Grassi nemici della dieta? Non proprio!

Creando Idee

Se pensate che demonizzare i cibi grassi ed eliminarli per sempre dalla vostra alimentazione sia il miglior modo per dimagrire, vi sbagliate. I grassi sono infatti importantissimi da assumere: bisogna soltanto cercare di evitare i grassi trans, quelli cioè davvero nocivi per la nostra salute. Ma vediamo quali sono, nello specifico, i cibi grassi amici della dieta: Formaggi grassi – fra i cibi grassi più amati ma spesso considerati poco sani: in realtà, non tutte le leggende che ruotano intorno ai formaggi grassi sono completamente vere. Pare infatti che assumerne 5 porzioni a settimana faccia addirittura dimagrire di più rispetto a chi i evita, grazie alle proteine contenute nei latticini che aiutano il senso di sazietà e al calcio che, legandosi agli acidi grassi, riduce l’assorbimento dei grassi. Olio di cocco – come tutti gli oli, è calorico e ricco di grassi, ma pare che sia un portentoso acceleratore del…

View original post 201 altre parole

Disastro Ferrari in Bahrein: da pole in prima fila a solo 3° posto… ormai tradisce sempre le più grandi aspettative!

Gabriele ROMANO 📎 bLOG

bahrein

A inizio Gran Premio del Bahrein le Ferrari erano in testa e promettevano una doppietta che avrebbe dato sicuramente un spinta propulsiva sia dal punto di vista psicologico che dal punto di vista fisico, con il punteggio che avrebbe cambiato il volto della classifica, sebbene il campionato sia solo al 2° GP.

E invece dopo che Vettel ha perso molte posizioni per un testa coda, il motore ha tradito il giovane Leclerc che si trovava in testa e anche con un discreto margine. Che dire? Sfortuna o inaffidabilità Ferrari?

Certo è che vedere questa formula ogni volta con Hamilton vincitore non è un gran cosa. Il campione inglese della Mercedes si è andato a congratulare con il giovane pilota della Ferrari nel fine gara cercando di rincuorarlo. Leclerc doveva essere il vero vincitore del Gran Premio e invece è solo il vincitore morale…

View original post

Coez – E’ sempre bello

Gabriele ROMANO 📎 bLOG

TESTO
È quasi sempre bello se dal buio arriva il giorno
È bello se le nuvole sono solo un contorno
A volte è bello avere diciott’anni
È bello se mi chiami, è bello se rimani
È bello se rimandi un po’ quando stai per venire
Ha un fascino più forte tutto ciò che può finire
Li hai visti i nuovi euro da venti? Boh che dire
I soldi sono sempre belli, erano belle anche le lire
È bella questa stanza pure se ci sto da solo
È bello questo hangover visto che oggi non lavoro
È bello se scopiamo al buio e invece fuori è giorno
È sempre bello averti intorno
Oggi voglio andare al mare
Anche se non è bello
Oggi sai che voglio fare
Fare come quando piove e io mi scordo l’ombrello
Capisci i sentimenti quando te li fanno a pezzi
È bello rimettere insieme i pezzi

View original post 165 altre parole

Momenti di poesia. IL MIO INVERNO, di Gregorio Asero

Momenti di poesia. Gregorio Asero

Asero.jpg

IL MIO INVERNO
Io vorrei passare attraverso il tuo corpo
come un raggio di sole passa l’acqua,
così da aprirmi in mille colori.
Io vorrei posare il mio sguardo
sopra i tuoi turgidi seni,
così da sentirne il palpito della vita.
Io vorrei portarti nella mia caverna
e farti regina del niente,
perché io sono il nulla.
Ecco in cambio ricevo le tue rose.
Esse coprono il mio volto,
ma non baciano il mio cuore.
Mi son punto lo sai!
E tu dicesti: così impari!
E aspetto come fossi un bambino,
mentre le arance seccano al sole del mio inverno.
.
da “POESIE SPARSE”
di Gregorio Asero
copyright legge 22 aprile 1941 n. 633

Momenti di poesia. Se la Storia potesse, di Stefano Capasso

Momenti di poesia. Se la Storia potesse, di Stefano Capasso

se la storia.jpg

Se la Storia potesse
essere Maestra

Uno dei più nobili
e grandi Imperatori ,
ricordato dalla Storia,
di sicuro, e’ stato :

ANTONINO PIO.

Era convinto
che solo in pace
fiorivano gli affari
e gli scambi tra i mercanti ,
più sicuri.

Ma anche
il Libero Pensiero
e la Cultura
potevan prosperare
quando ogni cosa
veniva condivisa.

Una pace duratura
era un bene grande
per l’Impero
e regalava a tutti
un miglior futuro.

Represse con severità
la bestiale avidità
di governanti loschi
e senza dignità .
Continua a leggere “Momenti di poesia. Se la Storia potesse, di Stefano Capasso”

Momenti di poesia. Piccola farfalla, di Ela Gentile

Momenti di poesia. Piccola farfalla, di Ela Gentile

Piccola farfalla

Piccola farfalla

Il cielo è coperto,
il tempo è grigio
ma non dentro me.
C’è un battito
che picchia nel mio cuore,
è come piena che l’argine
non tiene
un mare che non ha confini,
un frullar d’ali
melodia senza tempo
che mi colora l’anima.
Nata da bruco, piccola farfalla,
inattesa germogli
e voli nel mio cuore
muto messaggio
dolcezza al miele
che rivesti il sogno
non mi svegliare
mentre riannodi tenerezze
in giorni sempre uguali
e ciglia asciughi
di silenzioso pianto.
eg

TERRONI, di Gregorio Asero

TERRONI, di Gregorio Asero

TERRONI

Quando ero un ragazzino, avevo circa otto anni, la mia famiglia emigrò al Nord ed esattamente in un piccolo e laborioso paesino del Piemonte. Ricordo che i miei genitori si alzavano presto la mattina per andare a piedi al lavoro, ed in casa, allora, restavamo solo noi figli. Eravamo in sei, di cui le due maggiori, pure loro, andavano a piedi a lavorare in un piccolo laboratorio tessile vicino casa.

