Un futuro per tutti.

I colori del sud

Basta un sorriso,una parola gentile,una pacca sulla spalla.Per dare un po di speranza a chi non ne ha mai avuta,a chi ha perso tutto a chi non ha futuro.Diamo il sorriso a chi si e rassegnato e non vuole più lottare perché pensa che le persone sono tutte cattive.Facciamo capire a tutte queste persone in difficoltà che non sono sole,ma dobbiamo farlo adesso o sarà troppo tardi.Inizia tu si proprio tu che stai leggendo👇

View original post

Il Principe bestia al Teatro Giacometti di Novi Ligure, di Lia Tommi

IL PRINCIPE BESTIA AL GIACOMETTI
Teatro ragazzi 2018/2019 “Il sasso nello stagno”

Novi Ligure: Si concluderanno domenica 3 marzo 2019 gli spettacoli della Stagione Teatro Ragazzi “Il sasso nello stagno” rivolti a bambini e ragazzi di tutte le scuole della città (dall’infanzia alle superiori).
Il teatro è un linguaggio artistico antichissimo, una forma di conoscenza ed espressione di grande vitalità, che ha un compito insostituibile nella formazione di spettatori preparati e consapevoli. In quest’ottica, la rassegna novese ha previsto diverse opportunità, offrendo spettacoli gratuiti e a pagamento, con rappresentazioni mattutine o pomeridiane.

L’ultimo spettacolo della rassegna teatrale dedicata ai bambini è “Il Principe bestia” e si svolgerà domenica 3 marzo 2019 alle ore 16,00.
Uno spettacolo di e con Beppe Rizzo, Progetto Fiaba Popolare Italiana, a cura della Compagnia “Oltreilponte Teatro”, in collaborazione con Valentina Diana e Cristiana Daneo. Da una novella popolare italiana del 1500, la storia di un principe che per un incantesimo pronunciato da tre fate viene al mondo sotto forma di porcello; tornerà umano solo dopo che avrà ricevuto il bacio di una sposa. In scena un narratore che, circondato da pupazzi e figure, restituisce vita a un racconto antico che ruota attorno a un tema sempre attuale: l’essere se stessi nonostante le apparenze.
Ingresso euro 5, consigliato ai bambini dai 5 anni in su, inizio spettacolo ore 16,00.

Inoltre, proprio durante questa settimana di febbraio, si stanno svolgendo al Teatro Giacometti anche i quattro spettacoli, ad ingresso gratuito, vincitori del concorso riservato agli artisti e alle compagnie teatrali del territorio nazionale, inseriti in rassegna. Le proposte sono state selezionate da una commissione costituita da insegnanti e studenti di tutte le scuole novesi, con il coordinamento di Davide Sannia per l’Associazione Culturale Karkade.

Per informazioni: Biblioteca Civica, via Marconi 66, Novi Ligure
Tel. 014376246
http://www.comunenoviligure.al.it

Quelli che fanno poesie, di Lia Tommi

QUELLI CHE FANNO POESIE

Noi siamo quelli
che non passano mai oltre.
Ogni luce,
ogni oggetto,
ogni forma,
ogni suono,
noi ci fermiamo ad osservare
e tutto si trasforma
in emozione
e poi in parola.
Siamo quelli
col naso all’insù
e la testa tra le nuvole
con gli occhi incantati
e la bocca spalancata.
Siamo quelli
sempre immersi
nello stupore
o nella tristezza
senza mezze misure.
Viviamo un po’
al di fuori,
al di sopra,
crogiolandoci
in sogni e pensieri
Noi siamo quelli
che fanno poesie.

Edizione 2019 del Concorso Letterario “A proposito di donne” della Consulta alle Pari Opportunità del Comune di Alessandria, di Lia Tommi

Alessandria: Ritorna – promosso dalla Consulta Comunale Pari Opportunità e dall’Assessorato Comunale alle Pari Opportunità di Alessandria – il Concorso letterario “ A proposito di donne…”.
Per l’edizione 2019, il periodo di riferimento va dal 1° marzo all’11 maggio e l’iniziativa si conferma come una delle più intense e significative espressioni dell’azione svolta sinergicamente da Assessorato e Consulta sul tema della valorizzazione della donna e delle donne, anche dal punto di vista del riconoscimento della loro valenza artistico-letteraria.

