storia di come il libro e il personaggio di Giuditta sono stati recepiti è complessa. Gli ebrei hanno avuto difficoltà ad accettarlo come libro ispirato e non è stato facile inserirlo neppure nel canone cristiano. Alcune difficoltà sono legate al personaggio di Giuditta, considerata come moralmente discutibile, perché esercita la violenza, e pericolosa perché donna libera e autonoma. Il dubbio morale attorno alla violenza è radicato nella sua condizione di donna, visto che molti personaggi biblici maschi violenti non sono stati messi in discussione dal punto di vista morale.

( Mercedes Navarro Puerto Osservatore Romano 02 novembre 2016 )

Continua Mercoledì…

Fioralba Focardi

La passione per il cinema al secondo appuntamento di “A cena con l’autore ” al Cappelverde, di Lia Tommi

Alessandria: Domenica 3 marzo, alle ore 21, secondo appuntamento di “A cena con l’autore “ nella Trattoria Cappelverde di via San Pio V, 26, ad Alessandria, in collaborazione con l’Associazione Culturale “ Città delle Vittorie “.
Verrà presentato il libro “ Il metodo Solzimer” di Thomas Tramarin, classe ’95, nato ad Alessandria e laureato in Storytelling & Performings art alla scuola Holden di Torino, una delle migliori scuole del settore al mondo.
Appassionato di cinema, ha fondato con alcuni soci il progetto requiem.for.a.film, con l ‘ obiettivo di divulgare il cinema , quello vero ,come arte. È stato pertanto realizzato un sito di cinema che pubblica aggiornamenti, recensioni, analisi e classifiche e che si appoggia a una pagina instagram omonima.
“Il metodo Solzimer “ è un manuale di Storytelling, rivolto alla scrittura di romanzi, racconti e sceneggiature, che si propone di creare un’ impalcatura stabile e solida secondo cui sviluppare la storia che si vuole raccontare.
Libro e progetto saranno presentati durante l’incontro con l’autore, con cui dialogherà Lia Tommi.
La serata prevede altresì alcuni intermezzi musicali, in forma di celebri colonne sonore, eseguite al pianoforte dal musicista Ezio Vescovo.
È possibile cenare alle ore 20 nella Trattoria, prenotando al 345 9968548.

Presentazione Masterplan dell’area Z3

Presentazione Masterplan dell’area Z3

PROGETTO PER LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CITTADINO

Novi Ligure: Il 21 febbraio scorso è stato presentato in Commissione Consiliare il “Masterplan di indirizzo” per la riqualificazione e la valorizzazione dell’area denominata Z3 che comprende la zona di piazza Pernigotti, piazza Corriere e aree di proprietà comunale in via Pietro Isola.

Il Masterplan è una strategia di indirizzo attraverso il quale i soggetti pubblici, anche in accordo con eventuali soggetti privati interessati, definiscono le azioni di programmazione da compiere per raggiungere obiettivi prestabiliti, come nella fattispecie la riqualificazione dell’area Z3, zona di raccordo e di cerniera tra la città e il centro storico. Il Masterplan ha inoltre ipotizzato diversi scenari progettuali previsti per la valorizzazione dell’intero comparto urbanistico, con particolare riguardo all’immobile denominato “Cavallerizza”.

Successivamente, in accordo con l’Amministrazione Comunale ha selezionato lo scenario opportuno per la fase di sviluppo del progetto, con l’elaborazione di planovolumetrici, planimetrie e prospettive, con la definizione delle tecnologie, dei materiali e delle strategie energetico/ambientali e con l’elaborazione di una relazione descrittiva e finanziaria di massima in cui sono evidenziate le strategie urbanistiche e le scelte architettoniche ed ambientali per l’integrazione progettuale nel contesto. Continua a leggere “Presentazione Masterplan dell’area Z3”

Le donne: due volte atlete. Sport e Disabilità, di Lia Tommi

CITTÀ DI ALESSANDRIA

iniziativa promossa d’intesa con l’Assessorato comunale alle Pari Opportunità, nell’ambito del programma “Marzo Donna 2019”

Lions Club International — Distretto 108 Ia2, LC Alessandria
Host, LC Alessandria Marengo, LC Bosco Marengo Santa Croce,
NEW VOICES, Soroptimist Alessandria, Zonta Club Alessandria

Relatori

Roberta Lombardi Università del Piemonte Orientale
direttrice della Scuola Forense
“Giorgio Ambrosoli”
con delega per la disabilità e lo sport

Alice Pedrazzi ex Nazionale di pallacanestro femminile
Atleta Azzurra
Giornalista sportiva
(La Stampa, RaiSport, Sportitalia)

Carlotta Gilli Atleta

Silvia Bruno Presidente Comitato Paraolimpico
Italiano del Piemonte

Alessandro De Faveri Direttore Provinciale
Special Olympics Italia

Alessandro Bruno Disctrit Officer Distretto 108 Ia2
Area Solidarietà Sociale – Disabili

Daniela Leo Psicologa

Modera
Mimma Caligaris giornalista de “Il Piccolo”

TAVOLA ROTONDA
Le donne: due volte atlete
Sport e Disabilità

9 marzo 2019
ALESSANDRIA
Università degli Studi del Piemonte Orientale
Via Mondovì, 8 — Aula Seminari
ore 9:15

Amazon non perde un colpo!