Asero.jpg

Di conseguenza in casa restavamo noi quattro ultimi figli di questa numerosa famiglia: due miei fratellini un poco più piccoli di me, e una, la terza femmina di casa, un poco più grande di me, il cui compito era quello di accudire i miei fratellini, troppo piccoli per autogestirsi, in attesa che mamma finisse di lavorare e tornasse a casa. Allora succedeva che io, essendo libero da “impegni”, mi divertivo a scorrazzare come un puledro per le vie del paese.

In brevissimo tempo conobbi tutte le vie del circondario, mi sentivo un novello esploratore in un paese sconosciuto, allora capitava che qualche adulto mi fermasse per la via e la prima domanda che mi rivolgeva era sempre la stessa: dove stai, da dove vieni? La mia risposta era sempre la stessa: abito in “vicolo Pessina” e vengo da Paternò e abitavo via Fratelli bandiera numero due.

La risposta era data quasi come se mi fosse stata insegnata da recitare a memoria. Pertanto, immancabilmente il mio “intervistatore” se ne usciva sempre con la solita affermazione: allora sei terrone! Quindi, finito l’interrogatorio, ero libero di scorrazzare per le vie del paese. Tutto questo per dire cosa? Niente, semplicemente che quella parola, “terrone”, cominciò a frullarmi per la testa e ne cercavo il significato, ma non riuscivo a trovarne il senso; non capivo se avrei dovuto prenderla come complimento o come un’offesa; per cui, per mio conto le diedi un significato, e cioè che “terrone” volesse dire abitante della terra. Ecco sì, la mia patria, la Sicilia, era un posto fatto di terra, e quindi abitata da “Terroni”. Continua a leggere “TERRONI, di Gregorio Asero”

Il metodo della fenice

Il Blog di Roberto Iovacchini

index

Titolo: Il metodo della fenice

Autore: Antonio Fusco

Editore: Giunti

Il metodo della fenice è il terzo libro che Antonio Fusco ha scritto con protagonista il commissario Casabona, sempre ambientato nella cittadina toscana inventata di Valdenza.

In una discarica viene ritrovato il cadavere di una ragazza, completamente nudo e in parte carbonizzato.

Subito dopo viene ritrovato il cadavere di un uomo, annegato nella sua auto in un lago. Il cadavere è del principale indiziato per l’omicidio della ragazza ritrovata nella discarica.

Segue il ritrovamento di una ragazza accoltellata.

Una serie di omicidi terribili le cui indagini convergono verso la comunità “La siepe” che accoglie bambini con difficoltà familiari o orfani da portare all’adozione. Ma la comunità non è quello che sembra e le indagini porteranno alla luce una lunga sequenza di violenze e di attività illecite a carico dei responsabili della comunità, oltre a trovare i colpevoli degli omicidi.

La…

View original post 109 altre parole

Momenti di poesia. Avvoltoi, di Rosaria Magnisi

Momenti di poesia. Avvoltoi, di Rosaria Magnisi

Impulsi selvaggi dell’anima ღ Poesie & Dipinti di Rosaria Magnisi

55912334_2123120784409925_3822133491684868096_n

Avvoltoi

Terra senza freni!
Il cielo tace e guarda.
Il dolore morde le costole
e le piaghe del mondo
sono canali infettati!
I lamenti sono brace…,
la polvere è acqua!
Il tempo è passato
e nulla è mutato!
Nessun sentimento,
nessun cambiamento!
Avidi cuori
pregate per voi…!
La pietà è un fiore reciso,
un albero spoglio,
un vagito bianco!
La giustizia
non ha nome
solo eterno supplizio!
La verità ha chiuso gli occhi!
-Rosaria Magnisi-
Impulsi selvaggi dell’anima ღ Poesie & Dipinti di Rosaria Magnisi
Copyright © 2019 Rosaria Magnisi tutti i diritti riservati

Tre settimane di vacanze

Anna & Camilla

Qui le chiamano Spring holidays o Spring break, sono tre settimane di vacanze in cui tutte le attività scolastiche vengono interrotte.

Io, come ben sapete, ne approfitto per ritornare in Italia, così al mio ritorno devo subito ricominciare il corso, gli esami sono previsti per fine giugno/inizi di luglio. Ma qui ti preparano prima, ti mettono in condizione di superarlo, anche se non è per nulla facile.

Bisogna considerare che ti daranno un certificato che tu puoi vendere ovunque senza batter ciglio. Quindi le mie saranno vacanze, ma non posso abbandonare del tutto lo studio.

Ma sono contenta così!

View original post

Momenti di poesia. SE NON AVESSI TE, di Anna Fiorillo-Clavelli

Momenti di poesia. SE NON AVESSI TE, di Anna Fiorillo-Clavelli

56247976_10210690955508717_6369448478631788544_n.jpg

SE NON AVESSI TE

Il cammino della nostra età,
ci porta in un mondo di cristallo
e siamo figli di un sole
che si riflette nella nostra anima.

Se non avessi te …

anche la luna si spegnerebbe
e quel grappolo di stelle che ci fa compagnia ,
si perderebbe nell’infinito cielo.

Se non avessi te…

chissà cosa sarei,
sarei una donna inutile,
sarei l‘edera non più capace
di arrampicarsi
e morirebbe un giorno dopo l’altro.

Se non avessi te..

il mondo sarebbe inutile,
l‘eternita‘ non esisterebbe più…
e la conchiglia che
silenziosamente parla
nel mio orecchio
raccontandomi di te
e delle tue poesie
ecco , la conchiglia
ci lascerebbe il cuore.

Se non avessi te ….

anche il mare, smetterebbe di cantare
e le ali che mi fanno volare,
si spezzerebbero
per non volare mai più.
Ma io ho te e tu hai me.
E il vento arriva
in una lettera d’amore,
riflette la luce del cielo
e l’incanto del tuo corpo
su un letto di erba profumata,
mentre abbracci il tuo cuscino
di nuvola bianca.
Sei qui accanto a me,
insieme nel cammino
della nostra età ricamata
di sogni veri e profondi,
con la conchiglia che
ci racconta la voce del mare
e la nostra storia d’amore.

30/03/19
Anna Fiorillo
Clavelli

Open-Source Poetry Three #3

unbolt me

Our dearest Writers and Readers,

Guess what? Now we feel like teachers in a classroom full of naughty children! Albeit genius children. We gave you a mere few lines and you went running off with them like they were a pair of sharp scissors!

