Avrei.

Memorabilia

Avrei bisogno di sognare

che esiste un universo a parte questo

Avrei bisogno di sentire

l’acqua scivolare sul mio corpo

Avrei bisogno di volere

che la vita non fosse solo questa

Avrei bisogno di sperare

che porte e porti fossero sempre aperti

Avrei bisogno che una donna

non fosse solo un culo

Avrei bisogno di più poeti

e meno esperti di economia

Avrei bisogno di uno spazio

per sentirmi sempre a posto

Avrei bisogno di meno tempo

per capire che ho più tempo

Avrei bisogno dell’amore

per non cedere mai al rancore

Avrei bisogno di viaggiare

per apprezzare le radici

Avrei bisogno di parlare

per smettere di dire

Avrei bisogno di ascoltarmi

per smettere di sentirmi

vittima o carnefice

dei miei stessi turbamenti.

View original post

Isn’t it romantic? || Recensione flash della nuova commedia Netflix

Il Lettore Curioso

Buongiorno lettori! Oggi voglio parlarvi di una commedia approdata ieri su Netflix Italia, e che negli Stati Uniti invece è uscita nelle sale cinematografiche: Isn’t it romantic? (Non è romantico?)

Rebel Wilson è Natalie, un architetto di New York, con una vita piuttosto ordinaria: un minuscolo appartamento con un letto a castello, poca considerazione sul lavoro e insuccesso nella vita amorosa.

Su insegnamento della madre, Natalie è cresciuta odiando i cliché tipici dei film romantici e molto lontani dalla vita vera. Ma quando viene derubata in metropolitana e prende una brutta botta in testa, la donna si risveglia all’improvviso proprio dentro una commedia romantica. Il suo lavoro va a gonfie vele, ha un appartamento enorme e tutti gli uomini sono interessati a lei: Un vero incubo!

Da grande appassionata di film romantici non potevo lasciarmi sfuggire anche questa pellicola, che prende in giro tutti i cliché che conosciamo, ma abbiamo…

View original post 330 altre parole

Momenti di poesia. Ho visto di Rossana Angeli

Momenti di poesia. Ho visto di Rossana Angeli

visto

Ho visto
di Rossana Angeli

Ho visto il tempo
portar via l’attimo
fra le dita e condurre
la sua partita
tra le scale della vita.

Ho visto maschere
appese sulle mura
di tanta falsitá.

Ho visto me stessa
in una pozzo di tanto dolore.

Ho imparato
a vedere la luce
del sole.

Non importa quello
che la gente dice
quando ho te nel cuore.

In fondo la vita é un salto
di qualita é c’é chi vuol
affogare nella sua oscuritá.

Mi dispiace signori,
non mi porterete
nel vostro buco
nero di tanta malignitá.

Quale ruolo è giocato dal corpo nella reazione emotiva?

Creando Idee

Esiste uno stretto rapporto tra quasi tutte le emozioni e la loro manifestazione corporea. Le emozioni si esprimono sempre anche con una particolare partecipazione del corpo che viene chiamata “attivazione fisiologica”.Tale reazione corporea provoca fenomeni come l’accelerazione o il rallentamento del battito cardiaco, la variazione degli atti respiratori, il pallore o il rossore del viso, la sensazione di secchezza in bocca, la dilatazione delle pupille, la sudorazione, ecc. Tutte queste manifestazioni del corpo possono accompagnare l’emozione; una volta cessata l’emozione il corpo torna al precedente equilibrio.Il nostro corpo, esprime emozioni anche attraverso le espressioni del viso, il tono della voce e la postura ad esempio, un modo di camminare dritto può esprimere soddisfazione e gioia, così come una posizione ripiegata in sé può esprimere tristezza e una posizione corporea molto contratta rimanda ad un’idea di forte ansia o di rabbia.I movimenti e le manifestazioni espressive del viso e del corpo…

View original post 155 altre parole

Le nuove tendenze green

Creando Idee

Come per moda e food, anche il giardinaggio ha le sue tendenze, eccovi quella dei micro giardini. Non confondeteli con i bonsai giapponesi, gli alberi in miniatura che con il loro mistero hanno conquistato tutto il mondo, i micro giardini sono veri e propri mini prati con diverse specie di fiori e piante, naturalmente di dimensioni ridotte. Dedicarsi alla esecuzione di micro giardini, è una medicina naturale per corpo e anima. Il contatto con la vegetazione infatti, riduce lo stress, aiuta i livelli di concentrazione e rende più felici. Dopo l’orto in casa, la tendenza che vedeva protagonisti gli ortaggi da auto produrre sui terrazzi, ecco che i micro giardini entrano nelle case degli appassionati di giardinaggio. I micro giardini, possono essere realizzati con qualsiasi tipo di pianta, dalle erbe aromatiche alle piante grasse, ma ovviamente le piante tropicali sono quelle più ambite. Per realizzare un micro giardino

View original post 102 altre parole

Momenti di poesia. Mai, di Vittorio Zingone

Momenti di poesia. Mai, di Vittorio Zingone

Mai

Mai si sara’ simpatici
A chiunque
In questo mondo.

Incontrerai sulla strada che percorri
Gente cui mancherai
Se te ne dovessi andare,
Poi, per sempre;
Altra per cui la tua vita
Sara’ niente.

Ma si deve vivere ugualmente
Nato che sei in questo sistema di cose
Caduco, contingente.

Sono uno che combatte,
Non si da’ per vinto;
Stringo i denti;
Nelle piu’ dure tempeste,
Costi quel che costi,
Vado avanti
Continua a leggere “Momenti di poesia. Mai, di Vittorio Zingone”

Acrostico. NOTE DI VITA, Loredana Mariniello

Acrostico. NOTE DI VITA Loredana Mariniello

note di vita.jpg

ACROSTICO DELLA FRASE : “NOTE DI VITA “

N obilitano l’anima nenie lontane,
O rchestrano l’ignota musica dell’avvenire,
T ripudio di gioia o dolente dolore,
E straggono dal cuore rose e spine,

D iscolpano errori, carezzano desideri,
I nneggiano poetici maestosi madrigali,

V olteggiano nell’aria, come gabbiani in volo,
I nfatuate del passato sì come del futuro.
T ratteggiano nel cielo un pentagramma di stelle
A ncelle dell’amore, del sogno pie damigelle.

Momenti di poesia. LE NUVOLE DI MARZO, di Mariangela Ottonello Matteo Vigo

Momenti di poesia. LE NUVOLE DI MARZO, di Mariangela Ottonello Matteo Vigo

LE NUVOLE DI MARZO.jpg

LE NUVOLE DI MARZO

Portano a spasso nel cielo
ariosi pensieri.
Soffici nuvole bianche
di primavera.
A naso in su mi perdo
nello spazio azzurro.
Bevo la luce come un’assetata.
Corolle candide fioriscono
tra i rami nudi.
Non sono fiori, ma sogni.
Vaporose nuvole che viaggiano
nel cielo di marzo.