L’universo femminile — evocato con la felice espressione “A proposito di donne…” — sarà, da parte dei concorrenti, osservato e raccontato approfonditamente con una prospettiva d’analisi peculiare: come già per gli anni scorsi, non solo le donne, ma anche gli uomini sono chiamati a cimentarsi nel Concorso.
All’art. 1 del Regolamento concorsuale si fa riferimento ai “generi letterari ammessi (ossia biografie/autobiografie e narrativa) e all’art. 2 si ammettono infatti, quali partecipanti, «donne e uomini di ogni età», «scrittrici e scrittori per passione e diletto e non per professione», escludendo solo «coloro che abbiano già pubblicato opere letterarie o saggi, giornalisti professionisti o pubblicisti».
Importante conferma per questo consolidato progetto è, nuovamente per l’edizione 2019, il Patrocinio conferito da parte dell’UPO (Università del Piemonte Orientale): un conferimento che trova ragione anche nella valenza nazionale del Concorso che invita a presentare racconti inediti, reali o fantastici, in cui ci sia una donna come figura centrale e nei quali emerga il ruolo della donna e delle donne nella società contemporanea.
La partecipazione al Concorso è gratuita e ciascun concorrente può presentare un solo elaborato (pena l’esclusione dal concorso) in sette copie. La lunghezza degli elaborati — a tema libero — non deve superare i 6 mila caratteri. Continua a leggere “Edizione 2019 del Concorso Letterario “A proposito di donne” della Consulta alle Pari Opportunità del Comune di Alessandria, di Lia Tommi”

La vita mi ha presa per mano, poesia di Lia Tommi

LA VITA MI HA PRESA PER MANO

La vita
mi ha presa per mano.
In un soffio
in un palpito d’ali
mi ha condotta
laggiù
al mistero dell’orizzonte
dove cielo e mare
si abbracciano
e si fondono
nell’immenso
eternamente.
E andando scalza di corsa
sul mare
l’ho sentita, la vita
dolce e fresca
come un’onda
E incredula
l’ho vista andare
a infrangersi sugli scogli
e poi. …
poi tornare ancora
limpida e pura
e scorrere senza tempo
laggiù
al sogno di schiuma
alla gioia di esistere.

L’era dei telefonini

Creando Idee

Chi era Francisco Tárrega? Eppure, il suo Gran Vals è il brano musicale più ascoltato nella storia della musica. Tutti lo abbiamo sentito corrisponde infatti alla suoneria per cellulari più famosa del mondo. La Nokia ne acquistò i diritti d’uso e da allora non passa giorno in cui non ci capiti di ascoltare le note del chitarrista spagnolo L’ingegnoso oggetto nato per consentirci di telefonare senza filo è ormai un fattore critico dell’evoluzione della specie Ha modificato il nostro stile di vita. Vuoi mettere la soddisfazione di gestire uno smartphone di ultima generazione come se fosse una  plancia di comando degli “infiniti mondi”?. È stato stimato che i margini di sviluppo del traffico mobile siano enormi. La dipendenza da telefonino, è destinata a diventare una forma di schiavitù. Si prevede che nel 2020 ci saranno nel mondo 50 miliardi di dispositivi connessi alla rete. Nel 2011, le quattro sorelle…

View original post 255 altre parole

Giornata Mondiale della lentezza

Creando Idee

Ci siamo scordati cos’è. Ma la lentezza è un vero e proprio toccasana per mente e corpo. Il rimedio perfetto contro lo stress e la fatica della vita moderna. Quale miglior scusa quindi della Giornata mondiale della lentezza, che si celebra oggi il 27 febbraio, per provare a fermarsi un attimo, riflettere, e riscoprire calma e tranquillità? Per cominciare queste 24 ore con il piede giusto, provate a dedicare alla prima colazione circa 10 minuti, (è ovvio che il consiglio vale per tutti giorni non solo per oggi) Può sembrare un’utopia, pressati come siamo tra impegni familiari e impegni di lavoro, ma è un’abitudine che vale la pena riscoprire. A costo di qualche sacrificio. Affrontare con calma il primo pasto della giornata, indispensabile per la ripresa di tutte le nostre funzioni fisiche e mentali, consente infatti non solo di prepararlo in modo equilibrato, ma anche di migliorare e stimolare la…

View original post 157 altre parole

Lisondria cme l’era, di Cristina Saracano

Alessandria: Dato l’enorme successo, la mostra fotografica di Roberto Giordanelli, che doveva terminare oggi, rimarrà fino al 31 marzo.