Once we showed our admiration for the poetic maverick geek that is the Great Von, you started to bomb us with your boundless creativity and flagrant disregard of the rules. Are we cross with you all? No! We love it!

BUT—and we say this with a dull tone, adjusting the glasses on our noses—you need to be reminded of the rules. Do you hear us, MiamiMagus,David Koblentz,gregorystackpole,rebel1955 (yes, you’re a real rebel!)? Your submissions were lovely, but alas we cannot accept them!

There’s nothing for it. We shall have to keep you back after class for detention. And you…

View original post 192 altre parole

Momenti di poesia. Fuoco della Speranza, di Stefano Capasso

Momenti di poesia. Fuoco della Speranza, di Stefano Capasso

55517400_278956829703161_1086826776874713088_n

Fuoco della Speranza

E’ una bella notte
di Dicembre,
fredda ma serena
e senza ombre.

Lassù nel cielo
brilla
una Luna Piena
che illumina ogni cosa,
come fosse giorno ,
rendendo regale
perfino
un malandato pino.

Nell’aria naviga
solo Amore
che la Malinconia
vuole con forza
allontanare .

. Perciò
la Tristezza ,
anche se per caso incontra
una gioia contagiosa ,
non arretra.


Tieni acceso
allora
il Fuoco della Speranza.

Vedrai lentamente
andare via
Nuvole Nere,
rassegnate ,
mentre, il SERENO ,
del tuo cielo
sarà padrone


Tutti i diritti riservati
@ copyright
Autore Stefano Capasso

Immagine dal Web

Pomeriggio valdostano alla Gambarina; di Lia Tommi

Les voix du Glacer – pomeriggio valdostano

Domenica 31 marzo 2019 dalle ore 17:00

Museo Etnografico “C’era una volta”
Piazza della Gambarina 1, Alessandria

Il repertorio del coro è costituito da brani della tradizione popolare, per lo più in lingua francese o in dialetto valdostano (patois), che
esprimono l’amore per la propria terra e l’impegno per la salvaguardia della cultura regionale.
Quello di domenica sarà comunque un pomeriggio dalle diverse
sfumature valdostane, con richiami non solo ai canti ma anche
all’artigianato e alle specialità dolciarie.

Premio di poesia e narrativa “Poesia onesta”, di Lia Tommi

14° PREMIO INTERNAZIONALE di POESIA e NARRATIVA «POESIA ONESTA» 2019
in collaborazione con Assemblea Legislativa delle Marche – Comuni di: Ancona
Camerata Picena – Chiaravalle – Falconara M. ma – Polverigi – Santa Maria Nuova – Agugliano
«Ai poeti resta da fare la poesia onesta» (Umberto Saba)
Il Concorso si articola in 5 sezioni a TEMA LIBERO.
Possono partecipare autori italiani ed europei purché scrivano in italiano o in uno dei dialetti italiani.
Sez. A – Raccolta di 10 poesie in italiano
Sez. B – Poesia singola in italiano (sono ammesse max 2 poesie)
Sez. C – Raccolta di 8 poesie nei dialetti italiani e lingue di minoranza, con traduzione in italiano
Sez. D – Poesia singola in dialetto (sono ammesse max 2 poesie con traduzione in italiano) Sez. E – Racconto breve in italiano
REGOLAMENTO
– Tutte le opere delle sezioni sopraelencate devono essere inedite
– La raccolta di poesie (Sezioni A e C) deve avere un titolo
– Tutte le opere devono pervenire in unica copia anonima + scheda di partecipazione compilata- La Segreteria provvederà a produrre le copie anonime per la Giuria esaminatrice
Sezioni A, B, C, D
Ogni poesia non deve superare i 36 versi.
Gli autori delle sez. C e D devono dichiarare la località in cui il dialetto si parla
Sezione E
Ogni narratore deve partecipare con 1 solo racconto.
Il racconto non deve superare le 5 pagine formato A4, possibilmente in carattere Times New Roman, corpo 12
INVIO OPERE
Gli elaborati di tutte le sezioni vanno spediti entro il 31 maggio 2019
– o per posta ordinaria a: VERSANTE Associazione Culturale POESIA ONESTA
Via Molino, 15 – 60020 Agugliano (AN)
– o per e-mail (in formato word): associazioneversante@gmail.com (sarà inviato OK di avvenuta ricezione) Fa fede il timbro postale o la data di spedizione di posta elettronica.
QUOTE DI PARTECIPAZIONE
Sezioni A, C, E: euro 15 per ciascuna sezione
Sezioni B, D: euro 10 per ciascuna sezione
Per chi partecipa alle sezioni A + B: euro 20 complessivi Per chi partecipa alle sezioni C + D: euro 20 complessivi
Per chi partecipa a tutte le 5 sezioni: euro 40 complessivi
La quota di partecipazione va inviata in una delle seguenti modalità:
1. in busta unitamente alle opere
2. con versamento sul conto corrente postale n. 8358993 intestato a:
VERSANTE Associazione Culturale – Premio POESIA ONESTA
3. con bonifico (Codice IBAN: IT31G0760102600000008358993) intestato a:
VERSANTE Associazione Culturale – Premio POESIA ONESTA
– L’invio delle opere dovrà contenere copia di avvenuto versamento
– I dati personali saranno trattati nel rispetto del codice sulla privacy, ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs n. 196/2003
PREMI
Sezioni A e C
– Primi classificati: euro 400 ciascuno + 7 copie dell’antologia che contiene le loro sillogi, pubblicate integralmente + diploma di merito
– Secondi e terzi classificati: 5 copie dell’antologia, con sillogi pubblicate integralmente + diploma
– Menzione Speciale: 4 copie dell’antologia con silloge pubblicata integralmente + diploma- 1° e 2° Segnalati: 3 copie dell’antologia con silloge pubblicata integralmente + diploma
Sezioni B e D
– Primi classificati: euro 300 ciascuno + 5 copie del volume antologico + diploma di merito
– Secondi e terzi classificati: 4 copie dell’antologia + diploma
– Segnalati: 2 copie dell’antologia – diploma
Sezione E
– 1° classificato: euro 400 + 7 copie dell’antologia, che contiene il racconto pubblicato integralmente + diploma – 2° e 3° classificati: 5 copie dell’antologia, con loro opere pubblicate + diploma.
Verranno pubblicati anche i racconti segnalati. Ogni autore segnalato riceverà 3 copie dell’antologia
– I testi inviati non saranno restituiti. I partecipanti cedono, a titolo gratuito, i diritti dei testi pubblicati nell’antologia
POESIA ONESTA per il solo anno 2019
– I vincitori dovranno ritirare personalmente i premi in denaro. In caso contrario la quota rimarrà a disposizione della Associazione VERSANTE e utilizzata per l’edizione successiva del Premio
CERIMONIE DI PARTECIPAZIONE
Le Premiazioni avranno luogo a Falconara M.ma (AN) in sede da stabilirsi, nelle date:
– Sabato 28 settembre 2019 ore 16,30 (Narratori Adulti e Studenti Scuole Superiori)
– Domenica 29 settembre 2019 ore 10,30 (Poeti in lingua e in dialetto)
Ai primi tre classificati delle 5 sezioni, verranno offerti per il giorno della Premiazione, il pernottamento + pranzo o cena (per due persone).
Il pernottamento non verrà offerto a coloro che provengono dalla regione Marche e dalle province confinanti RN, PG, TE.
Nel caso di vittoria di autori residenti fuori Italia, i premi in libri saranno inviati per posta.
Il rimborso del viaggio dei vincitori (esclusi i marchigiani) verrà compensato con la consegna di un congruo numero di volumi oltre alle copie spettanti di diritto.
I vincitori saranno avvisati tramite telefono o e-mail. Le classifiche verranno pubblicate dal 01 settembre nel sito: http://www.associazioneversante.it
GIURIA DEL PREMIO
Sanzio Balducci, Gastone Mosci, (Univ. “Carlo Bo” Urbino) – Liliana Biondi (Univ. L’Aquila) –
Fabio Ciceroni (critico letterario) – Manuel Cohen (Roma) – Costanza Geddes de Filicaia (Univ. Macerata)
Giuseppe Langella (Univ. Cattolica di Milano) – Mario Narducci (Pres. Ist. Aquilano di Dialettologia)
Ivan Fedeli (Poeta, Monza) – Giuseppe Polimeni (Univ. Stat. Milano)
Elisabetta Serpilli (Academie Nancy-Metz) – Marzio Porro (Univ. Stat. Milano)
Jacopo Curi (Poeta e critico letterario) – Piera Tomasoni (Univ. di Pavia)
– Il bando si pu scaricare dal sito: http://www.associazioneversante.it
– Per informazioni rivolgersi al 335-8193657