Anna & Camilla

Mio marito ha ordinato un telefonino su Amazon ed è arrivato in due giorni. La celerità è proprio il loro forte. Peccato che contestualmente ho ordinato anch’io un cover, normalissimo trasparente, e ci vuole quasi un mese per arrivare. E sì arriva direttamente dalla Cina.

Poco male, meglio che sia arrivato subito il suo ordine. Ora aspettiamo il suo cover e la pellicola protettiva.

Amazon ad ogni ordine stupisce sempre.

View original post

Il dramma del cancro in un film: Now is Good [RECENSIONE FLASH]

Il Lettore Curioso

Buongiorno lettori! Oggi voglio parlarvi brevemente di un film che ho visto qualche giorno fa su Infinity: Now is Good.

Now is Good è un film del 2012, basato sul romanzo Voglio vivere prima di morire. In Italia non è mai uscito al cinema, arrivando in prima tv assoluta soltanto nel 2015.

Tessa ha sedici anni e da diversi anni lotta contro la leucemia. Sapendo che i trattamenti non sono più efficaci, decidere di vivere gli ultimi mesi che le restano, stilando una lista delle cose che vuole fare prima di morire. Mentre lei e la sua amica Zoey si destreggiano tra provare le droghe, andare alle feste o fare shopping sfrenato, Tessa incontra il suo vicino di casa Adam, del quale si innamora perdutamente.

“Momenti. La nostra vita è una serie di momenti.”

Di film sul cancro negli anni ne sono usciti tanti, anche e soprattutto di maggior…

View original post 321 altre parole

Uniti

ORME SVELATE

Se anche non vedessi più le stelle
la tua voce me le farà sentire sulla pelle,
ti consegnerei la mia valigia di dolore
e le ombre svaniranno col tuo odore,
non mi spaventerebbe il mio destino
inciamperemmo insieme nel cammino,
senza timore della nostra sorte
rideremo in faccia anche alla morte,
il futuro non può mai essere così tetro
basterà solamente non voltarsi indietro,
in fondo uscire dall’Ade non è così pesante
se sento che dietro di me sei presente,
il nostro non potrà mai essere un addio
ma un eterno affidarsi insieme a Dio.

Daniele Corbo

Immagine: Orpheus and Eurydice (Edward John Poynter)

View original post

Racconti. Le persone migliori, di Giuliano Saba

Racconti. Le persone migliori, di Giuliano Saba

50612203_2484246844980770_8024880280697307136_n

Le persone migliori
Che parlano bene di noi sono:
Quelle, con cui hai appena avuto una discussione su Faceboook ,ci fanno un resoconto della nostra fedina penale .
Che nessuna questura e’ in grado di stilare.
Sono quelle che mettono ” Mi piace “.
E non commentano mai..lo fanno solo per ricevere le notifiche e per seguirne gli eventi.
Le persone migliori sono quelle che sanno tutto di noi …sono quelle che se notano una nostra discussione su facebook..si premurano di mandare migliaia di messaggi per avvisare le pettegole uguali a loro.
Le persone migliori sono quelle che scrivono su facebook in mauuscolo
IO NON SONO CAPACE A PORTARE RANCORE.
E quando ti incontrano ti inceneriscono con lo sguardo mentre le gratifichi con tutta la tua educata indifferenza ,sorridendo alla loro ipocrisia…
Le persone migliori, sono quelle, che gratuitamente offendono tutti e prima di andare a dormire mandano tutti a quel paese..per poi rinnovarci l’ invito appena si alzano..
Le persone migliori sono quelle che leggono cosa scrivono di male su di noi e non viceversa… le persone migliori sono quelle
Che non sopportano che gli si dica in faccia
Che sono ipocrite.false,piu’ false di un euro di legno…le persone migliori sono quelle con la quale hai appena litigato e dicono di tutto e di piu’ su di te. E lo fanno gratis…
Le persone migliori sono quelle che seguono insieme una discussione su facebook.e quando tutto tace..invitano tramite messaggio su facebook a casa propria tutti I commentatori…
Per offrir loro un caffe’ per il solo gusto di poter continuare a commentarne gli eventi della discussione…
Le persone migliori sono le peggiori…

Potabile l’acqua a Mombisaggio

Potabile l’acqua a Mombisaggio

acqua-rubinetto.png

Tortona: Il Sindaco ha revocato la limitazione di uso dell’acqua potabile che interessava, da venerdì scorso, la frazione di Mombisaggio.