Un’occasione in più per visitare e osservare gli scatti più belli della nostra città qualche tempo fa, presso il Museo Etnografico della Gambarina, piazza della Gambarina, Alessandria.

Caffè letterario femminile, di Cristina Saracano

Caffè Letterario: scrittrici protagoniste
L’assessorato alle Pari Opportunità e la Consulta delle Donne di Casale Monferrato, in
collaborazione con la Biblioteca Civica Giovanni Canna e con il Presidio Soci Nova Coop
di Casale Monferrato ripropone, sulla scia dei salotti del passato, un ciclo di incontri di autrici di romanzi, saggi e poesia. La rassegna, dal titolo Caffè Letterario, vuole valorizzare l’opera di scrittrici che a Casale Monferrato sono nate, risiedono o lavorano e avviare, nel contempo, una riflessione sulla produzione culturale contemporanea che ha le proprie radici nel nostro territorio.
Le protagoniste saranno nove in otto incontri: Laura Bertola, Luigina Groppo, Paola
Robotti, Silvia Tesio, Monica Triglia, Maura Maffei, Paola Casulli, Silvana Mossano,
Raffaella Romagnolo.
Al termine degli incontri, che si svolgeranno tutti di mercoledì dalle 17.30 alle 19.30 presso i locali della Biblioteca Civica Giovanni Canna, verrà offerto un piccolo rinfresco con caffè, biscotti e pasticcini a cura del Presidio Soci Nova Coop.
Il primo incontro, che vedrà protagoniste Laura Bertola e Luigina Groppo, introdotte e
coordinate dall’Assessore Ornella Caprioglio, si svolgerà venerdì 8 marzo alle ore 16.30.
In questa occasione verrà inaugurata la targa in ricordo delle vittime di femminicidio.
L’evento si svolgerà nel chiostro di Santa Croce per poi spostarsi nei locali della Biblioteca Civica.
La consuetudine di riunirsi in un symposium come occasione per ritrovarsi e discutere di argomenti di carattere artistico, letterario o filosofico, è una tradizione che risale all’ antica Grecia. Queste riunioni conviviali proseguirono nel mondo romano, continuando a svolgersi nel Medioevo e nel Rinascimento in ambienti privilegiati come castelli o
monasteri. Nella Francia illuminista del ‘700 gli incontri cominciarono a svolgersi anche in case private, al di fuori degli ambienti di potere laico o ecclesiastico e assunsero una
connotazione più borghese.
I salotti letterari parigini, chiamati fino al XX secolo bureaux d’esprit, primeggiarono per fama e videro la donna affermarsi nel ruolo di organizzatrice o anfitrione. In questi ambienti culturali le salonnièries (salottiere) si muovevano forgiando nuove idee in opposizione all’immobilismo di una cultura soltanto maschile refrattaria ad accogliere le loro istante rivoluzionarie di ideale egualitario e di confronto tra posizioni diverse di pensiero e esperienza.

Momenti di poesia. Genova, di Andrea Patrone

Momenti di poesia. Genova, di Andrea Patrone

Genova

È cosi che si svolge.
Il ritmo sempre eguale,
Il suono che non stupisce,
movimenti di maree cittadine,
matassa di fatti senza nodi ne colore.
E tu, ormai, lo sai,
è inutile guardare e cercare,
inutile sperare,
il vento non spazzerà
quel cielo di nuvole che hai.
Andrea

“Il potere delle ombre” incontra i lettori: al via i tour promozionali dell’ultimo thriller di Luca Cozzi

Di Maria Luisa Pirrone

Luca Cozzi, scrittore genovese trapiantato nel Basso Piemonte, sta per iniziare i tour promozionali per il suo ultimo romanzo, “Il potere delle ombre” (Edizioni della Goccia), uscito nel novembre del 2018.