Fabio M. Serpilli
(Presidente Assoc. Cult. VERSANTE)
Associazione Culturale VERSANTE – Via Molino, 15 (60020) Agugliano (AN)
Tel. 335-8193657 – P.I. 02496290426 – Mail: associazioneversante@gmail.com

SCHEDA DI PARTECIPAZIONE
“POESIA ONESTA” 2019
Compilare (in stampatello) e spedire unitamente alle opere
NOME__________________________________________________________________________
COGNOME_____________________________________________________________________ INDIRIZZO: Via/Piazza ___________________________________________________________
CAP_____________ CITTÀ ______________________________________ PROVINCIA (_____)
TELEFONO _____________________________________________________________________
CELLULARE____________________________________________________________________
E – MAIL _______________________________________________________________________ TITOLO DELLA RACCOLTA (Sezioni A e C) o della POESIA SINGOLA (Sezioni B e D)
SEZ. A _________________________________________________________________________
SEZ. B _________________________________________________________________________
SEZ. C _________________________________________________________________________
SEZ. D _________________________________________________________________________
SEZ. E _________________________________________________________________________
Io sottoscritto …………………………………………………………………………………… dichiaro che le opere da me inviate sono di mia creazione.
Con l’invio dell’opera acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D. Lgs. 196/2003 e del D. Lgs. 101/2018 per cui i dati indicati saranno oggetto di trattamenti informatici o manuali solo nell’ambito delle nostre iniziative culturali, a garanzia della riservatezza e sicurezza.

Data_____/______/ 2019

FIRMA

Riccardo D’Avino oggi in un grande concerto live al Cappelverde, di Lia Tommi

Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava

Riccardo D’Avino live @Cappelverde

Domenica 31 marzo il cantautore Riccardo D’ Avino canterà alla Trattoria Cappelverde, locale nel centro storico di Alessandria, in via San Pio V, 26. Si esibirà intorno alle 21.15, appena dopo la cena.

Sarò accompagnato da Alan Pipino alle percussioni e al pianoforte. Potrete quindi ascoltare alcune inedite versioni dei brani provenienti dal suo ultimo album “Presa d’incoscienza”, ma anche di quelle precedenti o di quelle inedite.

Alan Pipino è anche un cantautore, e aprirà la serata con alcuni suoi pezzi.

Alcuni brani particolarmente significativi saranno introdotti dalla presentazione con lettura del testo, a cura di Lia Tommi.

Ingresso libero. Per info e prenotazioni: 345 996 8548

BIOGRAFIA : Riccardo D’Avino scrive e canta canzoni leggere, ma che fanno riflettere, ascoltabili eppure ricercate.Dopo la pubblicazione di diversi demo e singoli e la partecipazione alla finale del Premio Augusto Daolio, alle semifinali del Festival di Castrocaro e…

View original post 240 altre parole

I luoghi di confine: dal romito di Lampedusa al multiculturalismo globalista.

OpinioniWeb-XYZ

lampedusaIn continuità con il precedente post “Sul cibo, sulle religioni e sull’identità” ripubblico QUESTO articolo sui luoghi di confine…

Nel XV secolo esisteva a Lampedusa uno strano luogo di culto, una grotta dedicata alla Madonna, dove si depositavano sia cimeli cristiani sia quelli musulmani, a cui si rivolgevano in preghiera pescatori, naviganti, marinai, corsari, di entrambe le religioni. Era un luogo di culto “doppio” appartenente contemporaneamente all’islamismo ed al cristianesimo. Secondo la leggenda il compito di accendere il lume per i naviganti era affidato ad un romito che si presentava a seconda del bisogno o cristiano o musulmano: questo rappresentava un modello di sincretismo religioso, cioè una convergenza di culture e religioni diverse. Nel libro di Lucetta Scaraffia “Rinnegati” leggiamo che un avventuriero spagnolo a cavallo tra ‘500 e ‘600, cavaliere di Malta, presentava nelle sue memorie una descrizione di questo luogo: c’era un altare, posto sotto il quadro della…

View original post 1.087 altre parole

Blogger Recognition Award

Writer's Choice

Hi Friends,

I was nominated by Help Break The Silence for this awesome “Blogger Recognition Award”. Her Blog is all about giving voice to the voiceless. Her writings are unique and help people in many ways. Do check out her blog I am sure you would like it.

blogger-recognition-award-three11

Rules!