Mariangela Ottonello 09/03/2017

Mi illumino di meno un iniziativa a favore dell’ambiente

Creando Idee

“M’illumino di meno”, ideato nel 2005 da Caterpillar, promuove dalle 20 alle 22 del primo marzo di spegnere le luci a favore dell’Ambiente. In particolare, l’edizione 2019 è dedicata all’economia circolare. L’imperativo è riutilizzare i materiali, ridurre gli sprechi, allontanare “il fine vita” delle cose Quest’anno, tra i luoghi che gireranno l’interruttore in favore del buio ci saranno,: il Palazzo del Quirinale, il Ministero per l’Ambiente, la Camera e il Senato a Roma; il Castello Sforzesco a Milano, Piazza San Marco a Venezia; il Teatro Massimo di Palermo; il Lungo mare ad Alghero; il Municipio in piazza Unità d’Italia a Trieste; e le Gallerie d’Italia di Milano, Napoli e Vicenza, quest’anno aderiranno anche i parchi nazionali e le aree marine protette. Un segnale di quanto sia importante spegnere lo spreco energetico e accendere l’attenzione sul mare, nostro patrimonio importantissimo.La parola d’ordine del 2019 inoltre è  “Ri-generare”, e può condurre in…

View original post 32 altre parole

Momenti di poesia. Rimirando la strada del sonno, di Roberta Calati

Momenti di poesia. Rimirando la strada del sonno, di Roberta Calati

Rimirando la strada del sonno

Rimirando la strada del sonno
che ho percorso resto
fermamente
convinta che rifarei tutto
i miei mille errori e le mie cento cose giuste
ammirando quest’alba ricucita sull’ultima mia incertezza

Non m’importa se svengono le mie sicurezze nella notte fonda
ne faro’ bagaglio chiuso nella stiva di una nave che naviga cambiando destinazione
sfumando al tramontare delle ore se pur
Impaurita
saro’ protagonista di un gesto perfetto ad un passo dal mare
Stendero’ frasi di una canzone al vento
cantata ad alta voce
per svegliare un giorno in piu’… sopravvivendo
con la stessa risata
tenendo in mano una canzone intitolata …

Sara’ la voce del mare

Roberta Calati

Momenti di poesia. FLOWER, di Giuliano Saba

Momenti di poesia. FLOWER, di Giuliano Saba

FLOWER.
(Fiore).

Dalle tue labbra ho bevuto :
Eccitazione,amore ,
dolore, rabbia
e delicate emozioni.
Le fantasie delle mie mani
hanno ucciso le tue paure.
hanno cercato i tuoi occhi
carichi di sensualità.
Le dita
hanno giocato a nascondino
nel tuo monte di Venere
cercando la sorgente
dove potersi dissetare
per poterti appagare.
Ho poi vagabondato
e baciato
le pareti della tua serratura,
l’ho inumidita,
e dopo ho inserito la chiave.
E nell’intimo ti sei ritrovata
in nuovi orizzonti,
Tornando ad amare,
a sognare
ma soprattutto
ad essere te stessa.
Quella che da tempo avevi smarrito.
)( Giuliano Saba )( Gonnosf .2000

La Fattoria Degli Animali (parlando di libri) di Fioralba Focardi

Chissà quanti di voi hanno letto ” La Fattoria degli Animali” di George Orwell, un libro che a oggi potrebbe essere considerato attualissimo, per le varie vicende politiche mondiali.

La storia si svolge in una fattoria dell’Inghilterra , dove gli animali vengono sfruttati dagli uomini, fino al giorno in cui gli animali dopo una riunione notturna, decidono di fare la rivoluzione, riprendere possesso della terra e della loro natura, liberi da ogni costrizione. La rivoluzione viene portata avanti da tre maiali che a unanimità vengono eletti rappresentanti dei loro diritti. Così sconvolgono e sovvertono l’andamento della Fattoria. Sembrerebbe andare tutto bene ma gli animali fedeli alla lotta sono tenuti all’oscuro dei piani dei tre maiali. L’inizio della rivoluzione è idilliaco, ma poi si rivelerà alla fine una schiavitù peggiore di quella dell’uomo. I maiali piano piano diventeranno sempre più simili agli uomini, creando quella diseguaglianza che l’egoismo e la supremazia sugli altri sa creare. Il potere ha cambiato padrone, ma non ha partorito ciò per cui la rivoluzione era nata.

Il libro finito di scrivere da Orwell ai primi del 1944, fu stampato nel 1945, dopo la fine della seconda guerra mondiale, rifiutato da molti editori per la trama troppo simile alle vicende dell’Unione Sovietica. Ma la Fattoria degli Animali ha una sua logica attualissima: la dove non esiste cultura e libero scambio culturale, la schiavitù è a portata di mano dei fautori dell’ignoranza.

Il cereale alessandrino si tinge di “Oro”, di Lia Tommi

E’ partito da Coldiretti nel 2014 l’innovativo progetto di filiera cerealicola “Harmony – il patto del grano buono” per il biscotto più amato dagli italiani
Il cereale alessandrino si tinge di “Oro”
Numeri importanti per un territorio dalla forte vocazione a “grano biscottiero”

Era il 2014 quando Coldiretti capì che dal campo alla tavola la prima colazione degli italiani poteva avere un sapore decisamente alessandrino.
E nel 2015, dopo incontri e confronti con il colosso Mondelez, il progetto di filiera “Harmony” divenne realtà.
Le indiscusse qualità del frumento tenero prodotto in provincia, conosciuto anche come “biscottiero”, oggi porta numeri importanti destinati a crescere.
Un progetto di filiera che si inserisce nell’ampia progettualità economica di Coldiretti, in grado di offrire alle aziende più reddito e competitività sul mercato per trasferire i valori dell’agricoltura al prodotto, generare valore per le imprese, produrre vantaggi per il consumatore.
Ieri come oggi gli attori che hanno visto nel “patto del grano buono” una carta vincente sono Coldiretti, Consorzio Agrario delle province del Nord Ovest, CadirLab, Molino Nova e, ovviamente, Mondelez.
“Harmony – il patto del grano buono” si basa su quattro pilastri fondamentali: collaborazione, agricoltura sostenibile, biodiversità e tracciabilità.
Sono queste le basi sulle quali poggia questo progetto di filiera europeo, sostenuto in Italia da Coldiretti Alessandria con gli altri partner, un accordo che prevede per l’industria la sicurezza di “lavorare” un prodotto completamente tracciato.
“Un grande obiettivo raggiunto e una grande opportunità per la cerealicoltura della provincia. I contratti di filiera prevedono la messa a dimora di specifiche varietà, in modo da soddisfare le esigenze del territorio. Sono questi gli aspetti rilevanti dell’accordo che trova nel Consorzio Agrario del Nord Ovest la risposta ad un concetto di sviluppo integrato del territorio e delle sue risorse che mettono al centro la persona, prima ancora dell’azienda”: queste le parole di Mauro Bianco presidente Coldiretti Alessandria commentando il ritorno della notizia sui media.
“Circa dieci le cultivar che sono state scelte, il meglio del mercato per le nostre finalità e per i terreni alessandrini. – ha aggiunto il direttore Coldiretti Alessandria Roberto Rampazzo – I contratti di filiera rappresentano la carta vincente per una gestione diretta del prodotto dopo il raccolto, per sottrarlo alle speculazioni che si sono spostate dai mercati finanziari a quello dei prodotti agricoli con ripercussioni sui prezzi e sulla programmazione dell’offerta. Harmony è un progetto di respiro europeo in continuo sviluppo che risponde in pieno alle esigenze del consumatore”.
Un passo in avanti per offrire nuove prospettive di mercato, nonché una partnership importante che evidenzia ancor di più il ruolo della provincia di Alessandria quale riferimento nazionale in ambito cerealicolo, in modo particolare quando di parla di frumento tenero biscottiero.
Una sfida ambiziosa e concreta con l’obiettivo di saldare sempre di più il legame del prodotto con il territorio in grado di trasferire le esigenze del trasformatore su tutta la filiera, dall’agricoltore al consumatore finale, rendendoli visibili e riconoscibili.
Ci siamo riusciti? “Pensiamo proprio di sì”, ha concluso il presidente Bianco.