Un action-thriller molto atteso dai suoi lettori poiché si tratta della terza missione del suo ormai famoso personaggio, Luke McDowell, intrepido ex agente FBI ed ex Navy SEALs, che, dopo aver inseguito criminali per mezzo mondo, questa volta si trova ad indagare anche nelle viscere della nostrana Val Borbera.

Cozzi ha creato attorno al suo protagonista una vera e propria trilogia, dopo “Senza nome e senza gloria”(2016) e “Shaytan” (2017), anch’essi Edizioni della Goccia, già diventati bestseller su Amazon.

Continua a leggere ““Il potere delle ombre” incontra i lettori: al via i tour promozionali dell’ultimo thriller di Luca Cozzi”

Momenti di poesia. FABO, di Giuliano Saba

Momenti di poesia. FABO, di Giuliano Saba

Fabo

FABO.

Ognuno è libero
di morire come gli pare.
La vita è una sola
e va vissuta bene.
La vita è tua,
fino a quando non decidi
di mettere fine alle tue sofferenze
e a quelle altrui..
Dal momento che decidi
di chiudere le porte al dolore ,
la tua vita non è più tua.
Diventa proprietà
di uno Stato senza leggi .
Diventa proprietà
di una chiesa cattolica
e poco cristiana
davanti alle altrui sofferenze..
La vita è un patrimonio inestimabile
per quanto brutta sia
val sempre la pena di viverla…
La vita è vita,
fino a quando tutta la carne è in vita….
Quando il corpo è inerte
la vita non è vita..
Perché la vita è morta.
Ed è questa la differenza.
Giuliano Saba..

Momenti di poesia. IL DOLORE, di Anna Fiorillo-Clavelli

Momenti di poesia. IL DOLORE, di Anna Fiorillo-Clavelli

IL DOLORE

IL DOLORE

Il dolore è quando
una persona
viene a mancare per sempre.
Il dolore è anche quando
un amico a 4 zampe viene
a mancare per sempre.
Il dolore è quando
ti aspetti una parola
che non arriva,
quando qualcuno
ti tratta male,
quando ti sembra
che il mondo ti crolla addosso,
quando ti chiedi,
perché
succede tutto a me?
Il dolore è un muto insegnamento,
che fa maturare la persona,
sappiamo che il dolore ai denti è tremendo,
però quando è il cuore
a fare male
non è facile farlo capire.
Un braccio rotto si può vedere,
ma e‘ incredibile quanto il dolore nell’anima non venga capito.
Eppure il dolore dell’anima
è quello che brucia
e fa più male.
Allora dal nostro dolore
prendiamo
la parte migliore di noi
e rialziamoci più forti e vincenti ,
anche se le ferite
continueranno
a farci male.
Conosciamo
il peso delle nostre lacrime.
Dobbiamo essere fieri
delle nostre cicatrici
che abbiamo saputo curare
con la nostra sola volontà
e soprattutto
dobbiamo sempre
cercare
per poi trovare
la nostra felicità.

Anna Fiorillo
Clavelli
26/02/19.

Cioccolato gli errori da evitare

Creando Idee

Come promesso ieri ecco ancora consigli per gustare e conservare al meglio il cioccolato. Rompi il cioccolato. Altra tecnica essenziale su come capire se il cioccolato è buono: lo si spezza. Rompere la tavoletta può rivelare molto sulla percentuale e sulla qualità del burro di cacao, su come è stato temperato e se è davvero così buono come promette. Il cioccolato avvolge tutti i sensi ed è importante che anche le orecchie siano allertate per ascoltare il rumore che fa al momento della rottura. Non mangiarlo tutto in un colpo solo. Si comincia sempre con un pezzetto piccolissimo, sufficiente ad assaporare il ventaglio organolettico. Poi, eventualmente, si può prendere un secondo pezzo più grande. In questo modo la bocca si adegua alla degustazione nel modo migliore. Presente il sorso di vino strategico prima della bevuta? Bene, uguale. Perché lo mastichi? Errore che facciamo tutti, presi dal craving furente che ci…

View original post 190 altre parole