When you are nominated for the Blogger Recognition Award, you have to play by a number of rules and these are the rules.

  1. Write a post to show your award.
  2. Thank the blogger who nominated you and provide a link to their blog.
  3. Give a brief story of how your blog started.
  4. Give two pieces of advice for new bloggers.
  5. Nominate 6-12 bloggers who you believe deserve to be recognized. Comment on their blogs, to let the nominees know they have been nominated.

My Story!

I have a deep desire and interest in writing poems and articles. Last…

View original post 225 altre parole

Make each day Count

Writer's Choice

Not all days are going to be the same as you wish it to be. But it’s all in our hands to make each day count. You need not make a huge difference in this world. Each and every little thing that you do for yourself and others matter a lot. Start by taking little steps each day which would later result in a massive impact.

  • Brighten the Lives of the one’s Around

Your smile can brighten a person’s day. Be kind and treat everyone with Love and Respect. The way of how you treat everyone equally speaks a lot about you. Many find it easier to treat the ones who are in higher authority with due respect and not the ones lower than them. It’s a shame to classify people based on their appearance or status. Everyone in this world has something to offer. Respect them for their presence…

View original post 363 altre parole

Io ci sarò

Pensieri Raccolti

Io ci sarò

Sali sulle mie spalle
non ti lascio indietro
sei già sopra il mio cuore
non è certo un segreto

Aggrappati al mio collo
tanto è per te che respiro
non temere non ti mollo
sei la ragione per cui vivo

Prova, annusa i miei capelli
hanno il tuo stesso profumo
anche se i tuoi sono più belli
i mie sanno un po’ di fumo

Anche se le mie rughe
scandiscono i miei passi
anche se le tue fughe
ti fanno gli occhi bassi

Dovrai guardare avanti
scontrarti con i venti
avrai gioia e dolore
a cadenzarti il cuore

E quando un giorno avrai
tu un figlio sulle spalle
sull’anima ti sentirai
come un morbido scialle

Allora capirai, anche se sarò lontano
allora sentirai, ancora la mia mano
cingerti d’affetto e tenerti saldamente
forse il mio sorriso ti tornerà alla mente

Ma non temere figlia, io sarò ancora…

View original post 31 altre parole

Pensieri malsani

Pensieri Raccolti

Pensieri malsani

Vorrei rapiti il cuore
Senza chiederne il riscatto
Rubare la tua anima
Graffiarla come un gatto

Ferire i sentimenti
Che credi di provare
Mutarli in cicatrici
Che tu possa vedere

Vorrei carpirti i sogni
Le voglie e i desideri
Coprire i tuoi colori
Coi più neri pensieri

Vorrei ridarti indietro
Quello che mi hai dato
E vedere i tuoi occhi
Fissi contro il vuoto

Saresti forse conscia
Capiresti allora
Quello che mi hai fatto
E che mi fai ancora

Adriano Viola

View original post

vita con Loyd

dimensioneC

“Non c’è, diamine… non c’è!”
“Cosa cerca, sir?”
“La mia concentrazione, Lloyd. È di sicuro in questo sacco di stanchezza”
“Sir, credo che lì possa trovare solo una manciata di vecchie insicurezze e qualche paura che non pensava di avere”
“Hai un’idea migliore su dove possa essere finita, Lloyd?”
“Mi pare di averla vista vicino alla forza d’animo, nei pressi del portagioie del weekend, sir”
“Ottimo suggerimento, Lloyd”
“Grazie mille, sir”

#concentrazione, #stanchezza, #ridiamocisu, #risata, #ironia, #io, #forzadanimo,

View original post

Terra degli uomini

dimensioneC

sotto i miei piedi c’è un baratro,
e sulla mia testa c’ho gli angeli, 
e qui siamo proprio nel mezzo, 
nella terra degli uomini, 
dove suona la musica, 
l’amicizia si genera, 
dove tutto è possibile, 
dove un sogno si popola, 
la chitarra sia elettrica, 
e risuona gli armonici, 
dove ridono i salici, 
dove piangono i comici, 
e la forza si amplifica, 
ed il sangue si mescola, 
e l’amore è una trappola… 
Mica sempre però!!!
Qualche volta ti libera, 
e ti senti una favola, 
e ti sembra che tutta la vita non è solamente retorica, 
ma sostanza purissima

(Jovanotti)

#amore, #musica, #libertà, #stati-danimo, #favola, #io, #sostanza,

View original post

il mio puzzle colorato

dimensioneC

Ero una donna solida, con obiettivi chiari, solare ed ironica, con mille passioni ed interessi che conciliavo con la famiglia, il lavoro ed una vita frenetica. Pensavo di essere “inattaccabile”, dritta per la mia strada, con grinta e allegria, con un carattere strutturato ed una serenità d’animo che pensavo inespugnabile. Poi gli eventi della vita ti sorprendono, ma la mia roccaforte non è crollata, ha solo iniziato lentamente e quasi impercettibilmente a sgretolarsi. Poco alla volta di me è rimasta solo l’essenza. Tutto il resto è ricomposto giornalmente come un puzzle dalle persone che mi amano, dai colori della mia vita. Ognuno ha un suo ruolo ben preciso, chi agisce nel profondo riacciuffando i tasselli della mia razionalità, chi mi trasmette il suo entusiasmo, chi riesce sempre a strapparmi un sorriso o una risata, chi mi scuote con le parole crude che solo un amico vero si può permettere, chi…