ARAL: impianto di Castelceriolo libero dai rifiuti. Ripartono tutti i conferimenti

ARAL: impianto di Castelceriolo libero dai rifiuti. Ripartono tutti i conferimenti

Castelceriolo: La società Aral spa ha comunicato, questa mattina, al Comune di Alessandria di aver completato il piano di svuotamento concordato con gli Enti competenti e, pertanto, tutte le aree dell’impianto di  Castelceriolo, soggette a prescrizioni di Vigili del Fuoco, ARPA e Provincia di Alessandria, sono ora libere dai rifiuti. Lo svuotamento dell’impianto permette la ripresa del normale flusso di conferimenti.

ARAL 1ARAL 2ARAL 3ARAL 4ARAL 5

Dallo scorso 28 dicembre, inoltre, ha riaperto la sottovasca della discarica di Solero e dal 18 febbraio sono ripresi i conferimenti degli altri rifiuti ad eccezione degli ingombranti che riprenderanno fra pochi giorni.

Apprendiamo con grande soddisfazione l’esito del risultato del lavoro della nuova Governance di ARAL, che ringraziamo, in merito non solo al deposito del piano di concordato presso il Tribunale di Alessandria, ma anche per lo svuotamento complessivo di tutte le aree illegittimamente occupate dai rifiuti stoccati nel corso del tempo – hanno dichiarato, di concerto, il sindaco della Città di Alessandria, Gianfranco Cuttica di Revigliasco e l’assessore all’Ambiente, Paolo Borasio -. Finalmente ARAL può riprendere a lavorare a pieno regime senza causare ulteriori problematiche ad Amag Ambiente, ad AMV e, conseguentemente, ai cittadini dei comuni soci. Ora ci auguriamo un esito positivo della procedura concordataria, convinti come siamo che ARAL possa diventare una società in grado non solo di trattare e smaltire rifiuti, ma anche di produrre utili finalizzati sia al pagamento dei creditori concordatari, sia ad attuare un sostanzioso piano di investimenti a garanzia del futuro della società”.

Atp finals, Roberto Rosso (Fdi): “Non si capisce se sia maggiore l’odio dei 5stelle per Torino o l’irrilevanza politica di Appendino” 

Atp finals, Roberto Rosso (Fdi): “Non si capisce se sia maggiore l’odio dei 5stelle per Torino o l’irrilevanza politica di Appendino” 

Torino: “È paradossale che un governo che vede i 5stelle controllare i due terzi dei ministeri e dei sottosegretariati, non riesca a trovare quattro soldi per una delle due grandi città che amministrano. A questo punto viene da chiedersi se sia maggiore l’odio che provano per Torino, oppure l’irrilevanza politica di Appendino stessa”.

roberto_rosso_03

Roberto Rosso, capogruppo di Fratelli d’Italia in Consiglio comunale, interviene sulla mancata fideiussione per le finali Atp alle quali Torino si vorrebbe candidare.

“Settantuno milioni, per un Governo, equivalgono a 7 euro per un normale lavoratore. Se per i 5stelle la compagna di partito Chiara Appendino non vale nemmeno 7 euro, siamo ben messi”.

Continua il rappresentante di Fdi: “E’ chiaro che i 5stelle in qualche modo odino Torino. Non vogliono il Tav, si disinteressano della grave crisi sociale ed economica che sta vivendo la città, bocciano qualsiasi proposta arrivi dal nostro territorio, stanno abbandonando l’aeroporto che controllano attraverso Cassa depositi e prestiti: ora non trovano nemmeno i soldi che assicurerebbero comunque una vetrina quinquennale al capoluogo piemontese. Verrebbe da ridere, se la situazione non fosse così grave”.

Giornata inutile

Anna & Camilla

Ieri oltre a fare il corso d’inglese, molto utile, per tutto il resto della giornata mi sono persa letteralmente nei miei pensieri e nella mia testa.

Non so realmente come sono riuscita a concludere la giornata, ho fatto quello che dovevo fare ma non ricordo esattamente come.

Mi sono persa, dove sono stata non si sa, ma il bello di tutto ciò che alla fine ero pure stanchissima.

Speriamo di scendere alla prossima fermata, ma ancora non è arrivata!

View original post

Piste del sogno, di Franco Bonvini

https://bonvinifranco.wordpress.com/2019/03/01/piste-del-sogno/

Io ci provo ancora, il giorno.
Imbocco il sentiero che s’ addentra nel bosco
e che seguendo la vecchia ferrovia arriva alla cava da cross,
dove l’ argilla rossa appesantiva le ruote
e le ruote si ribellavano schizzandola ovunque.
Il sentiero è cambiato
la vecchia ferrovia non si vede più
coperta d’ erba e terra
e gli alberi che mi guardavano e guardano passare sono più alti,
così sembro più piccolo,
ma li riconosco, e anche loro credo
e tra qualche giorno vestiranno a fiori
per il prossimo passaggio.
Qualcuno è caduto lungo il sentiero
e rallenta il passo
già lento di suo
altri si son fatti belli,
di altri restano solo le radici.
La cava invece non è cambiata,
lì sono cambiato io,
l’ argilla rossa in questo giorno di sole
impolvera solo un poco le scarpe,
questa bici non ce la fa
la devi accompagnare alle salite
e non decolla verso il cielo.

E così la sera.
Imbocco il sentiero che s’ addentra nei sogni
e che seguendo vecchie piste arriva alle stelle,
fin dove le stelle correvano e giocavano
e io correvo con loro.
Anche qui il sentiero è cambiato
le vecchie piste non si vedono quasi più
coperta di bollette e impegni, e fastidi
ma le stelle che mi guardavano e guardano passare sono infinite,
così sembro sempre io il più piccolo,
e le riconosco, e anche loro credo
qualcuna manca
altre hanno forme familiari
e tra un po’ brilleranno più forte
per quando tornerò lassù.

Non così la notte.
Dentro il sogno nessuna mancanza
e i più bei sogni giocano ancora tra le mani.

Continua a leggere “Piste del sogno, di Franco Bonvini”

“Così in cielo, così in terra…o no? Uso e abuso dell’archeoastronomia”

“Così in cielo, così in terra…o no? Uso e abuso dell’archeoastronomia”

Conferenza con Adriano Gaspani in Biblioteca.

Serravalle Scrivia: Venerdì 8 marzo, alle 21.00, presso la Biblioteca Comunale di Serravalle Scrivia, tornerà l’archeoastronomo Adriano Gaspani con una conferenza dal titolo:

“Così in Cielo, così in Terra… o no? Uso e abuso dell’Archeoastronomia”.

adriano Gaspani_8 marzo 2019.jpg

Il brillante studioso, ormai noto nella nostra zona per aver condotto, presso la Biblioteca “Roberto Allegri”,  conferenze di grande interesse riguardanti il sito archeologico di Libarna, questa volta si occuperà delle bufale che circondano l’archeoastronomia.