Sono infatti pervenuti gli esiti delle analisi disposte dall’ASL AL – Sian, che evidenziano come i valori del ferro siano rientrati entro i parametri di riferimento per la potabilità.

Nulla osta quindi all’utilizzo dell’acqua distribuita dal pubblico acquedotto anche a fini alimentari.

foto: http://www.lavocedeltrentino.it

 

Momenti di poesia. Cappelli bianchi, di Alex Alexia

Momenti di poesia. Cappelli bianchi, di Alex Alexia

Capelli bianchi

Cappelli bianchi,
maglia bucata e
uno sguardo di sfida al mondo.
Le persone superandomi
lanciano sguardi di disapprovazione
ignari della sofferenza silenziosa
che si cela in fondo al cuore.
Un dolore che fa male,
non fa respirare e
non ti lascia nemmeno la forza di urlare.
Continuo a camminare
ostentando una sicurezza che non ho,
simile a un castello di carte,
sperando solo che il vento non le disperda.
Ghedi Alex

Cisl Scuola: MANCANO INSEGNANTI DI SOSTEGNO IN PIEMONTE

Cisl Scuola: MANCANO INSEGNANTI DI SOSTEGNO IN PIEMONTE

Ci risiamo!

Se finalmente il MIUR ha emanato il decreto che dà mandato agli Atenei di tutta Italia di attivare i corsi di “Tirocinio Formativo Attivo“ per il conseguimento del titolo di specializzazione per il sostegno per i docenti di ogni ordine e grado al contempo l’Università degli Studi di Torino mette a disposizione solo 200 posti e l’Università del Piemonte Orientale non ha previsto corsi.

cisl-scuola-65563-660x368

Il risultato è una forte penalizzazione del Piemonte, a confronto di altre regioni italiane. Alcuni esempi: 260 sono i posti messi a disposizione dalla Liguria, 320 in Emilia Romagna, 370 in Molise,1150 in Calabria, 1360 nelle Marche, 1825 nel Lazio, 2160 in Campania.

Questo non è dovuto alla mancanza di richieste, da parte delle scuole, di docenti specializzati: in Piemonte ne servono circa ottomila; questi sono i numeri dell’organico assegnato dall’Ufficio Scolastico Regionale alle scuole piemontesi nel corrente anno scolastico.

I duecento posti disponibili in Piemonte per il percorso di specializzazione sono così distribuiti: 15 per la scuola dell’infanzia50 per la primaria (elementari)65 per le medie e 70 per le superiori. Sono cifre ridicole rispetto alla richiesta delle scuole. Continua a leggere “Cisl Scuola: MANCANO INSEGNANTI DI SOSTEGNO IN PIEMONTE”

Primarie PD, 3 marzo

Primarie PD, 3 marzo

Casale Monferrato: Il 3 marzo 2019 si tengono le primarie del Partito Democratico. I seggi per le elezioni sono aperti dalle 8 alle 20.

Possono votare all’elezione del Segretario e dell’Assemblea nazionale del Partito Democratico tutte le elettrici e gli elettori che dichiarino di riconoscersi nella proposta politica del PD e di sostenerlo alle prossime elezioni.

Per poter votare, è necessario esibire il proprio documento di riconoscimento e la propria tessera elettorale e pagare un contributo simbolico di 2 euro. Gli iscritti al PD non sono tenuti a versare i due euro.

Il voto si esprime tracciando un segno su una delle 3 liste di candidati all’Assemblea nazionale. Continua a leggere “Primarie PD, 3 marzo”

Andrea Orlando ad Alessandria per Zingaretti

Andrea Orlando ad Alessandria per Zingaretti

Giovedì 28 febbraio alle ore 21 presso il salone della Camera del Lavoro di Alessandria, via Cavour 27, il comitato Piazza Grande Alessandria promuove l’incontro con Andrea Orlando a sostegno della candidatura di Nicola Zingaretti segretario nazionale del Partito Democratico: parteciperanno esponenti del mondo del lavoro e delle associazioni. Crediamo che Zingaretti sia l’unico in grado di ricostruire il PD per farne il perno di un nuovo e rinnovato Centrosinistra, largo e aperto, che sappia essere alternativa al governo giallo-verde e alla destra egemonizzata dalla Lega di Salvini.

Con la sua segreteria il Pd potrà uscire dall’autoisolamento di questi anni: saldo nei valori progressisti e rivolto verso il futuro. Domenica 3 marzo partecipiamo alle primarie aperte e #voltiamopagina realizziamo una “Piazza Grande” con Nicola Zingaretti.