View original post 102 altre parole

Anche fragile

dimensioneC

Tienimi su quando sto per cadere
Tu siediti qui, parlami ancora se non ho parole
Io non te lo chiedo mai
Ma portami al mare, a ballare
Non ti fidare
Sai quando ti dico che va tutto bene così
E perdonami, sono forte, sì
Ma poi sono anche fragile
Non serve a niente di particolare
Solo tornare a pensare che tutto è bello e speciale
Non si dice mai, ma voglio impegnarmi
Salvare un pezzo di cuore
Io non vivo senza sogni e tu sai che è così
E perdonami se sono forte, sì
E se poi sono anche fragile
Vieni qui
Ma portati gli occhi e il cuore
Io ti porto un gelato che non puoi mangiare
E piangiamo insieme che non piangi mai, mai
E non nasconderti con le battute, non mi allontanare
Invece dimmi cosa ti andrebbe di fare
E ridiamo insieme che ridiamo sempre, sempre, sempre

View original post 191 altre parole

Il Colorismo a Hollywood: Will Smith, troppo chiaro per interpretare Richard Williams

Farafina's Voice

Di recente annunciato come protagonista di King Richard, film che ritrae la storia di Richard Williams, leggendario coach e padre delle campionesse di tennis Serena e Venus, Will Smith è stato giudicato non adatto dagli internauti per via della sua carnagione “troppo chiara”.

Secondo alcuni, ci sono ben troppi attori bravi dalla carnagione scura in grado di interpretare con successo questa parte. I nomi di Mahershala Ali, di recente premiato agli oscars per il suo ruolo in Green Book, di Idris Elba e Morgan Freeman sono stati tirati in ballo per ricordare all’industria cinematografica che non mancano attori “scuri”. Si tratterebbe di un nuovo caso di “colorismo” a Hollywood.

Il Colorismo, termine coniato dalla premiata pulitzer Alice Walker da non confondere con razzismo, è una forma di discriminazione in cui le persone nere dalla pelle scura vengono devalorizzate rispetto a quelle dalla pelle chiara. Esso risale…

View original post 284 altre parole

L’Africa e il cambiamento climatico

Farafina's Voice

Del passaggio devastante del ciclone Idai in Mozambico se ne è parlato poco. Pochissimo. Si è parlato dei mille morti e della scomparsa di Beira e dei suoi 500mila abitanti, delle strade impraticabili dai soccorsi, delle comunicazioni interrotte, eccetera. Ma non si è parlato del perché sia successo. Non si è parlato del problema a monte: il cambiamento climatico. Perché? forse perché fa paura parlare degli effetti dell’inquinamento? La devastazione di cui il Mozambico è stato protagonista è solo uno dei tanti effetti del cambiamento climatico, che come tutte le cose che succedono in Africa, hanno poca risonanza in occidente.

Da molti anni a questa parte, abbiamo esercitato una forte influenza, in continua crescita, sul clima con varie attività inquinanti: combustione dei fossili (carbone e gas), deforestazione, allevamento intensivo. Tutte cose che hanno immesso per anni e anni grandi quantità di CO2, metano e ossido di azoto nell’aria, in…

View original post 367 altre parole

Messa a nudo

alessandrasolina

Amore è vira

Preferisco la verità

anche se atroce

alla menzogna.

Sempre e comunque.

Almeno posso decidere

se prendere parte ai giochi.

Non sono mai stata capace

di accettare compromessi.

E ora sono povera e sola.

Sono una fallita

al palo

di una periferia.

Ma a chi è nato maschio

non è stato chiesto:

lavoro o prole?

A me è successo.

E ho scelto mio figlio.

Sono stata un’incosciente.

Solo ora comprendo

che questo bambino

avrà solo il mio amore.

E una mamma che

è già vecchia per il mondo.

Io no.

Non mi sento vecchia.

E sono pronta per la

RIVOLUZIONE

View original post

Se questo è un uomo

alessandrasolina

schiele ivanomugnaini se questo è un uomo poesieDichiarazione (semiseria) dei diritti della donna

Se ti promette la luna

e ti dà le briciole.

Questo non è un uomo.

Se ti dice “ti amo”

come un contentino per femmine.

Questo non è un uomo.

Se ti porge una rosa

e non toglie le spine.

Questo non è un uomo.

Se dice cuori

e gioca picche.

Questo non è un uomo.

Se dice che sei il sole

e ti mette in ombra.

Questo non è un uomo.

Se ti è accanto nei bei momenti

e non nella cattiva sorte.

Questo non è un uomo.

Se ti fa piangere

Invece di ridere.

Questo non è un vero uomo.

*

A (semi-serious) declaration of the women rights

If he promises you the moon

and he gives you crumbs.

This is not a man.

If he tells you “I love you”

as a sop…

View original post 92 altre parole

Nonna Dina

Raggio di Sole

Ho scelto di nascere nella mia famiglia per mia nonna paterna. Sono convinta di questo. Ha modellato lo spirito imprenditoriale, altruista e creativo di mio padre, ha saputo tirare fuori il meglio in mia madre. Nel DNA aveva una risorsa indispensabile che io sento di possedere ma della quale non ho la completa padronanza: l’indipendenza e l’autonomia femminile.

Mia nonna ha saputo vedere nel progresso e nello sviluppo della città che avanzava un modello utile per abbandonare la vita che svolgeva allora in campagna, fatta di stenti e sacrifici.

Ha scelto un uomo mite, onesto, corretto e coraggioso e dopo la guerra che gli aveva lasciato brutti segni, si è costruito un mestiere per il quale ha ottenuto i riscontri necessari per poter crescere la sua famiglia lontano dalle tradizionali posizioni patriarcali che pretendevano di vedere tutti uniti sotto un unico tetto a condividere fatiche e prepotenze.

Mia nonna ha…

View original post 230 altre parole

Aspettative

Raggio di Sole

Lucia spesso dà il peggio di sé come in questo momento. È più forte di lei: quando si sente a disagio e nutre aspettative alte riguardo un evento a cui partecipa e per il quale si è immaginata un ruolo da protagonista, sognando ad occhi aperti lei al centro della scena e intorno una corona di amici e conoscenti ad ammirare la sua capacità di affascinare tutti, poi a contatto con la realtà ogni sforzo che produce è quello che le fa ottenere un risultato assai diverso. Così non sa come venirne a capo e comincia a scimmiottare se stessa, rendendosi ridicola, imbarazzando i presenti che non capiscono le motivazioni di un comportamento che sconfina nel clownesco.