Si tratta di un argomento quanto mai attuale in un’epoca come la nostra in cui la bufala, in quanto affermazione falsa e inverosimile, è sempre più protagonista sia come fenomeno di disinformazione in vari campi, sia come strumento di discredito nei confronti di attività di ricerca di avanguardia o denuncia (una per tutte il surriscaldamento globale), che vanno a scontrarsi con importanti interessi.

Ecco come ce ne parla il Professor Gaspani: “L’Archeoastronomia è una scienza multidisciplinare affascinante che si propone di ricostruire l’idea del cielo, del cosmo e del tempo diffusa tra le popolazioni che anticamente fiorirono in innumerevoli luoghi sulla Terra. Come ogni disciplina essa può essere praticata con rigore, ma anche molto approssimativamente. L’Archeoastronomia però ha una caratteristica unica, ma molto pericolosa, ed è quella di essere molto coinvolgente ed entusiasmante, quindi è necessario un approccio molto prudente e rigoroso. Continua a leggere ““Così in cielo, così in terra…o no? Uso e abuso dell’archeoastronomia””

Fumare durante la gravidanza aumenta il rischio di ADHD 3 volte

ORME SVELATE

Uno studio epidemiologico condotto dal Centro di ricerca per la psichiatria infantile dell’Università di Turku in Finlandia ha mostrato che più alti erano i livelli di cotinina nel sangue della madre durante la gravidanza, maggiore era il rischio del bambino di sviluppare il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) più tardi nella vita. Globalmente, è il primo studio in cui è stata dimostrata la correlazione tra esposizione fetale alla nicotina e diagnosi di ADHD misurando i livelli di cotinina da campioni di siero materno in gravidanza. Nonostante i suoi comprovati effetti negativi sullo sviluppo fetale, fumare durante la gravidanza rimane un importante problema di salute pubblica. Durante il 2017, circa il 12,5% di tutte le donne incinte in Finlandia ha fumato durante la gravidanza e il 7% ha fumato regolarmente durante la gravidanza. L’esposizione al fumo materno è associata a vari esiti perinatali avversi. Un’associazione tra fumo materno…

View original post 297 altre parole

Lettera aperta ai leaders della città di Alessandria.

Cari leader della città,

siamo i rover e le scolte (ragazzi dai 16 ai 21 anni) dei gruppi scout Alessandria 1 e Alessandria 3.

Ogni anno ci ritroviamo insieme per celebrare una giornata importante per lo scoutismo: il Thinking Day.

In questa data ricordiamo il compleanno del nostro fondatore Robert Baden-Powell ed è sempre un’occasione di incontro e confronto su grandi tematiche di interesse per la nostra comunità.

Quest’anno il tema proposto era la leadership e abbiamo ascoltato le testimonianze di alcune persone provenienti dallo scoutismo e che ricoprono un ruolo di leader in diversi ambiti: dal volontariato alle istituzioni, dalla scuola al mondo del lavoro.

Abbiamo poi voluto metterci in gioco per individuare alcune problematiche del nostro territorio per cercare insieme di offrire delle soluzioni, nello spirito di cittadinanza attiva e partecipazione che lo scoutismo ci insegna.

 

Di seguito troverete alcune delle nostre proposte.

Vi informiamo che questi progetti sono frutto di una simulazionegiocata in cui ogni squadra poteva lavorare a una sola problematica, scelta tra diverse criticità portate all’attenzione da ciascuno di noi. Ogni gruppo ha poi conquistato determinate risorse e strumenti utili alla realizzazione del progetto (budget, licenze, collaborazioni, risorse umane, ecc.) che, ribadiamo, sono frutto di una simulazione/un gioco e che quindi non sono stati modulati sulle vere esigenze e disponibilità dell’eventuale progetto.

 

COLLEGAMENTI CON LA PERIFERIA E TRASPORTI PUBBLICI

Il problema di cui vorremmo discutere è una rete di trasporti pubblici troppo poco efficiente in periferia, con svantaggi nei confronti di chi ci vive, specialmente i giovani e gli anziani. Proponiamo una cooperazione con ditte o aziende specializzate in trasporti e relative tecnologie al fine di avere un impatto ambientale minore e costi contenuti. Questa collaborazione offrirà inoltre l’aiuto di professionisti che eserciteranno controlli per non avere evasori. Il budget è contenuto e servirà per finanziare il primo anno di progetto per l’intera rete di trasporti sia limitrofa che cittadina.

 

ASSENZA DI MOMENTI DI CONFRONTO E SVAGO TRA I GIOVANI RAGAZZI ALESSANDRINI

Nome del progetto: “È tempo di svecchiare”

Problema: assenza di momenti di confronto e svago tra i giovani ragazzi alessandrini

Progetto: organizzare eventi culturali come concerti, conferenze, laboratori e manifestazioni sportive utilizzando spazi locali poco valorizzati (come la Cittadella, la Caserma Valfré, il Forte Acqui, la Casa di Quartiere, il Campo Scuola) e l’Università.

Tempi: 1 ogni 2 settimane

Risorse a disposizione: pubblicità, manifesti, tecnologie, risorse umane >10, spazi/ufficio, professionisti del settore.

Svolgimento del progetto: coinvolgimento di giovani alessandrini come risorse umane, che si occupino di creare le pubblicità sui manifesti, di contattare i professionisti (professori, musicisti, scrittori, atleti…) per organizzare gli eventi trovando lo spazio/luogo adatto. Sfruttare le tecnologie in base al budget che disponiamo e alle risorse di cui il posto dispone.

 

ASSEMBLEE DI ISTITUTO CON CONTENUTI POCO STIMOLANTI E OCCASIONI FORMATIVE LIMITATE IN AMBITO SCOLASTICO

Nome del progetto: “Creiamo cultura insieme”#investinyourfuture

Problematica: assemblee di istituto con pochi contenuti e occasioni formative in ambito scolastico limitate

Tecnologie: strumenti di supporto alle conferenze

Intervento di professionisti ed enti associativi

Esempi di conferenze: educazione sessuale, sensibilizzazione alla differenziata, introduzione a professioni innovative, sensibilizzazione/educazione civica, relazionarsi con le diversità, educazione al giusto utilizzo delle tecnologie.

 

CREAZIONE DI UN’AREA VERDE PER IL TEMPO LIBERO E LO SPORT

Indirizzata al Sindaco:

La contattiamo per richiedere una sua opinione in merito alseguente progetto: la creazione di un’area verde dedicata al tempo libero e all’attività sportiva.

Avendo a disposizione un budget consono e un appezzamento di terreno in Zona ORTI, abbiamo la possibilità di realizzare un sentiero/percorso salute e di pagare le risorse umane necessarie. Proponiamo anche la collaborazione con enti che possano mettere al servizio degli altri le proprie capacità. Le licenze ristorazione che abbiamo ottenuto ci permetteranno di realizzare un punto ristoro in un luogo panoramico lungo il percorso.

Vorremmo infine proporle l’utilizzo della tecnologia per pubblicizzare l’iniziativa sulle piattaforme social network e per la costruzione di attrezzi sportivi che verranno posizionati nell’area verde. 