Comitato Piazza Grande Alessandria 

#primalepersone

Racconti. Pungolamenti, di Patamu Marco Gallo

Racconti. Pungolamenti, di Patamu Marco Gallo

Io scrivo

Pungolamenti

Pungolamenti
(scene di vita di un padre con un figlio adolescente)

– Hai visto l’ora? –
– uhm. – Mi rispose con una sorta di grugnito mentre se ne stava sdraiato sul letto con il tablet tra le mani.
– Scusa, non ho capito se è un ‘sì’ o un ‘no’. –
– uhm. – Continuò.
– Ho capito. – Risposi.
– Se devi andare in palestra è quasi ora che ti muova. – Avevo capito che non aveva intenzione di muoversi.
– Uhm. – Continuò senza distogliere gli occhi dal tablet.
– Perdonami se interrompo la tua importante attività, non pensi che se qualcuno ti parla abbia il diritto almeno di essere guardato? –
– Non ho chiesto io questa conversazione. – Né da me, né da mia moglie aveva ereditato la capacità di rispondere istantaneamente con frasi caustiche. Se avesse usato quelle qualità in maniera costruttiva ne avrebbe potuto fare qualcosa di buono nella vita.
– Va bene. Pensi di andare?
– Sono stanco –
– Stanco per cosa che è tutto il pomeriggio che te ne stai sdraiato sul letto con quell’affare tra le mani? – Continua a leggere “Racconti. Pungolamenti, di Patamu Marco Gallo”

Racconti. Dialogo impossibile, di Patamu Marco Gallo

Racconti. Dialogo impossibile, di Patamu Marco Gallo

Io scrivo

dialogo

Dialogo impossibile

– Ciao mamma. – Le dissi.
– Come stai? – Mi chiese appena aprì la porta, guardandomi negli occhi, senza rispondere al mio saluto.
Dovevo avere proprio una brutta faccia se mi chiedeva come stavo, pensai.
– Bene. – Le risposi, mentendole come sempre.
Abbozzò una mezza smorfia, come per dire “Se lo dici tu.”
Se avessi risposto diversamente si sarebbe dispiaciuta ma solo per qualche attimo, poi avrebbe comunque iniziato a vomitarmi addosso le sue cose, come sempre. Lei non concedeva spazi, né tregua, del resto non gliene fregava proprio niente, figurarsi di come stavo. Era solo una frase d’apparenza, come molto altro. In fondo mi aveva messo al mondo e quello mi doveva bastare.
Si accostò come al solito per darmi un bacio, ricambiai il gesto.
Mi guardò negli occhi nuovamente, come per scrutare il mio stato. Non l’aveva mai fatto prima. Forse la vecchiaia l’aveva resa più sensibile? Gli occhi avevano una leggera patina, come le persone molto anziane hanno. Non me n’ero mai accorto, non mi ero accorto di quanto tempo fosse passato. Continua a leggere “Racconti. Dialogo impossibile, di Patamu Marco Gallo”

La Scelta, di Morgane Mentil

La Scelta, di Morgane Mentil

Le proposte di lettura di Marzo del Taccuino. Libri in proposta a Marzo 

La Scelta è un paranormal romance che trascende i confini del genere fantasy di appartenenza per raccontare una storia che ha tratti distopici, che condivide aspetti del thriller poliziesco, che ha i ritmi serrati di un romanzo d’avventura e che riesce a far riflettere sull’uomo e sul suo legame con la spiritualità. Morgane Mentil narra una vicenda dai risvolti apocalittici ambientata in una Milano sconvolta da fenomeni inspiegabili che si riflettono in un disordine planetario, e al contempo racconta dell’incredibile forza degli esseri umani, della potenza dell’amore e del sacrificio e dell’importanza del libero arbitrio. 

Titolo: La Scelta
Autore: Morgane Mentil
Genere: Paranormal romance
Casa Editrice: Self-publishing
Pagine: 336
Codice ISBN: 9781973473862 

«[…] Erano tutti e tre, padre e fratelli, uno parte dell’altro, nulla a cui non fosse abituato. Non era invece preparato a ciò che avvertiva ogni qualvolta si trovava lontano dal ghiacciaio, in qualche altra zona del Pianeta, immerso tra i suoi abitanti, distaccato dalla propria famiglia. Allora sì, riusciva a percepirsi come un singolo essere vivente, provando una sensazione liberatoria che lo meravigliava. Non aveva mai immaginato di potersi sentire diverso da ciò che era sempre stato. Non credeva fosse possibile appropriarsi di sé stesso».  Continua a leggere “La Scelta, di Morgane Mentil”