Rendendosi conto del disastro appena commesso, per uscirne ed evitare di sentirsi responsabile di un simile assurdo comportamento, accusa addirittura chi le sta più vicino, scaricando la tensione con sfoghi verbali gratuiti verso…

View original post 59 altre parole

Nell’ombra sbiadita

Raggio di Sole

Gli unici spazi liberi ad Agaba beach oggi pomeriggio sono quelli non baciati dal sole. Gli altri raggiungono temperature piacevoli che incoraggiano la sosta all’aperto attorno ai primi tavoli apparecchiati per gustarsi un brunch primaverile davanti alla spiaggia ancora nuda, scomposta e selvaggia lungo la costa sotto il colle dell’Ardizio che scende spiovente a separare tra loro Fano e Pesaro.

Nei prossimi due mesi tutto il litorale sarà pettinato e disciplinato per abbellirlo di ombrelloni, sdraio e lettini ma nel frattempo lo si potrà gustare al naturale, appena messo il naso fuori casa e rimosso con cautela quell’esoscheletro che compone la protezione invernale.

Mi accontento di un tavolino proprio a ridosso della spiaggia, a fianco della staccionata che si interrompe subito dopo me per aprire il varco a chi arriva dal mare. È immerso nell’ombra che abbassa notevolmente i gradi centigradi dandomi un senso di scomodo benvenuto e la sensazione…

View original post 303 altre parole

Il guscio della cicala

Raggio di Sole

Ecco fatto!

Ho usato la piattaforma streetlib per scrivere il mio lungo racconto. È strutturato come un blog ma ha lo spazio per inserire i capitoli, la copertina e visualizzare le anteprime.

Noire me lo aveva fatto conoscere e in quattro mesi sono entrata più volte per proseguire la mia storia. Poi il sette marzo ho trovato il coraggio di chiuderla e provare l’esperienza di pubblicarla.

Non sapevo proprio a cosa sarei andata incontro. Ho seguito le istruzioni ma è decisamente più semplice fare che ascoltare.

Ho fatto due errori da principiante: il primo dovuto al fatto che fino ad allora avevo scritto articoli limitati sul blog, è quello della fluidità della storia. Mi spiego: non sono abituata a tenere traccia degli avvenimenti perché in duecento parole si apriva e chiudeva il mio articolo, in questo caso invece, se dico che la casa è in via Spoleto, poi dieci pagine…

View original post 376 altre parole

Pasticceria rococò

Raggio di Sole

Giorgia aveva assolutamente bisogno di premiarsi. Come ogni mese era stata dalla dietologa e il suo peso scendeva regolarmente di qualche etto. Vicino allo studio medico c’era una pasticceria tradizionale. La vetrina era la stessa da trent’anni, l’insegna illuminata al neon era sottile con un font simile a quello anni cinquanta. Le lettere C avevano un tondino in fondo ad una lineetta e uno alla base e anche la Erre formava un riccio in cima. Molto vezzoso.

All’interno il controsoffitto aveva più o meno vent’anni e le lucine piatte erano state sostituite da luci al led più economiche ma molto evidenti, formando una serie di viti luminose incastrate sul soffitto.

Mobili frigo al centro mettevano in bella mostra torte gelato di tutte le grandezze, divise tra quelle ricoperte di cioccolato e quelle con base al biscotto. Ognuna guarnita di coni piccolini, cialde rosse o verdi o cannoli al cacao. Alcune…

View original post 291 altre parole

Eccessi

Raggio di Sole

Sono seduta vicino ad un lampadario vivente questa sera. Il mio tavolo e il suo al ristorante sono quasi attaccati. Posso osservarla mentre cena ed io invece aspetto che la cameriera raccolga l’ordinazione.

La testa è un casco biondo platino, la montatura degli occhiali di color fragola, brilla dei riflessi della luce proveniente dal soffitto.

Gli orecchini sono un’opera d’arte nell’opera d’arte. Il pendente è un medaglione con il quadro di vermeer “la ragazza con l’orecchino di perla” e ha una perla appesa. Perle anche al collo con un filo che forma un doppio giro.

Ad un polso un bracciale bicolore arancio e nero spesso quanto quattro dita, equilibra l’altro polso su cui poggiano un orologio dorato e due bracciali con brillanti incastonati. Al dito medio un anello a forma di cerchio blu con brillanti al centro, attira l’attenzione. L’altro dito medio per compensare ne ha due di anelli, alti…

View original post 618 altre parole

Sotto il cielo d’Europa

Nuovi mondi

Secondo incontro del ciclo in vista del voto. Due europeisti, Joseph Weiler e Antonio Polito, elencano le debolezze dell’Unione. Prima fra tutte: il deficit democratico. Ma per far ripartire l’esperimento non basta che le procedure funzionino. Ecco perchéLuca Fiore

Certo, a un certo punto ci troveremo dentro il seggio elettorale con una matita in mano a dover mettere un segno sulla scheda. Il voto per le Europee è il 26 maggio, da lì uscirà il nuovo Parlamento. E se il ciclo di incontri “Sotto il cielo d’Europa” nasce proprio dall’occasione elettorale, ha spiegato ieri Lorenza Violini, docente di Diritto costituzionale alla Statale di Milano, è anche vero che lo scopo che si prefiggono gli organizzatori, il Centro Culturale di Milano, la Compagnia delle Opere e la Fondazione per la Sussidiarietà, è quello di offrire un’occasione conoscitiva, di approfondimento. Per arrivare al voto con le idee più…

View original post 1.172 altre parole

Un Dio che entra nella vita

Nuovi mondi

Sopravvissuta ai campi di lavoro forzato del regime di Pol Pot, l’ex intellettuale buddhista Claire Ly racconta la conversione al cattolicesimo. Il legame con un Dio che ha fatto irruzione nel silenzio della prigionia (da Tracce, febbraio 2013)Alessandra Stoppa

«Guardami. Sono stata brava. Devi applaudirmi». La sera, nella luce fioca del camerone, parla sempre e solo con lui. Il suo nemico. Gli ha anche dato un nome: “il Dio degli occidentali”. Non esiste, è solo l’oggetto mentale su cui concentrarsi: da seria intellettuale buddhista lo ha scelto per scaricare la rabbia e l’angoscia. Per non morire di dolore. E per non tradire la coerenza della via di mezzo che conduce al nirvana. «Nel buddhismo non si possono provare sentimenti negativi. E Lui era l’unico a cui potevo dire cosa stavo vivendo». Prigioniera della violenza di un killing field, i campi di lavoro forzato creati dal regime di…

View original post 1.350 altre parole

L’Annuncio all’Ardita

THE DIETRICH BAR, LAND OF NOD

- MIKE STEEDEN -

dietrich3

Since the day she first showed up, Eve had always had a soft spot for the idiosyncratic yet intimate Dietrich ‘occasional restaurant come bar’ within the vast ‘Casino Eden’. Later, after I had won her body, if not yet her soul on the spin of the roulette wheel, we would regularly dine together there, although less so of late due to the circumstances born of the rise of hard right factional politics that, by way of ruthless disapproval, coupled with bona fide threats, had blunted Bohemian merrymaking.