 

Vi ringraziamo per l’attenzione e speriamo che queste proposte non restino solo idee ma possano diventare progetti concreti per lasciare questo mondo un po’ migliore di come l’abbiamo trovato!

 

Buona Strada

 

Clan del Nord AL1 & Clan Croce del Sud AL3

‘Gli animali raccontano’ … in Biblioteca Sabato 2 marzo nelle sale rosse

‘Gli animali raccontano’ … in Biblioteca Sabato 2 marzo nelle sale rosse

Alessandria: Sabato 2 marzo, alle ore 10.30, nelle sale Rosse della Biblioteca Civica “Francesca Calvo”  si svolgerà la presentazione del  libro di favole ‘Gli animali raccontano’ di Milva Gaeta Gallo e Anna Vaglia Capra, rispettivamente autrice e disegnatrice del testo.

present locandina 2 marzo corretta

Il libro, già presentato nel dicembre 2017 nella sala Consiliare del Comune di Alessandria, su richiesta dei lettori, viene nuovamente riproposto dalle due autrici alessandrine. Il ricavato della vendita dei libri sarà nuovamente devoluto in beneficenza all’associazione ATA (Associazione Tutela Animali) che si occupa della gestione e della tutela dei canili e del gattile comunali.

Come Assessore al Welfare Animale non posso che essere contento dell’iniziativa frutto dell’ingegno di due alessandrine e mie care amiche, Milva Giuliano Gallo e Anna Vaglia Capra – ha commentato l’assessore al Welfare Animale, Giovanni Barosini -. Sarà per i cognomi ‘animaleschi’, sarà per la loro formazione e il loro cuore che hanno deciso di fare qualcosa di significativo per la cittadinanza e, in particolare, per una sua componente molto importante: gli animali abbandonati o maltrattati di cui il Comune e il mondo del volontariato si prendono cura. Con il loro estro e il loro sapere, rendono gli animali protagonisti di varie storie, come avrete modo di leggere,  storie di fantasia, certo,  ma con grandi fondamenti di verità, di insegnamenti, di valori… Questo è il secondo libro di “Nonna Milva” … ma vi preannuncio già che l’avventura dei nostri “amici” – e delle nostre due autrici..-  continua….” Continua a leggere “‘Gli animali raccontano’ … in Biblioteca Sabato 2 marzo nelle sale rosse”

Momenti di poesia. Mentre passa veloce l’onda della vita, di Loredana Mariniello

Momenti di poesia. Mentre passa veloce l’onda della vita, di Loredana Mariniello

mentre.jpg

Mentre passa veloce l’onda della vita,

mi domando, avvilita :

“A che serve la luce

se di colpo scende il buio

in fondo alla strada ?

Le stagioni si riducono in brevi giorni,

dei ricordi accarezzo i contorni scarni,

mentre flebili pensieri

mi sovrastano la mente in tempi alterni

Rannicchiata in un cantuccio del mio letto,

son qui sola ad occhi chiusi che ti aspetto,

e non temo il tuo aspetto, dea nera,

per chi indietro lascio è la paura,

su quei volti leggo il pianto trattenuto,

che li amo, vorrei urlargli,

ma muto è il grido

e rimembro i piccoli passi

che ho accompagnato,

quelle tremule membra che ho cresciuto

e ringrazio il buon Dio

per avermi un tesoro sì grande donato !

Io li lascio non nel baratro vuoto,

ma nel volo in un cielo beato

che il futuro sia per loro pulito

quando presto tornerò alle accoglienti braccia del mio amato,

perchè puro fu quel frutto da noi concepito

Se dovessi andar via senza salutare,

che ricordi, per sempre, la mia prole

che l’amore di una mamma mai muore,

resta inciso sul nastro del cuore,

che rinasce ogni volta in momenti e parole

che rispuntano alla sera prima di dormire,

che una stella illuminata dalla luna

mostra agli occhi una nota direzione

verso cui ogni notte è bene guardare

per scoprire al di là della volta celeste,

la malia di un sorriso sereno

che imperterrito continua ad abbagliare

La poesia di Herberto Helder (23/11/1930-23/03/2015) nel ricordo e nelle traduzioni di Domenico Arturo Ingenito

CRITICA IMPURA

Herberto Helder Herberto Helder

Di DOMENICO ARTURO INGENITO

Herberto Helder è morto. Quello che per me era il più grande poeta vivente (quasi sconosciuto e tradotto pochissimo e male in Italia). Un pezzo di lingua portoghese, un suo atrio, una curva dell’aorta, muore oggi nel mio cuore. Lo traducevo ossessivamente a ventun’anni in un freddo salone della campagna portoghese, e poi nella sala enorme e vuota di una casa napoletana dal soffitto elevato e dalle piastrelle di nobiltà decaduta. La lingua che parlo, il mio transitare per immagini e l’articolazione della mia voce sono inseparabili dalla sua poesia. Dal passaggio della sua voce nei fiumi che da più di dieci anni la sua poesia ha aperto in me. E’ morto un maestro. Dedico in suo memoria tre sue poesie da me tradotte. Quando la lingua mia era incerta e sgraziata riusciva a seguire le pulsazioni del cuore:

I

No sorriso louco das…

View original post 1.406 altre parole

Barbara Pinchi: Poetryon – il Ricamo delle Parole

i cannibali della parola

23899412_133285577382776_212769018_n

Barbara Pinchi è una poetessa e performer che ha da sempre avuto la necessità di portare la poesia fuori dal foglio attraverso i linguaggi della performance, della fotografia, della videopoesia, della poesia performativa e del poetry slam. Poetryon – il Ricamo delle Parole  è il suo nuovo progetto che esordisce con Il FazzoLètto, un prodotto artistico (rigorosamente made with poetry in Italy). L’idea sviluppata consiste in un packaging (cartoncino riciclato al 100%) che ha la forma di un libro  nel cui interno c’è una pagina speciale costituita da un fazzoletto dove sono stati ricamati i suoi versi. Come suggerisce lo stesso brand “Poetryon”, con il gioco di parole poe-try-on (poesia addosso), il prodotto è un invito a indossare e toccare con mano la stessa poesia; infatti i versi poetici  attraverso l’attivazione dei sensi tattilo-visivi entrano in un intimo contatto quotidiano e ci contagiano con i temi…

View original post 884 altre parole

Presentazione

Maria Pia Dell'Omo

Sono nata a Napoli nel 1987.
Coltivo l’arte di “perder tempo” tra labirinti di parole.

Ho aperto questo sMaria Pia Dell'Omoito perché  sono disordinata e non riesco a far convivere:

Il Capestro  (ilcapestro.com), il mio intimatoio personale
La bottega delle storie (labottegadellestorie.com), il mio sito da editor
A caccia di libri (acacciadilibriclub.com), il mio sito da bookblogger

Questo sito, invece, è dedicato alla narrativa, alla poesia e al mio percorso artistico.
Buona navigazione!

View original post

Momenti di poesia. “Morir d’Amore”, di Ela Gentile

Momenti di poesia. “Morir d’Amore”, di Ela Gentile

Morir d'amore

“Morir d’Amore”

Stanotte mentre percorrevo
il sentiero delle stelle
ho incontrato la luna,
serena e bianca come il latte.

Mi ha chiesto: “sei sola?”…

Si son sola, mia luna, sognavo…

Sai, io ancora sogno,
ancora aspetto di partire,
di fare quel viaggio incantato
di cui spesso m’ hai parlato.

Ancora ricordo le storie
che ogni notte narravi
ai miei occhi incantati
e al mio cuore attento.

Si ancora sogno, mia luna,
e mi disseto
d’acqua sorgiva dolceamara
e mi nutro di radici d’amore,
anch’esse un po’ amare
e un po’ dolci.

Tu ben sai che l’Amore
non è mai sempre dolce,
non è mai sempre amaro
ed anche il dolore
che parte dall’amore,
è dolce peso e sarebbe anche dolce
… “Morir d’Amore”.
eg

Momenti di poesia. Il vaso di Pandora, di Andrea Patrone

Momenti di poesia. Il vaso di Pandora, di Andrea Patrone

Il vaso di Pandora. ( Faber dalla nuvola )

Ci sono all’angolo dell’antica
piazza due gambe di ragazza,
lunghe e bianche come le onde,
han corti passi, dolci e lenti in
attesa di clienti.
Ricordo il giorno che la vidi, mi
ha sorriso, mentre il grigio di
una Genova piangente cadeva
sui pensieri della gente.
Color del lago aveva gli occhi,
un naso di bambina, rosse labbra
che dicevano il valore dell’amore,
io invece le donai il cuore.
E come il vaso che Pandora
scoperchiò, non per caso liberò
guerre, dolore e cattiverie, nuovi
mali volarono sopra al mondo
lasciando la Speranza tutta sola
nel suo fondo, poi con il sole lei
è uscita, era sola e volava sulla
piazza sempre viva,….come la
ragazza con gli occhi color del
lago che quel giorno….strinse ….
…..la mia mano.

Andrea

Cresce l’ attenzione verso la filiera del grano, di Lia Tommi

Cresce l’attenzione verso la filiera del grano
Agricoltori Cia in visita ai Molini Bongiovanni e alla Cooperativa Vigonese

Quarantadue agricoltori associati Cia si sono recati in visita negli stabilimenti dei Molini Bongiovanni a Cambiano (TO) e alla Cooperativa Vigonese (Vigone, TO), nella giornata di mercoledì 27 febbraio su iniziativa della Cia di Alessandria che ha proposto una giornata di formazione e approfondimento sulla filiera del grano.
Commenta il direttore Carlo Ricagni: “L’attenzione al settore dei cereali e alla produzione del territorio cresce tra i consumatori che chiedono qualità e precisione. Gli agricoltori assecondano le richieste del mercato e perfezionano i processi produttivi. La Cia ha offerto l’opportunità di parlare di filiera, possibile soluzione ad un comparto in sofferenza economica, e conoscere due realtà tra le più importanti del Piemonte, per volumi produttivi e soci aderenti”.
Ai Molini Bongiovanni, gli agricoltori hanno fatto visita allo stabilimento di produzione delle farine guidati dal titolare Claudio Bongiovanni – presidente della Borsa Granaria di Torino e neo presidente di quella Europea – e il suo staff, osservato i 30 passaggi per estrarre la farina dalla crusca, conosciuto le differenze tra le varietà e appreso lo sviluppo del progetto Galbusera con il 100% del grano italiano, ragionato sui processi di definizione dei prezzi dettati da equilibri mondiali (la Borsa di Chicago comanda, quella di Parigi condiziona fortemente l’andamento).
Alla Cooperativa Vigonese, che associa nel gruppo Capac 2400 imprenditori, gli approfondimenti di Michele Bechis e del vicepresidente Michele Bertello sono stati mirati alle tecniche di produzione, raccolta, stoccaggio e commercializzazione del prodotto.
La Cia di Alessandria organizza altre visite aziendali conoscitive per i principali comparti produttivi del territorio. Info negli uffici Cia e sul sito http://www.ciaal.it.

Natura in tilt per la “finta primavera”, di Lia Tommi

Mandorli, albicocchi e peschi in fiore già pronti a sbocciare ma tutte le coltivazioni sono in grande anticipo per un mese di febbraio insolitamente caldo e siccitoso che ha mandato la natura in tilt, con lo spuntare addirittura di fiori spontanei come le viole nei prati.

“Questa “finta primavera” ha ingannato le coltivazioni favorendo un “risveglio” che le rende particolarmente vulnerabili all’annunciato ritorno del freddo con danni incalcolabili per la produzione. Gli effetti peraltro – sottolinea il Presidente Coldiretti Alessandria Mauro Bianco – si fanno già sentire sugli ortaggi dove è saltata ogni programmazione dei raccolti con broccoli, cavoli, sedano, prezzemolo, finocchi, cicorie, bietole che maturano contemporaneamente per le temperature primaverili”.

Temperature massime di 2,8 gradi superiori alla media compromettono le coltivazioni che si stanno predisponendo alla ripresa vegetativa con l’inizio del rigonfiamento delle gemme nelle piante da frutto.

“I cambiamenti climatici che si manifestano con il moltiplicarsi di eventi estremi, svolte improvvise e sfasamenti stagionali impattano pesantemente sull’agricoltura e sull’ambiente. – ha aggiunto il Direttore Coldiretti Alessandria Roberto Rampazzo –L’anomalia climatica favorisce anche il divampare degli incendi fuori stagione favoriti dal forte vento e dall’ambiente secco, facendo registrare un aumento del 1200% dei roghi nei primi due mesi del 2019 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente”.

Luca Servato MDP, all’ATC e al Comune: È tempo di arrivare alla soluzione del problema

Luca Servato MDP, all’ATC e al Comune: È tempo di arrivare alla soluzione del problema

Casale Monferrato: Da mesi le palazzine ATC di via Verdi al civico 49/B e al 3/A hanno l’ascensore guasto. 

Luca Servato

Al civico 21 vi sono rifiuti accumulati che vanno rimossi. 

È tempo di arrivare alla soluzione.

Servato: “Ricevo quotidianamente chiamate e messaggi da parte di chi sta vivendo questo disagio tremendo. Sto combattendo questa battaglia con loro.”

È importante un intervento risolutivo delle problematiche riscontrate poiché negli edifici sopracitati vi sono persone anziane ed altre ammalate con difficoltà motorie che, senza la possibilità di utilizzare gli elevatori, hanno ingenti difficoltà ad uscire dagli stabili e ne rimangono quasi “prigionieri”.

Il Comune metta in atto tutto quanto necessario per risolvere il problema.

Luca Servato

MDP Casale Monferrato

I parchi urbani potrebbero renderti più felice

ORME SVELATE

I ricercatori dell’Università dell’Alabama del Dipartimento di Terapia Occupazionale di Birmingham hanno pubblicato nuove scoperte che suggeriscono che trascorrere 20 minuti in un parco urbano renderà qualcuno più felice a prescindere dal fatto che si stiano esercitando o meno durante la visita. Secondo lo studio, pubblicato su International Journal of Environmental Health Research, i parchi urbani sono stati riconosciuti come luoghi chiave di vicinato che offrono ai residenti l’opportunità di sperimentare la natura e impegnarsi in varie attività. Attraverso il contatto con l’ambiente naturale e l’impegno nelle attività di promozione della salute e/o sociali e ricreative nei parchi, gli utenti sperimentano benefici per la salute fisica e mentale come la riduzione dello stress e il recupero dall’affaticamento mentale. L’intento originario del progetto era quello di convalidare i precedenti risultati della ricerca sull’impatto della visita del parco sul benessere emotivo, e valutare il contributo di scegliere di partecipare all’attività fisica nel…

View original post 328 altre parole

Sozzetti: Alessandria, Novi Ligure e l’acqua bene comune. O forse non troppo comune?