Unlike the larger, brassier, showy dining rooms throughout my casino complex, the Dietrich had that certain undefinable magic feel about it only the free-spirited would understand. Discreet with a pinch of clandestine decadence summed it up.  I, to the annoyance of others, habitually referred to it as my contradictory provocative overt hideaway. Overly wordy yet true. Defused illumination, under a still-life haze of…

View original post 643 altre parole

NEWS OF BREXIT ISSUES REACHES THE FOREIGN OFFICE IN LONDON

- MIKE STEEDEN -

rees-mogg2

“I say Carruthers, I’ve heard tell Jacob is racist. What pray do you make of that my friend?”

“Who the bleddy hell is Jay Cobb when he’s at home?”

“I think you got the wrong end of the stick old chum, it’s Jacob Rees-Mogg who’s racist.”

“Good Lord, so Rees-Mogg is aka Ray Cyst. Doesn’t surprise me, mind. I always knew he had a thing for a gal named Kath Licks, but to go undercover and adopt a dual identity using the name Ray Cyst, thus making it easier to covertly get his leg across as and when, I find astonishing. I pity his poor wife. He needs a sound horse-whipping in my book.”

“Je ne comprends pas?”

“Kath Licks! Some Irish bint he bonks when the fancy takes. No one’s ever met the girl though, notwithstanding we all know what the two-timing devil is up to. Kath Licks this…

View original post 470 altre parole

FANNY, I THINK OF YOU OFTEN

- MIKE STEEDEN -

fanny actual book cover

Good Lord, I’m quite taken aback. My latest book has only just this minute been listed on Amazon and look at all these fabulous reviews and messages I’ve received from the fabled and the famous. These are just a mere sample.

Marilyn Monroe: “I can’t thank you enough, Michael. It’s about time the truth was told. Yes, to my shame my life was blighted by flatulence, although in fairness such gusts of malodorous wind emanating from my BTM did ensure me iconic status when I released a smelly humdinger of colossal proportions and as a result my little white dress blew up while I was standing over an ineffectual subway grate in New York on the set of ‘The Seven Year Itch’ movie. I can’t thank you enough for including the tale of my dire plight when writing this book, a frankly outstanding piece of modern English literature.”

Audrey…

View original post 403 altre parole

‘WHATEVER HAPPENED TO EVE?’

- MIKE STEEDEN -

eve cover art best quality art suchet feather-2

‘WHATEVER HAPPENED TO EVE?’

by

Shirley Blamey & Mike Steeden

“Clouds above, what is this bloke on? He only introduced a new book a week or so ago…now another? Is the man off his head?”

Probably I am, however in my defence this one is more than a tad different from its forebearer. Firstly, a poles apart genre; secondly, it is co-authored with Shirley Blamey. It’s name is ‘Whatever Happened To Eve?’

Eighteen months previous I commenced collecting ever willing words for this story. A third of the book complete, the new words arriving were a motley crew who took it upon themselves to mutiny. Plainly, I was left with little choice but to have them walk the plank.

Then a stroke of good fortune. It was in September last year, having suffered a freakish eye injury some months previous that had slowed my progress down to a snail’s…

View original post 519 altre parole

Amore per sempre

Morirò quando la vita mi lascerà senza parole

Quando nasce un amore

i pianeti non si allineano,

i fiori non sbocciano,

all’orizzonte non ci sono tramonti, né albe,

il mare non è più bello del solito,

le frasi dei libri non cambiano significato,

le canzoni non cambiano le note e parole

I pensieri non diventano meno pesanti.

I colori non sono più accesi.

Le persone non migliorano.

Il tempo non aumenta.

I sogni non diventano realtà.

L’universo non si espande.

La luna non è più grande.

Il prima o il poi non diventa mentre.

Si trasforma solo tutto per sempre.

Poesie Premiata ai Concorsi Letterari:

Una città che scrive 2018”
XXIX° Edizione Premio Belli
Premio Montegrappa 2019

View original post

Signore e signori, buonanotte – Agenore Incrocci, Leo Benvenuti, Luigi Comencini, Piero De Bernardi, Nanni Loy, Ruggero Maccari, Luigi Magni, Mario Monicelli, Ugo Pirro, Furio Scarpelli, Ettore Scola (1976)

Morirò quando la vita mi lascerà senza parole

Paolo T. Fiume: Siamo qui in Piazza Montecitorio in attesa di una personalità che in questi giorni è al centro di vivaci polemiche e sconcertanti interrogativi. Oh ma, eccolo. Signor Ministro mi consenta alcune domande per conto di Tg3.

Ministro: Purché si sbrighi, per favore.

Paolo T. Fiume: Lei è al corrente delle gravi accuse che le sono state mosse riguardo ai fondi sottratti alle mense degli orfani? Si parla di duecento miliardi.

Ministro: Certo, certo che ne sono al corrente.

Paolo T. Fiume: Ecco, e non crede che sarebbe opportuno in attesa di conoscere la verità, di dare le immediate dimissioni dalla sua alta carica?

Ministro: Giovanotto, dimettermi mai. Questa sarebbe una mossa sbagliata.

Paolo T. Fiume: Lei vorrebbe dire che le sue dimissioni sarebbero un implicito riconoscimento delle accuse?

Ministro: Ma no, no, io non mi dimetto per combattere la mia battaglia da una posizione di privilegio! Dal…

View original post 165 altre parole