Sozzetti: Alessandria, Novi Ligure e l’acqua bene comune. O forse non troppo comune?

di Enrico Sozzetti  https://160caratteri.wordpress.com

Acqua, bene comune. Ma anche fonte, è il caso di dirlo, di business (il mercato nazionale dell’acqua minerale in bottiglia vale circa dieci miliardi di euro all’anno) e terreno di interesse e scontro della politica. Le future riorganizzazioni del servizio idrico a livello provinciale potranno apparire tecnicamente poco chiare agli occhi dei cittadini, però sono sicuramente destinate a determinare ricadute su amministrazioni locali e tasche degli utenti, rispetto agli effetti sulle tariffe.

unnamed

Ma cosa sta per accadere? Nei giorni scorsi un articolato comunicato diffuso dal gruppo Amag di Alessandria ha riassunto lo stato dell’arte e tratteggiato gli scenari futuri.

«Entro il 2021 – ha spiegato a un certo punto Mauro Bressan, amministratore delegato di Amag – diventerà operativa la società consortile costituita da Amag reti idriche (una sessantina di Comuni gestiti per circa 150.000 abitanti) e Gestione acqua (sede legale a Cassano Spinola e direzione generale a Novi Ligure, gestisce il servizio idrico integrato in 67 Comuni all’interno dell’Autorità d’Ambito 6).

Significherà arrivare, all’interno dell’ente di governo d’Ambito territoriale ottimale Egato 6 (presieduto dal presidente della Provincia di Alessandria, Lorenzo Baldi), a un unico gestore che avrà il compito di erogare il servizio, gestire la tariffa e coordinare tutti gli investimenti.

Stiamo parlando di circa 210 milioni di euro da qui al 2034, per arrivare ad un unico ‘sistema di rete’, moderno ed efficiente, capace di ‘modulare’ sia la distribuzione che il ‘recupero’ dell’acqua, e anche di interagire con l’esterno, regolando gli interscambi con altri soggetti operativi in Piemonte». Continua a leggere “Sozzetti: Alessandria, Novi Ligure e l’acqua bene comune. O forse non troppo comune?”

Compagnia Carabinieri di Alessandria: Interventi sul territorio

Compagnia Carabinieri di Alessandria: Interventi sul territorio

Erano da poco passate le 10.00 quando un 51enne senza fissa dimora sul territorio nazionale è stato notato aggirarsi furtivamente lungo questa via Teresa Michel.

NORM Alessandria (2) (1)Droga (1) (1)

Il suo comportamento non è passato inosservato allo sguardo attento di un Carabiniere libero dal servizio che lo ha seguito allertando immediatamente i colleghi di pattuglia.

Pochi istanti e l’autoradio del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Alessandria lo ha intercettato. Sottoposto a perquisizione, l’uomo è stato trovato in possesso di svariata refurtiva, tra cui un navigatore satellitare e capi di abbigliamento, risultati asportati poco prima dall’interno di alcune autovetture parcheggiate nei dintorni.

Tratto in arresto, il 51enne dovrà rispondere del reato di furto pluriaggravato.

Alessandria.

A conclusione di indagini, il personale del Nucleo Operativo e Radiomobile ha deferito in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria un 44enne di Alessandria.

Gli accertamenti svolti dai Carabinieri hanno consentito attribuire all’uomo la paternità di due furti che qualche giorno fa erano stati portati a segno in centro città.

Il primo furto aveva permesso al malfattore di sottrarre da un garage privato costosa attrezzatura sportiva e una bicicletta a bordo della quale si era poi dileguato. Nel secondo colpo invece era riuscito a impossessarsi di un portafoglio lasciato incustodito all’interno di un esercizio commerciale sempre di Alessandria. Parte della refurtiva, trovata all’interno dell’abitazione del 44enne è poi stata restituita al legittimo proprietario. Continua a leggere “Compagnia Carabinieri di Alessandria: Interventi sul territorio”

Momenti di poesia. VORREI, di Donatella Barbieri

Momenti di poesia. VORREI, di Donatella Barbieri

vorrei.jpg

VORREI

Vorrei sognare,
ballare,
giocare,
ridere ed
arrivare a
sera stanca
fino a crollare.
Invece sono
bloccata e
continuo a
sognare a
quando
spiccavo
il volo verso
il cielo e
toccavo
il paradiso!
Ora sono qui
a sognare
qualcosa
per sentirmi
viva.
Ma quando
vedo il tuo viso
mi nasce un
sorriso nel
cuore.
Sono felice di
esistere
grazie a te che
mi togli dal
cuore il pianto.

@ Barbieri Donatella
26.2.2019

La felicità non sta mai ferma, di Chiara Garbarino

La felicità non sta mai ferma, di Chiara Garbarino

Storia di Leo, il mio bambino ribelle

Leonardo, che ancora nella pancia scalcia così forte da staccare la cartilagine di una costola alla mamma, Chiara («In trent’anni di lavoro non ho mai visto una cosa del genere», dice il radiologo).

La felicità.jpg

Leo, che da neonato piange senza sosta e dorme pochissimo; che appena impara a usare le mani vuole smontare le prese elettriche e appena impara a camminare corre e sbatte dappertutto.

Leo, che al parco giochi spinge e picchia gli altri bambini, e non si capisce perché.

Come mai non si calma, come tutti (nonni, pediatri, maestre d’asilo) assicurano che farà, col tempo? Perché Chiara non riesce in nessun modo a farlo comportare da “bravo bambino”? Forse hanno ragione in paese, dove in tanti reputano Leo un teppistello maleducato e lei una cattiva madre?

Leo non sembra un bambino ma due: uno è ribelle, agitato, non sta fermo un attimo e non ubbidisce, ha reazioni imprevedibili e a volte violente; l’altro è dolce, intelligente, capace di dare attenzioni e ricevere affetto.

Con l’aiuto di una psicologa infantile, Chiara scopre che Leo soffre del disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD), una sindrome di cui si sa ancora molto poco, nelle famiglie e nelle scuole, nonostante le diagnosi si stiano in questi anni moltiplicando. Continua a leggere “La felicità non sta mai ferma, di Chiara Garbarino”

Momenti di poesia. ALL’AMICO MAURO, di Patrizia Valerio

Momenti di poesia. ALL’AMICO MAURO, di Patrizia Valerio

A Mauro per ciò che ci ha donato con il suo splendido libro.

ALL’AMICO MAURO
Veniva da lontano
gli porsi la mia mano
e subito un sorriso
illuminò il suo viso.
Sorriso delicato
di bimbo mai cresciuto,
sotto la scorza dura
freschezza cristallina.
Tutti ci ha deliziati
con versi ricercati,
che narrano d’amore
e sgorgano dal cuore.
Ci siamo radunati,
gli amici più legati
per donargli affetto,
dinanzi al suo cospetto,
nella terra di Ovidio
qual splendido scenario,
di poesia ha inondato,
quest ‘etere stellato.

Patrizia Valerio

Momenti di poesia. La vita è una canzone… di Maria Antonietta Bafile

Momenti di poesia. La vita è una canzone… di Maria Antonietta Bafile

53111173_384851152244490_8973151644531294208_n

La vita è una canzone…

La vita è una danza di note…

La vita è…avere il coraggio di cantare la tua canzone…

Anche quando la voce è spenta…

La vita è…

Danzare nelle note

Anche quando le tue gambe

Sono morte…

La vita è…

Il tuo acuto

Nel buio della notte …

IL POETA DI MARIA, di Maria Antonietta Bafile

IL POETA DI MARIA, di Maria Antonietta Bafile

IL POETA DI MARIA ANTONIETTA BAFILE
A Te Mauro
con affetto
Maria Antonietta
IL POETA

il poeta

Grande Deus, come ogni sera, prima di coricarsi passa in rassegna sul suo PC i principali avvenimenti della giornata appena trascorsa, in compagnia di Petrus, suo fedele collaboratore di sempre.
Apre la sezione “foto”… In un bar della città di Sulmona un gruppo di amici chiacchiera allegramente attorno ad un tavolino imbandito di “spizzichini” e aperitivi…
— Grande Deus, non tutto è perduto: c’è ancora qualche anima buona e idealista che crede ancora nell’Amicizia e nella Solidarietà… —
— Vero Petrus, che bella fiaba è questa…fiaba di vita vissuta, non credibile certamente per quelle persone che, prese dalla smania di adorare e inseguire il Dio Denaro e la propria megalomania, hanno perso per strada la parte più bella della loro anima: la bellezza degli ideali di Amicizia, Fratellanza, Solidarietà… —
— Grande Deus, l’Amore per il Prossimo fa miracoli…buca persino il freddo schermo di un computer… entra e porta con sé l’Amico lontano… —
— Bel lavoro ha svolto il nostro Cupido: nel suo arco non scocca solo le frecce dell’Amore Sentimentale…ma anche quelle dell’Amore Fraterno…—
Grande Deus suona il campanello…nell’aria limpida del Paradiso si diffonde la musica di” Inno alla Gioia”…
—Grande Deus, mi hai chiamato?— entra trafelato il piccolo Cupido.
Continua a leggere “IL POETA DI MARIA, di Maria Antonietta Bafile”

Momenti di poesia. TAPPETO ROSSO, di Maria Antonietta Bafile

Momenti di poesia. TAPPETO ROSSO, di Maria Antonietta Bafile

52458992_249406702601495_6197995926796107776_n

Svolazzare di valzer…

Musica sognante

Dai rossi mattoni dell’allegria

Tappeto volante

Nel cielo azzurro

Di sogni e ricordi…

Fiamme danzanti

Del caminetto acceso…

Noi due…e il nostro amore.

Nel nostro piccolo mondo,

Lontani dalle luci effimere

Della grande e fredda città.

Agatina e Maria Antonietta

Momenti di poesia. UN SOFFIO DI VENTO, di Roberto Busembai

Momenti di poesia. UN SOFFIO DI VENTO, di Roberto Busembai

Un soffio di.jpg

UN SOFFIO DI VENTO

Un soffio di vento
è entrato,
porta il tuo profumo
sul davanzale esposto,
mi accingo a coglierlo
come un fiore perso,
del suo tepore
avvolgo il volto
e nel mio cuore
lo custodisco per ore.
Al vento dico
grazie,
al quel torpore
dico amore,
al fiore colto
ho donato il cuore.
E chiudo la finestra.

Roberto Busembai (errebi)

Immagine: Lê Phổ – Girl with a rose

Momenti di poesia. TENTAZIONE (poesia in gara) di Maria Antonietta Bafile

Momenti di poesia. TENTAZIONE (poesia in gara) di Maria Antonietta Bafile

51658833_623951508044515_7543130231649861632_n

Buia

la notte…

Inaspettato il desiderio

della sua calda voce

ti assale.

Indifferente

il cellulare

luminoso, sul comodino,

la tua mano ai tasti

si avvicina…

Buia

la notte…

la tua mano

lentamente, dagli invitanti tasti,

si ritrae…

Dolce

il respiro

a te accanto…

umilmente, dolcemente una mano

ti accarezza…

Passeggero

il desiderio,

l’inaspettato desiderio

dell’antico primo amore

svanisce…

maria antonietta bafile

“Ligne des eaux” traduit en italien par Marcello Comitini.

Lire dit-elle

(Un grand Merci Marcello )

1e07ff3f6f18e8bc6097ecc66fd0151e

 

La linea delle acque
Osserviamo con dolcezza l’ascensione della luce 
A bocca aperta in un grido che rimane silenzioso
Come al primo giorno
In un angolo strappato di cielo
Uno stormo di uccelli guarda verso il mare
L’alone arancione che il pensiero lascia
Qualcosa che racchiude e va oltre l’esistenza
Gli occhi folli d’amore si lasciano cullare 
Sulla linea delle acque
Assolutamente

 

Barbara Auzou.

View original post

‘Mood food’ il cibo ci aiuta a superare lo stress

Creando Idee

Un’alimentazione impropria e poco equilibrata può portare anche a stress e depressione, e se non si seguono i giusti consigli degli esperti ci si può ritrovare anche a non saper gestire quelle situazioni più complicate che si possono presentare anche quotidianamente in molti contesti. Per affrontare tali situazioni, arrivano i mood food, ovvero quei cibi che portano buonumore e che combattono lo stress, anche quello da rientro. Con la supervisione della Sisa, sono stati  diffusi una serie di consigli sul mood food, che consente di scoprire che le virtù terapeutiche di alcuni principi nutritivi contenuti in alcuni alimenti aiutano a combattere lo stress e che influiscono sullo stato d’animo, influenzando positivamente l’umore.Prima di tutto bisogna non trascurare nella propria alimentazione quegli alimenti ricchi di vitamina B12, considerata la vitamina dell’energia, e di acido folico. Questi  si trovano soprattutto nel pollo, nel salmone, nei broccoli, nel manzo e nei fagioli, senza…

View original post 196 altre parole

Great Blue Hole, la voragine blu nel mezzo del mare

Creando Idee

È una delle strutture sommerse più fotografate al mondo: il Great Blue Hole, un sinkhole sottomarino situato nel cuore del Lighthouse Reef, un piccolo atollo a una settantina di km dalla costa del Belize, conquistò la sua fama grazie all’esploratore francese Jacques Cousteau, che nel 1971 lo dichiarò uno dei cinque siti per immersioni più affascinanti al mondo, prima di calarvisi di persona. Il poco che sappiamo. Questa dolina carsica di forma circolare, larga 318 metri e profonda 124, è il secondo blue hole più grande al mondo dopo il Dragon Hole, nel Mare Cinese meridionale. Si pensa che la grotta calcarea da cui ha avuto origine si sia formata durante l’ultima Era glaciale, quando i livelli del mare erano inferiori a quelli odierni, e che sia poi stata sommersa dall’acqua, fino a che le sue pareti superiori sono collassate, dando origine al “buco” .Chi vi si è immerso racconta…

View original post 133 altre parole